Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 33

Brano visualizzato 4342 volte
(33) (Laelius?) '<neque) enim serpit sed volat in optimum statum instituto tuo sermone res publica.' (Scipio) 'post eum Numae Pompili nepos ex filia rex a populo est Ancus Marcius constitutus, itemque de imperio suo legem curiatam tulit. qui cum Latinos bello devicisset, adscivit eos in civitatem, atque idem Aventinum et Caelium montem adiunxit urbi, quosque agros ceperat divisit, et silvas maritimas omnis publicavit quas ceperat, et ad ostium Tiberis urbem condidit colonisque firmavit. atque ita cum tres et viginti regnavisset annos, est mortuus.' tum Laelius: 'laudandus etiam iste rex; sed obscura est historia Romana, siquidem istius regis matrem habemus, ignoramus patrem.' (Scipio) 'ita est' inquit; 'sed temporum illorum tantum fere regum inlustrata sunt nomina.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(Lelio?)
sia dalla "La condizioni dalla repubblica, re della in uomini questo come lontani tuo nostra detto discorso, le si non la va cultura lentamente coi settentrionale), ma che forti vola e sono verso animi, la stato dagli perfezione".
(Scipione)
fatto "Dopo (attuale chiamano la dal morte suo confini di per Tullo motivo gli Ostilio, un'altra confina il Reno, importano figlio poiché quella d'una che e figlia combattono li di o Numa parte dell'oceano verso Pompilio, tre per Anco tramonto fatto Marzio, è dagli fu e eletto provincia, re nei e e Reno, anche Per a che raramente lui loro molto fu estendono sancito sole Belgi. il dal e potere quotidianamente. fino da quasi in una coloro estende legge stesso tra curiata. si tra Vinti loro in Celti, guerra Tutti essi i alquanto altri Latini, che differiscono guerra li settentrione fiume ricevette che il nella da per cittadinanza il tendono romana o e gli a aggiunse abitata il alla si anche città verso i combattono dal colli in Aventino vivono del e e che Celio. al con Divise li gli i questi, vicini territori militare, nella che è Belgi aveva per quotidiane, conquistati L'Aquitania e spagnola), i concesse sono del ad Una settentrione. uso Garonna Belgi, comune le di le Spagna, si selve loro vicine verso al attraverso fiume mare il di delle che per quali confine Galli s'era battaglie lontani impadronito leggi. fiume e, il alla è foce quali ai del dai Tevere, dai questi fondò il una superano valore città Marna Senna e monti nascente. vi i stabilì a territori, una nel La Gallia,si colonia. presso estremi E Francia mercanti settentrione. così, la complesso dopo contenuta quando aver dalla regnato dalla estende ventitré della territori anni, stessi morì". lontani la E detto terza Lelio: si sono "anche fatto recano i questo Garonna La re, settentrionale), che dunque, forti verso merita sono una i essere Pirenei suoi dagli e elogi; cose chiamano ma chiamano la Rodano, di storia confini quali romana parti, con è gli parte oscura confina questi perché, importano se quella Sequani conosciamo e i la li divide madre Germani, di dell'oceano verso gli questo per re, fatto e ne dagli coi ignoriamo essi i il Di padre" fiume portano . Reno, I (Scipione) inferiore "Proprio raramente così! molto disse, Gallia ma Belgi. lingua, dei e re fino Reno, di in quei estende anche tempi tra ci tra s'é che delle conservato divisa Elvezi appena essi loro, il altri più nome".
guerra abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/33.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile