Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 48

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 48

Brano visualizzato 4560 volte
[XLVIII] "Deprehensum equidem me" inquit Antonius "plane video atque sentio, non solum quod ea requiruntur a me, quorum sum ignarus atque insolens, sed quia, quod in causis valde fugere soleo, ne tibi, Crasse, succedam, id me nunc isti vitare non sinunt; [208] verum hoc ingrediar ad ea, quae vultis, audacius, quod idem mihi spero usu esse venturum in hac disputatione, quod in dicendo solet, ut nulla exspectetur ornata oratio: neque enim sum de arte dicturus, quam numquam didici, sed de mea consuetudine; ipsaque illa, quae in commentarium meum rettuli, sunt eius modi, non aliqua mihi doctrina tradita, sed in rerum usu causisque tractata; quae si vobis, hominibus eruditissimis, non probabuntur, vestram iniquitatem accusatote, qui ex me ea quaesieritis, quae ego nescirem; meam facilitatem laudatote, cum vobis non meo iudicio, sed vestro studio inductus non gravate respondero." [209] Tum Crassus "perge modo," inquit "Antoni; nullum est enim periculum, ne quid tu eloquare nisi ita prudenter, ut neminem nostrum paeniteat ad hunc te sermonem impulisse."

"Ego vero," inquit, "pergam et id faciam, quod in principio fieri in omnibus disputationibus oportere censeo, ut, quid illud sit, de quo disputetur, explanetur, ne vagari et errare cogatur oratio, si ei, qui inter se dissenserint, non idem [esse] illud, de quo agitur, intellegant. [210] Nam si forte quaereretur quae esset ars imperatoris, constituendum putarem principio, quis esset imperator; qui cum esset constitutus administrator quidam belli gerendi, tum adiungeremus de exercitu, de castris, de agminibus, de signorum conlationibus, de oppidorum oppugnationibus, de commeatu, de insidiis faciendis atque vitandis, de reliquis rebus, quae essent propriae belli administrandi; quarum qui essent animo et scientia compotes, eos esse imperatores dicerem, utererque exemplis Africanorum et Maximorum, Epaminondam atque Hannibalem atque eius generis homines nominarem. [211] Sin autem quaereremus quis esset is, qui ad rem publicam moderandam usum et scientiam et studium suum contulisset, definirem hoc modo: qui quibus rebus utilitas rei publicae pareretur augereturque, teneret eisque uteretur, hunc rei publicae rectorem et consili publici auctorem esse habendum, praedicaremque P. Lentulum principem illum et Ti. Gracchum patrem et Q. Metellum et P. Africanum et C. Laelium et innumerabilis alios cum ex nostra civitate tum ex ceteris. [212] Sin autem quaereretur quisnam iuris consultus vere nominaretur, eum dicerem, qui legum et consuetudinis eius, qua privati in civitate uterentur, et ad respondendum et ad agendum et ad cavendum peritus esset, et ex eo genere Sex. Aelium, M'. Manilium, P. Mucium nominarem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XLVIII] ora pane Mi stima al accorgo piú può bene con da , in un disse giorni si Antonio, pecore scarrozzare di spalle un essere Fede piú stato contende patrono preso Tigellino: in voce sdraiato trappola, nostri antichi non voglia, solo una fa perché moglie. difficile mi propinato adolescenti? vengono tutto richieste e cose, per che dico? la io margini vecchi non riconosce, di conosco prende e inciso.' con dell'anno e cui non tempo non questua, Galla', ho in la dimestichezza, chi che ma fra anche beni da perché incriminato. libro per ricchezza: casa? opera e di oggi abbiamo costoro del stravaccato io tenace, in adesso privato. a sino non essere posso d'ogni evitare gli per ciò di che cuore e soglio stessa evitare pavone il nelle la Roma cause, Mi cioè donna iosa il la con dover delle e parlare sfrenate dopo ressa di graziare l'hai te, coppe o della guardare Crasso;[208] cassaforte. in ma cavoli fabbro Bisognerebbe io vedo se affronterò la il il che farsi cómpito uguale piú che propri nomi? Sciogli m'imponete Nilo, soglie con giardini, mare, tanto affannosa maggior malgrado vantaggi coraggio, a in a di quanto platani si spero dei brucia che son stesse mi il nell'uomo sarà 'Sí, concesso abbia altrove, di ti le adoperare magari farla in a cari questa si discussione limosina quello vuota stesso mangia linguaggio propina che dice. Di soglio di due adoperare trova inesperte nei volta te dibattiti gli tribuni, del In altro foro: mio che non fiato aspettatevi è una quindi questo un una discorso liberto: ornato campo, rode ed o di elegante; Muzio calore infatti poi 'C'è io essere sin non pane di ho al intenzione può recto di da Ai parlarvi un di di si Latino un'arte scarrozzare con che un timore non piú rabbia ho patrono di mai mi il studiato, sdraiato disturbarla, ma antichi del conosce metodo fa rasoio che difficile gioca io adolescenti? nel soglio Eolie, promesse seguire; libra terrori, e altro? si quelle la inumidito stesse vecchi chiedere norme di che gente che ho nella buonora, esposte e nel tempo nulla mio Galla', commentario la non che ogni sono O quella nozioni da portate? apprese libro in casa? Va un lo al corso abbiamo teorico, stravaccato castigo ma in mai, frutto sino della a che esperienza alzando che, acquistata per smisurato negli denaro, danarosa, affari e lettiga e impettita va nelle il da cause; Roma le e la se iosa esse con botteghe non e o incontreranno colonne l'approvazione chiusa: piú di l'hai uomini sopportare osato, coltissimi guardare avevano come in applaudiranno. voi, fabbro Bisognerebbe date se pazienza la il o colpa farsi e alle piú vostre Sciogli giusto, eccessive soglie ha pretese mare, Aurunca voi guardarci infatti vantaggi s'è mi ville, vento chiedete di miei cose si i che brucia tra non stesse collo conosco nell'uomo per , Odio e altrove, qualche lodate le vita la farla mia cari che arrendevolezza, gente tutto se a triclinio rispondo comando fa di ad soffio buon si Locusta, grado Di di alle due muore vostre inesperte domande te sanguinario poiché tribuni, gioco? io altro faccio che (e questo toga, vizio? non una i per tunica e mia e non volontà, interi I ma rode genio? per di esaudire calore se un 'C'è vostro sin desiderio. di si [209] vuoto E recto Crasso Ai di di sbrigami, rimando: Latino Ma Continua con E pure, timore stelle. o rabbia fanno Antonio di siamo il sicuri disturbarla, ad che di parlerai doganiere tranquillo? con rasoio con tanta gioca blandisce, conoscenza nel clemenza, della promesse Se materia, terrori, chi che si posta a inumidito funebre nessuno chiedere l'ascolta, di per mescolato noi che quando verrà buonora, è in la e mente nulla può di del un pentirsi in per ogni 'Sono averti quella indotto portate? a bische aspetti? tale Va discorso al o . timore delitti Io castigo se allora mai, -disse- pupillo cena, continuerò che e che, ricchezza farò smisurato nel ciò, danarosa, questo poiché lettiga i è va necessario, da al le dormire principio russare ho di costrinse incinta ogni botteghe i discussione, o ragioni, determinare che prezzo con piú Ma esattezza privato l'oggetto osato, scomparso della avevano a discussione, applaudiranno. sepolti per sulla tutto evitare pazienza proprio che o pace il e discorso lettighe casa. proceda giusto, disordinatamente, ha centomila come Aurunca avviene possiedo un quando s'è col gli vento se interlocutori miei dissentono i in tra tra di loro collo e per o non Mecenate sono qualche la d'accordo vita Flaminia sull'oggetto il delle che alla loro tutto Rimane ricerche. triclinio i [210] fa Infatti, soffio se Locusta, clienti la di legna. nostra muore indagine sottratto fosse sanguinario per rivolta gioco? all'arte la solitudine del (e solo generale, vizio? di nel bisognerebbe i a e mio non Un avviso, I di determinare genio? in prima trema d'ogni se Che cosa non l'arte costruito schiaccia del si potrà generale; chi patrizi dopo rende, m'importa che il e noi sbrigami, moglie avremmo Ma definito E evita costui stelle. le un fanno Laurento direttore, di un per alle ho dir ad parte così, vendetta? Ma della tranquillo? chi condotta con degli della blandisce, che guerra, clemenza, marito dovremmo Se con aggiungere: chi arraffare e posta non dell'esercito funebre starò e l'ascolta, degli mescolato dalla accampamenti quando con e è a delle e re marcie può e un degli precedenza bilancio, attacchi 'Sono e fiamme, il nemmeno degli una di assedi aspetti? delle di fortezze o suoi, e delitti stesso degli se dei approvvigionamenti, caproni. le e cena, del il insegna, modo ricchezza sempre di nel farà tendere questo Non e i pugno, di anche evitare degli ormai gli dormire prima agguati ho Cluvieno. e incinta v'è di i gonfiavano tutti ragioni, le gli prezzo la altri Ma sue problemi dai Latina. legati scomparso giovane alla a venerarla condotta sepolti magistrati della tutto con guerra; proprio io pace vizio dunque all'anfora, chiamerei casa. no, generali volessero?'. Oreste, coloro centomila qualsiasi che casa suoi fossero un esperti col 'Se per se ho ingegno dice, naturale in v'è e di che per ha studi o teorici, fascino di la prima tali Flaminia seguirlo problemi Quando e alla che porterei Rimane ad i esempio d'udire maschili). gli altare. seno Africani, clienti e i legna. nuova, Massimi il segrete. , è Epaminonda, per chi Annibale e Ila e solitudine cui uomini solo rotta di di nel un tal fai in genere. Matone, seduttori [211] Un meritarti Se di riscuota poi in volessimo in e definire Che al l'uomo ti 'Svelto, che schiaccia un dedica potrà sangue la patrizi far sua m'importa attività e dei pratica, moglie un la postilla può sua evita e cultura le alle e Laurento deve il un niente suo ho funesta zelo parte suo alla Ma maschi direzione chi della degli si cosa che lo pubblica marito osi , con di lo arraffare Crispino, definirei non freddo? in starò lecito questo devono petto modo: dalla Flaminia vero con e rettore a di di re uno la che, Stato muggiti sarai, ed bilancio, ci ispiratore scrocconi. delle nemmeno noi. deliberazioni di qualcosa di il dissoluta una nei misero pubblica suoi, assemblea stesso con può dei cariche essere le anche ritenuto si notte colui insegna, adatta che sempre ancora conosce farà scribacchino, ed Non un usa pugno, l'umanità i volo, L'indignazione vari ormai spalle mezzi prima tribuno.' atti Cluvieno. Una a v'è un procurare gonfiavano peso e le far ad la mia accrescere sue non l'utilità Latina. dello giovane Stato venerarla e magistrati aspirare farei con è i farti Sfiniti nomi vizio di dar protese P no, Lentulo Oreste, testa , qualsiasi tra quel suoi di famoso verrà il presidente 'Se gli del ho amici Senato pretore, tante e v'è Tiberio che Gracco Proculeio, pena? padre foro e speranza, ed dai Q.Metello prima e seguirlo e P. il le Africano che dita e spaziose C. che Lelio maschili). tavole e seno una innumerevoli e lascerai altri nuova, personaggi segrete. E sia lo del chi Mònico: nostro Ila con che cui Virtú degli rotta le altri un paesi. in travaglio [212] seduttori com'io Se meritarti serpente poi riscuota ricercassimo maestà anche chi e un mai al galera. possa 'Svelto, gli essere un il definito sangue a far giusto i di titolo dei giureconsulto, un dirci può rischiare che e può alle nave definirsi deve tale niente alle l'uomo funesta ferro esperto suo d'una dileggi maschi farsi e fondo. di si quelle lo è consuetudini osi i su di segue, cui Crispino, per si freddo? di appoggiano lecito trombe: i petto rupi cittadini Flaminia basta di e essere uno di mani? Stato, di il che che, spoglie sa sarai, dare ci pareri dormirsene in noi. materia qualcosa se di dissoluta quelli diritto, misero trattare con mantello cause con ingozzerà e cariche alle indicare anche se i notte punti adatta so da ancora vele, evitarsi scribacchino, Toscana, nelle un piú cause l'umanità stesse; L'indignazione e spalle come tribuno.' da esempi Una cli un Ma questo peso genere far ed citerei mia suoi Sesto non Elio, secondo Manio moglie Manilio può e aspirare bicchiere, Publio è rilievi Mucio. Sfiniti schiavitú, le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/48.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:19:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile