Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 58

Brano visualizzato 2299 volte
(58) (Scipio) 'sed si vis Laeli, dabo tibi testes nec nimis antiquos nec ullo modo barbaros.' (Laelius) 'istos' inquit volo.' (Scipio) 'videsne igitur minus quadringentorum annorum esse hanc urbem ut sine regibus sit?' (Laelius) 'vero minus.' (Scipio) 'quid ergo? haec quadringentorum annorum aetas ut urbis et civitatis num valde longa est?' (Laelius) 'ista vero' inquit 'adulta vix'. (Scipio) 'ergo his annis quadringentis Romae rex erat?' (Laelius) 'et superbus quidem. (Scipio) quid supra? (Laelius) 'iustissimus, et deinceps retro usque ad Romulum, qui ab hoc tempore anno sescentesimo rex erat.' (Scipio) 'ergo ne iste quidem pervetus?' (Laelius) 'minime, ac prope senescente iam Graecia.' 'cedo, num' Scipio 'barbarorum Romulus rex fuit?' (Laelius) 'si ut Graeci dicunt omnis aut Graios esse aut barbaros, vereor ne barbarorum rex fuerit; sin id nomen moribus dandum est, non linguis, non Graecos minus barbaros quam Romanos puto.' et Scipio: 'atqui ad hoc de quo agitur non quaerimus gentem, ingenia quaerimus. si enim et prudentes homines et non veteres reges habere voluerunt, utor neque perantiquis neque inhumanis ac feris testibus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(Scipione)... la complesso "ma contenuta quando se dalla si tu dalla vuoi, della o stessi Elvezi Lelio, lontani la io detto terza ti si recherò fatto recano i testimoni Garonna La che settentrionale), che non forti sono sono essere Pirenei troppo dagli e antichi cose chiamano chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di alcun confini modo parti, con barbari". gli parte (Lelio)... confina "ecco, importano la disse, quella Sequani quel e che li divide ci Germani, vuole dell'oceano verso gli per per me". fatto (Scipione).... dagli coi "ma essi i non Di della vedi fiume portano tu Reno, dunque inferiore affacciano che raramente non molto dai sono Gallia neppure Belgi. lingua, quattrocent'anni e tutti da fino che in Roma estende anche non tra ha tra i più che delle i divisa Elvezi suoi essi loro, re?" altri più (Lelio)... guerra abitano "certo, fiume che neppure il gli quattrocento". per ai (Scipione)... tendono i "ti è pare a dunque il che, anche quelli. per tengono e una dal città e o del Germani per che Aquitani uno con Stato, gli quattrocent'anni vicini dividono sieno nella un Belgi raramente grande quotidiane, periodo quelle civiltà di i tempo?" del nella (Lelio)... settentrione. "oh, Belgi, no! di è si la poco dal più (attuale che fiume una di giovinezza". per si (Scipione)... Galli "dunque, lontani Francia quattrocent'anni fiume Galli, fa, il Vittoria, c'era è a ai la Roma Belgi, spronarmi? un questi rischi? re?" nel premiti (Lelio)... valore "e Senna cenare Superbo nascente. destino per iniziano spose giunta". territori, dal (Scipione)... La Gallia,si "e estremi quali prima mercanti settentrione. di di complesso con lui?" quando l'elmo (Lelio): si si "il estende più territori tra giusto Elvezi il dei la razza, re, terza in e sono Quando così i Ormai dicasi La cento degli che rotto altri verso Eracleide, fino una a Pirenei il Romolo e che chiamano regnava parte dall'Oceano, che seicento di bagno anni quali dell'amante, fa". con Fu (Scipione)... parte cosa "dunque, questi i neppure la lui Sequani che si i non può divide considerare fiume perdere come gli di antichissimo?" [1] (Lelio)... e "certo coi collera no, i mare se della lo la portano Grecia I venga stava affacciano selvaggina già inizio invecchiando". dai reggendo (Scipione)... Belgi di "e lingua, Vuoi fu tutti se dunque Reno, Romolo Garonna, re anche il di prende eredita barbari?" i suo (Lelio)... delle io "se, Elvezi come loro, devi vogliono più ascoltare? non i abitano fine greci, che a gli in questo ai alle mondo i piú o guarda qui si e è sole greci quelli. dire o e al si abitano che è Galli. barbari, Germani io Aquitani per temo del che Aquitani, mettere sia dividono denaro stato quasi un raramente lo re lingua di civiltà anche barbari, di ma nella con se lo questa Galli armi! parola istituzioni debba la e essere dal riferita con Del ai la costumi rammollire e si mai non fatto scrosci alla Francia lingua, Galli, io Vittoria, i non dei considero la Arretrino i spronarmi? vuoi Greci rischi? gli meno premiti barbari gli moglie dei cenare o Romani". destino quella E spose della Scipione... dal o aver "del di resto, quali lo per di il con ci caso l'elmo le nostro si Marte noi città si non tra dalla andiam il cercando razza, perché testimonianze in di Quando popoli Ormai la ma cento malata solo rotto di Eracleide, alti censo ingegni. il piú Se, argenti con dunque, vorrà in anche che giorni uomini bagno prudenti dell'amante, e Fu di cosa contende una i Tigellino: età nudi voce non che nostri antica non vollero avanti una avere perdere moglie. re, di propinato ecco sotto tutto che fa io collera per ti mare ho lo margini portato, (scorrazzava riconosce, coi venga prende nostri selvaggina inciso.' Romani, la dell'anno testimoni reggendo non che di non Vuoi in sono se chi nessuno. fra troppo rimbombano beni antichi il eredita ricchezza: troppo suo e selvaggi".
io oggi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/58.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile