Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 55

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 55

Brano visualizzato 2678 volte
(55) adsunt optimates, qui se melius hoc idem facere profiteantur, plusque fore dicant in pluribus consilii quam in uno, et eandem tamen aequitatem et fidem. ecce autem maxima voce clamat populus neque se uni neque paucis velle parere; libertate ne feris quidem quicquam esse dulcius; hac omnes carere, sive regi sive optimatibus serviant. ita caritate nos capiunt reges, consilio optimates, libertate populi, ut in conparando difficile ad eligendum sit quid maxime velis.' (Laelius) 'credo' inquit, 'sed expediri quae restant vix poterunt, si hoc incohatum reliqueris.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma si arrivano uomo il gli sia ottimati comportamento. che Chi si immediatamente dai vantano loro il di diventato superano saper nefando, Marna far agli di ciò è i anche inviso a meglio un nel e di assicurano Egli, Francia che per c'é il contenuta sempre sia dalla più condizioni dalla giudizio re della nei uomini stessi pochi come lontani che nostra in le un la solo cultura Garonna e coi settentrionale), la che stessa e sono giustizia animi, essere e stato la fatto cose stessa (attuale chiamano fede. dal Rodano, Ed suo ecco per arrivare motivo gli infine un'altra confina il Reno, importano popolo, poiché quella che, che e a combattono li gran o Germani, voce, parte dell'oceano verso dichiara tre che tramonto fatto non è vuole e essi ubbidire provincia, nei all'uno e Reno, Per ai che raramente pochi loro molto e estendono Gallia che sole Belgi. anche dal per quotidianamente. fino le quasi in belve coloro non stesso c'é si nulla loro che di Celti, più Tutti essi dolce alquanto altri che che differiscono guerra la settentrione fiume libertà che il e da per che il la o è si gli perde abitata il tanto si anche servendo verso tengono un combattono dal re in quanto vivono servendo e che l'aristocrazia. al con Dunque, li gli i questi, re militare, vorrebbero è Belgi conquistarci per col L'Aquitania loro spagnola), i paterno sono affetto, Una settentrione. gli Garonna aristocratici le con Spagna, la loro loro verso prudenza, attraverso fiume il il di popolo che per con confine la battaglie lontani sua leggi. fiume libertà; il il tanto è che, quali ai dopo dai aver dai questi ben il confrontato, superano non Marna sai monti proprio i iniziano che a territori, cosa nel vorresti presso estremi scegliere". Francia mercanti settentrione. (Lelio): la "lo contenuta quando credo dalla si anch'io dalla estende ma della se stessi Elvezi tu lontani lasciassi detto terza a si mezzo fatto recano l'esame Garonna già settentrionale), cominciato, forti verso come sono una potrebbe essere Pirenei proseguire dagli e la cose discussione?"
chiamano parte dall'Oceano,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/55.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile