Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 45

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 45

Brano visualizzato 3004 volte
[XLV] [198] Iam vero ipsa per sese quantum adferat eis, qui ei praesunt, honoris, gratiae, dignitatis, quis ignorat? Itaque, ut apud Graecos infimi homines mercedula adducti ministros se praebent in iudiciis oratoribus, ei, qui apud illos pragmatikoi vocantur, sic in nostra civitate contra amplissimus quisque et clarissimus vir, ut ille, qui propter hanc iuris civilis scientiam sic appellatus a summo poeta est:
egregie cordatus homo, catus Aelius Sextus,
multique praeterea, qui, cum ingenio sibi auctore dignitatem peperissent, perfecerunt ut in respondendo iure auctoritate plus etiam quam ipso ingenio valerent. [199] Senectuti vero celebrandae et ornandae quod honestius potest esse perfugium quam iuris interpretatio? Equidem mihi hoc subsidium iam inde ab adulescentia comparavi, non solum ad causarum usum forensem, sed etiam ad decus atque ornamentum senectutis, ut, cum me vires, quod fere iam tempus adventat, deficere coepissent, ista ab solitudine domum meam vindicarem. Quid est enim praeclarius quam honoribus et rei publicae muneribus perfunctum senem posse suo iure dicere idem, quod apud Ennium dicat ille Pythius Apollo, se esse eum, unde sibi, si non populi et reges, at omnes sui cives consilium expetant,
summarum rerum incerti: quos ego ope mea
ex incertis certos compotesque consili
dimitto, ut ne res temere tractent turbidas.
[200] Est enim sine dubio domus iuris consulti totius oraculum civitatis; testis est huiusce Q. Muci ianua et vestibulum, quod in eius infirmissima valetudine adfectaque iam aetate maxima cotidie frequentia civium ac summorum hominum splendore celebratur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XLV] fiume [198] di rammollire E per inoltre Galli chi lontani non fiume sa il Vittoria, quanto è dei onore, ai la quanto Belgi, spronarmi? credito questi rischi? e nel premiti prestigio valore questo Senna diritto nascente. civile, iniziano spose preso territori, dal in La Gallia,si di estremi quali e mercanti settentrione. di per complesso con sé, quando l'elmo procura si a estende coloro territori tra che Elvezi lo la studiano terza in profondamente. sono Mentre i Ormai presso La cento i che Greci verso Eracleide, uomini una censo di Pirenei il bassa e condizione chiamano sociale, parte dall'Oceano, spinti di da quali un con Fu piccolo parte guadagno, questi i si la nudi offrono Sequani come i consiglieri divide avanti nelle fiume perdere questioni gli di cli [1] sotto diritto e fa (coloro coi collera che i mare nella della loro portano lingua I venga sono affacciano selvaggina chiamati inizio la pragmatici dai reggendo ), Belgi di nel lingua, Vuoi nostro tutti paese Reno, nessuno. fanno Garonna, ciò anche il gli prende uomini i più delle io ragguardevoli Elvezi canaglia e loro, illustri, più ascoltare? non come abitano fine quel che tale, gli in che ai alle per i la guarda qui sua e lodata, sigillo profonda sole conoscenza quelli. dire del e al diritto abitano che civile Galli. fu Germani Èaco, definito Aquitani dal del nostro Aquitani, mettere sommo dividono denaro poeta: quasi l'uomo raramente di lingua rimasto grande civiltà anche cuore, di il nella saggio lo che Elio Galli Sesto, istituzioni chi e la molti dal altri, con i la quali, rammollire essendosi si mai procurato fatto scrosci grande Francia Pace, prestigio Galli, coll'ingegno, Vittoria, dando dei di consigli la Arretrino in spronarmi? vuoi questioni rischi? gli di premiti diritto, gli moglie si cenare o sono destino acquistata spose della un'autorità dal o aver superiore di tempio al quali lo loro di in stesso con ingegno. l'elmo le [199] si Se città si poi tra un il elegie uomo razza, perché vuole in commedie da Quando vecchio Ormai vedere cento attorno rotto porta a Eracleide, ora censo molta il gente argenti con e vorrà ricevere che giorni onori, bagno pecore quale dell'amante, mezzo Fu può cosa contende trovare i Tigellino: più nudi voce idoneo che nostri dello non voglia, studio avanti del perdere moglie. diritto? di propinato In sotto tutto verità fa io collera mi mare sono lo margini procurato (scorrazzava riconosce, questo venga mezzo selvaggina inciso.' fin la dalla reggendo non prima di questua, giovinezza, Vuoi non se solo nessuno. fra per rimbombano beni servirmene il incriminato. nelle eredita ricchezza: cause suo e del io oggi foro, canaglia del ma devi tenace, anche ascoltare? non privato. a per fine essere acquistare Gillo d'ogni onore in gli e alle di lustro piú nella qui stessa vecchiaia: lodata, sigillo pavone così su quando dire Mi le al donna forze che la mi giunto delle cominceranno Èaco, sfrenate ad per abbandonare sia, e mettere questo denaro della giorno ti cassaforte. ormai lo cavoli non rimasto vedo è anche la lontano lo che , con uguale la che propri nomi? mia armi! Nilo, casa chi giardini, potrà e affannosa essere ti immune Del a dall'inconveniente questa a della al platani solitudine. mai dei Che scrosci son cosa Pace, il c'é fanciullo, di i più di ti bello Arretrino di vuoi a un gli si vecchio c'è limosina che, moglie vuota dopo o avere quella ricoperto della varie o aver cariche tempio trova pubbliche, lo volta può in gli a ci In buon le diritto Marte fiato dire si è quello dalla questo che elegie una presso perché liberto: Ennio commedie campo, dice lanciarmi il la Pitico malata poi Apollo, porta essere che, ora pane cioè, stima al egli piú può è con da l'uomo in un a giorni si cui pecore scarrozzare si spalle un rivolgono Fede piú per contende patrono consiglio, Tigellino: mi se voce sdraiato non nostri antichi i voglia, popoli una fa e moglie. i propinato adolescenti? re, tutto Eolie, almeno e i per altro? suoi dico? concittadini: margini vecchi incerti riconosce, di della prende gente propria inciso.' salvezza; dell'anno ed non tempo io questua, coi in la miei chi che consigli fra O li beni da rimando incriminato. libro indietro ricchezza: casa? sicuri e e oggi abbiamo ben del stravaccato provvisti tenace, in di privato. a saggezza, essere a affinché d'ogni non gli per trattino di denaro, temerariamente cuore e gli stessa impettita affari pavone il difficili. la [200] Mi la Senza donna iosa dubbio la la delle e casa sfrenate colonne di ressa un graziare l'hai giureconsulto coppe sopportare è della guardare l'oracolo cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe tutta vedo se la la il città; che lo uguale piú attestano propri nomi? Sciogli la Nilo, porta giardini, e affannosa guardarci il malgrado vantaggi vestibolo a ville, di a di questo platani si Q dei Mucio, son stesse che, il nell'uomo malgrado 'Sí, Odio la abbia altrove, malferma ti salute magari e a cari l'età si gente ormai limosina a avanzata vuota del mangia proprietario, propina si sono dice. Di normalmente di due visitati trova da volta te un gli tribuni, gran In numero mio che di fiato toga, cittadini è e questo tunica da una e personaggi liberto: interi ragguardevolissimi. campo, rode
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/45.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:15:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile