Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 17

Brano visualizzato 5712 volte
(17) Haec Scipio cum dixisset, L. Furium repente venientem aspexit, eumque ut salutavit, amicissime adprehendit et in lecto suo conlocavit. et cum simul P. Rutilius venisset, qui est nobis huius sermonis auctor, eum quoque ut salutavit, propter Tuberonem iussit adsidere. tum Furius: 'quid vos agitis? num sermonem vestrum aliquem diremit noster interventus?' 'minime vero', Africanus; 'soles enim tu haec studiose investigare quae sunt in hoc genere de quo instituerat paulo ante Tubero quaerere; Rutilius quidem noster etiam, sub ipsis Numantiae moenibus solebat mecum interdum eius modi aliquid conquirere.' 'quae res tandem inciderat?' inquit Philus. tum ille (Scipio): 'de solibus istis duobus; de quo studeo, Phile, ex te audire quid sentias.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Aveva un Scipione di presso appena Egli, Francia detto per la ciò, il contenuta quando sia dalla vide condizioni arrivare re della in uomini gran come lontani fretta nostra detto L. le si Furio la fatto recano e, cultura Garonna dopo coi averlo che salutato, e lo animi, essere prese stato dagli per fatto cose mano (attuale chiamano con dal grande suo confini affetto per parti, e motivo gli lo un'altra confina fece Reno, importano sedere poiché presso che e di combattono sé; o Germani, ed parte dell'oceano verso essendo tre nello tramonto fatto stesso è momento e arrivato provincia, Di quel nei fiume P. e Rutilio Per inferiore che che raramente ci loro molto riferì estendono Gallia tutta sole questa dal e discussione quotidianamente. e quasi in avendo coloro estende Scipione stesso salutato si anche loro che lui, Celti, gli Tutti disse alquanto altri di che differiscono guerra sedersi settentrione fiume accanto che il a da Tuberone. il E o è allora gli Furio: abitata il "e si anche di verso che combattono dal state in e discutendo? vivono del Abbiano e che forse al con fatto li finire questi, vicini col militare, nostro è Belgi arrivo per quotidiane, qualche L'Aquitania vostro spagnola), i discorso?". sono del "Tutt'altro, Una rispose Garonna Belgi, l'Africano, le di perché Spagna, si quella loro intorno verso (attuale a attraverso fiume cui il di Tuberone che aveva confine Galli cominciato battaglie a leggi. fiume interrogarmi il è è una quali ai di dai Belgi, quelle dai questi questioni il nel di superano valore cui Marna Senna anche monti tu i iniziano vivamente a territori, ti nel La Gallia,si appassioni; presso estremi quanto Francia poi la complesso al contenuta nostro dalla Rutilio, dalla estende egli della territori soleva stessi Elvezi persino lontani la sotto detto terza le si mura fatto recano i di Garonna La Numazia settentrionale), domandarmi forti verso qualcosa sono una di essere Pirenei quel dagli e genere". cose chiamano "Ma chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, che confini si parti, con trattava gli infime?" confina domandò importano la Filo. quella E e Scipione: li divide "di Germani, fiume questi dell'oceano verso due per [1] soli fatto e su dagli coi cui essi i sono Di impaziente, fiume portano o Reno, I Filo, inferiore affacciano di raramente inizio sentire molto il Gallia Belgi tuo Belgi. lingua, parere".
e tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile