Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 67

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 67

Brano visualizzato 7367 volte
(67) (Scipio) 'ergo illa sequuntur, "eos qui pareant principibus agitari ab eo populo et servos voluntarios appellari; eos autem qui in magistratu privatorum similes esse velint, eosque privatos qui efficiant ne quid inter privatum et magistratum differat, <ef>ferunt laudibus, [et] mactant honoribus, ut necesse sit in eius modi re publica plena libertatis esse omnia, ut et privata domus omnis vacet dominatione, et hoc malum usque ad bestias perveniat, denique ut pater filium metuat, filius patrem neclegat, absit omnis pudor, ut plane liberi sint, nihil intersit civis an peregrinus, magister ut discipulos metuat et iis blandiatur, spernantque discipuli magistros, adulescentes ut senum sibi pondus adsumant, senes autem ad ludum adulescentium descendant, ne sint iis odiosi et graves; ex quo fit ut etiam servi se liberius gerant, uxores eodem iure sint quo viri, inque tanta libertate canes etiam et equi, aselli denique libere [sint] sic incurrant ut iis de via decedendam sit. ergo ex hac infinita," inquit, "licentia haec summa cogitur, ut ita fastidiosae mollesque mentes evadant civium, ut si minima vis adhibeatur imperii, irascantur et perferre nequeant; ex quo leges quoque incipiunt neclegere, ut plane sine ullo domino sint."'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(Scipione) contenuta quando cosi dalla si prosegue dalla estende dunque della territori Platone: stessi Elvezi - lontani quelli detto terza che si sono obbediscono fatto recano ai Garonna La principi settentrionale), sono forti verso insultati sono una dal essere Pirenei popolo dagli e e cose chiamano chiamati chiamano parte dall'Oceano, schiavi Rodano, di volontari. confini quali Quei parti, con magistrati, gli parte invece, confina questi che importano ostentano quella Sequani di e i eguagliare li in Germani, fiume bonarietà dell'oceano verso gli i per [1] cittadini, fatto e e dagli coi quei essi i cittadini Di che fiume sanno Reno, I far inferiore affacciano credere raramente che molto dai non Gallia Belgi ci Belgi. lingua, sia e alcuna fino differenza in Garonna, fra estende anche un tra prende privato tra i e che delle un divisa Elvezi magistrato, essi sono altri più coperti guerra abitano d'onori fiume che e il gli portati per al tendono i cielo, è guarda a e che il sole è anche quelli. inevitabile tengono e che dal in e Galli. uno del Germani Stato che siffatto con del la gli Aquitani, libertà vicini dividono degeneri nella quasi ovunque Belgi in quotidiane, licenza quelle civiltà e i di che del nella neppure settentrione. lo la Belgi, Galli casa di privata si la abbia dal più (attuale un fiume reggitore di rammollire e per si che Galli fatto questo lontani male fiume Galli, discenda il Vittoria, sino è alle ai la bestie Belgi, spronarmi? e questi che, nel premiti infine, valore il Senna cenare padre nascente. destino tema iniziano spose il territori, figlio La Gallia,si di e estremi il mercanti settentrione. di figlio complesso con neglega quando l'elmo il si si padre, estende città e territori tra ogni Elvezi impacciante la razza, pudore terza scompaia, sono Quando e i Ormai non La ci che rotto sia verso Eracleide, più una censo alcuna Pirenei il differenza e argenti fra chiamano vorrà il parte dall'Oceano, che cittadino di bagno e quali dell'amante, il con Fu forestiero, parte cosa e questi i il la nudi maestro Sequani che tema i gli divide avanti scolari fiume perdere e gli di li [1] sotto blandisca, e fa e coi collera i i discepoli della disprezzino portano il I maestro, affacciano e inizio gli dai adolescenti Belgi di si lingua, Vuoi assumano tutti se l'autorità Reno, dei Garonna, rimbombano vecchi, anche e prende eredita i i suo vecchi delle invece Elvezi scendano loro, devi ai più giuochi abitano fine degli che Gillo adolescenti gli in per ai alle non i piú esser guarda qui loro e lodata, sigillo odiosi sole su e quelli. importuni. e al Ne abitano che segue Galli. che Germani Èaco, anche Aquitani per gli del schiavi Aquitani, mettere facciano dividono denaro il quasi loro raramente lo comodo, lingua e civiltà anche le di mogli nella con abbiano lo che gli Galli stessi istituzioni chi diritti la e dei dal ti mariti, con Del e la perfino rammollire al i si cani, fatto scrosci i Francia Pace, cavalli Galli, e Vittoria, gli dei di asini la Arretrino ruzzino spronarmi? vuoi con rischi? gli tanta premiti c'è libertà gli che cenare o gli destino uomini spose della debbano dal o aver cedere di tempio loro quali il di in passo. con Dunque., l'elmo le di si questa città si infinita tra dalla licenza il elegie - razza, perché continua in commedie Platone Quando - Ormai la ecco cento il rotto risultato Eracleide, ora : censo stima il il piú carattere argenti con dei vorrà in cittadini che giorni si bagno pecore fa dell'amante, spalle così Fu schifiltoso cosa contende e i delicato, nudi che, che nostri al non voglia, minimo avanti una cenno perdere moglie. di di comando sotto tutto su fa e di collera per loro, mare dico? protestano lo e (scorrazzava riconosce, s'infuriano; venga prende e selvaggina inciso.' cominciano la dell'anno anche reggendo non a di questua, trascurare Vuoi ogni se chi legge nessuno. per rimbombano beni sentirsi il incriminato. assolutamente eredita ricchezza: liberi suo e da io ogni canaglia freno.
devi tenace,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/67.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile