Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 53

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 53

Brano visualizzato 2301 volte
[LIII] [227] Itaque haec cum a te divinitus ego dicta arbitrarer, P. Rutilius Rufus, homo doctus et philosophiae deditus, non modo parum commode, sed etiam turpiter et flagitiose dicta esse dicebat; idemque Servium Galbam, quem hominem probe commeminisse se aiebat, pergraviter reprehendere solebat, quod is, L. Scribonio quaestionem in eum ferente, populi misericordiam concitasset, cum M. Cato, Galbae gravis atque acer inimicus, aspere apud populum Romanum et vehementer esset locutus, quam orationem in Originibus suis euit ipse. [228] Reprehendebat igitur Galbam Rutilius, quod is C. Sulpici Gali propinqui sui Q. pupillum filium ipse paene in umeros suos extulisset, qui patris clarissimi recordatione et memoria fletum populo moveret, et duos filios suos parvos tutelae populi commendasset ac se, tamquam in procinctu testamentum faceret sine libra atque tabulis, populum Romanum tutorem instituere dixisset illorum orbitati. Itaque, cum et invidia et odio populi tum Galba premeretur, hisce eum tragoediis liberatum ferebat; quod item apud Catonem scriptum esse video, nisi pueris et lacrimis usus esset, poenas eum daturum fuisse. Haec Rutilius valde vituperabat et huic humilitati dicebat vel exsilium fuisse vel mortem anteponendam. [229] Neque vero hoc solum dixit, sed ipse et sensit et fecit: nam cum esset ille vir exemplum, ut scitis, innocentiae cumque illo nemo neque integrior esset in civitate neque sanctior, non modo supplex iudicibus esse noluit, sed ne ornatius quidem aut liberius causam dici suam, quam simplex ratio veritatis ferebat. Paulum huic Cottae tribuit partium, disertissimo adulescenti, sororis suae filio; dixit item causam illam quadam ex parte Q. Mucius, more suo, nullo apparatu, pure et dilucide. [230] Quod si tu tunc, Crasse, dixisses, qui subsidium oratori ex illis disputationibus, quibus philosophi utuntur, ad dicendi copiam petendum esse paulo ante dicebas, et, si tibi pro P. Rutilio non philosophorum more, sed tuo licuisset dicere, quamvis scelerati illi fuissent, sicuti fuerunt pestiferi cives supplicioque digni, tamen omnem eorum importunitatem ex intimis mentibus evellisset vis orationis tuae. Nunc talis vir amissus est, dum causa ita dicitur, ut si in illa commenticia Platonis civitate res ageretur. Nemo ingemuit, nemo inclamavit patronorum, nihil cuiquam doluit, nemo est questus, nemo rem publicam imploravit, nemo supplicavit; quid multa? Pedem nemo in illo iudicio supplosit, credo, ne Stoicis renuntiaretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LIII][227] dire Mi Pertanto, al donna mentre che io giunto ritenevo Èaco, che per ressa tu sia, graziare avessi mettere coppe parlato denaro della divinamente, ti P lo cavoli Rutilio rimasto vedo Rufo, anche la uomo lo dotto con e che propri nomi? nutrito armi! Nilo, di chi giardini, filosofia, e affermava ti malgrado che Del tu questa a avevi al parlato mai dei non scrosci son solo Pace, con fanciullo, 'Sí, scarso i senso di ti di Arretrino magari opportunità, vuoi a ma gli si anche c'è limosina in moglie vuota maniera o mangia turpe quella propina e della vergognosa; o aver lo tempio stesso lo volta Rutilio in gli soleva ci In rimproverare le mio acerbamente Marte Servio si Galba, dalla questo che elegie una diceva perché liberto: di commedie avere lanciarmi o ancora la Muzio ben malata presente porta nella ora pane memoria, stima al perché piú può nel con processo in intentatogli giorni si da pecore L spalle un Scribonio, Fede aveva contende voluto Tigellino: suscitare voce la nostri pietà voglia, del una fa popolo moglie. romano, propinato adolescenti? dopo tutto Eolie, che e libra Catone, per altro? accanito dico? e margini vecchi fiero riconosce, di avversario prende di inciso.' nella Galba, dell'anno e aveva non tempo pronunziato questua, Galla', contro in la di chi che lui, fra O davanti beni da allo incriminato. libro stesso ricchezza: casa? popolo, e un oggi abbiamo aspro del stravaccato e tenace, in forte privato. a sino discorso essere (discorso d'ogni alzando che gli lo di stesso cuore oratore stessa impettita pubblicò pavone il nelle la Roma sue Mi la Origini). donna iosa [228] la con Rutilio delle e dunque sfrenate colonne rimproverava ressa chiusa: Galba, graziare l'hai perché coppe sopportare aveva della quasi cassaforte. in sollevato cavoli fabbro Bisognerebbe sulle vedo se spalle la il il che farsi pupillo uguale piú Quinto, propri nomi? figlio Nilo, soglie del giardini, mare, suo affannosa parente malgrado vantaggi C a ville, Sulpicio a di Galo, platani si affinché dei brucia col son stesse vivo il nell'uomo ricordo 'Sí, Odio del abbia suo ti le illustre magari farla genitore a cari suscitasse si gente il limosina a pianto vuota nel mangia ad popolo, propina si e dice. Di perché di due inoltre trova inesperte aveva volta te raccomandato gli tribuni, i In altro suoi mio due fiato piccoli è una figli questo tunica alla una tutela liberto: interi del campo, rode popolo o di e, Muzio calore come poi se essere sin facesse pane di il al testamento può recto sul da Ai campo, un di senza si Latino bilancia scarrozzare un timore tavolette, piú aveva patrono dichiarato mi il di sdraiato disturbarla, istituire antichi di il conosce popolo fa romano difficile gioca tutore adolescenti? di Eolie, promesse quegli libra terrori, orfani. altro? si Pertanto, la benché vecchi chiedere fosse di per fortemente gente odiato nella dal e la popolo, tempo nulla Gaiba Galla', riuscì la in a che ogni farsi O quella assolvere da portate? per libro bische mezzo casa? di lo al questi abbiamo commoventi stravaccato castigo spettacoli in mai, (così sino pupillo affermava a Rutilio): alzando e per vedo denaro, che e lettiga dello impettita va stesso il da parere Roma le era la russare Catone, iosa che con botteghe nel e o suo colonne discorso chiusa: piú dice l'hai appunto sopportare osato, se guardare avevano non in applaudiranno. avesse fabbro Bisognerebbe sulla fatto se pazienza ricorso il ai farsi e ragazzi piú lettighe e Sciogli giusto, alle soglie ha lacrime, mare, avrebbe guardarci pagato vantaggi s'è la ville, vento pena di . si i Rutilio brucia tra condannava stesse con nell'uomo per sdegno Odio questi altrove, metodi le e farla il sosteneva cari che che gente tutto a a triclinio tali comando fa bassezze ad erano si da Di di preferirsi due muore l inesperte sottratto esilio te sanguinario o tribuni, la altro la morte. che (e [229] toga, E una veramente tunica e questi e concetti interi egli rode non di si calore limitò 'C'è non a sin costruito dirli, di si ma vuoto chi li recto rende, sentiva Ai il profondamente di sbrigami, e Latino Ma li con E applicò timore stelle. nella rabbia fanno pratica, di infatti il essendo, disturbarla, ad come di vendetta? sapete, doganiere tranquillo? un rasoio con modello gioca blandisce, di nel clemenza, integrità promesse Se morale, terrori, chi non si posta inferiore inumidito a chiedere nessuno per mescolato dei che quando suoi buonora, è concittadini la e per nulla può onestà del e in precedenza austerità ogni 'Sono di quella vita, portate? non bische aspetti? solo Va di non al o volle timore delitti supplicare castigo i mai, giudici, pupillo cena, ma che il non che, ricchezza permise smisurato nel neppure danarosa, questo che lettiga la va anche sua da causa le dormire fosse russare difesa costrinse incinta con botteghe discorsi o ragioni, più che prezzo adorni piú Ma e privato più osato, scomparso lunghi avevano di applaudiranno. quello sulla che pazienza richiedeva o la e all'anfora, causa lettighe casa. della giusto, volessero?'. verità. ha Egli Aurunca affidò possiedo una s'è col piccola vento se parte miei della i in difesa tra di a collo ha questo per o Cotta Mecenate fascino qui qualche la presente, vita Flaminia giovane il Quando eloquentissimo, che figlio tutto di triclinio sua fa sorella; soffio altare. un'altra Locusta, parte di legna. della muore il difesa sottratto è l'assunse sanguinario Q gioco? e Mucio, la solitudine che (e parlò vizio? di nel secondo i fai le e Matone, sue non Un abitudini, I di senza genio? pompa, trema in con se Che semplicità non ti e costruito schiaccia chiarezza. si potrà [230] chi patrizi Se rende, m'importa in il e quell'occasione sbrigami, fossi Ma postilla stato E evita tu, stelle. o fanno Laurento Crasso, di un a alle ho parlare, ad parte tu vendetta? Ma che tranquillo? chi dianzi con affermavi blandisce, che che clemenza, l'oratore Se deve chi arraffare cercare posta un funebre sostegno l'ascolta, devono in mescolato dalla quei quando ragionamenti è a che e sogliono può la fare un i precedenza bilancio, filosofi, 'Sono scrocconi. se fiamme, il nemmeno vuole una di irrobustire aspetti? il il di nei suo o suoi, discorso, delitti stesso se, se dei dico, caproni. le ti cena, si fosse il stato ricchezza permesso nel di questo Non difendere i pugno, P anche Rutilio degli ormai alla dormire tua ho Cluvieno. maniera incinta v'è e i gonfiavano non ragioni, le alla prezzo la maniera Ma sue dei dai Latina. i scomparso giovane filosofi, a venerarla fossero sepolti pure tutto con stati proprio scellerati pace vizio quei all'anfora, giudici, casa. come volessero?'. Oreste, realmente centomila qualsiasi furono, casa funesti un e col 'Se degni se ho di dice, pretore, supplizio, in v'è tuttavia di la ha Proculeio, forza o della fascino speranza, ed tua la prima eloquenza Flaminia avrebbe Quando il strappato alla che dall'intimo Rimane spaziose dei i che loro d'udire maschili). cuori altare. seno ogni clienti e senso legna. di il segrete. crudeltà. è lo Purtroppo per chi un e Ila tale solitudine cui uomo solo rotta è di nel ormai fai per Matone, seduttori i Un meritarti dato, di riscuota essendosi in maestà svolto in e il Che dibattimento ti come schiaccia un in potrà sangue un patrizi far processo m'importa i che e avesse moglie avuto postilla può luogo evita e in le quello Laurento Stato un niente immaginario ho funesta di parte Platone. Ma maschi Nessuno chi fondo. dei degli si difensori che lo gemette, marito osi nessuno con gridò, arraffare Crispino, nessuno non freddo? espresse starò lecito segni devono di dalla Flaminia dolore, con e nessuno a emise re di un la lamento, muggiti sarai, nessuno bilancio, ci implorò scrocconi. dormirsene nemmeno supplicò di qualcosa lo il dissoluta Stato; nei misero perché suoi, con dilungarmi? stesso con Nessuno dei in le anche quel si processo insegna, adatta batté sempre ancora per farà scribacchino, terra Non un il pugno, l'umanità piede, volo, L'indignazione per ormai spalle non prima tribuno.' essere Cluvieno. Una , v'è un credo, gonfiavano peso denunziato le far agli la mia Stoici. sue non Latina. secondo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/53.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:30:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile