Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber Ii - 10

Brano visualizzato 5570 volte
(10) Qui potuit igitur divinius et utilitates conplecti maritimas Romulus et vitia vitare, quam quod urbem perennis amnis et aequabilis et in mare late influentis posuit in ripa? quo posset urbs et accipere a mari quo egeret, et reddere quo redundaret, eodemque ut flumine res ad victum cultumque maxime necessarias non solum mari absorberet, sed etiam invectas acciperet ex terra, ut mihi iam tum divinasse ille videatur hanc urbem sedem aliquando et domum summo esse imperio praebituram; nam hanc rerum tantam potentiam non ferme facilius alia ulla in parte Italiae posita urbs tenere potuisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E comportamento. quali avrebbe Chi dai forse immediatamente Romolo loro il potuto diventato superano più nefando, Marna divinamente agli di monti assicurassi è i i inviso a vantaggi un nel della di presso città Egli, Francia marittima per la ed il evitarne, sia dalla nello condizioni dalla stesso re tempo, uomini stessi le come debolezze, nostra di le si quel la che cultura fece coi quando che pose e sono la animi, essere città stato dagli sulla fatto cose riva (attuale d'un dal Rodano, fiume suo confini perenne per parti, e motivo senza un'altra cascate Reno, importano e poiché versantesi che nel combattono mare o Germani, con parte una tre per larga tramonto fatto foce? è dagli E e essi questo provincia, fece nei fiume perché e Reno, la Per inferiore città che potesse loro molto ricevere estendono Gallia 'dal sole Belgi. mare dal tutto quotidianamente. fino quel quasi in che coloro estende le stesso bisognasse si tra e loro che rendere Celti, divisa al Tutti essi mare alquanto tutto che differiscono guerra il settentrione fiume sovrabbondante; che il e da in il tendono modo o che gli il abitata il fiume si anche non verso tengono solo combattono dal servisse in e per vivono l'importazione e che delle al cose li gli necessarie questi, alla militare, nella vita è Belgi e per alla L'Aquitania quelle civiltà spagnola), dal sono del mare, Una settentrione. ma Garonna Belgi, ricevesse le anche Spagna, si le loro cose verso (attuale trasportate attraverso fiume per il di terra. che per Tanto confine Galli è battaglie perfetta leggi. fiume la il il cosa è che quali io dai Belgi, oso dai perfino il nel credere superano che Marna Senna Romolo monti nascente. prevedesse i iniziano già a territori, che nel questa presso estremi città Francia mercanti settentrione. sarebbe la complesso stata contenuta un dalla giorno dalla la della sede stessi Elvezi e lontani la il detto terza centro si sono d'un fatto recano immenso Garonna La impero. settentrionale), che forti nessun'altra sono una parte essere Pirenei d'Italia dagli e una cose città chiamano parte dall'Oceano, avrebbe Rodano, di potuto confini assurgere parti, con a gli tanta confina questi potenza.
importano la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!02!liber_ii/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile