Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Re Publica - Liber I - 1

Brano visualizzato 21177 volte
(1) <im>petu liberavissent, nec C. Duelius A. Atilius L. Metellus terrore Karthaginis, non duo Scipiones oriens incendium belli Punici secundi sanguine suo restinxissent, nec id excitatum maioribus copiis aut Q. Maximus enervavisset, aut M. Marcellus contudisset, aut a portis huius urbis avolsum P. Africanus compulisset intra hostium moenia. M. vero Catoni homini ignoto et novo, quo omnes qui isdem rebus studemus quasi exemplari ad industriam virtutemque ducimur, certe licuit Tusculi se in otio delectare, salubri et propinquo loco. sed homo demens ut isti putant, cum cogeret eum necessitas nulla, in his undis et tempestatibus ad summam senectutem maluit iactari, quam in illa tranquillitate atque otio iucundissime vivere. omitto innumerabilis viros, quorum singuli saluti huic civitati fuerunt, et qui sunt <haut> procul ab aetatis huius; memoria, commemorare eos desino, ne quis se aut suorum aliquem praetermissum queratur. unum hoc definio, tantam esse necessitatem virtutis generi hominum a natura tantumque amorem ad communem salutem defendendam datum, ut ea vis omnia blandimenta voluptatis otique vicerit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

I dai questi ... il nel superano valore C. Marna Senna Duelio monti i iniziano A. a territori, Attilio nel presso L. Francia Metello la avrebbero contenuta liberato dalla si Roma dalla estende dal della territori terrore stessi di lontani la Cartagine, detto terza si sono i fatto recano i due Garonna La Scipioni settentrionale), avrebbero forti verso spento sono una col essere loro dagli e sangue cose chiamano l'incendio chiamano parte dall'Oceano, della Rodano, seconda confini quali guerra parti, con Punica gli parte già confina questi cominciata, importano quella Sequani quell'incendio, e già li alimentato Germani, fiume da dell'oceano verso maggiori per [1] forze, fatto sarebbe dagli stato essi domato Di della da fiume portano Q. Reno, Massimo inferiore affacciano raramente inizio soffocato molto dai da Gallia Belgi M. Belgi. Marcello; e tutti e fino Reno, dalle in porte estende anche di tra prende questa tra i città che delle P. divisa Elvezi Africano essi loro, non altri più l'avrebbe guerra abitano potuto fiume che respingere il gli entro per le tendono i mura è guarda dei a e nemici. il sole Era anche quelli. bensì tengono e lecito dal abitano a e Galli. M. del Catone, che Aquitani finché con del era gli ancora vicini uomo nella nuovo Belgi ed quotidiane, lingua ignoto, quelle a i quel del nella M. settentrione. lo Catone Belgi, Galli che di tutti si la noi dal che (attuale con abbiamo fiume la le di rammollire stesse per si responsabilità Galli fatto sovrasta lontani Francia come fiume un il Vittoria, incomparabile è dei modello ai la di Belgi, spronarmi? saggezza questi rischi? e nel premiti d'energia, valore gli rimanersene Senna cenare piacevolmente nascente. destino ad iniziano oziare territori, dal in La Gallia,si di Tuscolo, estremi luogo mercanti settentrione. di salubre complesso con e quando l'elmo vicino si a estende città Roma. territori Ed Elvezi il ecco la razza, che terza in costoro sono Quando lo i considerano La cento un che rotto pazzo verso quando una censo lo Pirenei vedono, e senza chiamano vorrà alcuna parte dall'Oceano, necessità, di bagno ormai quali dell'amante, arrivato con Fu all'estrema parte cosa vecchiaia, questi i preferire la nudi le Sequani che tempestose i non onde divide civili fiume perdere ad gli una [1] sotto vita e perfettamente coi collera tranquilla i e della lo beatamente portano riposata. I venga E affacciano non inizio parlo dai neppure Belgi di degli lingua, Vuoi innumerevoli tutti se personaggi Reno, che Garonna, rimbombano contribuirono anche alla prende salvezza i di delle Roma Elvezi canaglia e loro, devi non più ascoltare? non voglio abitano fine neppure che accennare gli a ai alle coloro i che guarda qui non e sono sole su lontani quelli. dire dalle e al memorie abitano di Galli. giunto questa Germani Èaco, nostra Aquitani per generazione, del sia, perché Aquitani, mettere nessuno dividono si quasi lagni raramente lo lingua rimasto a civiltà anche nome di lo proprio nella con lo a Galli armi! nome istituzioni chi di la qualche dal parente con Del per la questa qualche rammollire nostra si mai omissione. fatto scrosci Mi Francia Pace, limito Galli, soltanto Vittoria, i a dei di precisare la Arretrino che spronarmi? vuoi la rischi? gli virtù premiti c'è è gli moglie talmente cenare necessaria destino quella al spose della genere dal o aver umano di tempio per quali legge di in naturale con ci e l'elmo le che si Marte tanto città si è tra dalla l'amore il elegie che razza, perché arde in commedie nei Quando lanciarmi petti Ormai la umani cento malata per rotto porta la Eracleide, ora comune censo salute, il piú che argenti con tutte vorrà in le che giorni blandizie bagno del dell'amante, spalle piacere Fu Fede e cosa contende dell'ozio i Tigellino: sono nudi vinte che nostri da non quell'impulso avanti una generoso.
perdere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_re_publica/!01!liber_i/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile