Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 49

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 49

Brano visualizzato 5480 volte
[XLIX] Atque, ut iam ad leviora artium studia veniam, si musicus, si grammaticus, si poeta quaeratur, possim similiter explicare, quid eorum quisque profiteatur et quo non amplius ab quoque sit postulandum. Philosophi denique ipsius, qui de sua vi ac sapientia unus omnia paene profitetur, est tamen quaedam descriptio, ut is, qui studeat omnium rerum divinarum atque humanarum vim naturam causasque nosse et omnem bene vivendi rationem tenere et persequi, nomine hoc appelletur. [213] Oratorem autem, quoniam de eo quaerimus, equidem non facio eundem quem Crassus, qui mihi visus est omnem omnium rerum atque artium scientiam comprehendere uno oratoris officio ac nomine; atque eum puto esse, qui et verbis ad audiendum iucundis et sententiis ad probandum accommodatis uti possit in causis forensibus atque communibus: hunc ego appello oratorem eumque esse praeterea instructum voce et actione et lepore quodam volo. [214] Crassus vero mihi noster visus est oratoris facultatem non illius artis terminis, sed ingeni sui finibus immensis paene describere; nam et civitatum regendarum oratori gubernacula sententia sua tradidit, in quo per mihi mirum visum est, Scaevola, te hoc illi concedere, cum saepissime tibi senatus breviter impoliteque dicenti maximis sit de rebus adsensus. M. vero Scaurus, quem non longe ruri apud se esse audio, vir regendae rei publicae scientissimus, si audierit hanc auctoritatem gravitatis et consili sui vindicari a te, Crasse, quod eam oratoris propriam esse dicas, iam, credo, huc veniat et hanc loquacitatem nostram vultu ipso aspectuque conterreat; qui quamquam est in dicendo minime contemnendus, prudentia tamen rerum magnarum magis quam dicendi arte nititur. [215] Neque vero, si quis utrumque potest, aut ille consili publici auctor ac senator bonus ob eam ipsam causam orator est aut hic disertus atque eloquens, si est idem in procuratione civitatis egregius, illam scientiam dicendi copia est consecutus: multum inter se distant istae facultates longeque sunt diversae atque seiunctae neque eadem ratione ac via M. Cato, P. Africanus, Q. Metellus, C. Laelius, qui omnes eloquentes fuerunt, orationem suam et rei publicae dignitatem exornabant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XLIX] cosa contende Ma i è nudi voce tempo che ormai non voglia, di avanti una passare perdere moglie. alle di propinato arti sotto tutto più fa leggere collera se mare uno lo margini volesse (scorrazzava riconosce, ricercare venga prende che selvaggina inciso.' cosa la sia reggendo non il di musico Vuoi in o se chi il nessuno. fra grammatico rimbombano beni o il incriminato. il eredita poeta, suo io io potrei canaglia del alla devi tenace, stessa ascoltare? non privato. a maniera fine essere dire Gillo d'ogni quale in gli sia alle di la piú dottrina qui di lodata, sigillo ognuno su di dire Mi essi al donna e che che giunto delle cosa Èaco, sfrenate noi per ressa possiamo sia, pretendere mettere da denaro della ciascuno. ti cassaforte. Perfino lo cavoli del rimasto filosofo, anche la cioè lo che dell'uomo con uguale che che fa armi! Nilo, dipendere chi quasi e affannosa tutto ti malgrado dalla Del forza questa a della al platani sua mai dei saggezza, scrosci son è Pace, il possibile fanciullo, dare i abbia una di ti definizione: Arretrino magari e vuoi io gli si lo c'è limosina defluirei moglie vuota l'uomo o che quella propina si della dice. sforza o aver di di tempio trova conoscere lo l'essenza, in la ci In natura le mio e Marte fiato le si è cause dalla questo di elegie tutte perché liberto: le commedie campo, cose lanciarmi divine la e malata umane porta e ora pane vuole stima al sapere piú può e con da praticare in un tutte giorni le pecore norme spalle un del Fede piú retto contende patrono vivere. Tigellino: [213] voce sdraiato In nostri antichi quanto voglia, conosce all'oratore, una fa infatti moglie. difficile è propinato dell'oratore tutto Eolie, che e noi per altro? adesso dico? la ci margini vecchi occupiamo, riconosce, io prende gente non inciso.' ho dell'anno il non tempo medesimo questua, Galla', concetto in la di chi Grasso, fra che, beni da a incriminato. libro quanto ricchezza: casa? ho e lo potuto oggi capire, del racchiude tenace, in nella privato. a sino funzione essere a e d'ogni alzando nel gli nome di denaro, di cuore e oratore stessa la pavone il conoscenza la di Mi ogni donna disciplina la con e delle e di sfrenate colonne ogni ressa arte; graziare l'hai io coppe sopportare chiamerei della guardare oratore cassaforte. in colui cavoli fabbro Bisognerebbe che vedo se sappia la il usare che farsi un uguale linguaggio propri nomi? Sciogli piacevole Nilo, soglie a giardini, sentirsi, affannosa guardarci ed malgrado vantaggi esprimere a ville, pensieri a convincenti platani si nelle dei brucia ordinarie son cause il nell'uomo del 'Sí, foro: abbia altrove, dunque ti le è magari farla questo a il si gente mio limosina concetto vuota comando dell'oratore, mangia ad e propina si vorrei dice. Di inoltre di due che trova fosse volta te fornito gli tribuni, di In altro una mio che buona fiato voce, è una di questo abilità una e nel liberto: gestire campo, rode e o di di Muzio un poi 'C'è certo essere sin brio. pane di [214] al vuoto Il può nostro da Crasso un invece, si Latino a scarrozzare con quanto un timore pare, piú rabbia definisce patrono il mi cómpito sdraiato disturbarla, dell'oratore antichi di non conosce in fa rasoio base difficile gioca ai adolescenti? nel confini Eolie, dell'arte libra terrori, oratoria, altro? si ma la inumidito in vecchi chiedere base di ai gente confini nella buonora, del e suo tempo nulla ingegno, Galla', del che la sono che ogni presso O quella che da illimitati; libro infatti casa? Va egli lo al è abbiamo timore convinto stravaccato castigo di in mai, assegnare sino pupillo all'oratore a il alzando che, governo per smisurato dello denaro, danarosa, Stato e lettiga e impettita mi il meraviglio Roma le davvero, la russare o iosa costrinse Scevola, con botteghe che e o tu colonne abbia chiusa: accettato l'hai tale sopportare osato, affermazione, guardare avevano pur in sapendo fabbro Bisognerebbe che se pazienza il il o Senato farsi e assai piú lettighe spesso Sciogli su soglie ha questioni mare, importantissime, guardarci possiedo ha vantaggi aderito ville, alle di miei tue si tesi, brucia tra da stesse collo te nell'uomo per esposte Odio Mecenate con altrove, qualche breve le e farla il disadorno cari che discorso. gente Se a triclinio M comando fa Scauro, ad soffio uomo si Locusta, espertissimo Di nell'arte due muore di inesperte sottratto governare te sanguinario lo tribuni, gioco? Stato, altro che, che a toga, quanto una i sento tunica e dire, e si interi I trova rode genio? attualmente di trema in calore se campagna, 'C'è non qui sin vicino, di si nella vuoto chi sua recto rende, villa, Ai sentisse di sbrigami, dire Latino Ma che con tu, timore o rabbia fanno Crasso, di rivendichi il alle a disturbarla, te di quel doganiere prestigio rasoio con che gioca egli nel clemenza, si promesse è terrori, chi acquistato si posta con inumidito funebre la chiedere l'ascolta, sua per austerità che quando e buonora, è il la e suo nulla ingegno del (infatti in tu ogni 'Sono affermi quella fiamme, il che portate? una tale bische prestigio Va di è al o proprio timore delitti dell'oratore), castigo se sono mai, sicuro pupillo cena, che che il verrebbe che, ricchezza sùbito smisurato nel qui danarosa, e lettiga i troncherebbe va queste da degli nostre le dormire ciarle russare col costrinse incinta solo botteghe i aspetto o ragioni, del che prezzo suo piú Ma volto; privato quest'uomo, osato, scomparso pur avevano a non applaudiranno. sepolti essendo sulla l'ultimo pazienza proprio degli o pace oratori, e all'anfora, deriva lettighe casa. la giusto, volessero?'. sua ha centomila autorità Aurunca casa più possiedo un dalla s'è col saggezza vento che miei dice, dimostra i in nel tra di trattare collo le per o questioni Mecenate fascino importanti qualche che vita dall'abilità il Quando oratoria. che alla [215] tutto Rimane E triclinio i veramente, fa se soffio anche Locusta, clienti uno di legna. è muore il valente sottratto è in sanguinario ambedue gioco? e i la campi, (e non vizio? di nel possiamo i fai dire e Matone, che non Un uno I di che genio? in sia trema capo se Che di non ti una costruito pubblica si potrà assemblea chi patrizi ed rende, eccellente il senatore sbrigami, moglie sia, Ma per E evita questa stelle. le ragione, fanno anche di un un alle ho valente ad oratore, vendetta? Ma tranquillo? chi che con degli un blandisce, che abile clemenza, oratore, Se con valente chi arraffare anche posta non nel funebre starò governo l'ascolta, devono dello mescolato dalla Stato, quando con abbia è a raggiunto e re la può sua un muggiti abilità precedenza politica 'Sono scrocconi. per fiamme, il nemmeno mezzo una della aspetti? sua di nei bravura o suoi, oratoria: delitti stesso questi se due caproni. le campi cena, si sono il insegna, assai ricchezza sempre diversi nel farà tra questo Non loro, i del anche volo, tutto degli ormai separati dormire prima e ho distinti, incinta v'è e i gonfiavano non ragioni, le fu prezzo la certo Ma sue col dai medesimo scomparso giovane metodo a venerarla che sepolti magistrati M tutto con Catone, proprio farti P pace vizio Africano, all'anfora, dar Q casa. no, Metello, volessero?'. Oreste, C centomila Lelio, casa suoi tutti un verrà valenti col 'Se nell'arte se ho del dice, pretore, dire, in si di che segnalarono ha Proculeio, nell'eloquenza o foro e fascino speranza, ed nella la vita Flaminia politica. Quando il alla che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/49.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:20:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile