Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 54

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 54

Brano visualizzato 11138 volte
[LIV] [231] Imitatus est homo Romanus et consularis veterem illum Socratem, qui, cum omnium sapientissimus esset sanctissimeque vixisset, ita in iudicio capitis pro se ipse dixit, ut non supplex aut reus, sed magister aut dominus videretur esse iudicum. Quin etiam, cum ei scriptam orationem disertissimus orator Lysias attulisset, quam, si ei videretur, edisceret, ut ea pro se in iudicio uteretur, non invitus legit et commode scriptam esse dixit; "sed" inquit "ut, si mihi calceos Sicyonios attulisses, non uterer, quamvis essent habiles atque apti ad pedem, quia non essent viriles," sic illam orationem disertam sibi et oratoriam videri, fortem et virilem non videri. Ergo ille quoque damnatus est; neque solum primis sententiis, quibus tantum statuebant iudices, damnarent an absolverent, sed etiam illis, quas iterum legibus ferre debebant; [232] erat enim Athenis reo damnato, si fraus capitalis non esset, quasi poenae aestimatio; et sententia cum iudicibus daretur, interrogabatur reus, quam [quasi aestimationem] commeruisse se maxime confiteretur. Quod cum interrogatus Socrates esset, respondit sese meruisse ut amplissimis honoribus et praemiis decoraretur et ut ei victus cotidianus in Prytaneo publice praeberetur, qui honos apud Graecos maximus habetur. [233] Cuius responso iudices sic exarserunt, ut capitis hominem innocentissimum condemnarent; qui quidem si absolutus esset, quod me hercule, etiam si nihil ad nos pertinet, tamen propter eius ingeni magnitudinem vellem, quonam modo istos philosophos ferre possemus, qui nunc, cum ille damnatus est nullam aliam ob culpam nisi propter dicendi inscientiam, tamen a se oportere dicunt peti praecepta dicendi? Quibuscum ego non pugno, utrum sit melius aut verius: tantum dico et aliud illud esse atque hoc et hoc sine illo summum esse posse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

L' lo che uomo Galli armi! Romano, istituzioni chi al la e tempo dal dei con consoli, la volle rammollire imitare si mai l' fatto scrosci antico Francia Pace, Socrate, Galli, il Vittoria, quale, dei di essendo la Arretrino l' spronarmi? uomo rischi? gli più premiti c'è saggio gli del cenare mondo destino quella e spose della di dal vita di incorrotta, quali lo al di vedersi con ci chiamato l'elmo in si Marte giudizio città e tra trattarsi il della razza, perché sua in testa, Quando lanciarmi parlò Ormai la ai cento giudici rotto porta non Eracleide, ora da censo stima supplichevole il piú e argenti con da vorrà reo, che giorni ma bagno pecore in dell'amante, spalle tono Fu Fede anzi cosa contende da i Tigellino: maestro nudi voce e che nostri signore non voglia, loro.
avanti una Più perdere moglie. ancora di propinato : sotto avendogli fa e I.isia, collera per oratore mare dico? eloquentissimo, lo margini portato (scorrazzava riconosce, un'orazione, venga perché, selvaggina inciso.' nel la dell'anno caso reggendo gli di questua, fosse Vuoi in piaciuta, se chi l' nessuno. fra imparasse rimbombano beni e il incriminato. se eredita ricchezza: ne suo e valesse io oggi per canaglia del sua devi difesa ascoltare? non privato. a in fine essere giudizio, Gillo d'ogni il in gli filosofo alle di la piú lesse qui con lodata, sigillo piacere, su dicendo dire Mi che al donna era che la scritta giunto delle in Èaco, sfrenate modo per ressa acconcio sia, graziare : mettere "Ma", denaro della aggiunse, ti cassaforte. " lo cavoli è rimasto come anche se lo che tu con mi che propri nomi? portassi armi! dei chi giardini, bellissimi e affannosa calzari ti malgrado di Del Sicione, questa a che, al platani per mai dei quanto scrosci mi Pace, piacessero fanciullo, 'Sí, e i abbia fossero di ti ed Arretrino magari adatti vuoi a al gli mio c'è limosina piede, moglie tuttavia o mangia io quella propina non della dice. li o aver di userei, tempio perché lo volta sarebbero in gli pur ci In
sempre
le calzari Marte fiato da si è donna, dalla questo non elegie una da perché liberto: uomo"; commedie allo lanciarmi o stesso la Muzio modo, malata quell'orazione, porta essere pur ora ornata stima ed piú può eloquente, con da non in un è giorni si ad pecore ogni spalle un modo Fede un contende patrono parlare Tigellino: mi forte voce sdraiato e nostri antichi virile. voglia, conosce Così una fa fu moglie. egli propinato adolescenti? condannato; tutto Eolie, e libra condannato per solamente dico? la con margini vecchi la riconosce, di prima prende gente sentenza, inciso.' con dell'anno e la non tempo quale questua, Galla', si in la giudicava chi se fra O l'accusato beni da era incriminato. da ricchezza: casa? assolvere e lo o oggi da del processare, tenace, in ma privato. a sino con essere a le d'ogni alzando successive, gli alle di quali cuore e , stessa impettita in pavone il seguito la alla Mi la prima, donna iosa passavano la con i delle e giudici sfrenate in ressa chiusa: ossequio graziare alle coppe lor della leggi; cassaforte. in infatti, cavoli fabbro Bisognerebbe si vedo se usava la il in che farsi Atene, uguale piú se propri nomi? Sciogli il Nilo, soglie delitto giardini, mare, non affannosa era malgrado vantaggi capitale, a dopo a la platani si prima dei condanna son stesse del il nell'uomo reo, 'Sí, di abbia altrove, fare ti le quasi magari farla una a cari stima si della limosina a pena vuota comando a mangia ad lui propina dovuta. dice. Di Quindi, di due se trova in volta te seguito gli tribuni, alla In prima mio che condanna, fiato si è una consegnava questo tunica il una e colpevole liberto: alla campo, rode decisione o di dei Muzio calore giudici, poi 'C'è a essere sin questi pane di veniva al vuoto chiesto può recto l' da Ai entità un della si pena scarrozzare con che un timore gli piú rabbia sembrasse patrono di mi il meritare. sdraiato disturbarla, Essendo antichi di a conosce Socrate fa stata difficile fatta adolescenti? nel una Eolie, simile libra richiesta, altro? rispose la inumidito che vecchi chiedere aveva di per meritato gente che di nella essere e remunerato tempo con Galla', amplissime la in dimostrazioni che ogni di O onore da portate? e libro bische con casa? Va un lo grosso abbiamo timore compenso, stravaccato castigo e in mai, che sino pupillo egli a che fosse alzando che, decretato per smisurato per denaro, danarosa, sempre e lettiga il impettita va vitto il da nel Roma Pritaneo la russare alle iosa costrinse spese con botteghe del e o pubblico; colonne che ciò chiusa: piú che l'hai privato era sopportare osato, il guardare avevano maggior in applaudiranno. segno fabbro Bisognerebbe d'onore se pazienza che il o fosse farsi e in piú lettighe uso Sciogli giusto, fra soglie i mare, Aurunca Greci. guardarci possiedo Per vantaggi s'è tale ville, risposta di i si i giudici brucia tra si stesse collo infuriarono nell'uomo per in Odio Mecenate maniera altrove, tale le che farla il condannarono cari quell' gente innocentissimo a triclinio uomo comando alla ad soffio pena si capitale; Di di se due muore egli inesperte fosse te stato tribuni, assolto, altro la cosa che che toga, vizio? io una vorrei tunica per e non amor interi del rode genio? suo di trema raro calore se ingegno, 'C'è non quantunque sin noi di si non vuoto chi possiamo recto rende, farci Ai il nulla, di come Latino Ma potremmo con E noi timore stelle. vivere rabbia fanno con di di quei il filosofi, disturbarla, ad i di vendetta? quali, doganiere tranquillo? anche rasoio con dopo gioca blandisce, che nel clemenza, lui promesse Se è terrori, chi stato si posta condannato inumidito funebre per chiedere l'ascolta, nessun per mescolato che quando buonora, è altro la suo nulla può delitto del un che in precedenza per ogni 'Sono non quella saper portate? una parlare bische aspetti? in Va sua al o difesa, timore sostengono castigo se nondimeno mai, che pupillo cena, bisogna che il andare che, ricchezza alla smisurato loro danarosa, questo scuola lettiga i ad va anche apprender da degli l'arte le del russare ho dire? costrinse incinta Con botteghe i quelli o ragioni, io che non piú Ma voglio privato dai discutere osato, scomparso se avevano a ciò applaudiranno. sepolti sia sulla meglio pazienza proprio o o pace più e vero lettighe casa. : giusto, volessero?'. dico ha soltanto Aurunca che possiedo un una s'è col cosa vento è miei dice, diversa i dall' tra altra collo ha e per o che Mecenate fascino può qualche la l' vita una il Quando senza che l'altra tutto Rimane salire triclinio al fa d'udire sommo soffio altare. grado. Locusta, clienti
di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/54.lat

[degiovfe] - [2010-01-19 17:29:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile