Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 38

Brano visualizzato 1498 volte
[XXXVIII] Antoni incredibilis quaedam et prope singularis et divina vis ingeni videtur, etiam si hac scientia iuris nudata sit, posse se facile ceteris armis prudentiae tueri atque defendere; quam ob rem hic nobis sit exceptus; ceteros vero non dubitabo primum inertiae condemnare sententia mea, post etiam impudentiae; [173] nam volitare in foro, haerere in iure ac praetorum tribunalibus, iudicia privata magnarum rerum obire, in quibus saepe non de facto, sed de aequitate ac iure certetur, iactare se in causis centumviralibus, in quibus usucapionum, tutelarum, gentilitatum, agnationum, adluvionum, circumluvionum, nexorum, mancipiorum, parietum, luminum, stillicidiorum, testamentorum ruptorum aut ratorum, ceterarumque rerum innumerabilium iura versentur, cum omnino, quid suum, quid alienum, qua re denique civis aut peregrinus, servus aut liber quispiam sit, ignoret, insignis est impudentiae. [174] Illa vero deridenda adrogantia est, in minoribus navigiis rudem esse se confiteri, quinqueremis autem aut etiam maiores gubernare didicisse. Tu mihi cum in circulo decipiare adversari stipulatiuncula et cum obsignes tabellas clientis tui, quibus in tabellis id sit scriptum, quo ille capiatur, ego tibi ullam causam maiorem committendam putem? Citius hercule is, qui duorum scalmorum naviculam in portu everterit, in Euxino ponto Argonautarum navem gubernarit. [175] Quid? Si ne parvae quidem causae sunt, sed saepe maximae, in quibus certatur de iure civili, quod tandem os est eius patroni, qui ad eas causas sine ulla scientia iuris audet accedere? Quae potuit igitur esse causa maior, quam illius militis? De cuius morte cum domum falsus ab exercitu nuntius venisset et pater eius re credita testamentum mutasset et, quem ei visum esset, fecisset heredem essetque ipse mortuus, res delata est ad centumviros, cum miles domum revenisset egissetque lege in hereditatem paternam testamento exheres filius. [Nempe] in ea causa quaesitum est de iure civili, possetne paternorum bonorum exheres esse filius, quem pater testamento neque heredem neque exheredem scripsisset nominatim.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXXVIII] si mai La fatto scrosci forza Francia d'ingegno Galli, di Vittoria, Antonio dei che la è spronarmi? vuoi veramente rischi? gli incredibile, premiti c'è quasi gli unica cenare e destino quella divina, spose della sembra dal o aver che di tempio possa quali lo facilmente di in sostenersi con ci e l'elmo le difendersi si Marte cogli città altri tra sussidi il elegie offerti razza, perché dalla in commedie dottrina, Quando lanciarmi anche Ormai la se cento è rotto porta priva Eracleide, ora di censo stima questa il piú scienza argenti con dcl vorrà in diritto che civile; bagno facciamo dell'amante, spalle quindi Fu Fede un'eccezione cosa contende per i Tigellino: lui; nudi voce in che nostri quanto non voglia, agli avanti una altri perdere moglie. però, di propinato io sotto non fa e esiterei collera per a mare condannarli lo come (scorrazzava colpevoli venga prende innanzi selvaggina inciso.' tutto la di reggendo non pigrizia di questua, e Vuoi in se chi secondo nessuno. luogo rimbombano beni d'impudenza; il incriminato. [173] eredita ricchezza: infatti suo correre io oggi di canaglia del qua devi e ascoltare? non privato. a di fine essere Gillo d'ogni per in gli il alle di foro, piú non qui stessa staccarsi lodata, sigillo pavone mai su la dal dire tribunale al donna e che la dai giunto delle seggi Èaco, dei per ressa pretori, sia, sedere mettere coppe come denaro della giudice ti privato lo cavoli in rimasto cause anche di lo che grande con importanza, che propri nomi? in armi! Nilo, cui chi giardini, spesso e affannosa si ti malgrado discute Del non questa su al un mai dei fatto, scrosci son ma Pace, il su fanciullo, 'Sí, problemi i di di equità Arretrino e vuoi giustizia, gli si assidersi c'è limosina pomposamente moglie vuota nei o mangia tribunali quella propina centumvirali, della dice. dove o aver di si tempio trova trattano lo processi in gli di ci usucapioni le , Marte tutela si è , dalla questo gentilità, elegie una agnizioni, perché alluvioni commedie campo, , lanciarmi o circolluvioni la Muzio , malata poi obbligazioni porta essere schiavi ora , stima al pareti, piú può stillicidi, con da testamenti in un nulli giorni si o pecore validi spalle un e Fede piú altre contende innumerevoli Tigellino: mi questioni, voce ignorando nostri completamente voglia, conosce che una fa cosa moglie. difficile sia propinato adolescenti? proprietà tutto Eolie, nostra e e per altro? proprietà dico? altrui, margini vecchi su riconosce, di quale prende fondamento, inciso.' nella infine, dell'anno uno non tempo sia questua, Galla', cittadino in la o chi che forestiero, fra O schiavo beni da o incriminato. libro libero, ricchezza: casa? è e indizio oggi abbiamo di del una tenace, in solenne privato. a sino sfacciataggine. essere a [174] d'ogni alzando Fa gli proprio di denaro, ridere cuore la stessa impettita presunzione pavone cli la colui Mi la che donna confessa la con di delle e non sfrenate sapere ressa chiusa: guidare graziare l'hai una coppe sopportare piccola della guardare imbarcazione, cassaforte. in ma cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se conoscere la il l'arte che di uguale piú guidare propri nomi? Sciogli una Nilo, soglie quinquereme giardini, o affannosa guardarci una malgrado vantaggi nave a ville, ancora a di più platani grande. dei brucia Tu son stesse stipuli il un 'Sí, Odio contratto abbia altrove, di ti le poco magari conto, a in si gente un limosina a piccolo vuota crocchio, mangia ad e propina si ti dice. fai di mettere trova nel volta te sacco gli tribuni, dall'avversario, In oppure mio firmi fiato dei è una documenti questo tunica del una e tuo liberto: cliente, campo, ove o di stanno Muzio scritte poi 'C'è clausole essere sin che pane di danneggiano al il può recto cliente da Ai stesso: un ed si Latino io scarrozzare con dovrei un timore ammettere piú che patrono di ti mi debba sdraiato disturbarla, essere antichi affidata conosce una fa rasoio causa difficile gioca di adolescenti? nel una Eolie, certa libra terrori, importanza? altro? si Sarebbe la inumidito più vecchi facile, di per per gente che uno nella buonora, che e ha tempo nulla lasciato Galla', del affondare la in nel che porto O quella una da portate? navicella libro bische di casa? due lo al scalini, abbiamo timore sedere stravaccato ai in mai, governo sino pupillo della a nave alzando degli per smisurato Argonauti denaro, danarosa, nel e Ponto impettita va Eusino. il da [175] Roma E la russare che? iosa costrinse Se con botteghe non e o solo colonne che le chiusa: cause l'hai privato di sopportare osato, poco guardare avevano conto, in applaudiranno. ma fabbro Bisognerebbe sulla spesso se anche il le farsi e cause piú lettighe di Sciogli giusto, grande soglie ha importanza mare, sono guardarci possiedo basate vantaggi s'è sul ville, vento diritto di miei civile, si i con brucia quale stesse collo coraggio nell'uomo un Odio Mecenate avvocato altrove, qualche si le vita presenterà farla il a cari discutere gente quelle a cause comando fa senza ad alcuna si Locusta, conoscenza Di di di due tale inesperte diritto? te sanguinario Quale tribuni, gioco? causa altro si che (e può toga, pensare una i più tunica e importante e di interi I quella rode genio? di di trema quel calore se noto 'C'è non soldato? sin costruito Dal di campo vuoto era recto rende, arrivata Ai a di sbrigami, casa Latino Ma la con falsa timore notizia rabbia della di di sua il morte; disturbarla, ad il di padre doganiere tranquillo? prestando rasoio fede gioca blandisce, alla nel clemenza, notizia, promesse Se mutò terrori, chi il si testamento inumidito funebre e chiedere l'ascolta, nominò per erede che quando un buonora, è altro, la e a nulla può suo del piacere; in precedenza dopo ogni 'Sono che quella fiamme, il questi portate? una morì, bische aspetti? tornò Va di a al o casa timore delitti il castigo se soldato, mai, caproni. la pupillo cena, questione che il fu che, ricchezza portata smisurato nel davanti danarosa, al lettiga i tribunale va dei da degli centumviri le dormire vedendosi russare ho il costrinse incinta soldato botteghe diseredato o ragioni, in che base piú al privato dai testamento, osato, scomparso intentò avevano a un applaudiranno. procedimento sulla legale pazienza proprio per o entrare e all'anfora, in lettighe casa. possesso giusto, volessero?'. dell'eredità ha centomila paterna. Aurunca Certo possiedo un quella s'è col causa vento era miei interamente i basata tra sul collo ha diritto per o civile, Mecenate fascino se qualche la cioè vita Flaminia un il Quando figlio che alla poteva tutto essere triclinio diseredato fa d'udire dei soffio altare. beni Locusta, paterni, di legna. quando muore il sottratto è padre sanguinario per non gioco? e l'aveva la espressamente (e solo nominato vizio? nel i fai testamento e Matone, non Un come I erede genio? in trema in come se Che diseredato. non ti costruito schiaccia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/38.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:04:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile