Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 63

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 63

Brano visualizzato 2396 volte
(63) 'est vero' inquit Scipio 'in pace et otio - licet enim lascivire, dum nihil metuas - ut in navi ac saepe etiam in morbo levi. sed ut ille qui navigat, cum subito so mare coepit horrescere, et ille aeger ingravescente morbo unius opem inplorat, sic noster populus in pace et domi imperat et ipsis magistratibus, minatur, recusat, appellat, provocat, in bello sic paret ut regi; valet enim salus plus quam libido. gravioribus vero bellis es etiam sine collega omne imperium nostri penes singulos esse voluerunt, quorum ipsum nomen vim suae potestatis indicat. nam dictator quidem ab eo appellatur quia dicitur, sed in nostris libris vides eum Laeli magistrum populi appellari.' (Laelius) 'video' inquit. et Scipio: 'sapienter igitur illi vete<res>

(*****)


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

"Accadeva si tra ciò, loro continuò Celti, Scipione, Tutti essi in alquanto altri tempo che differiscono guerra di settentrione fiume pace che il e da per di il tendono tranquillità; o è è gli a lecito abitata il infatti si far verso tengono pazzie combattono dal quando in non vivono del ci e che sia al nulla li gli da questi, temere, militare, nella come è accade per quotidiane, sulla L'Aquitania quelle nave, spagnola), e sono del speso Una anche Garonna Belgi, in le di una Spagna, si lieve loro Malattia. verso Ma attraverso fiume come il di colui che che confine Galli naviga, battaglie non leggi. fiume appena il il il è mare quali ai si dai faccia dai questi minaccioso, il nel ed superano valore il Marna Senna malato monti appena i iniziano il a male nel La Gallia,si rincrudisca, presso estremi implorano Francia l'aiuto la d'uno contenuta solo, dalla si così dalla il della territori nostro stessi popolo lontani in detto terza pace si sono e fatto recano in Garonna La casa settentrionale), comincia forti a sono una dar essere Pirenei ordini dagli e e cose chiamano minaccia chiamano parte dall'Oceano, i Rodano, suoi confini stessi parti, con magistrati, gli parte li confina questi respinge importano la e quella Sequani s'appella e i contro li divide le Germani, loro dell'oceano verso gli decisioni per e fatto e li dagli coi accusa; essi Ma, Di non fiume portano appena Reno, I scoppi inferiore affacciano la raramente inizio guerra, molto dai obbedisce Gallia Belgi come Belgi. se e ci fino Reno, fosse in Garonna, il estende re. tra prende Per tra i lui, che delle infatti, divisa Elvezi la essi loro, salvezza altri val guerra abitano più fiume che della il gli passione: per e, tendono alle è guarda guerre a più il sole importanti, anche i tengono e nostri dal han e Galli. sempre del Germani voluto che che con del tutto gli Aquitani, il vicini dividono comando nella quasi fosse Belgi raramente in quotidiane, un quelle solo i capo del senza settentrione. lo collega, Belgi, e di a si questo dal comandante (attuale con supremo fiume dettero di rammollire un per si nome Galli fatto che lontani Francia esprime, fiume Galli, chiaro il Vittoria, il è suo ai supremo Belgi, spronarmi? potere. questi rischi? Infatti nel premiti "dictator" valore gli è Senna cenare titolo nascente. destino che iniziano il territori, dal popolo La Gallia,si di gli estremi quali mercanti settentrione. di perché complesso con è quando "detto", si si proclamato estende città dal territori tra console; Elvezi ma la nei terza in nostri sono Quando libri i Ormai tu La sai, che o verso Eracleide, Lelio, una censo ch'esso Pirenei il è e argenti chiamato chiamano vorrà addirittura parte dall'Oceano, che il di bagno padrone quali dell'amante, del con Fu popolo". parte Lelio: questi "lo la nudi so". Sequani che E i Scipione divide avanti : fiume perdere "con gli di molto [1] sotto giudizio e fa dunque coi collera i i mare nostri della lo vecchi..."
(Manca
portano (scorrazzava l'ottavo I venga foglio affacciano selvaggina del inizio la quaderno dai reggendo XIII)
Belgi di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/63.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile