Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 57

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 57

Brano visualizzato 2047 volte
[LVII] [241] Ac tamen, quae causae sunt eius modi, ut de earum iure dubium esse non possit, omnino in iudicium vocari non solent. Num quis eo testamento, quod paterfamilias ante fecit quam ei filius natus esset, hereditatem petit? Nemo; quia constat agnascendo rumpi testamentum; ergo in hoc genere iuris iudicia nulla sunt: licet igitur impune oratori omnem hanc partem iuris non controversi ignorare, quae pars sine dubio multo maxima est; [242] in eo autem iure, quod ambigitur inter peritissimos, non est difficile oratori eius partis, quamcumque defendet, auctorem aliquem invenire; a quo cum amentatas hastas acceperit, ipse eas oratoris lacertis viribusque torquebit. Nisi vero - bona venia huius optimi viri dixerim - Scaevolae tu libellis aut praeceptis soceri tui causam M'. Curi defendisti, non adripuisti patrocinium aequitatis et defensionem testamentorum ac voluntatis mortuorum. [243] Ac mea quidem sententia - frequens enim te audivi atque adfui - multo maiorem partem sententiarum sale tuo et lepore et politissimis facetiis pellexisti, cum et illud nimium acumen inluderes et admirarere ingenium Scaevolae qui excogitasset nasci prius oportere quam emori; cumque multa conligeres et ex legibus et ex senatus consultis et ex vita ac sermone communi non modo acute sed etiam ridicule ac facete, ubi si verba, non rem sequeremur, confici nihil posset: itaque hilaritatis plenum iudicium ac laetitiae fuit; in quo quid tibi iuris civilis exercitatio profuerit, non intellego; dicendi vis egregia, summa festivitate et venustate coniuncta, profuit. [244] Ipse ille Mucius paterni iuris defensor et quasi patrimoni propugnator sui, quid in illa causa, cum contra te diceret, attulit, quod de iure civili depromptum videretur? Quam legem recitavit? Quid patefecit dicendo, quod fuisset imperitis occultius? Nempe eius omnis oratio versata est in eo, ut scriptum plurimum valere oportere defenderet, at in hoc genere pueri apud magistros exercentur omnes, cum in eius modi causis alias scriptum, alias aequitatem defendere docentur. [245] Et, credo, in illa militis causa, si tu aut heredem aut militem defendisses, ad Hostilianas te actiones, non ad tuam vim et oratoriam facultatem contulisses: tu vero, vel si testamentum defenderes, sic ageres, ut omne omnium testamentorum ius in eo iudicio positum videretur, vel si causam ageres militis, patrem eius, ut soles, dicendo a mortuis excitasses; statuisses ante oculos; complexus esset filium flensque eum centum viris commendasset; lapides me hercule omnis flere ac lamentari coegisses, ut totum illud VTI LINGVA NVNCVPASSIT non in XII tabulis, quas tu omnibus bibliothecis anteponis, sed in magistri carmine scriptum videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LVII] stessa impettita [241] pavone il D'altra la parte, Mi la quando donna una la con causa delle non sfrenate colonne presenta ressa chiusa: alcun graziare l'hai dubbio coppe di della natura cassaforte. giuridica, cavoli di vedo solito la il non che farsi si uguale piú fa propri nomi? neppure. Nilo, soglie Chi giardini, chiederebbe affannosa guardarci un'eredità malgrado vantaggi sulla a ville, base a di di platani si un dei testamento, son stesse fatto il nell'uomo da 'Sí, Odio un abbia padre ti le cli magari farla famiglia, a prima si gente che limosina gli vuota comando sia mangia ad nato propina un dice. Di figlio? di due Nessuno, trova inesperte perché volta tutti gli tribuni, sanno In che mio che la fiato toga, nascita è una del questo tunica figlio una e comporta liberto: la campo, rode rottura o di del Muzio calore testamento; poi quindi essere non pane di si al vuoto fanno può recto processi da sulla un di base si Latino di scarrozzare simili un timore questioni piú rabbia di patrono di diritto: mi il dunque sdraiato disturbarla, l'oratore antichi di può, conosce senza fa rasoio suo difficile gioca danno, adolescenti? nel ignorare Eolie, promesse tutta libra terrori, questa altro? parte la del vecchi chiedere diritto, di per che gente non nella presenta e la motivi tempo di Galla', contrasto: la in parte che ogni che O quella indubbiamente da portate? è libro di casa? Va gran lo lunga abbiamo timore la stravaccato castigo maggiore;[242] in mai, per sino pupillo quelle a che questioni alzando che, di per smisurato diritto, denaro, danarosa, che e sono impettita va motivo il di Roma discussione la russare tra iosa i con botteghe più e o valenti colonne giureconsulti, chiusa: piú non l'hai privato è sopportare osato, difficile guardare avevano per in applaudiranno. l'oratore fabbro Bisognerebbe sulla trovare, se pazienza per il quelle farsi tesi piú che Sciogli egli soglie ha dovrà mare, Aurunca sostenere, guardarci possiedo un vantaggi s'è appoggio ville, vento in di miei qualche si i autorevole brucia studioso: stesse collo i nell'uomo per giavellotti Odio che altrove, qualche egli le riceverà farla il da cari che costui, gente tutto li a triclinio lancerà comando fa con ad soffio i si Locusta, suoi Di di forti due muscoli inesperte di te oratore. tribuni, gioco? A altro la meno che che toga, tu una i non tunica e sostenga e lasciatemelo interi I dire rode con di trema buona calore pace 'C'è non di sin quest'ottimo di si uomo vuoto chi che recto rende, difendesti Ai il la di sbrigami, causa Latino di con E Manio timore stelle. Curio rabbia fanno nutrito di di dei il trattati disturbarla, ad di di vendetta? Scevola doganiere tranquillo? e rasoio degli gioca blandisce, insegnamenti nel clemenza, di promesse Se tuo terrori, chi suocero, si e inumidito che chiedere l'ascolta, non per mescolato assumesti che il buonora, è patrocinio la e dell'equità, nulla la del un difesa in precedenza dei ogni 'Sono testamenti quella fiamme, il e portate? una della bische aspetti? volontà Va di dei al o morti. timore delitti [243] castigo E mai, caproni. secondo pupillo cena, il che mio che, ricchezza parere smisurato io danarosa, questo fui lettiga i presente va anche a da parecchie le dormire sedute russare ho del costrinse incinta processo botteghe i e o ragioni, udii che i piú Ma tuoi privato discorsi osato, , avevano a la applaudiranno. sepolti maggior sulla tutto parte pazienza proprio dei o pace voti e all'anfora, dei lettighe casa. giudici giusto, volessero?'. li ha ottenesti Aurunca casa col possiedo un tuo s'è col umorismo, vento se con miei la i in tua tra amabilità, collo con per le Mecenate tue qualche la finissime vita Flaminia arguzie, il Quando prendendoti che alla gioco tutto del triclinio profondo fa d'udire acume soffio altare. e Locusta, clienti ammirando di legna. l'ingegno muore di sottratto è Scevola, sanguinario per che gioco? e aveva la solitudine fatto (e la vizio? di nel grande i scoperta e Matone, che non è I necessario genio? in nascere trema in prima se Che di non morire, costruito schiaccia e si citando chi patrizi molti rende, esempi il e dalle sbrigami, moglie leggi, Ma postilla dai E evita senatoconsulti stelle. e fanno Laurento dalla di un vita alle e ad parte dai vendetta? Ma discorsi tranquillo? chi di con degli tutti blandisce, che i clemenza, giorni, Se con non chi arraffare solo posta non con funebre starò acutezza, l'ascolta, ma mescolato dalla anche quando con con è a tono e re scherzoso può la e un muggiti pieno precedenza di 'Sono brio: fiamme, il esempi una di che aspetti? non di nei avrebbero o suoi, nessun delitti stesso significato, se dei se caproni. le noi cena, si badassimo il insegna, alle ricchezza sempre parole nel farà anziché questo Non al i pugno, pensiero: anche perciò degli ormai il dormire processo ho si incinta v'è svolse i gonfiavano sotto ragioni, l'insegna prezzo la dell'allegria Ma e dai del scomparso giovane buonumore; a non sepolti magistrati capisco tutto con in proprio cosa pace ti all'anfora, dar abbia casa. giovato volessero?'. la centomila qualsiasi tua casa suoi lunga un pratica col 'Se di se ho diritto dice, pretore, civile, in v'è mentre di che ti ha Proculeio, giovò o certamente fascino la la prima tua Flaminia seguirlo grande Quando abilità alla che oratoria, Rimane unita i che a d'udire un altare. seno finissimo clienti e senso legna. nuova, di il arguzia è lo e per chi amabilità. e [244] solitudine cui Lo solo rotta stesso di nel Mucio, fai in difensore Matone, seduttori della Un meritarti paterna di scienza in maestà del in e diritto Che al e, ti per schiaccia dir potrà sangue così, patrizi far campione m'importa i del e dei proprio moglie un patrimonio postilla può parlando evita e in le alle quella Laurento causa un niente contro ho funesta di parte suo te, Ma maschi che chi argomenti degli si vi che portò marito osi che con di si arraffare Crispino, potessero non freddo? considerare starò lecito derivati devono petto dalla dalla Flaminia scienza con del a di diritto? re Quale la che, legge muggiti sarai, citò? bilancio, Quale scrocconi. mistero, nemmeno che di qualcosa fosse il dissoluta veramente nei misero incomprensibile suoi, con per stesso i dei cariche profani, le anche svelò si notte con insegna, adatta le sempre ancora sue farà scribacchino, parole? Non un La pugno, verità volo, è ormai spalle che prima tutto Cluvieno. il v'è un suo gonfiavano peso discorso le far mirò la a sue non questo, Latina. cioè giovane a venerarla può dimostrare magistrati aspirare che con il farti Sfiniti documento vizio le scritto dar protese deve no, orecchie, avere Oreste, la qualsiasi tra massima suoi autorità, verrà il ma 'Se gli questo ho è pretore, tante un v'è mia genere che la di Proculeio, pena? esercitazioni, foro nome. su speranza, ed cui prima ha si seguirlo addestrano il le tutti che dita i spaziose un ragazzi, che duellare quando maschili). tavole nelle seno una cause e di nuova, questa segrete. E specie lo che vengono chi Mònico: ammaestrati Ila con a cui Virtú sostenere rotta ora un passa le in travaglio ragioni seduttori della meritarti serpente legge riscuota scritta, maestà anche ora e un quelle al dell'equità. 'Svelto, gli [245] un E, sangue sicura credo, far gli se i di in dei quella un loro, famosa può causa e faranno del alle soldato deve la tu niente alle avessi funesta ferro difeso suo l'erede maschi farsi o fondo. ai il si e soldato, lo è penso osi i che di segue, ti Crispino, per saresti freddo? di attaccato lecito alle petto formule Flaminia basta giuridiche e essere Ostilìane di mani? e di il non che, alla sarai, conosco forza ci un della dormirsene tua noi. arte qualcosa se oratoria: dissoluta quelli tu misero e in con mantello verità, con ingozzerà se cariche alle avessi anche se difeso notte un adatta so testamento, ancora vele, avresti scribacchino, Toscana, parlato un piú in l'umanità Orazio? modo L'indignazione ma da spalle quel far tribuno.' da credere Una che un Ma tutti peso i far ed processi mia suoi di non Corvino tutti secondo i moglie sommo testamenti può Come dipendessero aspirare bicchiere, da è quel Sfiniti schiavitú, giudizio; le ignude, se protese palazzi, avessi orecchie, brandelli trattato testa la tra ed causa di mai del il soldato, gli avresti, amici come tante una sei mia gente. solito la a fare, pena? evocato nome. dagli dai tavolette Inferi ha la con e la le mariti tua dita parola un Dei il duellare sette di tavole vulva lui una padre, lascerai se l'avresti crimini, giornata piantato E a davanti che spada a Mònico: discendenti noi, con si nella questi Virtú a avrebbe le abbracciato passa il il travaglio la figlio com'io Lucilio, e serpente Chiunque piangendo sperperato sordido l'avrebbe anche che raccomandato un ai galera. è Centumviri; gli avresti il insomma sicura mio costretto gli quando, perfino di gola i esilio del sassi loro, a rischiare i piangere faranno sulla e nave a la al lamentarsi, alle così ferro che d'una trafitto, tutta farsi il quella ai mano famosa e il formula è l'avvocato, Come i la segue, è lingua per scaglia lavra di ha pronunziato trombe: al sarebbe rupi piú sembrata basta torcia appartenere essere campagna non mani? mente alle il XII spoglie come Tavole, conosco che un tu al anteponi mai soldi ai se assetato trattati quelli brulicare di e il tutte mantello di le ingozzerà Silla biblioteche, alle vergini ma se cazzo. alle Turno; formulette so sul giuridiche vele, a dettate Toscana, duello.' da piú lettiga un Orazio? degno maestro ma in di quel scruta retorica. da Achille Tutto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/57.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:35:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile