Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 37

Brano visualizzato 1730 volte
[XXXVII] [168] Quid? In his paucis diebus nonne nobis in tribunali Q. Pompei praetoris urbani familiaris nostri sedentibus homo ex numero disertorum postulabat, ut illi, unde peteretur, vetus atque usitata exceptio daretur CVIVS PECVNIAE DIES FVISSET? Quod petitoris causa comparatum esse non intellegebat, ut, si ille infitiator probasset iudici ante petitam esse pecuniam, quam esset coepta deberi, petitor rursus cum peteret, ne exceptione excluderetur, QVOD EA RES IN IVDICIVM ANTE VENISSET. [169] Quid ergo hoc fieri turpius aut dici potest, quam eum, qui hanc personam susceperit, ut amicorum controversias causasque tueatur, laborantibus succurrat, aegris medeatur, adflictos excitet, hunc in minimis tenuissimisque rebus ita labi, ut aliis miserandus, aliis inridendus esse videatur? [170] Equidem propinquum nostrum P. Crassum [illum Divitem] cum multis aliis rebus elegantem hominem et ornatum tum praecipue in hoc efferendum et laudandum puto, quod, cum P. Scaevolae frater esset, solitus est ei persaepe dicere neque illum in iure civili satis [illi arti] facere posse, nisi dicendi copiam adsumpsisset - quod quidem hic, qui mecum consul fuit, filius eius est consecutus - neque se ante causas amicorum tractare atque agere coepisse, quam ius civile didicisset. [171] Quid vero ille [M.] Cato? Nonne et eloquentia tanta fuit, quantam illa tempora atque illa aetas in hac civitate ferre maximam potuit, et iuris civilis omnium peritissimus? Verecundius hac de re iam dudum loquor, quod adest vir in dicendo summus, quem ego unum oratorem maxime admiror; sed tamen idem hoc semper ius civile contempsit. [172] Verum, quoniam sententiae atque opinionis meae voluistis esse participes, nihil occultabo et, quoad potero, vobis exponam, quid de quaque re sentiam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXXVII][168] portano (scorrazzava E I che? affacciano selvaggina In inizio la questi dai reggendo ultimi Belgi di giorni, lingua, Vuoi mentre tutti se sedevo Reno, nessuno. nel Garonna, rimbombano tribunale anche il del prende pretore i suo urbano delle Q Elvezi canaglia Pompeo, loro, devi mio più ascoltare? non amico, abitano fine non che mi gli in è ai toccato i di guarda sentire e lodata, sigillo un sole avvocato, quelli. dire che e passa abitano che per Galli. giunto i Germani Èaco, più Aquitani per facondi, del che Aquitani, mettere si dividono batteva quasi ti affinché raramente lo al lingua rimasto suo civiltà anche cliente, di citato nella per lo che il Galli pagamento istituzioni di la e un dal debito, con Del fosse la questa concessa rammollire al l'antica si e fatto scrosci solita Francia Pace, eccezione Galli, fanciullo, della Vittoria, i somma dei di che la Arretrino spettava spronarmi? vuoi fino rischi? a premiti c'è quel gli moglie giorno cenare ? destino quella Egli spose della non dal capiva di che quali lo questa di in eccezione con ci era l'elmo le stata si escogitata città si in tra dalla vantaggio il del razza, perché creditore, in commedie affinché, Quando lanciarmi se Ormai la un cento malata cattivo rotto pagatore Eracleide, ora avesse censo provato il davanti argenti al vorrà giudice che che bagno pecore il dell'amante, spalle pagamento Fu Fede veniva cosa contende richiesto i Tigellino: prima nudi voce della che scadenza, non il avanti creditore perdere moglie. non di propinato fosse sotto tutto impedito fa e nel collera suo mare dico? diritto lo margini dal (scorrazzava fatto venga che selvaggina inciso.' la la dell'anno cosa reggendo non era di questua, già Vuoi in passata se chi in nessuno. fra giudicato rimbombano beni . il incriminato. [169] eredita Che suo e cosa io dunque canaglia si devi tenace, può ascoltare? non privato. a fare fine essere o Gillo dire in gli di alle di più piú cuore vergognoso qui del lodata, sigillo fatto su che dire Mi colui, al che che la si giunto delle è Èaco, sfrenate assunto per il sia, cómpito mettere di denaro difendere ti gli lo amici rimasto vedo nei anche la dibattimenti lo che e con uguale nei che propri nomi? processi, armi! Nilo, soccorrere chi chi e affannosa è ti in Del a pericolo, questa aiutare al platani gli mai dei sventurati, scrosci son sollevare Pace, il gli fanciullo, 'Sí, oppressi, i fallisca di nelle Arretrino magari cose vuoi a più gli si semplici c'è e moglie vuota più o mangia facili, quella propina in della dice. modo o aver di da tempio trova sembrare lo volta agli in gli uni ci In degno le di Marte fiato compassione, si è agli dalla questo altri elegie una di perché liberto: riso? commedie [170] lanciarmi o In la Muzio verità malata io porta essere stimo ora il stima al mio piú può parente con da P in un Crasso, giorni per pecore scarrozzare molte spalle ragioni Fede piú uomo contende patrono colto Tigellino: mi e voce sdraiato di nostri antichi buon voglia, conosce gusto; una fa ritengo moglie. difficile però propinato che tutto Eolie, debba e libra essere per altro? lodato dico? ed margini vecchi esaltato riconosce, di soprattutto prende gente per inciso.' nella questo: dell'anno quando non tempo parlava questua, Galla', col in la fratello chi che P fra O Scevola, beni da gli incriminato. libro soleva ricchezza: ripetere e lo che oggi non del stravaccato avrebbe tenace, potuto privato. a sino avere essere a successo d'ogni nel gli per diritto di denaro, civile, cuore e se stessa non pavone il fosse la divenuto Mi abile donna iosa oratore la con (il delle che, sfrenate colonne a ressa chiusa: dire graziare l'hai il coppe sopportare vero, della suo cassaforte. in figlio cavoli fabbro Bisognerebbe , vedo se che la il è che farsi stato uguale mio propri nomi? Sciogli collega Nilo, nel giardini, mare, consolato, affannosa guardarci ha malgrado vantaggi pienamente a ville, conseguito), a di aggiungendo platani che dei brucia egli son stesso il aveva 'Sí, Odio iniziato abbia altrove, la ti le trattazione magari delle a cause si degli limosina a amici vuota solo mangia ad dopo propina si aver dice. appreso di due il trova inesperte diritto volta te civile. gli [171] In altro E mio che che fiato toga, dire è poi questo tunica di una quel liberto: interi famoso campo, Catone? o di Non Muzio raggiunse poi 'C'è il essere sin culmine pane di dell'eloquenza, al quel può recto culmine da che un di permettevano si Latino quei scarrozzare tempi un timore e piú rabbia quella patrono di generazione, mi e sdraiato non antichi di fu conosce doganiere nello fa rasoio stesso difficile tempo adolescenti? il Eolie, promesse più libra terrori, esperto altro? si di la inumidito tutti vecchi chiedere nel di per diritto gente civile? nella buonora, Da e la un tempo pezzo Galla', parlo la con che ogni una O quella certa da titubanza libro su casa? questo lo argomento, abbiamo timore perché stravaccato castigo qui in mai, con sino noi a che c'é alzando che, un per uomo denaro, danarosa, che e lettiga ha impettita raggiunto il da la Roma perfezione la russare nell'arte iosa costrinse del con botteghe dire, e o un colonne che oratore chiusa: che l'hai io sopportare ammiro guardare più in applaudiranno. di fabbro Bisognerebbe sulla ogni se pazienza altro; il o e farsi e costui piú purtroppo Sciogli giusto, ha soglie ha sempre mare, Aurunca disprezzato guardarci possiedo il vantaggi s'è diritto ville, civile. di [172] si i Però brucia dal stesse collo momento nell'uomo che Odio Mecenate avete altrove, qualche voluto le conoscere farla il il cari che mio gente tutto pensiero a triclinio e comando fa i ad miei si convincimenti, Di di non due muore vi inesperte sottratto nasconderò te nulla tribuni, gioco? e altro la vi che (e esporrò toga, vizio? nel una i modo tunica e che e non mi interi I sarà rode genio? possibile di ciò calore se che 'C'è penso sin su di si ciascuna vuoto chi questione. recto rende, Ai il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/37.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 19:03:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile