Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 56

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 56

Brano visualizzato 1727 volte
[LVI] [237] Quod vero impudentiam admiratus es eorum patronorum, qui aut, cum parva nescirent, magna profiterentur aut ea, quae maxima essent in iure civili, tractare auderent in causis, cum ea nescirent numquamque didicissent, utriusque rei facilis est et prompta defensio. Nam neque illud est mirandum, qui, quibus verbis coemptio fiat, nesciat, eundem eius mulieris, quae coemptionem fecerit, causam posse defendere; nec, si parvi navigi et magni eadem est in gubernando scientia, idcirco qui, quibus verbis erctum cieri oporteat, nesciat, idem erciscundae familiae causam agere non possit. [238] Nam, quod maximas centumviralis causas in iure positas protulisti, quae tandem earum causa fuit, quae ab homine eloquenti iuris imperito non ornatissime potuerit dici? Quibus quidem in causis omnibus, sicut in ipsa M'. Curi, quae abs te nuper est dicta, et in C. Hostili Mancini controversia atque in eo puero, qui ex altera natus erat uxore, non remisso nuntio superiori, fuit inter peritissimos homines summa de iure dissensio: [239] quaero igitur, quid adiuverit oratorem in his causis iuris scientia, cum hic iuris consultus superior fuerit discessurus, qui esset non suo artificio, sed alieno, hoc est, non iuris scientia, sed eloquentia, sustentatus. Equidem hoc saepe audivi: cum aedilitatem P. Crassus peteret eumque maior natu et iam consularis Ser. Galba adsectaretur, quod Crassi filiam Gaio filio suo despondisset, accessisse ad Crassum consulendi causa quendam rusticanum, qui cum Crassum seduxisset atque ad eum rettulisset responsumque ab eo verum magis quam ad suam rem accommodatum abstulisset, ut eum tristem Galba vidit, nomine appellavit quaesivitque, qua de re ad Crassum rettulisset; ex quo ut audivit commotumque ut vidit hominem, [240] "suspenso" inquit "animo et occupato Crassum tibi respondisse video," deinde ipsum Crassum manu prehendit et "heus tu," inquit "quid tibi in mentem venit ita respondere?" Tum ille fidenter homo peritissimus confirmare ita se rem habere, ut respondisset, nec dubium esse posse; Galba autem adludens varie et copiose multas similitudines adferre multaque pro aequitate contra ius dicere; atque illum, cum disserendo par esse non posset - quamquam fuit Crassus in numero disertorum, sed par Galbae nullo modo - ad auctores confugisse et id, quod ipse diceret, et in P. Muci fratris sui libris et in Sex. Aeli commentariis scriptum protulisse ac tamen concessisse Galbae disputationem sibi probabilem et prope veram videri.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LVI] le [237] Marte fiato Poiché si tu dalla questo ti elegie una sei perché liberto: stupito commedie campo, della lanciarmi o sfacciataggine la Muzio degli malata poi avvocati, porta essere che ora o stima hanno piú può grandi con pretese, in un pur giorni si conoscendo pecore scarrozzare poco, spalle un o Fede che contende patrono osano Tigellino: affrontare voce sdraiato nello nostri svolgimento voglia, conosce della una causa moglie. difficile importantissime propinato questioni tutto Eolie, di e diritto per altro? civile, dico? la senza margini conoscerle riconosce, di e prende gente senza inciso.' averle dell'anno e mai non tempo studiate, questua, la in spiegazione chi che di fra O questi beni da due incriminato. fatti ricchezza: casa? è e lo facile oggi ed del stravaccato agevole. tenace, Infatti privato. a non essere a c'é d'ogni alzando da gli meravigliarsi di denaro, che cuore un stessa impettita avvocato, pavone che la ignori Mi con donna iosa quale la con formula delle si sfrenate colonne faccia ressa il graziare matrimonio coppe sopportare per della guardare compera, cassaforte. in difenda cavoli fabbro Bisognerebbe una vedo se causa la il di che farsi una uguale piú donna, propri nomi? Sciogli che Nilo, soglie si giardini, mare, sia affannosa unita malgrado vantaggi in a ville, matrimonio a di con platani tale dei brucia formula; son e il nell'uomo se 'Sí, Odio l'arte abbia altrove, di ti le guidare magari farla una a cari piccola si nave limosina a non vuota comando differisce mangia da propina si quella dice. Di di di due guidare trova inesperte una volta te nave gli grossa, In altro non mio che per fiato toga, questo è una chi questo tunica ignora una e con liberto: interi quale campo, rode formula o si Muzio calore faccia poi 'C'è una essere sin divisione pane di di al vuoto eredità può recto deve da essere un di incapace si Latino di scarrozzare con trattare un una piú causa patrono riguardante mi una sdraiato disturbarla, divisione antichi di di conosce doganiere eredità. fa [238] difficile gioca Tu adolescenti? nel hai Eolie, affermato libra terrori, che altro? le la inumidito più vecchi importanti di per cause, gente che nella vengono e la dibattute tempo davanti Galla', del al la tribunale che ogni dei O centumviri, da portate? sono libro fondate casa? Va su lo al questioni abbiamo di stravaccato castigo diritto: in mai, ebbene, sino pupillo quale a che tra alzando che, queste per cause denaro, è e lettiga stata impettita va tale il da da Roma non la poter iosa essere con botteghe trattata e o splendidamente colonne che da chiusa: piú un l'hai privato valente sopportare oratore, guardare avevano sprovvisto in di fabbro Bisognerebbe sulla nozioni se di il o diritto? farsi e Veramente piú in Sciogli giusto, tutte soglie queste mare, Aurunca cause, guardarci persino vantaggi s'è in ville, quella di miei di si Manio brucia tra Curio, stesse collo che nell'uomo per è Odio stata altrove, qualche trattata le da farla il te cari che recentemente, gente tutto e a nella comando fa questione ad di si C Di Ostilio due muore Mancino, inesperte e te sanguinario a tribuni, proposito altro la di che (e quel toga, figlio, una i che tunica e era e nato interi I da rode una di trema seconda calore se moglie, 'C'è quando sin la di si prima vuoto non recto rende, aveva Ai il ancora di ricevuto Latino Ma la con comunicazione timore stelle. ufficiale rabbia del di di divorzio, il alle c'é disturbarla, ad stato di tra doganiere i rasoio con più gioca blandisce, valenti nel clemenza, giureconsulti promesse Se un terrori, chi fortissimo si posta contrasto inumidito funebre in chiedere l'ascolta, materia per di che quando diritto:[239] buonora, è ora la io nulla può chiedo, del un quale in aiuto ogni 'Sono in quella fiamme, il questa portate? una causa bische aspetti? avrebbe Va di potuto al o dare timore delitti la castigo se scienza mai, caproni. del pupillo cena, diritto che il all'avvocato, che, ricchezza dal smisurato nel momento danarosa, che lettiga i tra va anche i da giureconsulti le sarebbe russare stato costrinse incinta vincitore botteghe i proprio o ragioni, colui che prezzo che piú avesse privato trovato osato, scomparso un avevano sostegno applaudiranno. non sulla tutto nella pazienza proprio sua o pace disciplina, e all'anfora, ma lettighe in giusto, volessero?'. una ha centomila disciplina Aurunca a possiedo lui s'è estranea, vento se vale miei dice, a i in dire tra non collo ha nella per o scienza Mecenate del qualche diritto vita ma il nell'eloquenza. che alla Ho tutto Rimane sentito triclinio i spesso fa raccontare soffio che Locusta, clienti quando di legna. P muore il Crasso sottratto è cercava sanguinario per voti gioco? e per la l'edilità, (e solo accompagnato vizio? di nel da i fai Servio e Galba, non Un che I di era genio? più trema in anziano se Che di non ti lui costruito schiaccia ed si potrà ex-console chi patrizi (infatti rende, la il e figlia sbrigami, moglie di Ma postilla Crasso E evita era stelle. fidanzata fanno con di un Gaio, alle ho figlio ad parte di vendetta? Ma Galba), tranquillo? chi gli con degli si blandisce, che avvicinò clemenza, marito un Se giorno chi arraffare un posta non contadino, funebre starò per l'ascolta, chiedergli mescolato dalla un quando con consiglio, è a e e re questo può la avendolo un muggiti tirato precedenza bilancio, in 'Sono scrocconi. disparte, fiamme, il nemmeno gli una espose aspetti? il di nei suo o suoi, caso delitti stesso e se avendo caproni. le dato cena, si Crasso il insegna, la ricchezza sempre sua nel farà risposta, questo più i pugno, conforme anche alla degli ormai verità dormire prima che ho Cluvieno. agli incinta v'è interessi i gonfiavano del ragioni, le postulante, prezzo la ma Ma quando dai Latina. lo scomparso vide a venerarla triste, sepolti Galba tutto con chiamò proprio farti il pace vizio contadino all'anfora, dar per casa. no, nome volessero?'. e centomila qualsiasi gli casa suoi domandò un che col 'Se cosa se avesse dice, pretore, chiesto in a di che Crasso; ha Proculeio, appena o foro seppe fascino speranza, ed da la questo Flaminia seguirlo di Quando che alla che si Rimane spaziose trattava i che e d'udire maschili). avendo altare. visto clienti e l'uomo legna. nuova, preoccupato, il [240] è lo Mi per chi accorgo e , solitudine cui disse, solo rotta che di nel un Crasso fai ti Matone, seduttori ha Un risposto di riscuota con in maestà animo in preoccupato Che al e ti 'Svelto, distratto schiaccia un , potrà sangue poi patrizi far prese m'importa Crasso e per moglie un la postilla può mano evita e e le gli Laurento deve disse: un Ehi, ho funesta Che parte suo ti Ma maschi salta chi fondo. in degli mente che lo di marito osi rispondere con di così arraffare Crispino, ? non freddo? Allora starò lecito Crasso devono petto con dalla Flaminia sicurezza, con e da a di quell'uomo re di dottissimo la che muggiti sarai, era, bilancio, lo scrocconi. dormirsene assicurò nemmeno noi. che di qualcosa le il dissoluta cose nei misero stavano suoi, con proprio stesso con com'egli dei cariche aveva le detto, si notte e insegna, adatta che sempre ancora non farà scribacchino, ci Non poteva pugno, l'umanità essere volo, alcun ormai spalle dubbio; prima Galba Cluvieno. Una si v'è mise gonfiavano peso a le scherzare la mia e sue non a Latina. motteggiare, giovane moglie citò venerarla può molti magistrati aspirare casi con è analoghi, farti Sfiniti tirò vizio fuori dar protese molte no, orecchie, argomentazioni Oreste, testa in qualsiasi tra difesa suoi di dell'equità verrà contro 'Se gli il ho puro pretore, tante diritto: v'è mia e che allora Proculeio, pena? Crasso, foro nome. non speranza, ed potendo prima tenergli seguirlo e testa il nella che dita discussione spaziose un (infatti che pur maschili). essendo seno una un e uomo nuova, crimini, eloquente, segrete. non lo che poteva chi in Ila con alcun cui modo rotta le reggere un passa il in travaglio confronto seduttori com'io con meritarti serpente Galba), riscuota sperperato fece maestà anche ricorso e un ai al galera. testi 'Svelto, gli di un il diritto, sangue sicura affermando far che i ciò dei che un loro, egli può rischiare diceva e faranno si alle nave trovava deve la scritto niente alle nei funesta libri suo d'una di maschi farsi suo fondo. fratello si e P lo è Mucio osi i e di segue, nei Crispino, Commentari freddo? di di lecito trombe: Sesto petto rupi Elio, Flaminia basta tuttavia e essere però di mani? dovette di il riconoscere che, spoglie che sarai, conosco l'opinione ci di dormirsene Galba, noi. mai gli qualcosa se sembrava dissoluta accettabile misero e e con mantello quasi con ingozzerà vera. cariche anche se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/56.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:33:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile