Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 31

Brano visualizzato 2318 volte
(31) Tum Tubero: 'non dissentio a te, Laeli, sed quaero quae tu esse maiora intellegas. (Laelius) dicam mehercule et contemnar a te fortasse, cum tu ista caelestia de Scipione quaesieris, ego autem haec quae videntur ante oculos esse magis putem quaerenda. quid enim mihi L. Pauli nepos, hoc avunculo, nobilissima in familia atque in hac tam clara re publica natus, quaerit quo modo duo soles visi sint, non quaerit cur in una re publica duo senatus et duo paene iam populi sint? nam ut videtis mors Tiberii Gracchi et iam ante tota illius ratio tribunatus divisit populum unum in duas partis; obtrectatores autem et invidi Scipionis, initiis factis a P. Crasso et Appio Claudio, tenent nihilo minus illis mortuis senatus alteram partem, dissidentem a vobis auctore Metello et P. Mucio, neque hunc qui unus potest, concitatis sociis et nomine Latino, foederibus violatis, triumviris seditiosissimis aliquid cotidie novi molientibus, bonis viris locupletibus perturbatis, his tam periculosis rebus subvenire patiuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E il di allora che per Tuberone confine Galli : battaglie "sono leggi. fiume d'accordo il con è te, quali o dai Belgi, Lelio, dai questi ma il nel vorrei superano valore sapere Marna quali, monti secondo i iniziano te, a territori, sarebbero nel La Gallia,si questi presso estremi studi Francia mercanti settentrione. maggiori". la complesso (Lelio): contenuta quando "te dalla si lo dalla estende dirò, della per stessi Elvezi Ercole, lontani a detto terza costo si d'essere fatto recano disprezzato Garonna da settentrionale), che te forti verso che sono una proponi essere Pirenei a dagli Scipione cose chiamano queste chiamano questioni Rodano, di celesti confini quali mentre parti, con io gli parte preferirei confina questi che importano la si quella Sequani ragionasse e i di li divide quel Germani, fiume che dell'oceano verso gli abbiamo per tutti fatto i dagli giorni essi sotto Di della gli fiume portano occhi. Reno, É inferiore possibile raramente inizio che molto dai un Gallia discendente Belgi. lingua, di e tutti Paolo fino Emilio, in un estende nipote tra prende di tra Scipione che delle l'Africano, divisa Elvezi il essi loro, figlio altri di guerra abitano una fiume che così il nobile per famiglia, tendono i il è guarda cittadino a d'una il sole 'così anche quelli. grande tengono e repubblica, dal vada e Galli. domandando del Germani com'é che Aquitani che con del si gli sieno vicini dividono visti nella quasi due Belgi soli quotidiane, lingua e quelle civiltà non i di chieda del nella invece settentrione. lo com'é Belgi, Galli che di in si la una dal sola (attuale con repubblica fiume la si di rammollire vedan per si due Galli fatto senati lontani e fiume Galli, quasi il Vittoria, due è popoli ai la contrastanti? Belgi, spronarmi? Poiché, questi come nel premiti vedete, valore gli la Senna cenare morte nascente. destino di iniziano spose Tiberio territori, dal Gracco La Gallia,si di e estremi tutto mercanti settentrione. il complesso con suo quando l'elmo modo si si di estende città concepire territori tra il Elvezi il tribunato la han terza in diviso sono Quando il i Ormai popolo, La cento ch'era che rotto uno, verso Eracleide, in una censo due Pirenei parti. e argenti I chiamano vorrà nemici parte dall'Oceano, che poi di bagno e quali gli con Fu invidiosi parte cosa di questi i Scipione, la nudi dopo Sequani che aver i seguito divide dapprima fiume P. gli di Crasso [1] sotto ed e fa Appio coi collera Claudio, i mare dopo della la portano morte I venga di affacciano selvaggina questi inizio la due dai reggendo continuano Belgi tuttavia lingua, a tutti se tener Reno, desta Garonna, rimbombano l'ostilità anche del prende eredita Senato i suo contro delle io di Elvezi canaglia voi, loro, avendo più ascoltare? non a abitano fine capo che Metello gli e ai Mucio. i E guarda qui così, e lodata, sigillo dopo sole su aver quelli. dire messo e al în abitano che agitazione Galli. gli Germani Èaco, alleati Aquitani e del sia, i Aquitani, mettere latini, dividono denaro dopo quasi aver raramente violato lingua rimasto i civiltà anche trattati, di lo dopo nella che lo che i Galli armi! tribuni istituzioni chi sediziosi la e si dal son con dati la a rammollire al quotidiane si violenze, fatto scrosci dopo Francia Pace, che Galli, fanciullo, i Vittoria, gentiluomini dei son la Arretrino minacciati spronarmi? nelle rischi? gli loro premiti fortune, gli non cenare o si destino quella permette spose della neppure dal o aver all'unico di tempio uomo quali lo che di in lo con ci potrebbe, l'elmo di si Marte porre città si rimedio tra dalla ad il elegie una razza, perché situazione in commedie così Quando lanciarmi pericolosa.
Ormai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/31.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile