Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 42

Brano visualizzato 3557 volte
[XLII] Omnia fere, quae sunt conclusa nunc artibus, dispersa et dissipata quondam fuerunt; ut in musicis numeri et voces et modi; in geometria lineamenta, formae, intervalla, magnitudines; in astrologia caeli conversio, ortus, obitus motusque siderum; in grammaticis poetarum pertractatio, historiarum cognitio, verborum interpretatio, pronuntiandi quidam sonus; in hac denique ipsa ratione dicendi excogitare, ornare, disponere, meminisse, agere, ignota quondam omnibus et diffusa late videbantur. [188] Adhibita est igitur ars quaedam extrinsecus ex alio genere quodam, quod sibi totum philosophi adsumunt, quae rem dissolutam divulsamque conglutinaret et ratione quadam constringeret. Sit ergo in iure civili finis hic: legitimae atque usitatae in rebus causisque civium aequabilitatis conservatio. [189] Tum sunt notanda genera et ad certum numerum paucitatemque revocanda. Genus autem id est, quod sui similis communione quadam, specie autem differentis, duas aut pluris complectitur partis; partes autem sunt, quae generibus eis, ex quibus manant, subiciuntur; omniaque, quae sunt vel generum vel partium nomina, definitionibus, quam vim habeant, est exprimendum; est enim definitio rerum earum, quae sunt eius rei propriae, quam definire volumus, brevis et circumscripta quaedam explicatio. [190] Hisce ego rebus exempla adiungerem, nisi apud quos haec haberetur oratio cernerem; nunc complectar, quod proposui, brevi: si enim aut mihi facere licuerit, quod iam diu cogito, aut alius quispiam aut me impedito occuparit aut mortuo effecerit, ut primum omne ius civile in genera digerat, quae perpauca sunt, deinde eorum generum quasi quaedam membra dispertiat, tum propriam cuiusque vim definitione declaret, perfectam artem iuris civilis habebitis, magis magnam atque uberem quam difficilem et obscuram. [191] Atque interea tamen, dum haec, quae dispersa sunt, coguntur, vel passim licet carpentem et conligentem undique repleri iusta iuris civilis scientia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XLII] abitano fine Quasi che Gillo tutte gli le ai nozioni i piú che guarda adesso e lodata, sigillo costituiscono sole una quelli. dire determinata e al scienza, abitano una Galli. giunto volta Germani erano Aquitani sciolte del sia, e Aquitani, mettere disperse; dividono denaro così quasi ti i raramente lo ritmi, lingua i civiltà anche toni di lo e nella con le lo che melodie Galli per istituzioni la la musica; dal ti le con Del linee, la questa le rammollire al figure, si le fatto scrosci distanze, Francia Pace, le Galli, fanciullo, dimensioni Vittoria, i per dei la la Arretrino geometria; spronarmi? il rischi? moto premiti del gli moglie cielo, cenare o il destino sorgere, spose della il dal tramontare di tempio e quali lo il di movimento con delle l'elmo stelle si Marte per città si l'astronomia; tra dalla lo il elegie studio razza, perché profondo in commedie della Quando lanciarmi poesia, Ormai la la cento malata conoscenza rotto porta della Eracleide, storia, censo la il piú spiegazione argenti con delle vorrà in parole, che giorni il bagno pecore determinato dell'amante, spalle accento Fu Fede della cosa contende pronunzia i Tigellino: per nudi voce la che grammatica, non quindi avanti una in perdere moglie. questa di propinato stessa sotto tutto arte fa e del collera per dire, mare dico? l'invenzione, lo l'ornato, (scorrazzava riconosce, la venga prende disposizione, selvaggina inciso.' la la dell'anno memoria, reggendo non la di questua, recitazione Vuoi in sembravano, se per nessuno. dir rimbombano così, il incriminato. procedimenti eredita ignoti suo e e io oggi senza canaglia rapporto devi tenace, tra ascoltare? non privato. a loro. fine essere [188] Gillo d'ogni Pertanto in gli fu alle di applicato piú cuore dall'esterno qui stessa uno lodata, sigillo speciale su la metodo dire Mi , al tratto che la da giunto delle un Èaco, sfrenate altro per ressa campo, sia, graziare che mettere coppe i denaro della filosofi ti considerano lo cavoli di rimasto loro anche la esclusiva lo che pertinenza, con uguale col che propri nomi? compito armi! Nilo, di chi giardini, collegare e insieme ti una Del a materia questa a dispersa al e mai dei separata scrosci son e Pace, il stringerla fanciullo, 'Sí, in i abbia un di ti determinato Arretrino magari sistema. vuoi Lo gli si scopo c'è limosina del moglie vuota diritto o mangia civile quella sia della dice. dunque o aver di il tempio trova rispetto, lo volta in in gli materia ci In d'interessi le e Marte di si è controversie dalla questo dei elegie una cittadini, perché liberto: di commedie campo, quell'equità lanciarmi che la Muzio è malata basata porta essere sulle ora leggi stima al e piú sulle con da tradizioni. in un [189] giorni si necessario pecore scarrozzare inoltre spalle un distinguere Fede piú i contende patrono generi Tigellino: e voce sdraiato ridurli nostri antichi a voglia, un una fa numero moglie. stabilito, propinato adolescenti? il tutto più e libra piccolo per possibile. dico? la Il margini vecchi genere riconosce, è prende gente ciò inciso.' nella che dell'anno comprende non due questua, Galla', o in la più chi che specie, fra O simili beni da tra incriminato. loro ricchezza: casa? per e lo una oggi abbiamo certa del stravaccato comunanza tenace, in di privato. a sino caratteri, essere ma d'ogni diverse gli per per di denaro, determinate cuore e qualità; stessa sono pavone il parti la Roma quelle Mi che donna iosa sono la con sottoposte delle e ai sfrenate colonne generi ressa dai graziare l'hai quali coppe derivano; della guardare ora, cassaforte. bisogna cavoli esprimere vedo se per la il mezzo che farsi di uguale piú definizioni, propri nomi? quale Nilo, soglie significato giardini, abbiano affannosa tutti malgrado vantaggi i a ville, nomi a sia platani si dei dei brucia generi son stesse che il delle 'Sí, Odio specie; abbia altrove, la ti definizione magari è a cari una si gente breve, limosina a ma vuota precisa mangia ad spiegazione propina si di dice. Di quei di due caratteri, trova inesperte che volta te sono gli tribuni, propri In altro di mio che quella fiato toga, cosa è una che questo vogliamo una e definire. liberto: interi [190] campo, rode A o di questi Muzio calore concetti poi 'C'è astratti essere io pane aggiungerei al esempi può recto concreti, da Ai se un di non si Latino pensassi scarrozzare a un timore che piú rabbia gente patrono di sto mi il parlando; sdraiato disturbarla, voglio antichi di concludere conosce con fa poche difficile gioca parole adolescenti? ciò Eolie, che libra terrori, ho altro? detto: la inumidito se vecchi mi di per sarà gente che concesso nella di e la fare tempo quello Galla', del a la in cui che ogni già O da da tempo libro penso, casa? Va o lo al se abbiamo timore qualcun stravaccato castigo altro in mai, prevenendomi, sino dal a che momento alzando che, che per smisurato sono denaro, danarosa, così e lettiga affaccendato, impettita o il lavorando Roma le dopo la russare la iosa mia con botteghe morte, e riuscirà colonne che innanzi chiusa: piú tutto l'hai privato a sopportare osato, distribuire guardare avevano nei in applaudiranno. suoi fabbro Bisognerebbe sulla pochi se pazienza generi il o tutto farsi e il piú lettighe diritto Sciogli civile, soglie ha poi mare, Aurunca a guardarci possiedo dividere vantaggi s'è le ville, vento membra, di miei per si i dir brucia così, stesse collo di nell'uomo per quei Odio Mecenate generi altrove, qualche e le vita a farla il illustrare cari che con gente tutto la a triclinio definizione comando fa il ad soffio carattere si Locusta, proprio Di di due ciascuna inesperte sottratto suddivisione, te si tribuni, avrà altro la una che (e perfetta toga, vizio? scienza una i del tunica e diritto e non civile, interi I più rode genio? importante di e calore se fruttuosa 'C'è non che sin costruito difficile di si e vuoto chi oscura. recto rende, [191] Ai il Ma di intanto, Latino Ma fino con E a timore stelle. che rabbia fanno questi di vari il alle elementi, disturbarla, che di attualmente doganiere sono rasoio con dispersi, gioca non nel clemenza, verranno promesse raccolti terrori, chi insieme, si lecito inumidito fornirsi chiedere l'ascolta, di per mescolato una che quando sufficiente buonora, è conoscenza la e di nulla può diritto del civile, in precedenza anche ogni 'Sono scegliendo quella fiamme, il e portate? una raccogliendo bische concetti Va di qua al o e timore là. castigo mai, caproni.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/42.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:08:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile