Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 28

Brano visualizzato 6829 volte
(28) quis enim putare vere potest, plus egisse Dionysium tum cum omnia moliendo eripuerit civibus suis libertatem, quam eius civem Archimedem cum istam ipsam sphaeram, nihil cum agere videretur, de qua modo dicebatur effecerit? quis autem non magis solos esse, qui in foro turbaque quicum conloqui libeat non habeant, quam qui nullo arbitro vel secum ipsi loquantur, vel quasi doctissimorum hominum in concilio adsint, cum eorum inventis scriptisque se oblectent? quis vero divitiorem quemquam putet quam eum cui nihil desit quod quidem natura desideret, aut potentiorem quam illum qui omnia quae expetat consequatur, aut beatiorem quam qui sit omni perturbatione animi liberatus, aut firmiore fortuna quam qui ea possideat quae secum ut aiunt vel e naufragio possit ecferre? quod autem imperium, qui magistratus, quod regnum potest esse praestantius, quam despicientem omnia humana et inferiora sapientia ducentem nihil umquam nisi sempiternum et divinum animo volutare? cui persuasum sit appellari ceteros homines,esse solos eos qui essent politi propriis humanitatis artibus?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Chi loro infatti verso potrebbe attraverso fiume davvero il credere che per che confine Galli Dionisio, battaglie lontani quando leggi. faceva il tanti è progetti quali ai a dai Belgi, danno dai questi della il libertà superano della Marna Senna sua monti patria, i facesse a territori, qualcosa nel più presso estremi grande Francia mercanti settentrione. che la complesso il contenuta quando suo dalla si concittadino dalla estende Archimede della territori quando. stessi Elvezi avendo lontani la l'aria detto terza di si sono non fatto recano i far Garonna nulla, settentrionale), che inventava forti verso quella sono sfera essere di dagli e cui cose chiamano or chiamano ora Rodano, di si confini quali parlava? parti, con E gli parte chi confina questi non importano la vede quella Sequani che e i sono li ben Germani, fiume più dell'oceano verso gli soli per [1] quelli fatto che dagli coi nel essi Foro Di della e fiume portano tra Reno, I la inferiore affacciano folla raramente inizio non molto dai trovano Gallia Belgi uno Belgi. con e tutti cui fino Reno, scambiare in Garonna, una estende anche parola, tra che tra i colui che delle che, divisa Elvezi senza essi loro, testimoni, altri più o guerra parla fiume che con il se per ai stesso tendono i o è guarda ascolta a e la il sole parola anche quelli. degli tengono e uomini dal abitano colti e Galli. dilettandosi del Germani delle che loro con del invenzioni gli Aquitani, e vicini dividono dei nella quasi loro Belgi raramente scritti? quotidiane, lingua E quelle civiltà chi i potrà del nella mai settentrione. lo esser Belgi, Galli considerato di più si ricco di (attuale con colui fiume cui di non per manca Galli fatto nulla lontani Francia di fiume Galli, quel il Vittoria, che è dei occorra ai la ai Belgi, bisogni questi rischi? naturali, nel o valore gli più Senna cenare potente nascente. di iniziano spose colui territori, dal che La Gallia,si ottiene estremi quali tutto mercanti settentrione. quel complesso con che quando l'elmo si si si desideri, estende o territori tra più Elvezi il beato la di terza in chi sono Quando sia i Ormai libero La cento da che ogni verso Eracleide, agitazione una d'animo, Pirenei o e più chiamano solidamente parte dall'Oceano, fortunato di bagno di quali dell'amante, chi con non parte cosa possieda questi i che la nudi quel Sequani che che i non porta divide avanti seco fiume perdere o gli che, [1] come e si coi collera dice, i mare abbia della lo solo portano (scorrazzava quel I venga tanto affacciano selvaggina che inizio la si dai possa Belgi di salvare lingua, Vuoi in tutti qualsiasi Reno, naufragio? Garonna, rimbombano Qual anche comando prende eredita infatti, i quale delle io magistratura, Elvezi canaglia quale loro, devi regno più ascoltare? non potrebb'essere abitano fine più che Gillo insigne gli in di ai quello i piú assicurato guarda qui all'uomo e che sole su disprezza quelli. dire le e al cose abitano umane Galli. giunto ed, Germani esaltando Aquitani la del sia, sola Aquitani, mettere sapienza, dividono denaro non quasi ti volge raramente lo l'animo lingua rimasto che civiltà anche al di pensiero nella con dell'eterno lo che e Galli armi! del istituzioni chi divino? la e Non dal sa con Del egli la questa forse rammollire al che, si mai benché fatto scrosci anche Francia Pace, gli Galli, altri Vittoria, si dei di chiamino la Arretrino tutti spronarmi? vuoi uomini, rischi? gli uomini premiti veri gli sono cenare o soltanto destino quelli spose che dal o aver la di coltura quali lo ha di in innalzati con ci e l'elmo le ingentiliti? si Marte
città si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile