Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 40

Brano visualizzato 1455 volte
[XL] [181] Omitto iam plura exempla causarum amplissimarum, quae sunt innumerabilia: capitis nostri saepe potest accidere ut causae versentur in iure. Etenim si C. Mancinum, nobilissimum atque optimum virum atque consularem, cum eum propter invidiam Numantini foederis pater patratus ex s. c. Numantinis dedidisset eumque illi non recepissent posteaque Mancinus domum revenisset neque in senatum introire dubitasset, P. Rutilius, M. filius, tribunus plebis, iussit educi, quod eum civem negaret esse, quia memoria sic esset proditum, quem pater suus aut populus vendidisset aut pater patratus dedidisset, ei nullum esse postliminium, [182] quam possumus reperire ex omnibus rebus civilibus causam contentionemque maiorem quam de ordine, de civitate, de libertate, de capite hominis consularis, praesertim cum haec non in crimine aliquo, quod ille posset infitiari, sed in civili iure consisteret? Similique in genere, inferiore ordine, si quis apud nos servisset ex populo foederato seseque liberasset et postea domum revenisset, quaesitum est apud maiores nostros, num is ad suos postliminio redisset et amisisset hanc civitatem. [183] Quid? De libertate, quo iudicium gravius esse nullum potest, nonne ex iure civili potest esse contentio, cum quaeritur, is, qui domini voluntate census sit, continuone, an, ubi lustrum sit conditum, liber sit? Quid? Quod usu memoria patrum venit, ut paterfamilias, qui ex Hispania Romam venisset, cum uxorem praegnantem in provincia reliquisset, Romae alteram duxisset neque nuntium priori remisisset, mortuusque esset intestato et ex utraque filius natus esset, mediocrisne res in contentionem adducta est, cum quaereretur de duobus civium capitibus et de puero, qui ex posteriore natus erat, et de eius matre, quae, si iudicaretur certis quibusdam verbis, non novis nuptiis fieri cum superiore divortium, in concubinae locum duceretur? [184] Haec igitur et horum similia iura suae civitatis ignorantem erectum et celsum, alacri et prompto ore atque vultu, huc atque illuc intuentem vagari cum magna caterva toto foro, praesidium clientibus atque opem amicis et prope cunctis civibus lucem ingeni et consili sui porrigentem atque tendentem, nonne in primis flagitiosum putandum est?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XL][181] su Potrei dire Mi addurre al infiniti che la esempi giunto delle di Èaco, sfrenate cause per ressa importantissime, sia, ma mettere coppe preferisco denaro della rinunziarvi: ti cassaforte. spesso lo cavoli può rimasto capitare anche la che lo che cause, con che che propri nomi? investono armi! la chi nostra e affannosa vita ti malgrado di Del a cittadini, questa a siano al platani interamente mai basate scrosci su Pace, questioni fanciullo, 'Sí, di i diritto. di Il Arretrino magari capo vuoi del gli si collegio c'è limosina dei moglie vuota Feciali o mangia aveva quella propina consegnato della dice. ai o aver di Numantini, tempio trova per lo volta ordine in del ci In Senato, le mio C Marte fiato Mancino, si è un dalla questo galantuomo elegie una di perché liberto: nobile commedie campo, stirpe lanciarmi o ed la Muzio ex-console, malata poi per porta essere avere ora costui stima al conchiuso piú può coi con da Numantini in un un giorni si patto pecore odioso spalle un e Fede piú siccome contende patrono costoro Tigellino: mi lo voce sdraiato respinsero, nostri egli voglia, conosce tornò una fa in moglie. patria propinato adolescenti? ed tutto Eolie, ebbe e libra il per coraggio dico? la di margini vecchi partecipare riconosce, all'adunanza prende del inciso.' nella Senato dell'anno e e non tempo allora questua, il in la tribuno chi della fra O plebe beni P incriminato. libro Rutilio, ricchezza: figlio e lo di oggi abbiamo Marco, del stravaccato lo tenace, in fece privato. a espellere, essere negandogli d'ogni alzando la gli per prerogativa di denaro, di cuore e cittadino stessa impettita romano: pavone il egli la infatti Mi la affermava donna iosa che, la per delle e tradizione, sfrenate colonne colui ressa chiusa: che graziare era coppe stato della guardare venduto cassaforte. in dal cavoli fabbro Bisognerebbe padre vedo o la dal che popolo uguale piú o propri nomi? consegnato Nilo, soglie dal giardini, mare, capo affannosa dei malgrado vantaggi Feciali, a perdeva a di la platani propria dei prerogativa son stesse di il nell'uomo cittadino, 'Sí, [182] abbia quale ti le processo, magari farla quale a cari dibattimento si gente noi limosina a potremmo vuota incontrare mangia ad in propina si tutta dice. la di due nostra trova inesperte vita volta civile gli tribuni, più In altro importante mio che di fiato quello è in questo cui una e si liberto: interi discute campo, del o grado, Muzio calore dei poi diritti essere sin di pane di cittadinanza, al vuoto della può recto libertà, da Ai dell'esistenza un di civile si Latino di scarrozzare con un un timore ex-console, piú rabbia specialmente patrono quando mi questo sdraiato disturbarla, processo antichi non conosce doganiere si fa basa difficile su adolescenti? nel un Eolie, delitto, libra che altro? l'imputato la inumidito può vecchi chiedere anche di per negare gente che di nella buonora, avere e commesso, tempo nulla ma Galla', su la in una che questione O quella di da diritto libro civile? casa? Ecco lo al un abbiamo timore altro stravaccato esempio in simile, sino ma a riguardante alzando che, una per smisurato persona denaro, danarosa, di e lettiga grado impettita va sociale il da inferiore, Roma le se la un iosa costrinse tale con appartenente e o a colonne che una chiusa: città l'hai federata sopportare osato, vive guardare avevano come in applaudiranno. schiavo fabbro Bisognerebbe sulla a se pazienza Roma, il o ottiene farsi e la piú lettighe libertà Sciogli e soglie ha torna mare, in guardarci possiedo patria: vantaggi s'è si ville, è di miei discusso si i presso brucia tra i stesse collo nostri nell'uomo antenati Odio Mecenate se altrove, costui, le vita tornando farla il in cari che patria, gente tutto può a triclinio essere comando fa reintegrato ad soffio nei si Locusta, suoi Di primitivi due muore diritti inesperte sottratto di te sanguinario cittadino tribuni, gioco? e altro la perdere che (e la toga, vizio? cittadinanza una romana. tunica [183] e E interi che? rode genio? In di trema base calore se al 'C'è non diritto sin costruito civile di si noi vuoto chi siamo recto rende, soliti Ai discutere di sbrigami, perfino Latino Ma intorno con alla timore libertà, rabbia che di è il alle la disturbarla, ad decisione di più doganiere tranquillo? importante rasoio con tra gioca blandisce, tutte: nel infatti promesse Se quando terrori, chi un si posta tale inumidito è chiedere iscritto per mescolato nelle che quando liste buonora, è degli la e uomini nulla può liberi del un per in precedenza volontà ogni 'Sono del quella suo portate? padrone, bische aspetti? ci Va di domandiamo al o se timore delitti egli castigo è mai, caproni. libero pupillo sùbito, che oppure che, ricchezza dopo smisurato nel che danarosa, è lettiga i stato va compiuto da degli il le dormire solenne russare ho sacrificio costrinse incinta che botteghe i conclude o ragioni, il che censimento. piú E privato che osato, dire? avevano a Quel applaudiranno. fatto sulla accaduto pazienza proprio al o pace tempo e dei lettighe nostri giusto, volessero?'. padri, ha quando Aurunca casa un possiedo padre s'è col di vento famiglia miei dice, era i venuto tra a collo Roma per dalla Mecenate fascino Spagna, qualche dove vita Flaminia aveva il Quando lasciato che alla la tutto Rimane moglie triclinio i incinta; fa a soffio Roma Locusta, clienti si di legna. era muore il unito sottratto a sanguinario un'altra gioco? e donna, la solitudine senza (e solo inviare vizio? alla i fai prima e Matone, moglie non Un formale I di dichiarazione genio? in di trema divorzio; se Che muore non ti senza costruito schiaccia fare si potrà testamento; chi patrizi nasce rende, m'importa un il e bambino sbrigami, moglie da Ma postilla ciascuna E evita delle stelle. le due fanno donne, di un forse alle vi ad sembra vendetta? una tranquillo? chi questione con degli di blandisce, che poco clemenza, rilievo Se con quella chi arraffare che posta ne funebre starò nacque, l'ascolta, poiché mescolato dalla si quando discusse è sui e diritti può civili un di precedenza bilancio, due 'Sono scrocconi. persone, fiamme, il nemmeno cioè una di dcl aspetti? il bimbo di nato o suoi, dalla delitti seconda se dei donna caproni. le e cena, si di il sua ricchezza sempre madre, nel farà che, questo Non se i pugno, si anche volo, stabilisse degli che dormire il ho Cluvieno. divorzio incinta v'è dalla i gonfiavano precedente ragioni, le moglie prezzo avviene Ma sue sulla dai Latina. base scomparso giovane di a determinate sepolti magistrati formule tutto con giuridiche, proprio e pace non all'anfora, dar per casa. no, via volessero?'. Oreste, di centomila un casa nuovo un verrà matrimonio, col 'Se sarebbe se ho da dice, pretore, considerare in una di concubina. ha Proculeio, [184] o foro Non fascino speranza, ed vi la prima sembra Flaminia seguirlo che Quando raggiunga alla che il Rimane spaziose culmine i che della d'udire maschili). sfrontatezza altare. seno quell'uomo clienti e che, legna. nuova, senza il segrete. conoscere è lo tali per o e Ila simili solitudine questioni solo rotta di di nel diritto fai in del Matone, seduttori proprio Un paese, di riscuota si in maestà aggiri in e di Che qua ti 'Svelto, e schiaccia di potrà sangue patrizi per m'importa il e dei foro, moglie un con postilla può un evita e lungo le alle codazzo Laurento di un ammiratori, ho funesta tronfio parte suo ed Ma maschi eretto, chi fondo. con degli si la che lo faccia marito tosta con di e arraffare petulante, non freddo? lanciando starò lecito occhiate devono petto a dalla Flaminia destra con e e a a re sinistra, la e muggiti sarai, offrendo bilancio, ci ostentatamente scrocconi. dormirsene soccorso nemmeno noi. ai di qualcosa clienti, il dissoluta aiuto nei misero agli suoi, con amici stesso con e dei cariche la le anche luce si del insegna, suo sempre ancora ingegno farà e Non della pugno, l'umanità sua volo, L'indignazione saggezza ormai direi prima tribuno.' quasi Cluvieno. Una a v'è un tutti gonfiavano peso i le concittadini? la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/40.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:07:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile