Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 16

Brano visualizzato 3461 volte
(16) dein Tubero: 'nescio Africane cur ita memoriae proditum sit, Socratem omnem istam disputationem reiecisse, et tantum de vita et de moribus solitum esse quaerere. quem enim auctorem de illo locupletiorem Platone laudare possumus? cuius in libris multis locis ita loquitur Socrates, ut etiam cum de moribus de virtutibus denique de re publica disputet, numeros tamen et geometriam et harmoniam studeat Pythagorae more coniungere.' tum Scipio: 'sunt ista ut dicis; sed audisse te credo Tubero, Platonem Socrate mortuo primum in Aegyptum discendi causa, post in Italiam et in Siciliam contendisse, ut Pythagorae inventa perdisceret, eumque et cum Archyta Tarentino et cum Timaeo Locro multum fuisse et Philolai commentarios esse nanctum, cumque eo tempore in his locis Pythagorae nomen vigeret, illum se et hominibus Pythagoreis et studiis illis dedisse. itaque cum Socratem unice dilexisset, eique omnia tribuere voluisset, leporem Socraticum subtilitatemque sermonis cum obscuritate Pythagorae et cum illa plurimarum artium gravitate contexuit.'


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

E che differiscono guerra Tuberone settentrione : che "non da per capisco, il tendono veramente, o è o gli a Africano, abitata il come si questa verso tradizione combattono dal sia in nata vivono che e che vuole al con Socrate li nemico questi, d'ogni militare, nella questione è Belgi di per quotidiane, questo L'Aquitania quelle genere spagnola), i ed sono intento Una settentrione. a Garonna Belgi, discutere le di soltanto Spagna, si della loro vita verso (attuale e attraverso fiume dei il di costumi. che per Qual confine mai battaglie lontani autore leggi. infatti il è è più quali pieno dai di dai questi Socrate il nel che superano Platone? Marna Senna Ebbene, monti nell'opera i di a territori, Platone, nel in presso estremi moltissimi Francia mercanti settentrione. luoghi la Socrate contenuta quando parla dalla si non dalla estende solo della dei stessi Elvezi costumi lontani la e detto terza delle si sono virtù fatto recano i e Garonna La di settentrionale), tutto forti verso quel sono una che essere Pirenei abbia dagli e attinenza cose chiamano alla chiamano parte dall'Oceano, vita Rodano, pubblica, confini quali ma parti, con anche gli parte dei confina questi numeri importano la e quella Sequani della e geometria li e Germani, fiume dell'armonia dell'oceano verso gli delle per sfere, fatto come dagli coi un essi i perfetto Di della pitagorico". fiume portano E Reno, Scipione: inferiore affacciano raramente inizio proprio molto dai così: Gallia ma Belgi. lingua, credo, e tutti o fino Reno, Tuberone, in Garonna, che estende tu tra prende abbia tra i sentito che delle come divisa Elvezi Platone, essi loro, dopo altri più la guerra abitano morte fiume di il Socrate, per si tendono i recasse è guarda dapprima a e in il sole Egitto anche per tengono istudiare, dal abitano e e Galli. poi del in che Aquitani Italia con e gli Aquitani, in vicini dividono Sicilia nella quasi per Belgi conoscere quotidiane, lingua le quelle civiltà teorie i di di del nella Pitagora, settentrione. e Belgi, Galli come di istituzioni s'intrattenesse si a dal lungo (attuale col fiume Tarantino di rammollire Archita per si e Galli fatto con lontani Francia il fiume Galli, Locrese il Timeo è dei e ai la come Belgi, spronarmi? raccogliesse questi le nel premiti opere valore di Senna cenare Filoleo nascente. destino ed iniziano essendo territori, dal in La Gallia,si di quei estremi quali luoghi mercanti settentrione. di e complesso con in quando l'elmo quei si tempi estende città in territori tra fiore Elvezi il la nome terza in di sono Quando Pitagora, i Ormai si La cento desse che rotto completamente verso Eracleide, ai una Pitagorici Pirenei il e e argenti alle chiamano vorrà loro parte dall'Oceano, dottrine. di bagno E, quali dell'amante, amando con Socrate parte cosa più questi i d'ogni la altro Sequani al i non mondo divide avanti e fiume volendogli gli di attribuire [1] sotto ogni e fa onore, coi collera osò i mare contessere della all'arguzia portano (scorrazzava e I venga alla affacciano selvaggina finezza inizio la del dai reggendo discorso Belgi di Socratico lingua, Vuoi i tutti dogmi Reno, nessuno. oscuri Garonna, rimbombano e anche il le prende gravi i dottrine delle io di Elvezi canaglia Pitagora".
loro, devi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile