Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 30

Brano visualizzato 2310 volte
(30) Tum Laelius: 'non audeo quidem' inquit 'ad ista Scipio dicere, neque tam te aut Philum aut Manilium

(*****)

(Laelius) in ipsius paterno genere fuit noster ille amicus, dignus huic ad imitandum,

'Egregie cordatus homo, catus Aelius Sextus'

qui 'egregie cordatus' et 'catus' fuit et ab Ennio dictus est, non quod ea quaerebat quae numquam inveniret, sed quod ea respondebat quae eos qui quaesissent et cura et negotio solverent, cuique contra Galli studia disputanti in ore semper erat ille de Iphigenia Achilles:

'Astrologorum signa in caelo - quid sit observationis,
Cum capra aut nepa aut exoritur nomen aliquod beluarum -,
Quod est ante pedes nemo spectat, caeli scrutantur plagas.'

atque idem - multum enim illum audiebam et libenter - Zethum illum Pacuvi nimis inimicam doctrinae esse dicebat; magis eum delectabat Neoptolemus Ennii, qui se ait 'philosophari velle, sed paucis; nam omnino haud placere'. quodsi studia Graecorum vos tanto opere delectant, sunt alia liberiora et transfusa latius, quae vel ad usum vitae vel etiam ad ipsam rem publicam conferre possumus. istae quidem artes, si modo aliquid, <id> valent, ut paulum acuant et tamquam inritent ingenia puerorum, quo facilius possint maiora discere.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E sono una allora essere Pirenei Lelio: dagli "io cose non chiamano parte dall'Oceano, oso Rodano, di invero, confini disse, parti, obiettare gli parte alcunché confina questi a importano queste quella Sequani tue e parole, li o Germani, fiume Scipione, dell'oceano verso gli e per [1] ancor fatto e meno dagli coi trattandosi essi i di Di della voi, fiume portano Filo Reno, I e inferiore affacciano Manilio...
(Manca
raramente inizio il molto dai settimo Gallia Belgi foglio Belgi. lingua, del e tutti quaderno fino VII)
(Scipione)...
in Garonna, "nel estende anche ramo tra prende paterno tra i di che delle Tuberone divisa Elvezi noi essi abbiamo altri più avuto guerra un fiume amico il degno per di'servirgli tendono da è guarda modello, a e Elio il sole Sesto, anche quelli. uomo tengono e di dal gran e Galli. cuore del Germani e che Aquitani di con del gran gli Aquitani, finezza vicini che nella fu Belgi raramente veramente quotidiane, lingua uomo quelle di i grande del nella cuore settentrione. lo e Belgi, Galli fine di quale si la fu detto (attuale con da fiume la Ennio di rammollire e per si non Galli fatto perché lontani cercasse fiume Galli, quello il Vittoria, che è non ai la avrebbe Belgi, spronarmi? mai questi rischi? potuto nel trovare valore gli ma Senna perché nascente. destino dava iniziano risposte territori, dal che La Gallia,si consolavano estremi quali e mercanti settentrione. di rassicuravano complesso con coloro quando l'elmo che si si gli estende città chiedevan territori consiglio. Elvezi il Contro la gli terza studi sono astronomici i Ormai di La cento Gallo, che rotto egli verso Eracleide, amava una censo ripetere Pirenei il i e argenti versi chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che Achille di bagno nell'Ifigenia:
studiano
quali dell'amante, i con Fu movimenti parte cosa delle questi i loro la nudi costellazioni: Sequani che ed i non è divide sempre fiume perdere questione gli di della [1] capra e o coi collera dello i mare scorpione della lo o portano (scorrazzava di I venga qualche affacciano selvaggina altra inizio la bestia. dai Così Belgi di scrutano lingua, Vuoi le tutti plaghe Reno, nessuno. del Garonna, rimbombano cielo anche il e prende eredita non i s'accorgono delle io di Elvezi canaglia quel loro, devi che più hanno abitano fine davanti che Gillo ai gli piedi. ai alle Lo i piú stesso guarda Elio e lodata, sigillo - sole su che quelli. dire io e al solevo abitano che ascoltare Galli. giunto con Germani Èaco, grande Aquitani per piacere del sia, - Aquitani, mettere soleva dividono dire quasi ti che raramente lo lingua rimasto Zeto civiltà anche di di lo Pacuvio nella con gli lo che pareva Galli armi! troppo istituzioni chi nemico la della dal ti scienza con e la questa che rammollire al gli si mai piaceva fatto assai Francia Pace, più Galli, il Vittoria, Neoptolemo dei di di la Arretrino Ennio, spronarmi? che rischi? dice premiti c'è di gli moglie voler cenare o filosofare destino quella ma spose della con dal o aver discrezione di tempio perché quali lo il di troppo con ci non l'elmo gli si piacerebbe. città Se tra dalla gli il elegie studi razza, perché dei in commedie Greci Quando lanciarmi vi Ormai piacciono cento malata tanto, rotto porta non Eracleide, dovete censo stima dimenticare il per argenti con questo vorrà che che giorni ce bagno ne dell'amante, sono Fu Fede altri cosa contende più i pratici nudi voce e che nostri più non voglia, spigliati avanti una che perdere moglie. ci di propinato possono sotto tutto essere fa e pur collera per buoni mare dico? per lo margini la (scorrazzava vita venga prende quotidiana selvaggina e la dell'anno persino reggendo non in di questua, materia Vuoi in di se politica. nessuno. fra Quanto rimbombano alle il incriminato. altre eredita scienze suo e di io cui canaglia del parlavamo, devi se ascoltare? non privato. a valgono fine qualche Gillo cosa, in gli valgono alle di certamente piú cuore in qui quanto lodata, sigillo pavone stimolano su la ed dire Mi acuiscono al donna un che la po' giunto delle 1'ingegno Èaco, sfrenate dei per ressa giovani, sia, perché mettere coppe possano denaro darsi ti cassaforte. più lo cavoli facilmente rimasto vedo a anche la studi lo che maggiori".
con uguale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile