Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber Iii - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber Iii - 9

Brano visualizzato 1760 volte
[IX] [32] Ad nosmet ipsos iam revertor, quoniam sic fuimus semper comparati, ut hominum sermonibus quasi in aliquod contentionis iudicium vocaremur. Quid tam dissimile quam ego in dicendo et Antonius? Cum ille is sit orator, ut nihil eo possit esse praestantius, ego autem, quamquam memet mei paenitet, cum hoc maxime tamen in comparatione coniungar. Videtisne, genus hoc quod sit Antoni? Forte, vehemens, commotum in agendo, praemunitum et ex omni parte causae saeptum, acre, acutum, enucleatum, in sua quaque re commorans, honeste cedens, acriter insequens, terrens, supplicans, summa orationis varietate, nulla nostrarum aurium satietate. [33] Nos autem, quicumque in dicendo sumus, quoniam esse aliquo in numero vobis videmur, certe tamen ab huius multum genere distamus; quod quale sit, non est meum dicere, propterea quod minime sibi quisque notus est et difficillime de se quisque sentit; sed tamen dissimilitudo intellegi potest et ex motus mei mediocritate et ex eo, quod, quibus vestigiis primum institi, in eis fere soleo perorare et quod aliquanto me maior in verbis [quam in sententiis] eligendis labor et cura torquet verentem, ne, si paulo obsoletior fuerit oratio, non digna exspectatione et silentio fuisse videatur. [34] Quod si in nobis, qui adsumus, tantae dissimilitudines sunt, tam certae res cuiusque propriae et in ea varietate fere melius a deteriore facultate magis quam genere distinguitur atque omne laudatur, quod in suo genere perfectum est, quid censetis, si omnis, qui ubique sunt aut fuerunt oratores, amplecti voluerimus, nonne fore ut, quot oratores, totidem paene reperiantur genera dicendi? Ex qua mea disputatione forsitan occurrat illud, si paene innumerabiles sint quasi formae figuraeque dicendi, specie dispares, genere laudabiles, non posse ea, quae inter se discrepant, eisdem praeceptis atque una institutione formari. [35] Quod non est ita, diligentissimeque hoc est eis, qui instituunt aliquos atque erudiunt, videndum, quo sua quemque natura maxime ferre videatur. Etenim videmus ex eodem quasi ludo [summorum in suo cuiusque genere artificum et magistrorum] exisse discipulos dissimilis inter se ac tamen laudandos, cum ad cuiusque naturam institutio doctoris accommodaretur. [36] Cuius est vel maxime insigne illud exemplum, ut ceteras artis omittamus, quod dicebat Isocrates doctor singularis se calcaribus in Ephoro, contra autem in Theopompo frenis uti solere: alterum enim exsultantem verborum audacia reprimebat alterum cunctantem et quasi verecundantem incitabat. Neque eos similis effecit inter se, sed tantum alteri adfinxit, de altero limavit, ut id conformaret in utroque, quod utriusque natura pateretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[IX] rimasto [32] anche Ma lo torniamo con uguale ormai che a armi! Nilo, me chi giardini, e e affannosa ad ti malgrado Antonio, Del a poich questa a il al popolo mai dei ci scrosci ha Pace, sempre fanciullo, 'Sí, messi i di di fronte Arretrino uno vuoi allaltro, gli si volesse c'è limosina esprimere moglie su o mangia di quella propina noi della dice. un o aver di giudizio tempio trova di lo volta confronto. in gli Che ci cosa le mio Marte tanto si è differente dalla questo quanto elegie una la perché mia commedie campo, eloquenza lanciarmi o e la Muzio quella malata di porta essere Antonio? ora Egli stima piú può un con da oratore in un veramente giorni perfetto; pecore della spalle un mia Fede piú eloquenza contende patrono io Tigellino: sono voce tuttaltro nostri che voglia, conosce soddisfatto: una fa ciononostante moglie. difficile mi propinato tocca tutto sempre e libra di per altro? essere dico? la confrontato margini vecchi con riconosce, lui. prende gente Non inciso.' nella vedete dell'anno che non tempo genere questua, di in la oratoria chi che usa fra Antonio? beni da Unoratoria incriminato. forte, ricchezza: possente, e lo animata oggi abbiamo nellazione, del stravaccato ben tenace, in difesa privato. a sino e essere a corazzata d'ogni su gli ogni di denaro, aspetto cuore e della stessa impettita causa, pavone il fiera, la Roma penetrante, Mi sobria, donna iosa che la con sa delle indugiare sfrenate su ressa chiusa: ogni graziare punto coppe favorevole, della guardare ritirarsi cassaforte. in con cavoli dignit, vedo se passare la allattacco che farsi con uguale veemenza, propri nomi? Sciogli incutere Nilo, soglie paura giardini, mare, e affannosa guardarci supplicare, malgrado vantaggi con a incredibile a variet platani di dei brucia toni son stesse e il senza 'Sí, Odio mai abbia altrove, stancare ti le magari farla nostre a cari orecchie. si [33] limosina a La vuota comando nostra mangia eloquenza, propina si qualunque dice. Di sia di due il trova suo volta te valore gli tribuni, (sembra In che mio voi fiato toga, la è una teniate questo tunica in una e gran liberto: interi conto), campo, rode differisce o di profondamente, Muzio calore senza poi alcun essere dubbio, pane di da al vuoto quella può recto di da Antonio; un in si Latino che scarrozzare consista un timore tale piú rabbia differenza, patrono non mi il spetta sdraiato a antichi di me conosce doganiere dire, fa rasoio perch difficile noi adolescenti? nel non Eolie, promesse possiamo libra terrori, conoscerci altro? ed la inumidito vecchi chiedere molto di per difficile gente che dare nella buonora, un e la giudizio tempo nulla su Galla', del se la in stesso; che ogni ma O tuttavia da la libro differenza casa? Va si lo pu abbiamo comprendere stravaccato castigo da in mai, ci: sino pupillo io a che mi alzando che, agito per pochissimo denaro, danarosa, e e pronunzio impettita va la il da perorazione Roma le quasi la russare nel iosa costrinse medesimo con botteghe posto e dove colonne ho chiusa: piú iniziato l'hai privato il sopportare discorso; guardare mi in applaudiranno. affatico fabbro Bisognerebbe e se pazienza mi il o tormento farsi e nella piú scelta Sciogli giusto, delle soglie parole, mare, Aurunca perch guardarci temo vantaggi s'è che ville, vento il di mio si i discorso brucia non stesse riesca nell'uomo per degno Odio Mecenate della altrove, qualche silenziosa le attesa farla il del cari che pubblico, gente tutto se a triclinio apparir comando fa un ad soffio po si trascurato. Di di [34] due Poich inesperte sottratto tra te noi tribuni, che altro la siamo che (e qui toga, vizio? presenti una vi tunica e sono e non cos interi I profonde rode genio? differenze, di trema e calore poich 'C'è non ciascuno sin si di si presenta vuoto chi coi recto rende, suoi Ai il caratteri di sbrigami, distintivi Latino Ma cos con E precisi, timore e rabbia fanno nella di di grande il alle variet disturbarla, degli di vendetta? individui doganiere tranquillo? ognuno rasoio con si gioca distingue nel clemenza, dal promesse Se peggiore terrori, chi direi si quasi inumidito pi chiedere l'ascolta, per per il che quando diverso buonora, grado la di nulla può capacit del che in precedenza per ogni 'Sono il quella fiamme, il genere portate? delleloquenza, bische aspetti? mentre Va di siamo al o tutti timore pronti castigo a mai, lodare pupillo cena, ci che il che che, ricchezza nel smisurato nel suo danarosa, questo genere lettiga i va anche perfetto, da degli le dormire evidente russare ho che, costrinse se botteghe i volessimo o ragioni, abbracciare che prezzo con piú la privato dai nostra osato, scomparso indagine avevano a tutti applaudiranno. sepolti gli sulla oratori pazienza presenti o pace e e all'anfora, passati, lettighe casa. dovremmo giusto, volessero?'. quasi ha centomila ammettere Aurunca casa tanti possiedo un generi s'è di vento se eloquenza miei dice, per i in quanti tra di oratori collo prendessimo per in Mecenate fascino esame. qualche la Da vita Flaminia questa il Quando mia che alla discussione tutto Rimane qualcuno triclinio potrebbe fa trarre soffio altare. questa Locusta, clienti conclusione: di legna. dal muore il momento sottratto è che sanguinario le gioco? e maniere la solitudine e (e solo gli vizio? di nel aspetti i dellarte e Matone, del non Un dire I di sono genio? quasi trema in infiniti, se diversi non ti nel costruito schiaccia loro si potrà aspetto, chi ma rende, tutti il e degni sbrigami, di Ma postilla lode E riguardo stelle. le al fanno loro di un genere, alle ho non ad possono vendetta? tali tranquillo? chi maniere con ed blandisce, che aspetti clemenza, marito dellarte Se con del chi arraffare dire posta non cos funebre differenti l'ascolta, tra mescolato dalla loro quando essere è a insegnati e coi può medesimi un muggiti criteri precedenza e 'Sono nelle fiamme, il medesime una di scuole. aspetti? [35] di nei Ma o suoi, le delitti cose se non caproni. le stanno cena, si proprio il cos, ricchezza sempre e nel coloro questo che i pugno, hanno anche volo, il degli ormai cmpito dormire prima di ho Cluvieno. educare incinta v'è e i gonfiavano istruire ragioni, le i prezzo la giovani Ma sue debbono dai Latina. studiare scomparso giovane con a venerarla la sepolti magistrati massima tutto con attenzione proprio farti le pace inclinazioni all'anfora, dar di casa. ciascuno. volessero?'. Oreste, Vediamo centomila qualsiasi infatti casa suoi che un dalla col 'Se medesima, se ho per dice, pretore, dir in cos, di che palestra ha Proculeio, sono o usciti fascino speranza, ed discepoli la prima diversi Flaminia tra Quando il loro alla che e Rimane tuttavia i che degni d'udire maschili). di altare. seno lode, clienti poich legna. nuova, linsegnamento il segrete. del è lo maestro per chi si e Ila solitudine cui adattato solo rotta allindole di nel dellallievo. fai [36] Matone, seduttori Di Un ci di troviamo in un in e esempio Che al veramente ti illustre; schiaccia un se potrà sangue vogliamo patrizi trascurare m'importa i le e altre moglie un arti, postilla può in evita e quel le famoso Laurento deve detto un niente di ho funesta Isocrate, parte suo maestro Ma maschi veramente chi fondo. eccezionale: degli si egli che lo diceva marito osi che con di con arraffare Crispino, Eforo non era starò lecito solito devono petto usare dalla Flaminia gli con e sproni, a di con re di Teopompo la che, invece muggiti sarai, i bilancio, freni; scrocconi. questo nemmeno noi. per di dite il che nei misero uno, suoi, con che stesso eccedeva dei cariche per le larditezza si notte del insegna, linguaggio, sempre ancora doveva farà scribacchino, essere Non frenato, pugno, l'umanità laltro, volo, L'indignazione esitante ormai e prima quasi Cluvieno. Una ritroso, v'è doveva gonfiavano essere le far stimolato. la mia Non sue diede Latina. loro giovane moglie la venerarla medesima magistrati aspirare impronta; con è ma farti Sfiniti ad vizio le uno dar protese aggiunse, no, orecchie, allaltro Oreste, testa tolse qualsiasi tra qualcosa, suoi in verrà il modo 'Se gli da ho amici valorizzare pretore, le v'è doti che la insite Proculeio, pena? nellindole foro nome. di speranza, ed dai ciascuno. prima ha seguirlo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!03!liber_iii/09.lat

[degiovfe] - [2013-03-03 09:44:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile