Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 60

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 60

Brano visualizzato 4474 volte
[LX] [254] Nam quod dicis senectutem a solitudine vindicari iuris civilis scientia, fortasse etiam pecuniae magnitudine; sed nos non quid nobis utile, verum quid oratori necessarium sit, quaerimus. Quamquam, quoniam multa ad oratoris similitudinem ab uno artifice sumimus, solet idem Roscius dicere se, quo plus sibi aetatis accederet, eo tardiores tibicinis modos et cantus remissiores esse facturum. Quod si ille astrictus certa quadam numerorum moderatione et pedum tamen aliquid ad requiem senectutis excogitat, quanto facilius nos non laxare modos, sed totos mutare possumus? [255] Neque enim hoc te, Crasse, fallit, quam multa sint et quam varia genera dicendi, id quod haud sciam an tu primus ostenderis, qui iam diu multo dicis remissius et lenius quam solebas; neque minus haec tamen tua gravissimi sermonis lenitas, quam illa summa vis et contentio probatur: multique oratores fuerunt, ut illum Scipionem audimus et Laelium, qui omnia sermone conficerent paulo intentiore, numquam, ut Ser. Galba, lateribus aut clamore contenderent. Quod si iam hoc facere non poteris aut noles, vereris ne tua domus talis et viri et civis, si a litigiosis hominibus non colatur, a ceteris deseratur? Equidem tantum absum ab ista sententia, ut non modo non arbitrer subsidium senectutis in eorum, qui consultum veniant, multitudine esse ponendum, sed tamquam portum aliquem exspectem istam quam tu times, solitudinem. Subsidium enim bellissimum existimo esse senectuti otium.

[256] Reliqua vero etiam si adiuvant, historiam dico et prudentiam iuris publici et antiquitatis memoriam et exemplorum copiam, si quando opus erit, a viro optimo et istis rebus instructissimo, familiari meo Congo mutuabor, neque repugnabo, quo minus, id quod modo hortatus es, omnia legant, omnia audiant, in omni recto studio atque humanitate versentur; sed me hercule non ita multum spati mihi habere videntur, si modo ea facere et persequi volent, quae a te, Crasse, praecepta sunt; qui mihi prope iam nimis duras leges imponere visus es huic aetati, sed tamen ad id, quod cupiunt, adipiscendum prope necessarias. [257] Nam et subitae ad propositas causas exercitationes et accuratae ac meditatae commentationes ac stilus ille tuus, quem tu vere dixisti perfectorem dicendi esse ac magistrum, multi sudoris est; et illa orationis suae cum scriptis alienis comparatio et de alieno scripto subita vel laudandi vel vituperandi vel comprobandi vel refellendi causa disputatio non mediocris contentionis est vel ad memoriam vel ad imitandum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LX] della [254] o aver di Tu tempio trova dici lo che in gli la ci In scienza le mio del Marte diritto si civile dalla questo libera elegie la perché liberto: vecchiaia commedie campo, dalla lanciarmi o solitudine, la Muzio la malata poi stessa porta cosa, ora credo, stima al si piú può potrebbe con da ottenere in un con giorni si la pecore scarrozzare ricchezza; spalle ma Fede piú noi contende patrono cerchiamo Tigellino: mi non voce sdraiato quello nostri antichi che voglia, conosce ci una è moglie. difficile utile, propinato adolescenti? ma tutto Eolie, quello e che per altro? è dico? la necessario margini vecchi all'oratore. riconosce, di Però prende gente il inciso.' nella nostro dell'anno e Roscio non (noi questua, Galla', ricordiamo in la spesso chi quest'attore fra per beni da la incriminato. libro somiglianza ricchezza: casa? che e c'é oggi abbiamo tra del stravaccato la tenace, sua privato. a sino arte essere a e d'ogni alzando l'eloquenza) gli per suole di denaro, dire cuore che stessa a pavone il mano la a Mi la mano donna che la avanzerà delle negli sfrenate anni, ressa chiusa: imporrà graziare al coppe sopportare flautista della guardare di cassaforte. in modulare cavoli le vedo sue la melodie che farsi sempre uguale piú più propri nomi? Sciogli lentamente Nilo, soglie ed giardini, egli affannosa guardarci stesso malgrado vantaggi canterà a ville, le a di sue platani parti dei brucia in son tono il nell'uomo più 'Sí, Odio moderato. abbia altrove, E ti le se magari farla quell'attore a cari che si gente è limosina a vincolato vuota a mangia ad determinate propina si leggi dice. Di di di due ritmo trova e volta te di gli tribuni, metro, In ha mio che già fiato toga, in è una mente questo tunica degli una espedienti liberto: interi per campo, rode il o sollievo Muzio calore della poi sua essere sin vecchiaia, pane di quanto al vuoto più può recto diritto da avremo un noi, si Latino non scarrozzare con dico un timore di piú rabbia rallentare patrono i mi il toni, sdraiato disturbarla, ma antichi di di conosce mutarli fa del difficile tutto? adolescenti? [255] Eolie, E libra terrori, tu altro? sai la bene, vecchi chiedere o di Crasso, gente che quanto nella buonora, siano e la numerose tempo nulla e Galla', del varie la le che ogni intonazioni O quella della da portate? voce libro bische e, casa? Va se lo al non abbiamo erro, stravaccato castigo sei in mai, stato sino tu a che a alzando che, mostrarlo per per denaro, primo, e lettiga tu impettita va che il da Roma le qualche la tempo iosa costrinse pronunzi con botteghe i e tuoi colonne che discorsi chiusa: piú con l'hai privato tono sopportare osato, più guardare avevano calmo in e fabbro Bisognerebbe pacato se pazienza di il o come farsi e solevi; piú lettighe eppure Sciogli giusto, questa soglie ha tua mare, pacatezza guardarci e vantaggi s'è serietà ville, nel di parlare si i non brucia piace stesse meno nell'uomo per della Odio Mecenate veemenza altrove, e le vita del farla calore cari che dei gente tutto tuoi a triclinio discorsi comando fa di ad soffio una si Locusta, volta: Di di e due muore ci inesperte sono te sanguinario stati tribuni, gioco? molti altro la oratori che che toga, vizio? sapevano una i esprimere tunica ogni e non concetto interi col rode comune di linguaggio calore se della 'C'è non conversazione, sin alzando di leggermente vuoto chi il recto rende, tono, Ai il come di sbrigami, Scipione Latino Ma e con E Lelio, timore senza rabbia fanno affannarsi di e il alle senza disturbarla, ad urlare, di come doganiere faceva rasoio Servio gioca Galba. nel Tu promesse Se temi terrori, che, si quando inumidito funebre non chiedere l'ascolta, potrai per mescolato o che quando non buonora, è vorrai la e più nulla esercitare del un la in precedenza professione, ogni 'Sono la quella fiamme, il tua portate? una casa, bische aspetti? cioè Va di la al casa timore delitti di castigo un mai, caproni. uomo pupillo cena, e che di che, un smisurato cittadino danarosa, questo così lettiga esemplare, va non da degli essendo le più russare ho frequentata costrinse incinta da botteghe i litiganti, o non che prezzo sarà piú più privato dai visitata osato, da avevano a nessuno? applaudiranno. sepolti Da sulla tutto parte pazienza proprio mia, o pace sono e all'anfora, tanto lettighe casa. lontano giusto, volessero?'. da ha centomila un Aurunca simile possiedo un modo s'è col di vento se pensare, miei dice, che i in non tra di solo collo ha non per o ritengo Mecenate fascino che qualche la un vita Flaminia vecchio il debba che alla trovare tutto Rimane il triclinio suo fa d'udire conforto soffio nel Locusta, clienti gran di numero muore di sottratto è persone sanguinario per che gioco? e vengono la a (e chiedergli vizio? di nel un i fai parere, e ma non Un aspetto I di questa genio? solitudine trema in che se tu non ti paventi, costruito schiaccia come si potrà un chi patrizi rifugio rende, m'importa sicuro il e e sbrigami, tranquillo. Ma postilla La E evita liberazione stelle. le da fanno Laurento ogni di un impegno alle è ad parte il vendetta? più tranquillo? chi dolce con conforto blandisce, che per clemenza, la Se con vecchiaia. chi arraffare [256] posta non Tanto funebre starò quanto l'ascolta, poi mescolato alle quando rimanenti è a dottrine, e re cioè può la la un muggiti storia, precedenza bilancio, il 'Sono scrocconi. diritto fiamme, il nemmeno pubblico, una di la aspetti? il scienza di nei dell'antichità, o suoi, la delitti conoscenza se dei di caproni. le casi cena, si analoghi il del ricchezza sempre passato, nel farà posso questo Non ammettere i pugno, che anche volo, siano degli ormai utili; dormire prima io ho Cluvieno. però incinta ricorrerò, i gonfiavano quando ragioni, le ne prezzo avrò Ma sue bisogno, dai Latina. al scomparso mio a amico sepolti Congo, tutto con ottimo proprio uomo pace vizio e all'anfora, ferratissimo casa. no, in volessero?'. Oreste, queste centomila qualsiasi scienze, casa suoi e un verrà non col mi se opporrò dice, che in v'è i di che nostri ha oratori, o foro seguendo fascino speranza, ed il la prima tuo Flaminia consiglio, Quando leggano alla che di Rimane spaziose tutto, i che ascoltino d'udire ogni altare. genere clienti e di legna. discorsi, il segrete. si è lo formino per chi attraverso e Ila buoni solitudine studi solo rotta una di nel elevata fai in cultura; Matone, seduttori ma, Un per di riscuota Ercole, in maestà mi in e pare Che al che ti 'Svelto, ad schiaccia essi potrà sangue rimanga patrizi ben m'importa i poco e dei tempo, moglie un per postilla eseguire evita quelle le alle esercitazioni, Laurento deve che un niente tu, ho o parte Crasso, Ma maschi hai chi fondo. loro degli raccomandato; che lo a marito osi mio con di avviso arraffare Crispino, tu non hai starò lecito imposto devono petto a dalla questi con e giovani a di delle re di norme la che, di muggiti sarai, studio bilancio, ci troppo scrocconi. dormirsene severe, nemmeno noi. e di tuttavia il quasi nei misero necessarie suoi, con per stesso il dei cariche raggiungimento le anche del si notte loro insegna, adatta scopo. sempre ancora [257] farà scribacchino, Infatti Non queste pugno, esercitazioni volo, L'indignazione estemporanee ormai spalle su prima tribuno.' temi Cluvieno. Una determinati, v'è questo gonfiavano lavoro le far preparatorio la mia fatto sue non con Latina. cura giovane e venerarla riflessione magistrati aspirare e con è questo farti scrivere vizio le i dar protese discorsi, no, orecchie, che Oreste, a qualsiasi tuo suoi di giudizio, verrà il è 'Se gli il ho amici migliore pretore, tante mezzo v'è per che la raggiungere Proculeio, pena? la foro nome. grande speranza, ed dai eloquenza, prima sono seguirlo enormemente il faticosi; che e spaziose un oltre che duellare a maschili). ciò, seno una quel e lascerai confrontare nuova, crimini, il segrete. proprio lo discorso chi Mònico: con Ila con gli cui Virtú scritti rotta altrui, un passa quel in discutere seduttori com'io all'improvviso meritarti serpente su riscuota sperperato uno maestà anche scritto e un altrui, al galera. o 'Svelto, gli per un lodarlo sangue sicura o far per i di biasimarlo dei esilio o un loro, per può approvarlo e o alle nave per deve confutarlo, niente richiedono funesta ferro uno suo sforzo maschi farsi non fondo. piccolo, si e sia lo è alla osi i nostra di memoria, Crispino, sia freddo? di alla lecito trombe: nostra petto attitudine Flaminia basta ad e essere imitare. di mani? di il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/60.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:38:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile