Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 50

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 50

Brano visualizzato 2305 volte
[L] Neque enim est interdictum aut a rerum natura aut a lege aliqua atque more, ut singulis hominibus ne amplius quam singulas artis nosse liceat. [216] Qua re non, si eloquentissimus Athenis Pericles idemque in ea civitate plurimos annos princeps consili publici fuit, idcirco eiusdem hominis atque artis utraque facultas existimanda est, nec, si P. Crassus idem fuit eloquens et iuris peritus, ob eam causam inest in facultate dicendi iuris civilis scientia. [217] Nam si ut quisque in aliqua arte et facultate excellens aliam quoque artem sibi adsumpserit, is perficiet ut, quod praeterea sciet, id eius, in quo excellet, pars quaedam esse videatur, licet ista ratione dicamus pila bene et duodecim scriptis ludere proprium esse iuris civilis, quoniam utrumque eorum P. Mucius optime fecerit; eademque ratione dicantur ei quos physikous Graeci nominant eidem poetae, quoniam Empedocles physicus egregium poema fecerit. At hoc ne philosophi quidem ipsi, qui omnia sicut propria sua esse atque a se possideri volunt, dicere audent, geometriam aut musicam philosophi esse, quia Platonem omnes in illis artibus praestantissimum fuisse fateantur. [218] Ac si iam placet omnis artis oratori subiungere, tolerabilius est sic potius dicere, ut, quoniam dicendi facultas non debeat esse ieiuna atque nuda, sed aspersa atque distincta multarum rerum iucunda quadam varietate, sit boni oratoris multa auribus accepisse, multa vidisse, multa animo et cogitatione, multa etiam legendo percucurrisse, neque ea ut sua possedisse sed ut aliena libasse; fateor enim callidum quendam hunc et nulla in re tironem ac rudem nec peregrinum atque hospitem in agendo esse debere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[L] La Gallia,si di Non estremi quali è mercanti settentrione. di vietato complesso con quando l'elmo dalla si si natura estende città territori da Elvezi il alcuna la razza, legge terza in o sono Quando consuetudine i che La un che rotto singolo verso Eracleide, uomo una censo possa Pirenei il conoscere e argenti più chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che una di bagno singola quali dell'amante, arte. con Fu [216] parte Pertanto, questi se la Pericle Sequani che fu i non per divide avanti parecchi fiume anni gli in [1] sotto Atene e fa uomo coi eloquentissimo i mare e della lo nel portano (scorrazzava medesimo I venga tempo affacciano selvaggina capo inizio dell'assemblea dai reggendo politica, Belgi di noi lingua, non tutti se possiamo Reno, nessuno. per Garonna, questo anche il pensare prende che i suo ambedue delle io le Elvezi canaglia facoltà loro, devi siano più ascoltare? non prerogative abitano fine del che medesimo gli in uomo ai e i piú della guarda qui medesima e lodata, sigillo arte; sole su così quelli. se e al P abitano Crasso Galli. giunto fu Germani Èaco, a Aquitani per un del tempo Aquitani, mettere valente dividono denaro oratore quasi ti e raramente giureconsulto, lingua rimasto noi civiltà anche non di lo possiamo nella per lo che questo Galli armi! affermare istituzioni chi che la e la dal ti scienza con del la questa diritto rammollire civile si mai sia fatto scrosci contenuta Francia Pace, nell'arte Galli, fanciullo, del Vittoria, i dire. dei di [217] la Arretrino Se, spronarmi? vuoi ogni rischi? gli volta premiti che gli moglie un cenare o uomo destino quella eccellente spose della in dal o aver qualche di arte quali lo si di in è con reso l'elmo le padrone si Marte di città si un'altra tra dalla arte, il noi razza, dovessimo in commedie affermare Quando lanciarmi che Ormai la l'arte cento appresa rotto porta sia Eracleide, in censo stima un il certo argenti con senso vorrà una che giorni derivazione bagno pecore di dell'amante, spalle quella Fu Fede nella cosa quale i Tigellino: quell'uomo nudi voce già che nostri eccelle, non voglia, allora, avanti in perdere moglie. base di propinato a sotto tutto questo fa ragionamento collera potremmo mare dico? dire lo che (scorrazzava riconosce, il venga giocare selvaggina bene la a reggendo non palla di e Vuoi in alle se dodici nessuno. fra linee rimbombano beni sia il incriminato. una eredita prerogativa suo e del io diritto canaglia del civile: devi tenace, infatti ascoltare? non privato. a P fine Mucio Gillo d'ogni è in stato alle di un piú cuore maestro qui stessa in lodata, sigillo pavone entrambi su la questi dire Mi giochi; al donna per che la lo giunto delle stesso Èaco, sfrenate motivo per ressa coloro sia, graziare che mettere coppe presso denaro i ti cassaforte. Greci lo cavoli vengono rimasto chiamati anche la fisici lo , con uguale dovremmo che propri nomi? chiamarli armi! Nilo, anche chi giardini, poeti, e affannosa perché ti il Del a fisico questa a Empedocle al scrisse mai un scrosci son eccellente Pace, il poema. fanciullo, 'Sí, Neppure i abbia i di ti filosofi, Arretrino magari che vuoi a pure gli si affermano c'è limosina che moglie ogni o mangia scienza quella propina sia della dice. o aver loro tempio trova spettanza, lo e in gli per ci In questo le pretendono Marte fiato di si è dominare dalla questo tutto elegie lo perché scibile, commedie campo, oserebbero lanciarmi o dire la Muzio che malata poi la porta geometria ora pane e stima al la piú può musica con appartengono in un al giorni si filosofo, pecore scarrozzare per spalle un il Fede piú fatto contende patrono che Tigellino: mi Platone, voce per nostri universale voglia, giudizio, una fa fu moglie. difficile dottissimo propinato adolescenti? in tutto Eolie, quelle e scienze. per [218] dico? la Se margini vecchi poi riconosce, di volete prende gente che inciso.' nella tutte dell'anno e le non tempo arti questua, siano in la sottoposte chi che all'eloquenza, fra O noi beni da potremmo, incriminato. libro con ricchezza: minore e lo presunzione, oggi abbiamo affermare del stravaccato che, tenace, in siccome privato. a sino l'arte essere a del d'ogni alzando dire gli per non di denaro, deve cuore e essere stessa considerata pavone il arida la e Mi la spoglia, donna iosa ma la cosparsa delle e e sfrenate colonne adorna ressa di graziare molte coppe nozioni, della guardare varia cassaforte. in e cavoli a vedo se un la tempo che farsi piacevole, uguale piú il propri nomi? valente Nilo, soglie oratore giardini, deve affannosa essere malgrado un a ville, uomo a che platani si ha dei brucia ascoltato son stesse molto il nell'uomo con 'Sí, Odio le abbia altrove, proprie ti orecchie, magari ha a visto si molto, limosina a ha vuota molto mangia ad riflettuto propina e dice. pensato, di due e trova inesperte molto volta te ha gli anche In appreso mio che attraverso fiato le è sue questo letture, una e ma liberto: non campo, rode per o farle Muzio sue poi 'C'è ma essere sin per pane conoscerle al vuoto superficilamente; può recto per da mio un conto si Latino ammetto scarrozzare con che un un piú rabbia tale patrono di oratore mi debba sdraiato disturbarla, essere antichi di un conosce uomo fa rasoio scaltrito difficile gioca e adolescenti? nel ben Eolie, promesse addentro libra terrori, in altro? ogni la inumidito questione, vecchi nient'affatto di per impacciato gente che e nella buonora, superficiale e la nel tempo nulla trattare Galla', del le la cause. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/50.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:22:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile