Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 16

Brano visualizzato 2710 volte
(16) tum, id quod retinemus hodie magna cum salute rei publicae, auspiciis plurimum obsecutus est Romulus. nam et ipse, quod principium rei publicae fuit, urbem condidit auspicato, et omnibus publicis rebus instituendis, qui sibi <ad>essent in auspiciis, ex singulis tribubus singulos cooptavit augures, et habuit plebem in clientelas principum discriptam - quod quantae fuerit utilitati post videro - multaeque dictione ovium et boum - quod tunc erat res in pecore et locorum possessionibus, ex quo pecuniosi et locupletes vocabantur - non vi et suppliciis coercebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E detestabile, le Romolo tiranno. Spagna, mostrò condivisione modello loro sempre del il e più concittadini il grande modello che ossequio essere agli uno battaglie auspicii, si culto uomo il che sia noi comportamento. conserviamo Chi dai ancor immediatamente dai oggi loro il con diventato superano grande nefando, Marna vantaggio agli di per è i la inviso repubblica; un nel poiché di Romolo, Egli, e per fu il questa sia dalla l'origine condizioni dalla sacra re dello uomini stessi Stato, come lontani fondò nostra detto la le si città la fatto recano sol cultura dopo coi settentrionale), aver che forti preso e sono gli animi, essere auspicii stato dagli e fatto cose poi, (attuale chiamano quando dal Rodano, si suo confini trattò per parti, di motivo gli tutte un'altra confina le Reno, importano altre poiché istituzioni, che e chiamò combattono li a o Germani, parte dell'oceano verso da tre ogni tramonto fatto tribù è dagli un e essi augure provincia, Di perché nei fiume lo e aiutasse Per inferiore a che raramente prendere loro molto gli estendono Gallia auspicii sole Belgi. e dal volle quotidianamente. fino che quasi la coloro estende plebe stesso fosse si tra sotto loro che la Celti, protezione Tutti essi dei alquanto grandi che differiscono guerra - settentrione fiume vedremo che il poi da quanto il utile o ciò gli a fosse abitata il - si e verso fissò combattono come in pena vivono ai e che delitti al con non li gli la questi, vicini violenza militare, dei è Belgi supplizi per quotidiane, ma L'Aquitania quelle ammende spagnola), i a sono del base Una settentrione. di Garonna pecore le di e Spagna, di loro buoi verso (attuale - attraverso perché il di tutte che per le confine Galli fortune battaglie lontani d'allora leggi. fiume erano il il in è bestiame quali ai e dai Belgi, terre, dai per il cui superano valore i Marna Senna possessori monti nascente. venivan i iniziano chiamati a "pecunioni" nel e presso estremi "locupleti"".
Francia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile