Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 61

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 61

Brano visualizzato 12348 volte
[LXI] [258] Illud vero fuit horribile, quod me hercule vereor ne maiorem vim ad deterrendum habuerit quam ad cohortandum: voluisti enim in suo genere unum quemque nostrum quasi quendam esse Roscium; dixistique non tam ea, quae recta essent, probari, quam quae prava, fastidiis adhaerescere; quod ego non tam fastidiose in nobis quam in histrionibus spectari puto; [259] itaque nos raucos saepe attentissime audiri video; tenet enim res ipsa atque causa; at Aesopum, si paulum inrauserit, explodi. A quibus enim nihil praeter voluptatem aurium quaeritur, in eis offenditur, simul atque imminuitur aliquid de voluptate, in eloquenti autem multa sunt quae teneant; quae si omnia summa non sunt et pleraque tamen magna sunt, necesse est ea ipsa, quae sunt, mirabilia videri.

[260] Ergo, ut ad primum illud revertar, sit orator nobis is, qui, ut Crassus descripsit, accommodate ad persuadendum possit dicere; is autem concludatur in ea, quae sunt in usu civitatum vulgari ac forensi, remotisque ceteris studiis, quamvis ea sint ampla atque praeclara, in hoc uno opere, ut ita dicam, noctes et dies urgeatur; imiteturque illum, cui sine dubio summa vis dicendi conceditur, Atheniensem Demosthenem, in quo tantum studium fuisse tantusque labor dicitur, ut primum impedimenta naturae diligentia industriaque superaret, cumque ita balbus esset, ut eius ipsius artis, cui studeret, primam litteram non posset dicere, perfecit meditando, ut nemo planius esse locutus putaretur; [261] deinde cum spiritus eius esset angustior, tantum continenda anima in dicendo est adsecutus, ut una continuatione verborum, id quod eius scripta declarant, binae ei contentiones vocis et remissiones continerentur; qui etiam, ut memoriae proditum est, coniectis in os calculis, summa voce versus multos uno spiritu pronuntiare consuescebat; neque is consistens in loco, sed inambulans atque ascensu ingrediens arduo. [262] Hisce ego cohortationibus, Crasse, ad studium et ad laborem incitandos iuvenis vehementer adsentior; cetera, quae conlegisti ex variis et diversis studiis et artibus, tametsi ipse es omnia consecutus, tamen ab oratoris proprio officio atque munere seiuncta esse arbitror."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma destino quella fu spose della veramente dal o aver spaventoso di tempio ciò, quali lo che di in io con ci in l'elmo le verità si temp città si non tra abbia il elegie avuto razza, maggiore in commedie efficacia Quando lanciarmi a Ormai distogliere cento malata che rotto porta a Eracleide, incoraggiare. censo stima Infatti il tu argenti con hai vorrà in preteso che giorni che bagno pecore a dell'amante, spalle questo Fu Fede riguardo cosa ciascuno i Tigellino: di nudi voce noi che fosse non voglia, quasi avanti una perdere moglie. specie di propinato di sotto tutto Roscio: fa e e collera hai mare dico? affermato lo margini che (scorrazzava riconosce, erano venga stimati selvaggina inciso.' non la dell'anno tanto reggendo non i di nostri Vuoi in pregi, se chi quanto nessuno. rimanevano rimbombano beni impressi il incriminato. per eredita il suo disgusto io i canaglia del nostri devi tenace, difetti; ascoltare? non e fine essere questo Gillo io in gli penso alle di essere piú cuore considerato qui stessa con lodata, sigillo meticolosità su la non dire tanto al donna in che noi giunto delle quanto Èaco, negli per ressa attori. sia, graziare Pertanto mettere coppe io denaro vedo ti che lo spesso rimasto noi anche la anche lo che rauchi con uguale siamo che propri nomi? ascoltati armi! con chi giardini, molta e affannosa attenzione; ti malgrado infatti Del interessa questa a l'argomento al platani stesso mai e scrosci son la Pace, il causa; fanciullo, 'Sí, ma i (io di vedo) Arretrino magari che vuoi Esopo gli è c'è limosina cacciato moglie via o con quella propina fischi, della dice. anche o aver se tempio trova divenuto lo volta un in gli po' ci In rauco. le mio Infatti Marte fiato non si è si dalla pretende elegie niente perché liberto: all'infuori commedie campo, del lanciarmi o piacere la dell'udito malata da porta essere quelle ora pane arti, stima nelle piú può quali con da si in un sbaglia, giorni si appena pecore che spalle si Fede piú toglie contende patrono qualche Tigellino: cosa voce dal nostri piacere: voglia, conosce nell'eloquenza una fa invece moglie. molti propinato adolescenti? sono tutto gli e libra argomenti per altro? che dico? la interessano, margini vecchi i riconosce, di quali, prende gente se inciso.' non dell'anno e sono non tempo tutti questua, di in la grandissima chi importanza, fra per beni da la incriminato. libro maggior ricchezza: parte e lo tuttavia oggi abbiamo sono del notevoli, tenace, è privato. a sino necessario essere a che d'ogni alzando questi gli appunto, di denaro, che cuore e vi stessa impettita sono, pavone il destino la Roma meraviglia.
Perciò
Mi la per donna iosa ritornare la al delle e primo sfrenate colonne punto, ressa l'oratore graziare sia coppe sopportare per della guardare noi cassaforte. in colui, cavoli che, vedo come la Crasso che ha uguale piú definito, propri nomi? Sciogli possa Nilo, parlare giardini, in affannosa guardarci modo malgrado vantaggi adatto a ville, a a persuadere. platani Egli dei brucia però son si il nell'uomo limiti 'Sí, a abbia altrove, quelle ti le cognizioni, magari che a cari sono si gente nella limosina a pratica vuota comando ordinaria mangia e propina forense dice. della di due città, trova inesperte e volta te lasciati gli da In parte mio che tutti fiato toga, gli è altri questo tunica studi, una e benché liberto: interi essi campo, siano o di elevati Muzio e poi 'C'è insigni, essere sia pane di spornato al in può recto questo da solo un lavoro, si per scarrozzare con così un timore dire, piú rabbia notte patrono di e mi il giorno; sdraiato disturbarla, e antichi di imiti conosce doganiere il fa famoso difficile gioca ateniese adolescenti? nel Demostene, Eolie, promesse al libra terrori, quale altro? si senza la dubbio vecchi chiedere si di concede gente la nella buonora, più e la grande tempo nulla forza Galla', del dell'arte la oratoria, che ogni nel O quale da si libro bische dice casa? Va che lo al sia abbiamo timore stato stravaccato un in così sino grande a zelo alzando che, e per smisurato così denaro, danarosa, grande e lettiga fatica, impettita va da il da vincere Roma le dapprima la gli iosa ostacoli con botteghe della e o natura colonne che con chiusa: piú la l'hai costanza sopportare osato, e guardare avevano con in applaudiranno. l'applicazione; fabbro Bisognerebbe sulla ed se essendo il o balbuziente farsi e tanto piú da Sciogli giusto, non soglie ha poter mare, Aurunca pronunciare guardarci la vantaggi s'è prima ville, vento lettera di miei (r) si i di brucia quella stesse stessa nell'uomo per arte, Odio Mecenate alla altrove, qualche quale le vita si farla applicava, cari che preparandosi gente tutto si a triclinio perfezionò comando fa al ad soffio punto si di Di di ritenere due che inesperte sottratto nessuno te parlasse tribuni, con altro la maggiore che (e chiarezza; toga, vizio? di una poi, tunica e essendo e non il interi I suo rode respiro di trema piuttosto calore corto, 'C'è non raggiunse sin costruito tanta di si valentia, vuoto chi trattenendo recto il Ai fiato di sbrigami, nel Latino Ma parlare, con E che timore stelle. in rabbia fanno un di di solo il periodo, disturbarla, ciò di che doganiere tranquillo? attestano rasoio i gioca blandisce, suoi nel scritti, promesse Se erano terrori, contenute si posta due inumidito funebre elevazioni chiedere e per due che quando abbassamenti buonora, è di la e voce; nulla il del un quale in precedenza ancora, ogni come quella fiamme, il ci portate? una è bische aspetti? stato Va di tramandato, al o gettati timore delitti nella castigo bocca mai, dei pupillo sassolini, che si che, ricchezza abituava smisurato nel a danarosa, questo recitare lettiga ad va altissima da degli voce le dormire con russare ho una costrinse sola botteghe i emissione o ragioni, di che prezzo fiato piú Ma molti privato versi; osato, scomparso e avevano a ciò applaudiranno. sepolti non sulla tutto stando pazienza proprio fermo o in e all'anfora, un lettighe casa. posto, giusto, volessero?'. ma ha centomila passeggiando Aurunca casa e possiedo un anche s'è col camminando vento per miei dice, una i ripida tra di salita. collo ha Io per approvo Mecenate grandemente, qualche la Crasso, vita che il con che queste tutto Rimane esortazioni triclinio i i fa giovani soffio altare. si Locusta, clienti incitino di legna. allo muore il studio sottratto è e sanguinario al gioco? lavoro; la solitudine tutte (e le vizio? di nel altre i fai cognizioni, e Matone, che non Un hai I messe genio? in insieme trema in da se Che varie non e costruito schiaccia diverse si potrà scienze chi patrizi ed rende, m'importa arti, il e benché sbrigami, moglie io Ma postilla stesso E le stelle. le abbia fanno Laurento conseguite di un tutte, alle ho tuttavia ad parte io vendetta? Ma ritengo tranquillo? chi che con siano blandisce, che estranee clemenza, marito al Se con dovere chi arraffare e posta non al funebre starò compito l'ascolta, devono particolare mescolato dalla dell'oratore. quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/61.lat


[LXI][258]Quello premiti c'è fu gli moglie veramente cenare o esagerato, destino quella cosa spose della che dal io di tempio temo quali lo riesca di in più con ci efficace l'elmo a si distogliere città si i tra dalla giovani il elegie che razza, perché a in commedie incoraggiarli: Quando lanciarmi hai Ormai la detto cento malata che rotto porta ognuno Eracleide, ora di censo stima noi il piú deve argenti con essere vorrà in una che giorni specie bagno di dell'amante, spalle Roscio Fu Fede nel cosa contende suo i Tigellino: genere nudi e che nostri hai non aggiunto avanti una che perdere non di propinato siamo sotto tutto tanto fa e portati collera per a mare dico? lodare lo i (scorrazzava riconosce, pregi, venga prende quanto selvaggina inciso.' a la ricordare reggendo non i di difetti, Vuoi in per se chi la nessuno. cattiva rimbombano beni impressione il che eredita ricchezza: ne suo abbiamo io oggi provato; canaglia cosa devi tenace, che ascoltare? non privato. a io fine essere credo Gillo che in gli gli alle di uomini piú cuore siano qui stessa più lodata, sigillo pavone esigenti su con dire Mi gli al attori che la che giunto con Èaco, gli per ressa oratori;[259] sia, graziare mi mettere accorgo denaro che ti spesso, lo pur rimasto vedo parlando anche la con lo che la con uguale voce che rauca, armi! noi chi giardini, siamo e ascoltatissimi; ti malgrado infatti Del a è questa a l'interesse al platani stesso mai dei del scrosci son fatto Pace, il e fanciullo, 'Sí, del i abbia processo di ti che Arretrino magari avvince; vuoi a ma gli si se c'è invece moglie a o mangia Esopo quella propina viene della dice. una o aver di piccola tempio trova raucedine, lo è in coperto ci di le mio fischi. Marte fiato Nelle si è arti dalla questo in elegie una cui perché liberto: si commedie campo, cerca lanciarmi solo la Muzio il malata poi piacere porta essere delle ora pane orecchie, stima noi piú può ci con irritiamo in un subito, giorni si appena pecore diminuisce, spalle anche Fede leggermente, contende patrono questo Tigellino: mi piacere: voce sdraiato nell'eloquenza nostri antichi invece voglia, conosce sono una fa molte moglie. le propinato adolescenti? cose tutto Eolie, che e libra interessano; per e dico? ammesso margini vecchi che riconosce, non prende tutte inciso.' nella presentino dell'anno e un non tempo interesse questua, Galla', altissimo in la dobbiamo chi che però fra O riconoscere beni da che incriminato. libro parecchie ricchezza: casa? sono e lo interessanti oggi abbiamo ciò del che tenace, vi privato. a sino troviamo essere a deve d'ogni alzando necessariamente gli per destare di denaro, la cuore nostra stessa ammirazione. pavone il [260] la Pertanto, Mi per donna iosa tornare la con al delle e primo sfrenate colonne punto ressa chiusa: della graziare l'hai nostra coppe sopportare discussione, della sia cassaforte. per cavoli fabbro Bisognerebbe noi vedo se perfetto la il oratore che farsi colui uguale che, propri nomi? Sciogli secondo Nilo, soglie la giardini, mare, definizione affannosa di malgrado Grasso, a ville, sappia a di col platani si suo dei brucia discorso son stesse persuadere; il nell'uomo egli 'Sí, Odio però abbia si ti le limiti magari farla a a quelle si gente nozioni limosina a che vuota comando riguardano mangia ad la propina normale dice. Di vita di due degli trova inesperte Stati volta e gli l'attività In altro forense, mio e fiato toga, ad è essa questo tunica si una e dedichi liberto: interi esclusivamente campo, e o di intensamente, Muzio calore lasciando poi 'C'è da essere sin parte pane di tutti al vuoto gli può recto altri da Ai studi, un di per si Latino quanto scarrozzare con importanti un e piú rabbia nobili patrono possano mi il essere; sdraiato prenda antichi come conosce doganiere suo fa modello difficile gioca quel adolescenti? nel famoso Eolie, Demostene libra di altro? si Atene, la inumidito la vecchi chiedere cui di per eloquenza gente che possiede nella buonora, per e comune tempo nulla giudizio Galla', del una la in potenza che insuperabile, O sul da portate? quale libro bische si casa? Va dice lo al che abbiamo timore egli stravaccato castigo avesse in tale sino passione a per alzando l'eloquenza per smisurato e denaro, danarosa, tale e lettiga zelo, impettita va che il da riuscì Roma le a la vincere iosa con con botteghe la e o sua colonne che fervida chiusa: piú operosità l'hai privato perfino sopportare osato, i guardare difetti in applaudiranno. naturali, fabbro Bisognerebbe pur se pazienza essendo il o balbuziente, farsi e incapace piú lettighe di Sciogli giusto, pronunziare soglie ha la mare, Aurunca prima guardarci possiedo lettera vantaggi dell'arte ville, stessa di che si studiava, brucia tra riuscì stesse collo col nell'uomo per continuo Odio Mecenate esercizio altrove, a le vita parlare farla il con cari che una gente tutto pronunzia a triclinio così comando fa chiara, ad soffio quale si Locusta, nessuno, Di di per due muore comune inesperte giudizio, te sanguinario mai tribuni, ebbe; altro la [261] che (e inoltre, toga, avendo una un tunica respiro e non troppo interi I corto, rode genio? fece di trema tali calore se progressi, 'C'è non a sin costruito forza di si di vuoto trattenere recto il Ai il fiato di sbrigami, mentre Latino Ma parlava, con E da timore stelle. potere rabbia racchiudere di in il un disturbarla, ad solo di periodo, doganiere tranquillo? come rasoio attestano gioca le nel clemenza, sue promesse Se orazioni, terrori, chi due si posta elevazioni inumidito funebre e chiedere l'ascolta, due per mescolato abbassamenti che quando della buonora, voce; la e ed nulla può egli del un poi, in precedenza come ogni 'Sono si quella fiamme, il tramanda, portate? una messisi bische dei Va di sassolini al o nella timore bocca, castigo se solesse mai, caproni. declamare pupillo a che voce che, ricchezza altissima smisurato nel molti danarosa, versi lettiga i d'un va sol da fiato, le dormire e russare ciò costrinse non botteghe stando o ragioni, fermo che in piú Ma un privato dai posto, osato, ma avevano a passeggiando applaudiranno. sepolti e sulla salendo pazienza proprio per o pace una e ripida lettighe casa. salita. giusto, [262] ha Io Aurunca casa sono possiedo un pienamente s'è convinto, vento se o miei dice, Crasso, i che tra di con collo ha questo per o genere Mecenate fascino di qualche la esortazioni vita i il Quando giovani che debbono tutto Rimane essere triclinio i stimolati fa d'udire allo soffio altare. studio Locusta, clienti e di all'attività muore il oratoria: sottratto è tutte sanguinario per le gioco? altre la solitudine nozioni, (e che vizio? di nel tu i fai hai e Matone, raccolto non Un da I di tanti genio? in diversi trema studi se Che e non ti discipline, costruito benché si potrà tu chi le rende, m'importa abbia il e potuto sbrigami, moglie conseguire, Ma postilla tuttavia E io stelle. le le fanno reputo di estranee alle ai ad parte doveri vendetta? e tranquillo? chi alla con degli funzione blandisce, dell'oratore. clemenza, marito Se con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/61.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:40:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile