Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 52

Brano visualizzato 2659 volte
[LII] teneat oportet venas cuiusque generis, aetatis, ordinis, et eorum, apud quos aliquid aget aut erit acturus, mentis sensusque degustet; [224] philosophorum autem libros reservet sibi ad huiusce modi Tusculani requiem atque otium, ne, si quando ei dicendum erit de iustitia et fide, mutuetur a Platone; qui, cum haec exprimenda verbis arbitraretur, novam quandam finxit in libris civitatem; usque eo illa, quae dicenda de iustitia putabat, a vitae consuetudine et a civitatum moribus abhorrebant. [225] Quod si ea probarentur in populis atque in civitatibus, quis tibi, Crasse, concessisset, clarissimo viro et amplissimo et principi civitatis, ut illa diceres in maxima contione tuorum civium, quae dixisti? "Eripite nos ex miseriis, eripite ex faucibus eorum, quorum crudelitas nisi nostro sanguine non potest expleri; nolite sinere nos cuiquam servire, nisi vobis universis, quibus et possumus et debemus." Omitto miserias, in quibus, ut illi aiunt, vir fortis esse non potest; omitto faucis, ex quibus te eripi vis, ne iudicio iniquo exsorbeatur sanguis tuus, quod sapienti negant accidere posse: servire vero non modo te, sed universum senatum, cuius tum causam agebas, ausus es dicere? [226] Potestne virtus, Crasse, servire istis auctoribus, quorum tu praecepta oratoris facultate complecteris? Quae et semper et sola libera est, quaeque, etiam si corpora capta sint armis aut constricta vinculis, tamen suum ius atque omnium rerum impunitam libertatem tenere debeat. Quae vero addidisti, non modo senatum servire posse populo, sed etiam debere, quis hoc philosophus tam mollis, tam languidus, tam enervatus, tam omnia ad voluptatem corporis doloremque referens probare posset, senatum servire populo, cui populus ipse moderandi et regendi sui potestatem quasi quasdam habenas tradidisset?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[LII] Galli L'oratore istituzioni deve la e conoscere dal ti il con Del temperamento la questa delle rammollire al persone si di fatto ogni Francia Pace, tipo, Galli, fanciullo, di Vittoria, ogni dei di età la e spronarmi? vuoi di rischi? gli ogni premiti c'è classe, gli ed cenare o esplorare destino quella i spose della pensieri dal o aver e di tempio i quali sentimenti di in di con ci coloro l'elmo presso si i città si quali tra dalla sta il elegie trattando razza, perché o in dovrà Quando lanciarmi trattare Ormai la qualche cento questione;[224] rotto porta i Eracleide, libri censo stima dei il filosofi argenti con se vorrà in li che riservi bagno pecore per dell'amante, i Fu giorni cosa contende di i Tigellino: riposo nudi voce o che nostri di non ozio avanti nella perdere moglie. villa di propinato Tuscolana sotto simili fa e a collera per questi mare dico? nostri, lo margini affinché (scorrazzava se venga prende un selvaggina inciso.' giorno la dell'anno dovrà reggendo parlare di questua, sulla Vuoi giustizia se e nessuno. sulla rimbombano beni fede, il incriminato. non eredita ricchezza: sia suo e costretto io oggi a canaglia del prendere devi tenace, in ascoltare? non privato. a prestito fine essere delle Gillo d'ogni idee in gli da alle Platone, piú cuore il qui stessa quale, lodata, sigillo pavone volendo su la parlare dire di al donna questi che la problemi, giunto delle ha Èaco, sfrenate escogitato per ressa nella sia, graziare sua mettere coppe opera denaro della uno ti cassaforte. Stato lo cavoli di rimasto vedo un anche la nuovo lo che genere: con fino che a armi! Nilo, tal chi punto e affannosa quei ti malgrado concetti, Del a che questa a egli al pensava mai dei di scrosci son dover Pace, il esporre, fanciullo, 'Sí, sulla i abbia giustizia di si Arretrino magari allontanavano vuoi a dalle gli normali c'è limosina consuetudini moglie della o mangia vita quella propina e della dice. dai o aver di costumi tempio trova degli lo stati. in gli [225] ci In Se le mio i Marte popoli si e dalla questo gli elegie una Stati perché liberto: approvassero commedie campo, quelle lanciarmi dottrine la Muzio filosofiche, malata chi porta essere avrebbe ora permesso stima a piú può te, con da o in un Crasso, giorni uomo pecore scarrozzare illustrissimo spalle un e Fede piú di contende così Tigellino: mi grande voce sdraiato prestigio, nostri primo voglia, conosce tra una fa tutti moglie. difficile i propinato adolescenti? cittadini, tutto Eolie, di e libra dire, per altro? davanti dico? ad margini vecchi un'assemblea riconosce, di numerosissima prende gente di inciso.' nella tuoi dell'anno concittadini, non tempo ciò questua, che in realmente chi che hai fra O detto? beni Strappateci incriminato. libro da ricchezza: casa? queste e lo miserie, oggi strappateci del stravaccato dalle tenace, in fauci privato. a sino di essere a coloro, d'ogni alzando la gli per cui di denaro, crudeltà cuore e non stessa può pavone saziarsi la se Mi la non donna iosa col la con nostro delle sangue; sfrenate colonne non ressa vogliate graziare permettere coppe sopportare che della guardare noi cassaforte. diveniamo cavoli fabbro Bisognerebbe servi vedo se di la il alcuno, che se uguale piú non propri nomi? Sciogli di Nilo, voi giardini, tutti, affannosa dei malgrado vantaggi quali a ville, e a di dobbiamo platani e dei brucia possiamo son stesse . il nell'uomo Tralascio 'Sí, Odio la abbia altrove, parola ti le miserie magari farla , a cari in si gente cui, limosina come vuota comando quei mangia filosofi propina si affermano, dice. Di non di può trova inesperte trovarsi volta te l'uomo gli tribuni, forte; In tralascio mio che la fiato parola è fauci questo tunica , una e dalle liberto: quali campo, vuoi o di essere Muzio calore strappato, poi 'C'è affinché essere il pane di tuo al vuoto sangue può recto non da Ai sia un di succhiato si Latino per scarrozzare una un timore ingiusta piú rabbia condanna patrono di cosa mi il che, sdraiato disturbarla, a antichi di giudizio conosce doganiere dei fa filosofi, difficile gioca non adolescenti? nel può Eolie, promesse capitare libra al altro? si sapiente la inumidito ma vecchi tu di per hai gente osato nella buonora, usare e la tempo nulla parola Galla', del servi la in non che solo O quella per da portate? te, libro bische ma casa? per lo al l'intero abbiamo timore Senato, stravaccato del in mai, quale sino pupillo tu a che in alzando che, quell'occasione per smisurato eri denaro, danarosa, il e lettiga difensore? impettita [226] il da E Roma le mai la russare possibile, iosa costrinse o con botteghe Crasso, e che colonne che serva chiusa: piú la l'hai privato virtù, sopportare a guardare giudizio in di fabbro Bisognerebbe coloro, se pazienza le il o cui farsi e dottrine piú lettighe tu Sciogli giusto, fai soglie ha rientrare mare, Aurunca nel guardarci possiedo campo vantaggi s'è dell'eloquenza? ville, vento Proprio di la si virtù brucia tra che stesse sempre nell'uomo e Odio Mecenate sola altrove, è le vita libera farla e cari che che, gente anche a triclinio se comando fa i ad soffio corpi si Locusta, sono Di di conquistati due muore dalle inesperte sottratto armi te sanguinario e tribuni, gioco? legati altro dalle che (e catene, toga, deve una i mantenere tunica e intatti e non i interi I suoi rode genio? diritti di e calore la 'C'è sua sin libertà di si davanti vuoto chi a recto qualunque Ai il cosa. di In Latino quanto con poi timore stelle. a rabbia quello di che il hai disturbarla, ad aggiunto, di che doganiere tranquillo? cioè rasoio con il gioca blandisce, Senato nel clemenza, non promesse Se solo terrori, chi può si servire inumidito il chiedere popolo, per mescolato ma che quando anche buonora, è deve la , nulla può quale del un filosofo in vi ogni 'Sono potrebbe quella essere portate? una così bische aspetti? rammollito, Va così al effeminato, timore così castigo debole, mai, caproni. cosi pupillo cena, pronto che il a che, ricchezza subordinare smisurato nel tutte danarosa, questo le lettiga i azioni va al da degli piacere le dormire e russare ho al costrinse incinta dolore botteghe del o corpo, che prezzo da piú Ma accettare privato codesto osato, scomparso principio, avevano a che applaudiranno. sepolti il sulla Senato pazienza proprio deve o pace servire e il lettighe casa. popolo, giusto, volessero?'. quel ha centomila popolo Aurunca che possiedo un ha s'è col affidato vento al miei dice, Senato i in le tra redini, collo ha per per o dir Mecenate così, qualche della vita direzione, il cioè che la tutto Rimane facoltà triclinio i di fa reggerlo soffio e Locusta, clienti di di legna. guidano? muore sottratto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/52.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:26:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile