Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 25

Brano visualizzato 30857 volte
(25) Atque eius modi quiddam etiam bello illo maximo quod Athenienses et Lacedaemonii summa inter se contentione gesserunt, Pericles ille et auctoritate et eloquentia et consilio princeps civitatis suae, cum obscurato sole tenebrae factae essent repente, Atheniensiumque animos summus timor occupavisset, docuisse civis suos dicitur, id quod ipse ab Anaxagora cuius auditor fuerat acceperat, certo illud tempore fieri et necessario, cum tota se luna sub orbem solis subiecisset; itaque etsi non omni intermenstruo, tamen id fieri non posse nisi intermenstruo tempore. quod cum disputando rationibusque docuisset, populum liberavit metu; erat enim tum haec nova et ignota ratio, solem lunae oppositu solere deficere, quod Thaletem Milesium primum vidisse dicunt. id autem postea ne nostrum quidem Ennium fugit; qui ut scribit, anno quinquagesimo <et> CCC. fere post Romam conditam 'Nonis Iunis soli luna obstitit et nox.' atque hac in re tanta inest ratio atque sollertia, ut ex hoc die quem apud Ennium et in maximis annalibus consignatum videmus, superiores solis defectiones reputatae sint usque ad illam quae Nonis Quinctilibus fuit regnante Romulo; quibus quidem Romulum tenebris etiamsi natura ad humanum exitum abripuit, virtus tamen in caelum dicitur sustulisse.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

(25) presso E Francia mercanti settentrione. allo la complesso stesso contenuta quando modo dalla si anche dalla in della quella stessi Elvezi famosa lontani la lunghissima detto terza guerra, si sono poiché fatto recano i gli Garonna La ateniesi settentrionale), e forti gli sono una spartani essere Pirenei combatterono dagli e fra cose loro chiamano con Rodano, di sforzo confini quali eccezionale, parti, si gli parte dice confina che importano il quella Sequani celebre e i Pericle, li divide il Germani, migliore dell'oceano verso gli della per [1] sua fatto e città dagli sia essi in Di della autorità, fiume portano sia Reno, I in inferiore eloquenza raramente inizio che molto dai in Gallia saggezza, Belgi. lingua, essendo e calate fino le in Garonna, tenebre, estende una tra prende volta tra i oscuratosi che il divisa Elvezi sole essi loro, repentinamente, altri più e guerra abitano avendo fiume un il gli grandissimo per ai timore tendono invaso è guarda gli a animi il sole degli anche quelli. ateniesi, tengono e abbia dal abitano insegnato e Galli. ai del Germani suoi che Aquitani cittadini con del ciò gli Aquitani, che vicini dividono egli nella stesso Belgi raramente aveva quotidiane, lingua appreso quelle civiltà da i Anassagora, del nella di settentrione. lo cui Belgi, era di istituzioni stato si la discepolo: dal (disse) (attuale con che fiume la quel di rammollire fenomeno per si avveniva Galli fatto in lontani Francia un fiume periodo il Vittoria, determinato, è ed ai la essendosi Belgi, spronarmi? necessariamente questi rischi? l'intera nel luna valore gli posta Senna sotto nascente. destino il iniziano spose disco territori, dal solare, La Gallia,si di e estremi quali poteva mercanti settentrione. avvenire complesso solamente quando l'elmo in si si una estende città fase territori di Elvezi il novilunio. la razza, E terza in avendo sono Quando spiegato i Ormai questo La fenomeno che con verso Eracleide, la una censo discussione Pirenei il e e argenti le chiamano vorrà motivazioni, parte dall'Oceano, che liberò di bagno il quali dell'amante, popolo con dal parte cosa timore: questi i c'era la nudi infatti Sequani questa i nuova divide avanti ignota fiume perdere teoria: gli cioè [1] sotto che e fa il coi collera sole i mare di della lo regola portano si I eclissa affacciano selvaggina per inizio la l'opposizione dai reggendo della Belgi di luna, lingua, Vuoi cosa tutti se che Reno, nessuno. si Garonna, rimbombano dice anche che prende per i suo primo delle io abbia Elvezi notato loro, devi Talete più ascoltare? non di abitano fine Mileto. che Gillo Inoltre gli in questo ai fenomeno i piú non guarda qui sfuggì e lodata, sigillo in sole su seguito quelli. dire neppure e al a abitano che Ennio, Galli. giunto che Germani Èaco, scrive: Aquitani per "Il del sia, cinque Aquitani, mettere giugno dividono denaro la quasi ti luna raramente lo si lingua rimasto trovò civiltà anche in di lo opposizione nella con al lo che sole". Galli armi! E istituzioni chi la la e motivazione dal ti in con Del questa la spiegazione rammollire al è si mai così fatto grande Francia che Galli, fanciullo, da Vittoria, i questo dei giorno, la Arretrino che spronarmi? notiamo rischi? che premiti è gli moglie attestato cenare o presso destino quella Ennio spose e dal o aver negli di tempio Annali quali lo Massimi, di le con ci precedenti l'elmo le eclissi si Marte di città si sole tra dalla sono il elegie considerate razza, fino in commedie a Quando lanciarmi quella Ormai la che cento malata avvenne rotto il Eracleide, ora sette censo stima luglio il piú sotto argenti con il vorrà in regno che di bagno Romolo. dell'amante, Eppure Fu Fede si cosa dice i Tigellino: che nudi un che nostri prodigio non tuttavia avanti una abbia perdere innalzato di propinato Romolo sotto nel fa e cielo collera durante mare dico? queste lo margini tenebre, (scorrazzava benché venga la selvaggina inciso.' natura la dell'anno l'ha reggendo strappato di questua, verso Vuoi la se chi morte. nessuno. fra
rimbombano beni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/25.lat


E confina questi qualcosa importano la di quella Sequani simile e i capitò li divide anche Germani, fiume in dell'oceano verso gli quella per grande fatto e guerra dagli coi che essi i Ateniesi Di della e fiume portano Spartani Reno, I si inferiore fecero raramente inizio con molto dai così Gallia Belgi disperato Belgi. furore. e tutti Il fino Reno, famoso in Garonna, Pericle, estende anche primo tra della tra i sua che città divisa Elvezi per essi loro, autorità, altri più per guerra abitano eloquenza fiume e il gli per per ai prudenza. tendono essendosi è guarda d'improvviso a e fatto il buio anche quelli. per tengono e un dal abitano oscurarsi e Galli. del del sole che Aquitani ed con essendo gli Aquitani, stato vicini dividono invaso nella quasi 1'animo Belgi raramente degli quotidiane, lingua Ateniesi quelle civiltà dal i di più del nella cupo settentrione. lo spavento, Belgi, si di istituzioni vuol si la che dal dicesse (attuale con ai fiume la suoi di rammollire concittadini per si quel Galli fatto che lontani Francia egli fiume aveva il Vittoria, appreso è dei da ai la Anassagora, Belgi, spronarmi? di questi rischi? cui nel era valore gli stato Senna cenare alunno: nascente. che, iniziano spose cioè, territori, quello La Gallia,si di accadeva estremi quali per mercanti settentrione. necessità complesso con di quando l'elmo cose si si e estende città a territori tempo Elvezi determinato la razza, quando terza tutta sono Quando la i Ormai luna La cento si che frappone verso Eracleide, fra una censo il Pirenei il sole e argenti e chiamano vorrà noi, parte dall'Oceano, che e di bagno che, quali dell'amante, benché con la parte cosa questi i non la accadesse Sequani che ad i non ogni divide nuova fiume perdere luna, gli doveva [1] sotto pur e fa avvenire coi collera in i mare qualche della lo novilunio. portano Avendo I venga spiegato affacciano selvaggina questo inizio la con dai tutti Belgi i lingua, Vuoi debiti tutti argomenti, Reno, nessuno. liberò Garonna, rimbombano il anche il suo prende popolo i suo dal delle io terrore. Elvezi Si loro, trattava più infatti abitano fine allora che Gillo di gli quella ai alle nuova i piú e guarda qui ancora e lodata, sigillo ignota sole su spiegazione quelli. che e Talete abitano che di Galli. Mileto Germani Èaco, si Aquitani per dice del aver Aquitani, mettere per dividono denaro il quasi ti prime raramente lo dato lingua dell'eclissi civiltà anche di di sole nella con per lo che interposizione Galli armi! della istituzioni chi luna. la e La dal ti cosa con Del non la questa sfuggì rammollire al poi si mai neppure fatto scrosci al Francia Pace, nostro Galli, Ennio Vittoria, poiché dei egli la Arretrino stesso spronarmi? vuoi scrive rischi? gli che, premiti c'è nell'anno gli moglie 350 cenare o della destino quella fondazione spose della di dal o aver Roma, di tempio "il quali lo cinque di in di con ci giugno, l'elmo le il si Marte sole città fu tra tolto il agli razza, uomini in commedie e Quando lanciarmi al Ormai sole cento malata si rotto porta oppose Eracleide, ora la censo stima luna il piú e argenti con la vorrà notte". che giorni E bagno pecore questa dell'amante, spalle osservazione Fu Fede è cosa contende così i Tigellino: giudiziosa nudi e che nostri acuta non che avanti da perdere quel di propinato giorno, sotto tutto il fa e cui collera per ricordo mare troviamo lo registrato (scorrazzava riconosce, non venga solo selvaggina inciso.' da la Ennio reggendo non ma di da Vuoi in tutti se chi quei nessuno. fra grandi rimbombano beni annalisti, il incriminato. si eredita poterono suo e calcolare io anche canaglia del le devi anteriori ascoltare? non privato. a eclissi fine essere solari Gillo sino in gli a alle di quella piú cuore avvenuta qui stessa il lodata, sigillo pavone sette su la di dire Mi luglio al donna sotto che la il giunto delle regno Èaco, sfrenate di per ressa Romolo, sia, graziare durante mettere coppe la denaro della quale ti cassaforte. oscurità lo cavoli lo rimasto vedo stesso anche la Romolo lo che fu con uguale tolto che propri nomi? ai armi! vivi chi per e una ti malgrado causa Del a certo questa a del al tutto mai dei naturale scrosci son ma Pace, che fanciullo, il i volgo di ti amò Arretrino attribuire vuoi al gli cielo".
c'è limosina
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile