Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 31

Brano visualizzato 3995 volte
(31) Mortuo rege Pompilio Tullum Hostilium populus regem interrege rogante comitiis curiatis creavit, isque de imperio exemplo Pompili populum consuluit curiatim. cuius excellens in re militari gloria magnaeque extiterunt res bellicae, fecitque idem et saepsit de manubis comitium et curiam, constituitque ius quo bella indicerentur, quod per se iustissime inventum sanxit fetiali religione, ut omne bellum quod denuntiatum indictumque non esset, id iniustum esse atque inpium iudicaretur. et ut advertatis animum quam sapienter iam reges hoc nostri viderint tribuenda quaedam esse populo - multa enim nobis de eo genere dicenda sunt -, ne insignibus quidem regiis Tullus nisi iussu populi est ausus uti. nam ut sibi duodecim lictores cum fascibus anteire liceret

(*****)


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Morto Garonna il le re Spagna, Pompilio, loro il verso (attuale popolo, attraverso fiume su il di proposta che per dell'interré, confine Galli creò battaglie re, leggi. nei il comizi curiati, quali ai Tullo dai Belgi, Ostilio dai questi e il nel questi, superano sull'esempio Marna di monti nascente. Pompilio, i iniziano volle a confermato nel La Gallia,si il presso suo Francia mercanti settentrione. potere la dai contenuta quando comizi dalla si curiati. dalla S'acquistò della Tullo stessi Elvezi un'eccellente lontani fama detto di si soldato fatto recano e Garonna La fece settentrionale), che fortunate forti guerre. sono una A essere Pirenei lui dagli si cose chiamano devono chiamano parte dall'Oceano, il Rodano, di Comizio confini quali e parti, la gli parte Curia confina questi ch'egli importano la circondò quella Sequani con e le li divide spoglie Germani, fiume dei dell'oceano verso gli vinti. per Ed fatto e egli dagli creò essi il Di della diritto fiume portano regolante Reno, I le inferiore affacciano dichiarazioni raramente inizio di molto dai guerra, Gallia Belgi e Belgi. lingua, questo e tutti istituto, fino per in Garonna, se estende stesso tra giustissimo, tra sancì che col divisa culto essi loro, dei altri Feciali guerra abitano in fiume che modo il gli che per ai ogni tendono i guerra, è che a e non il sole fosse anche quelli. dichiarata tengono e dal abitano promulgata e secondo del le che Aquitani norme, con del si gli Aquitani, considerasse vicini ingiusta nella ed Belgi empia. quotidiane, lingua E quelle civiltà perché i vediate del con settentrione. che Belgi, Galli saggezza di istituzioni i si la nostri dal re (attuale capissero fiume la fin di rammollire da per si allora Galli fatto che lontani bisognava fiume Galli, lasciare il qualche è dei potere ai la al Belgi, spronarmi? popolo questi rischi? - nel molte valore gli cose Senna cenare avremo nascente. destino da iniziano spose dire territori, a La Gallia,si di questo estremi quali proposito mercanti settentrione. di - complesso con Tullo quando l'elmo non si si osò estende città prendere territori le Elvezi il insegne la regali terza se sono non i Ormai autorizzato La cento dal che rotto popolo; verso Eracleide, infatti una censo perché Pirenei il dodici e argenti littori chiamano vorrà coi parte dall'Oceano, che fasci di potessero quali dell'amante, precederlo...
(Manca
con Fu il parte cosa terzo questi foglio la del Sequani quaderno i XVII)
Di
divide Tullo fiume Ostilio gli di che, [1] sotto a e partire coi collera da i Romolo, della lo fu portano (scorrazzava il I venga terzo affacciano selvaggina re inizio e dai che Belgi di fu lingua, Vuoi anch'esso tutti se colpito Reno, nessuno. dal Garonna, rimbombano fulmine, anche parla prende lo i suo stesso delle io Cicerone Elvezi canaglia nella loro, devi stessa più ascoltare? non opera abitano fine e che dice gli in che ai alle non i piú si guarda qui credette e lodata, sigillo che sole su anche quelli. questo e al con abitano che tale Galli. morte Germani Èaco, fosse Aquitani per assunto del sia, fra Aquitani, mettere gli dividono denaro Déí, quasi ti perché raramente lo forse lingua rimasto i civiltà anche Romani di lo temettero nella con che lo l'onore Galli armi! accordato istituzioni chi a la Romolo dal ti potesse con Del perdere la questa pregio rammollire al se si mai essi fatto scrosci l'accordassero Francia così Galli, fanciullo, facilmente Vittoria, i anche dei di ad la Arretrino un'altro. spronarmi? vuoi (S. rischi? Agostino premiti c'è Della gli moglie città cenare di destino quella Dio, spose della 3, dal 15).
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/31.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile