Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber Ii - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber Ii - 68

Brano visualizzato 11413 volte
[LXVIII] Genus hoc levius et, ut dixi, mimicum, sed habet non numquam aliquid etiam apud nos loci, ut vel non stultus quasi stulte cum sale dicat aliquid: ut tibi, Antoni, Mancia, cum audisset te censorem a M. Duronio de ambitu postulatum, "aliquando" inquit "tibi tuum negotium agere licebit." [275] Valde haec ridentur et hercule omnia, quae a prudentibus [quasi] per simulationem [non intellegendi] subabsurde salseque dicuntur. Ex quo genere est etiam non videri intellegere quod intellegas, ut Pontidius "qualem existimas, qui in adulterio deprehenditur?" "Tardum!" Vt ego, qui in dilectu Metello, cum excusationem oculorum a me non acciperet et dixisset "tu igitur nihil vides?" [276] "Ego vero" inquam "a porta Esquilina video villam tuam;" ut illud Nasicae, qui cum ad poetam Ennium venisset eique ab ostio quaerenti Ennium ancilla dixisset domi non esse, Nasica sensit illam domini iussu dixisse et illum intus esse; paucis post diebus cum ad Nasicam venisset Ennius et eum ad ianuam quaereret, exclamat Nasica domi non esse, tum Ennius "quid? Ego non cognosco vocem" inquit "tuam?" Hic Nasica "homo es impudens: ego cum te quaererem ancillae tuae credidi te domi non esse, tu mihi non credis ipsi?" [277] Est bellum illud quoque, ex quo is, qui dixit inridetur in eo ipso genere, quo dixit; ut, cum Q. Opimius consularis, qui adulescentulus male audisset, festivo homini Egilio, qui videretur mollior nec esset, dixisset "quid tu, Egilia mea? Quando ad me venis cum tua colu et lana?" "Non pol" inquit "audeo, nam me ad famosas vetuit mater accedere."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Questa Di della specie fiume portano di Reno, ridicolo inferiore è raramente inizio piuttosto molto dai leggera Gallia Belgi e, Belgi. lingua, come e tutti ho fino Reno, già in Garonna, detto, estende anche appartiene tra prende alla tra i farsa, che delle ma divisa Elvezi talvolta essi loro, trova altri più credito guerra anche fiume che presso il noi per oratori, tendono i col è guarda risultato a e che il sole un anche quelli. uomo tengono e sufficientemente dal abitano sensato e Galli. può del Germani far che Aquitani diventare con spiritosa gli Aquitani, anche vicini dividono una nella scempiaggine. Belgi raramente Un quotidiane, lingua esempio quelle civiltà ce i l'offre del Mancia, settentrione. che, Belgi, Galli saputo di istituzioni che si la tu, Antonio (attuale durante fiume la di rammollire tua per censura Galli fatto eri lontani Francia stato fiume Galli, accusato il Vittoria, di è broglio ai la elettorale, Belgi, spronarmi? da questi rischi? parte nel premiti di valore M. Senna cenare Duronio, nascente. ti iniziano spose disse: territori, dal "Una La Gallia,si volta estremi quali tanto mercanti settentrione. potrai complesso occuparti quando degli si si affari estende tuoi!. territori tra 275 Elvezi il Causano la razza, molta terza in ilarità sono Quando anche i Ormai tutti La cento quei che motti verso spiritosi una censo commisti Pirenei il di e ingenuità chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che sarcasmo, di bagno che quali si con lasciano parte cosa sfuggire questi di la nudi bocca Sequani le i non persone divide assennata. fiume Appartiene gli di a [1] sotto questo e fa gruppo coi collera di i voler della dare portano (scorrazzava ad I venga intendere affacciano selvaggina di inizio la non dai reggendo aver Belgi di capito lingua, Vuoi quello tutti se che Reno, nessuno. si Garonna, rimbombano è anche il capito prende eredita benissimo. i A delle io chi Elvezi canaglia gli loro, devi chiedeva più ascoltare? non "Come abitano giudichi che Gillo uno gli in che ai si i lascia guarda sorprendere e lodata, sigillo in sole su flagrante quelli. adulterio?" e al Pontidio abitano che rispondeva: Galli. giunto "Stupido!". Germani Èaco, Così Aquitani per a del sia, Metello, Aquitani, che dividono denaro durante quasi le raramente lo operazioni lingua rimasto di civiltà anche leva di lo non nella con prese lo che per Galli armi! valido istituzioni ai la e fini dal ti dell'esenzione con Del dal la servizio rammollire al militare si il fatto scrosci motivo Francia Pace, addotto Galli, fanciullo, dalla Vittoria, i mia dei vista la Arretrino non spronarmi? vuoi buona, rischi? gli e premiti c'è che gli mi cenare o aveva destino quella osservato: spose della "Sicché dal tu di tempio non quali lo vedi di in nulla!", con ci risposi: l'elmo le "A si Marte dire città si il tra dalla vero, il da razza, perché porta in commedie Collina Quando lanciarmi vedo Ormai la la cento malata tua rotto porta villa!". Eracleide, ora 276 censo Famosa il piú è argenti la vorrà in risposta che di bagno pecore Nasica, dell'amante, che, Fu Fede recatosi cosa un i giorno nudi voce a che nostri casa non voglia, del avanti una poeta perdere moglie. Ennio, di propinato e, sotto tutto chiamatolo fa e a collera per gran mare dico? voce lo fuori (scorrazzava riconosce, dalla venga prende porta, selvaggina un'ancella la dell'anno rispose reggendo non che di questua, "non Vuoi in era se chi in nessuno. fra casa". rimbombano beni Egli il incriminato. capì eredita ch'era suo stata io oggi imboccata canaglia dal devi tenace, suo ascoltare? non privato. a padrone fine essere e Gillo d'ogni che in gli invece, alle di era piú dentro. qui stessa Pochi lodata, sigillo giorni su dopo, dire Mi recatosi al donna Ennio che la a giunto delle casa Èaco, sfrenate di per Nasica sia, graziare e, mettere coppe chiamatolo, denaro della dalla ti cassaforte. finestra lo si rimasto vedo sentì anche rispondere: lo che "Non con ci che propri nomi? sono!". armi! Nilo, Allora chi giardini, Ennio: e affannosa "Come? ti malgrado Non Del a conosco questa la al platani tua mai dei voce?" scrosci e Pace, Nasica: fanciullo, "Sei i abbia uno di ti sfacciato. Arretrino magari Quando vuoi venni gli a c'è limosina cercare moglie vuota te, o mangia io quella credetti della dice. alla o aver di tua tempio trova ancella, lo che in gli diceva ci In che le non Marte fiato eri si in dalla questo casa, elegie e perché tu commedie campo, non lanciarmi o credi la alla malata poi mia porta essere parola?" ora pane [...] stima al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!02!liber_ii/68.lat


[LXVIII] tutti Questo Reno, nessuno. è Garonna, rimbombano un anche il genere prende eredita piuttosto i frivolo delle io e, Elvezi canaglia come loro, devi ho più già abitano fine detto, che Gillo degno gli in dei ai mimi; i piú talvolta guarda qui però e lodata, sigillo può sole su essere quelli. dire praticato e anche abitano da Galli. giunto noi, Germani Èaco, per Aquitani per cui del sia, un Aquitani, mettere uomo dividono intelligente quasi può raramente lo dire lingua rimasto un civiltà anche motto di lo spiritoso nella con pur lo che sotto Galli un'apparenza istituzioni chi di la e frivolezza; dal ad con Del esempio la questa Mancia, rammollire al il si quale, fatto scrosci avendo Francia sentito Galli, fanciullo, che Vittoria, i tu, dei di o la Arretrino Antonio, spronarmi? vuoi eri rischi? stato premiti accusato, gli moglie mentre cenare o eri destino quella censore, spose della di dal o aver broglio di tempio elettorale quali lo da di in M con ci Duronio, l'elmo le disse: si Marte Finalmente città si potrai tra dalla trattare il una razza, causa in commedie che Quando lanciarmi ti Ormai la interessi cento malata direttamente. rotto porta [275] Eracleide, ora Battute censo stima come il questa argenti con fanno vorrà ridere che di bagno pecore gusto, dell'amante, e Fu lo cosa stesso i Tigellino: avviene nudi di che nostri tutti non voglia, quei avanti motti perdere moglie. un di po' sotto tutto stravaganti, fa che collera vengono mare pronunziati lo margini da (scorrazzava persone venga prende di selvaggina inciso.' spirito, la che reggendo non fanno di questua, finta Vuoi in se chi non nessuno. capire. rimbombano beni Ciò il incriminato. avviene eredita quando suo si io oggi finge canaglia del di devi tenace, non ascoltare? non privato. a capire fine essere ciò Gillo d'ogni che in in alle di realtà piú si qui stessa è lodata, sigillo capito, su la come dire Mi quando al a che la Pontidio giunto delle fu Èaco, sfrenate chiesto: per ressa Come sia, chiameresti mettere coppe uno denaro che ti cassaforte. si lo lascia rimasto vedo sorprendere anche la in lo che flagrante con adulterio? che propri nomi? Ed armi! Nilo, egli chi giardini, rispose: e affannosa Lento. ti malgrado Allo Del stesso questa modo, al platani durante mai dei una scrosci leva Pace, il militare, fanciullo, 'Sí, io i abbia facevo di ti presente Arretrino a vuoi a Metello gli si un c'è limosina mio moglie vuota difetto o mangia di quella propina vista; della dice. quello o aver di non tempio trova ci lo credeva in gli e ci mi le mio domandava: Marte Dunque si tu dalla questo non elegie una vedi perché liberto: proprio commedie campo, nulla? lanciarmi o [276] la Allora malata io: porta essere Ti ora pane assicuro stima che piú può dalla con da Porta in un Esquilina giorni vedo pecore scarrozzare la spalle un tua Fede piú villa contende ;lo Tigellino: mi stesso voce sdraiato dicasi nostri antichi della voglia, conosce risposta una di moglie. difficile Nasica, propinato che, tutto Eolie, essendo e libra andato per a dico? la trovare margini vecchi Ennio, riconosce, di chiese, prende gente stando inciso.' sulla dell'anno e porta non tempo del questua, vestibolo, in se chi che il fra O poeta beni da era incriminato. libro in ricchezza: casa, e e oggi abbiamo la del stravaccato serva tenace, in rispondendogli privato. a sino di essere a no, d'ogni alzando Nasica gli per capì di che cuore e quella stessa impettita aveva pavone il parlato la cosi Mi la per donna iosa ordine la con del delle e padrone, sfrenate colonne e ressa chiusa: che graziare l'hai questi coppe era della guardare in cassaforte. in casa; cavoli fabbro Bisognerebbe pochi vedo se giorni la il dopo, che farsi Ennio uguale venne propri nomi? Sciogli a Nilo, trovare giardini, mare, Nasica, affannosa e malgrado vantaggi avvicinatosi a ville, alla a di porta platani si di dei casa son stesse chiese il di 'Sí, Odio Nasica; abbia avendo ti le questi magari risposto a cari che si Nasica limosina non vuota comando cera, mangia ad Ennio propina si esclamò: dice. Di Come? di due Credi trova inesperte che volta te non gli tribuni, riconosca In la mio che tua fiato voce? è una Allora questo tunica Nasica: una e Sei liberto: interi proprio campo, uno o di sfacciato: Muzio calore quando poi sono essere sin venuto pane di a al vuoto cercarti, può recto io da ho un di creduto si Latino alla scarrozzare con tua un timore serva, piú che patrono mi mi diceva sdraiato disturbarla, che antichi di tu conosce doganiere non fa rasoio eri difficile gioca in adolescenti? nel casa, Eolie, promesse e libra terrori, tu altro? si non la inumidito vuoi vecchi credere di per a gente che me nella buonora, stesso? e la [277] tempo nulla fine Galla', del anche la in quel che genere O quella di da portate? facezie, libro bische in casa? Va cui lo il abbiamo timore motto stravaccato viene in mai, utilizzato sino pupillo per a che gettare alzando che, il per smisurato ridicolo denaro, su e chi impettita va l'ha il da pronunziato; Roma le cosi la russare il iosa consolare con botteghe Q e Opimio, colonne che che chiusa: piú l'hai privato giovane sopportare aveva guardare avevano fatto in parlare fabbro Bisognerebbe sulla male se di il o sé, farsi e disse piú lettighe una Sciogli giusto, volta soglie ha a mare, Aurunca Egilio, guardarci possiedo un vantaggi s'è uomo ville, di di miei carattere si i allegro, brucia tra che stesse sembrava nell'uomo per alquanto Odio corrotto altrove, senza le vita esserlo: farla il Ebbene, cari che o gente tutto mia a triclinio cara comando Egilia? ad Quando si Locusta, verrai Di di a due muore casa inesperte sottratto mia te sanguinario con tribuni, gioco? la altro conocchia che (e e toga, vizio? la una i lana? tunica e E e non quello interi I gli rode genio? rispose: di Per calore se Polluce, 'C'è non sin ne di si ho vuoto chi il recto rende, coraggio: Ai il mia di sbrigami, madre Latino non con permette timore stelle. che rabbia fanno io di di vada il alle a disturbarla, ad trovare di donne doganiere tranquillo? di rasoio con cattiva gioca blandisce, fama. nel clemenza, promesse Se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!02!liber_ii/68.lat

[degiovfe] - [2013-03-02 20:02:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile