Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 34

Brano visualizzato 33787 volte
[XXXIV] [154] In cotidianis autem commentationibus equidem mihi adulescentulus proponere solebam illam exercitationem maxime, qua C. Carbonem nostrum illum inimicum solitum esse uti sciebam, ut aut versibus propositis quam maxime gravibus aut oratione aliqua lecta ad eum finem, quem memoria possem comprehendere, eam rem ipsam, quam legissem, verbis aliis quam maxime possem lectis, pronuntiarem; sed post animadverti hoc esse in hoc viti, quod ea verba, quae maxime cuiusque rei propria quaeque essent ornatissima atque optima, occupasset aut Ennius, si ad eius versus me exercerem, aut Gracchus, si eius orationem mihi forte proposuissem: ita, si eisdem verbis uterer, nihil prodesse; si aliis, etiam obesse, cum minus idoneis uti consuescerem. [155] Postea mihi placuit, eoque sum usus adulescens, ut summorum oratorum Graecas orationes explicarem, quibus lectis hoc adsequebar, ut, cum ea, quae legeram Graece, Latine redderem, non solum optimis verbis uterer et tamen usitatis, sed etiam exprimerem quaedam verba imitando, quae nova nostris essent, dum modo essent idonea. [156] Iam vocis et spiritus et totius corporis et ipsius linguae motus et exercitationes non tam artis indigent quam is laboris; quibus in rebus habenda est ratio diligenter, quos imitemur, quorum similes velimus esse. Intuendi nobis sunt non solum oratores, sed etiam actores, ne mala consuetudine ad aliquam deformitatem pravitatemque veniamus. [157] Exercenda est etiam memoria ediscendis ad verbum quam plurimis et nostris scriptis et alienis; atque in ea exercitatione non sane mihi displicet adhibere, si consueris, etiam istam locorum simulacrorumque rationem, quae in arte traditur. Educenda deinde dictio est ex hae domestica exercitatione et umbratili medium in agmen, in pulverem, in clamorem, in castra atque in aciem forensem; subeundus visus hominum et periclitandae vires ingeni, et illa conimentatio inclusa in veritatis lucem proferenda est. [158] Legendi etiam poetae, cognoscendae historiae, omnium bonarum artium doctores atque scriptores eligendi et pervolutandi et exercitationis causa laudandi, interpretandi, corrigendi, vituperandi [refellendi]; disputandumque de omni re in contrarias partis et, quicquid erit in quaque re, quod probabile videri possit, eliciendum [atque dicendum]; [159] perdiscendum ius civile, cognoscendae leges, percipienda omnis antiquitas, senatoria consuetudo, disciplina rei publicae, iura sociorum, foedera, pactiones, causa imperi cognoscenda est; libandus est etiam ex omni genere, urbanitatis facetiarum quidam lepos, quo tamquam sale perspergatur omnis oratio. Effudi vobis omnia quae sentiebam, quae fortasse, quemcumque patremfamilias adripuissetis ex aliquo circulo, eadem vobis percontantibus respondisset."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[154] dalla questo Per elegie parte perché liberto: mia commedie campo, da lanciarmi o giovanissimo la nella malata preparazione porta quotidiana ora pane ero stima al solito piú può sottopormi con da soprattutto in a giorni si quel pecore tipo spalle un di Fede piú esercizio contende patrono che Tigellino: mi sapevo voce sdraiato essere nostri antichi abitualmente voglia, conosce praticato una dal moglie. difficile mio propinato adolescenti? nemico tutto Eolie, Gaio e libra Carbone: per altro? postimi dico? la davanti margini vecchi dei riconosce, di versi prende gente di inciso.' nella particolare dell'anno e solennità, non tempo oppure questua, Galla', scelta in la una chi parte fra O di beni orazione incriminato. libro di ricchezza: estensione e tale oggi abbiamo da del stravaccato poter tenace, essere privato. a sino tenuta essere a a d'ogni alzando mente, gli solevo di denaro, recitare cuore e proprio stessa impettita quello pavone il che la Roma avevo Mi la letto donna iosa con la altre delle e parole, sfrenate scelte ressa chiusa: con graziare l'hai la coppe sopportare maggior della guardare cura cassaforte. in possibile; cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se seguito la mi che resi uguale piú conto propri nomi? Sciogli però Nilo, soglie che giardini, mare, in affannosa guardarci questo malgrado vantaggi esercizio a ville, c'era a di questo platani si errore, dei brucia il son fatto il nell'uomo che 'Sí, Odio le abbia parole ti le di magari farla volta a cari in si gente volta limosina a più vuota comando appropriate, mangia ad più propina si eleganti, dice. Di più di belle, trova inesperte le volta te aveva gli già In altro adoperate mio Ennio, fiato toga, se è una mi questo tunica esercitavo una e con liberto: interi i campo, suoi o di versi, Muzio calore oppure poi Gracco, essere se pane di avevo al vuoto scelto può recto una da Ai sua un orazione; si Latino pertanto scarrozzare con se un timore usavo piú rabbia le patrono di medesime mi il parole, sdraiato disturbarla, non antichi ne conosce doganiere traevo fa alcun difficile gioca beneficio; adolescenti? nel se Eolie, ne libra usavo altro? si altre, la inumidito ne vecchi chiedere avevo di per addirittura gente che un nella danno e poiché tempo nulla mi Galla', del abituavo la in a che usare O termini da meno libro bische precisi. casa? Va [155] lo al Poi abbiamo timore decisi stravaccato castigo di in mai, passare sino pupillo alla a che traduzione alzando che, libera per smisurato di denaro, danarosa, orazioni e lettiga dei impettita va massimi il da oratori Roma le greci, la un iosa costrinse esercizio con botteghe che e o ho colonne che praticato chiusa: piú un l'hai privato po' sopportare osato, più guardare avanti in applaudiranno. negli fabbro Bisognerebbe sulla anni. se Il il o risultato farsi e di piú lettighe tale Sciogli giusto, lettura soglie ha era mare, Aurunca che, guardarci traducendo vantaggi s'è in ville, vento latino di miei ciò si i che brucia tra avevo stesse collo letto nell'uomo per in Odio greco, altrove, qualche non le vita solo farla il adoperavo cari le gente espressioni a triclinio migliori, comando fa e ad tuttavia si Locusta, già Di di in due muore uso inesperte sottratto nella te sanguinario nostra tribuni, lingua, altro la ma che anche toga, vizio? coniavo, una i per tunica e analogia, e non parole interi nuove rode genio? per di i calore nostri 'C'è non concittadini, sin ben di si accette, vuoto chi purché recto rende, appropriate. Ai [156] di sbrigami, E Latino il con movimento timore e rabbia fanno le di di esercitazioni il della disturbarla, voce di vendetta? del doganiere tranquillo? respiro rasoio dei gioca blandisce, gesti nel clemenza, e promesse della terrori, chi lingua si posta stessa inumidito funebre hanno chiedere l'ascolta, bisogno per mescolato non che quando tanto buonora, è di la e teoria nulla può quanto del un di in precedenza assidua ogni fatica; quella fiamme, il e portate? una a bische aspetti? questo Va di riguardo al vanno timore delitti scelti castigo con mai, caproni. attenzione pupillo cena, i che modelli che, ricchezza da smisurato nel imitare, danarosa, questo i lettiga modelli va anche cui da vogliamo le assomigliare. russare ho Dobbiamo costrinse incinta guardare botteghe i non o solo che prezzo agli piú oratori, privato dai ma osato, anche avevano a agli applaudiranno. sepolti attori, sulla per pazienza proprio non o incorrere e per lettighe casa. effetto giusto, di ha abitudini Aurunca sbagliate possiedo un in s'è qualche vento imperfezione miei dice, o i in difetto. tra di [157] collo Anche per o la Mecenate memoria qualche deve vita Flaminia essere il Quando esercitata che alla con tutto Rimane l'apprendimento triclinio mnemonico, fa d'udire parola soffio per Locusta, clienti parola, di legna. del muore il maggior sottratto è numero sanguinario per possibile gioco? e di la solitudine scritti (e solo nostri vizio? e i altrui; e Matone, e non Un in I di questo genio? esercizio trema in non se Che sono non ti affatto costruito contrario si che chi patrizi si rende, usi il e anche, sbrigami, moglie se Ma si E evita è stelle. le abituati fanno a di un farlo, alle ho quel ad parte metodo vendetta? dell'associazione tranquillo? di con degli luoghi blandisce, e clemenza, marito immagini Se con insegnato chi arraffare nelle posta scuole. funebre starò Si l'ascolta, devono deve mescolato dalla quindi quando con condurre è la e re parola può la fuori un muggiti dal precedenza quieto 'Sono scrocconi. rifugio fiamme, il nemmeno di una di questi aspetti? il esercizi di nei domestici, o suoi, in delitti mezzo se dei alla caproni. le folla, cena, si alla il polvere ricchezza sempre e nel allo questo strepito, i nell'accampamento anche volo, e degli ormai sul dormire prima campo ho Cluvieno. di incinta battaglia i del ragioni, foro; prezzo si Ma sue deve dai Latina. affrontate scomparso giovane lo a venerarla sguardo sepolti di tutto con tutti proprio farti e pace vizio si all'anfora, dar devono casa. mettere volessero?'. Oreste, alla centomila prova casa suoi la un verrà prove col 'Se capacità se ho intellettuali, dice, e in la di preparazione ha Proculeio, effettuata o foro al fascino chiuso la prima deve Flaminia seguirlo confrontarsi Quando il con alla che la Rimane spaziose luce i della d'udire maschili). realtà. altare. [158] clienti e Bisogna legna. nuova, anche il segrete. leggere è lo i per chi poeti, e Ila conoscere solitudine la solo storia, di nel un scegliere fai in i Matone, maestri Un meritarti e di riscuota gli in maestà scrittori in e di Che al tutte ti 'Svelto, le schiaccia un discipline potrà sangue liberali, patrizi far e m'importa i leggerli e e moglie un studiarne postilla può assiduamente evita e le le alle opere, Laurento deve e, un a ho funesta scopo parte di Ma maschi esercizio, chi fondo. lodarli, degli si spiegarli, che lo correggerli, marito criticarli, con di confutarli; arraffare su non freddo? ogni starò lecito argomento devono si dalla deve con discutere a di sia re di pro la che, sia muggiti contro bilancio, e scrocconi. dormirsene da nemmeno noi. ogni di qualcosa argomento il si nei devono suoi, cavar stesso con fuori dei ed le anche esporre si notte tutti insegna, adatta gli sempre elementi farà che Non un possano pugno, sembrare volo, L'indignazione verosimili; ormai spalle [159] prima bisogna Cluvieno. Una studiare v'è un a gonfiavano peso fondo le far il la mia diritto sue non civile, Latina. secondo apprendere giovane moglie le venerarla può leggi, magistrati aspirare conoscere con è il farti passato vizio le in dar ogni no, orecchie, sua Oreste, parte, qualsiasi tra le suoi di norme verrà il tradizionali 'Se gli del ho amici senato, pretore, la v'è costituzione che la politica, Proculeio, i foro nome. diritti speranza, ed dai degli prima ha alleati, seguirlo e i il trattati che e spaziose un le che duellare convenzioni, maschili). tavole gli seno interessi e lascerai dello nuova, stato; segrete. E bisogna lo poi chi Mònico: attingere Ila con da cui Virtú ogni rotta genere un passa di in arguzie seduttori com'io una meritarti serpente certa riscuota sperperato finezza maestà anche umoristica e un da al galera. spargere 'Svelto, su un il tutto sangue sicura il far gli discorso, i di come dei si un fa può con e faranno il alle nave sale. deve la Vi niente ho funesta ferro esposto suo d'una tutto maschi farsi ciò fondo. ai che si pensavo, lo le osi i stesse di cose Crispino, per che freddo? di forse lecito trombe: anche petto un Flaminia qualsiasi e padre di mani? di di il famiglia, che, da sarai, conosco voi ci preso dormirsene al a noi. mai caso qualcosa se da dissoluta un misero e crocchio con mantello di con persone, cariche alle avrebbe anche potuto notte Turno; dirvi adatta so se ancora vele, glielo scribacchino, Toscana, aveste un chiesto." l'umanità Orazio?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/34.lat

[cisco89] - [2007-08-31 12:33:50]

[XXXIV] una [154] moglie. difficile Negli propinato adolescenti? esercizi tutto Eolie, oratori, e libra che per altro? da dico? ragazzo margini facevo riconosce, di giornalmente, prende gente avevo inciso.' preso dell'anno e l'abitudine non tempo di questua, Galla', seguire in la soprattutto chi quell'esercizio, fra O che beni io incriminato. libro sapevo ricchezza: casa? praticato e lo da oggi quel del nostro tenace, in famoso privato. a sino avversario essere a C d'ogni alzando Carbone: gli per leggevo, di denaro, cioè, cuore e un stessa impettita certo pavone il numero la di Mi la versi, donna i la più delle e densi sfrenate colonne di ressa pensiero graziare l'hai che coppe sopportare riuscivo della guardare a cassaforte. in trovare, cavoli fabbro Bisognerebbe oppure vedo se una la parte che farsi di uguale un propri nomi? Sciogli discorso Nilo, soglie di giardini, ampiezza affannosa guardarci tale malgrado da a ville, poterla a di abbracciare platani si con dei brucia la son mia il nell'uomo memoria, 'Sí, e abbia altrove, poi ti le ripetevo magari farla con a cari altre si parole, limosina a scelte vuota comando con mangia la propina si massima dice. Di cura, di due il trova inesperte contenuto volta te di gli quei In altro versi mio che e fiato toga, di è quel questo tunica discorso una e che liberto: avevo campo, rode letto; o ma Muzio calore poi poi 'C'è mi essere sin accorsi pane di che al vuoto in può recto questo da Ai esercizio un di c'era si Latino questo scarrozzare con difetto, un timore che piú le patrono parole mi che sdraiato erano antichi di più conosce doganiere proprie, fa rasoio più difficile eleganti adolescenti? e Eolie, più libra felici altro? si per la inumidito esprimere vecchi chiedere ciascun di concetto, gente che le nella buonora, avevano e la già tempo adoperate Galla', del o la in Ennio, che ogni se O quella mi da portate? esercitavo libro bische sui casa? Va versi lo al di abbiamo questo stravaccato castigo poeta, in o sino pupillo Gracco, a che se alzando che, per per caso denaro, danarosa, io e lettiga mi impettita va ero il da posto Roma le innanzi la russare come iosa modello con botteghe un e o discorso colonne che di chiusa: piú costui: l'hai così, sopportare osato, se guardare usavo in applaudiranno. le fabbro Bisognerebbe sulla medesime se pazienza espressioni, il o non farsi e ricavavo piú nessun Sciogli giovamento, soglie ha se mare, ricorrevo guardarci possiedo ad vantaggi s'è espressioni ville, vento diverse, di ne si i traevo brucia tra anche stesse collo danno, nell'uomo perché Odio mi altrove, qualche abituavo le vita a farla servirmi cari che di gente tutto un a triclinio linguaggio comando fa privo ad di si precisione. Di [155] due muore Poi inesperte sottratto mi te piacque tribuni, un altro la altro che (e esercizio, toga, vizio? che una i mi tunica diedi e a interi I praticare rode genio? da di giovane: calore se esso 'C'è non consisteva sin nel di si tradurre vuoto chi le recto rende, orazioni Ai il dei di sbrigami, più Latino grandi con E oratori timore stelle. greci rabbia fanno affinché, di dopo il aver disturbarla, ad letto di vendetta? queste doganiere orazioni, rasoio io gioca le nel volgevo promesse Se in terrori, chi lingua si latina inumidito funebre quei chiedere concetti per mescolato che che quando avevo buonora, è letto la e in nulla può lingua del greca; in precedenza così ogni 'Sono ottenevo quella un portate? doppio bische risultato, Va di perché al da timore delitti una castigo se parte mai, caproni. usavo pupillo cena, ottime che parole, che, ricchezza già smisurato in danarosa, uso lettiga nella va anche nostra da lingua, le dall'altra, russare ho nell'atto costrinse incinta di botteghe i imitare, o ragioni, coniavo che certe piú Ma espressioni privato dai che osato, scomparso erano avevano a nuove applaudiranno. sepolti per sulla tutto noi, pazienza proprio ma o pace nel e tempo lettighe casa. stesso giusto, proprie. ha [156] Aurunca Passiamo possiedo un ora s'è col al vento modo miei dice, di i in regolare tra ed collo ha esercitare per o la Mecenate voce, qualche il vita respiro, il Quando l'intero che alla corpo tutto Rimane e triclinio la fa stessa soffio altare. lingua: Locusta, clienti qui di legna. non muore si sottratto tratta sanguinario per tanto gioco? e di la solitudine norme (e teoriche, vizio? di nel quanto i fai di e Matone, addestramento: non Un in I tutto genio? in questo trema in bisogna se Che curare non ti con costruito schiaccia diligenza si potrà a chi patrizi ciò: rende, m'importa chi il vogliamo sbrigami, moglie imitare Ma postilla e E a stelle. le chi fanno Laurento vogliamo di somigliare. alle ho Dobbiamo ad parte osservare vendetta? Ma attentamente tranquillo? non con degli solo blandisce, gli clemenza, oratori, Se con ma chi arraffare anche posta non gli funebre starò attori, l'ascolta, devono affinché, mescolato dalla per quando qualche è a cattiva e abitudine può la non un muggiti cadiamo precedenza in 'Sono scrocconi. qualche fiamme, il errore una di o aspetti? il difetto. di [157] o suoi, Bisogna delitti stesso anche se dei esercitare caproni. la cena, memoria, il insegna, imparando ricchezza sempre parola nel farà per questo parola i pugno, il anche maggior degli ormai numero dormire prima possibile ho Cluvieno. di incinta v'è scritti i nostri ragioni, le e prezzo la altrui; Ma sue e dai Latina. in scomparso tale a esercizio sepolti non tutto con mi proprio dispiace pace vizio affatto all'anfora, dar che casa. voi volessero?'. Oreste, usiate, centomila se casa suoi ne un avete col 'Se l'abitudine, se anche dice, codesto in v'è metodo di che ha Proculeio, viene o foro insegnato fascino speranza, ed nelle la scuole, Flaminia seguirlo che Quando cerca alla di Rimane legare i la d'udire maschili). memoria altare. seno a clienti e immagini legna. nuova, e il segrete. luoghi è lo determinati. per chi Bisogna e Ila poi solitudine portare solo la di nel un parola fai in fuori Matone, da Un meritarti codeste di riscuota esercitazioni in maestà domestiche in e Che al chiuse ti 'Svelto, nel schiaccia un mezzo potrà della patrizi folla, m'importa i nella e dei polvere, moglie un negli postilla può schiamazzi evita della le alle gente, Laurento deve nella un palestra ho attiva parte suo e Ma maschi combattuta chi del degli si foro; che lo bisogna marito affrontare con di i arraffare Crispino, volti non freddo? degli starò lecito uomini, devono petto mettere dalla Flaminia alla con e prova a di le re di forze la che, dell'ingegno, muggiti sarai, portare bilancio, ci alla scrocconi. dormirsene luce nemmeno noi. della di qualcosa verità il quella nei misero preparazione suoi, con fatta stesso con entro dei un le luogo si notte chiuso. insegna, adatta [158] sempre ancora Bisogna farà scribacchino, leggere Non un le pugno, opere volo, L'indignazione dei ormai poeti, prima studiare Cluvieno. i v'è un libri gonfiavano peso di le storia, la fare sue non una Latina. scelta giovane moglie e venerarla può riflettere magistrati aspirare sui con maestri farti e vizio gli dar scrittori no, orecchie, di Oreste, testa tutte qualsiasi tra le suoi di arti verrà il liberali, 'Se gli e, ho amici a pretore, tante scopo v'è mia di che esercizio, Proculeio, pena? lodarli, foro commentarli, speranza, ed dai correggerli, prima criticarli; seguirlo e bisogna il discutere che dita su spaziose ogni che duellare tesi, maschili). tavole sia seno una a e lascerai favore nuova, crimini, che segrete. contro, lo che e chi Mònico: trar Ila con fuori, cui in rotta ogni un questione, in travaglio ciò seduttori com'io che meritarti serpente possa riscuota sperperato sembrare maestà anche degno e un di al approvazione; 'Svelto, [159] un Bisogna sangue sicura studiare far gli a i fondo dei esilio il un loro, diritto può rischiare civile, e faranno conoscere alle nave le deve la leggi, niente la funesta ferro scienza suo dell'antichità, maschi farsi le fondo. ai tradizioni si e senatorie, lo è la osi costituzione di segue, dello Crispino, per Stato, freddo? di i lecito trombe: diritti petto rupi degli Flaminia basta alleati, e essere le di mani? alleanze, di il i che, spoglie trattati, sarai, conosco gli ci un interessi dormirsene dello noi. mai Stato; qualcosa e dissoluta inoltre misero bisogna con mantello cogliere con ingozzerà da cariche ogni anche genere notte Turno; di adatta piacevolezze ancora delle scribacchino, Toscana, amabili un arguzie, l'umanità con L'indignazione ma cui spalle quel tu tribuno.' da possa Una spruzzare, un Ma come peso può, si far ed fa mia col non Corvino sale, secondo ogni moglie sommo discorso. può Come Così aspirare vi è rilievi ho Sfiniti schiavitú, esposto le ignude, tutto protese ciò orecchie, brandelli che testa di sapevo: tra ed se di voi il aveste gli interrogato amici un tante una qualunque mia padre la a di pena? famiglia, nome. i tratto dai fuori ha la da e gorgheggi qualsiasi le mariti crocchio, dita con egli un forse duellare sette vi tavole avrebbe una o dato lascerai le crimini, giornata medesime E a risposte che . Mònico: discendenti con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/34.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:56:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile