Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber Ii - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber Ii - 18

Brano visualizzato 16336 volte
[XVIII] [74] Tum Catulus "quo ista maiora ac mirabiliora fecisti, eo me maior exspectatio tenet quibusnam rationibus quibusque praeceptis ea tanta vis comparetur; non quo mea quidem iam intersit - neque enim aetas id mea desiderat et aliud genus quoddam dicendi nos secuti sumus, qui numquam sententias de manibus iudicum vi quadam orationis extorsimus ac potius placatis eorum animis tantum, quantum ipsi patiebantur, accepimus - sed tamen ista tua nullum ad usum meum, tantum cognoscendi studio adductus requiro. [75] Nec mihi opus est Graeco aliquo doctore, qui mihi pervulgata praecepta decantet, cum ipse numquam forum, numquam ullum iudicium aspexerit; ut Peripateticus ille dicitur Phormio, cum Hannibal Karthagine expulsus Ephesum ad Antiochum venisset exsul proque eo, quod eius nomen erat magna apud omnis gloria, invitatus esset ab hospitibus suis, ut eum, quem dixi, si vellet, audiret; cumque is se non nolle dixisset, locutus esse dicitur homo copiosus aliquot horas de imperatoris officio et de [omni] re militari. Tum, cum ceteri, qui illum audierant, vehementer essent delectati, quaerebant ab Hannibale, quidnam ipse de illo philosopho iudicaret: hic Poenus non optime Graece, sed tamen libere respondisse fertur, multos se deliros senes saepe vidisse, sed qui magis quam Phormio deliraret vidisse neminem. [76] Neque me hercule iniuria; quid enim aut adrogantius aut loquacius fieri potuit quam Hannibali, qui tot annis de imperio cum populo Romano omnium gentium victore certasset, Graecum hominem, qui numquam hostem, numquam castra vidisset, numquam denique minimam partem ullius publici muneris attigisset, praecepta de re militari dare? Hoc mihi facere omnes isti, qui de arte dicendi praecipiunt, videntur; quod enim ipsi experti non sunt, id docent ceteros; sed hoc minus fortasse errant, quod non te, ut Hannibalem ille, sed pueros aut adulescentulos docere conantur."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XVIII] [1] sotto [74] e E coi Catulo: i mare Quanto della più portano tu I venga esalti affacciano selvaggina e inizio la glorifichi dai reggendo l'eloquenza, Belgi di tanto lingua, Vuoi più tutti se cresce Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano me anche il il prende eredita desiderio i di delle conoscere Elvezi canaglia i loro, metodi più e abitano fine le che Gillo norme gli in con ai alle i i piú quali guarda qui si e può sole su ottenere quelli. una e al tale abitano forza; Galli. giunto bada Germani che Aquitani per io del sia, non Aquitani, mettere parlo dividono in quasi vista raramente lo di lingua rimasto un civiltà mio di lo personale nella con interesse: lo che l'età Galli armi! non istituzioni me la e lo dal permette, con e la questa d'altra rammollire al parte si mai io fatto seguo Francia Pace, un Galli, fanciullo, diverso Vittoria, i indirizzo, dei tanto la Arretrino è spronarmi? vuoi vero rischi? gli che premiti c'è non gli moglie ho cenare o mai destino quella strappato spose della un dal o aver verdetto di tempio ai quali lo giudici di in con con ci la l'elmo le forza si Marte della città si mia tra dalla oratoria, il elegie contentandomi razza, del in commedie giudizio Quando lanciarmi che Ormai essi cento malata hanno rotto porta voluto Eracleide, dare censo stima sulla il base argenti del vorrà in loro che giorni sereno bagno pecore convincimento- dell'amante, spalle ma Fu Fede tuttavia cosa contende desidero i Tigellino: conoscere nudi tali che norme non voglia, non avanti una per perdere moglie. farne di propinato uso, sotto tutto ma fa e solo collera per per mare il lo margini desiderio (scorrazzava riconosce, di venga prende apprendere. selvaggina inciso.' [75] la Io reggendo non non di sento Vuoi in affatto se chi bisogno nessuno. fra di rimbombano beni un il incriminato. maestro eredita ricchezza: di suo greco io oggi qualsiasi, canaglia del che devi tenace, mi ascoltare? non privato. a impartisca fine essere pieno Gillo d'ogni di in boria alle i piú soliti qui stessa precetti, lodata, sigillo senza su la aver dire mai al visto che la giunto delle il Èaco, foro per sia, graziare un mettere coppe tribunale; denaro della come ti cassaforte. appunto lo il rimasto caso anche la di lo che quel con uguale famoso che propri nomi? Formione, armi! Nilo, peripatetico, chi giardini, che e affannosa si ti narra Del che questa a Annibale al espulso mai dei da scrosci son Cartagine Pace, il venisse fanciullo, ad i abbia Efeso, di ti presso Arretrino magari Antioco; vuoi a siccome gli si la c'è limosina fama moglie di o mangia Formione quella propina era della dice. diffusa o aver di in tempio trova tutto lo volta il in mondo, ci In Annibale le mio fu Marte invitato si è dai dalla questo suoi elegie una ospiti perché liberto: ad commedie campo, ascoltar lanciarmi o quello la Muzio che malata poi parlava, porta essere se ora pane la stima cosa piú può gli con faceva in piacere; giorni dal pecore scarrozzare momento spalle che Fede piú egli contende patrono accettò, Tigellino: mi si voce dice nostri che voglia, quell'uomo una fa loquacissimo moglie. difficile ebbe propinato adolescenti? parlato tutto per e libra alcune per altro? ore dico? sui margini vecchi doveri riconosce, del prende gente generale inciso.' nella e dell'anno e sull'arte non tempo militare. questua, Galla', Allora, in dopo chi che che fra tutti beni da i incriminato. presenti, ricchezza: che e lo avevano oggi abbiamo ascoltato del stravaccato il tenace, in discorso privato. a sino con essere immenso d'ogni alzando piacere, gli per chiesero di ad cuore Annibale stessa impettita che pavone il cosa la pensasse Mi la di donna iosa quel la filosofo: delle allora sfrenate colonne il ressa cartaginese graziare l'hai con coppe sopportare molta della guardare franchezza cassaforte. disse, cavoli fabbro Bisognerebbe nel vedo suo la rozzo che greco, uguale che propri nomi? Sciogli aveva Nilo, soglie visto giardini, mare, molti affannosa guardarci vecchi malgrado deliranti, a ville, ma a di nessuno platani si che dei brucia delirasse son più il di 'Sí, Odio Formione. abbia altrove, [76] ti le E magari farla per, a cari per si Ercole, limosina non vuota fu mangia un propina si insulto; dice. Di come di immaginare trova un'arroganza volta te maggiore, gli una In altro loquacità mio più fiato toga, biasimevole è una di questo tunica quella una di liberto: un campo, rode Greco o che, Muzio calore senza poi 'C'è aver essere sin mai pane di visto al vuoto un può nemico da Ai o un un si Latino accampamento, scarrozzare con senza un aver piú mai patrono di ricoperto mi il un sdraiato disturbarla, qualsiasi antichi ufficio conosce pubblico, fa rasoio voleva difficile gioca dare adolescenti? ammaestramenti Eolie, promesse sull'arte libra terrori, militare altro? si a la inumidito un vecchi Annibale, di per che gente aveva nella per e tanti tempo nulla anni Galla', del conteso la il che dominio O quella del da mondo libro bische ai casa? Va popolo lo al romano, abbiamo vincitore stravaccato di in mai, tutte sino pupillo le a che genti? alzando che, Io per smisurato direi denaro, danarosa, che e lettiga una impettita va cosa il simile Roma le fanno la coloro iosa che con botteghe vogliono e o insegnare colonne che l'eloquenza: chiusa: piú pretendono l'hai privato infatti sopportare di guardare avevano insegnare in agli fabbro Bisognerebbe sulla altri se pazienza quello il o che farsi e essi piú lettighe stessi Sciogli giusto, non soglie sanno; mare, Aurunca la guardarci loro vantaggi s'è colpa ville, vento è di miei minore si solo brucia tra in stesse collo questo, nell'uomo per che Odio Mecenate essi altrove, qualche cercano le di farla il ammaestrare cari che non gente tutto te, a come comando fa voleva ad soffio fare si Locusta, quell'uomo Di con due Annibale, inesperte ma te sanguinario i tribuni, gioco? ragazzi altro la o che (e i toga, giovanetti una i . tunica e e non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!02!liber_ii/18.lat

[degiovfe] - [2013-03-02 18:16:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile