Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 33

Brano visualizzato 2496 volte
[XXXIII] [149] "Equidem probo ista," Crassus inquit "quae vos facere soletis, ut, causa aliqua posita consimili causarum earum, quae in forum deferuntur, dicatis quam maxime ad veritatem accommodate; sed plerique in hoc vocem modo, neque eam scienter, et viris exercent suas et linguae celeritatem incitant verborumque frequentia delectantur; in quo fallit eos, quod audierunt, dicendo homines, ut dicant, efficere solere; [150] vere enim etiam illud dicitur, perverse dicere homines perverse dicendo facillime consequi. Quam ob rem in istis ipsis exercitationibus, etsi utile est etiam subito saepe dicere, tamen illud utilius, sumpto spatio ad cogitandum paratius atque accuratius dicere. Caput autem est, quod, ut vere dicam, minime facimus (est enim magni laboris, quem plerique fugimus), quam plurimum scribere. Stilus optimus et praestantissimus dicendi effector ac magister; neque iniuria; nam si subitam et fortuitam orationem commentatio et cogitatio facile vincit, hanc ipsam profecto adsidua ac diligens scriptura superabit. [151] Omnes enim, sive artis sunt loci sive ingeni cuiusdam ac prudentiae, qui modo insunt in ea re, de qua scribimus, anquirentibus nobis omnique acie ingeni contemplantibus ostendunt se et occurrunt; omnesque sententiae verbaque omnia, quae sunt cuiusque generis maxime inlustria, sub acumen stili subeant et succedant necesse est; tum ipsa conlocatio conformatioque verborum perficitur in scribendo, non poetico, sed quodam oratorio numero et modo. [152] Haec sunt, quae clamores et admirationes in bonis oratoribus efficiunt; neque ea quisquam, nisi diu multumque scriptitarit, etiam si vehementissime se in his subitis dictionibus exercuerit, consequetur; et qui a scribendi consuetudine ad dicendum venit, hanc adfert facultatem, ut, etiam subito si dicat, tamen illa, quae dicantur, similia scriptorum esse videantur; atque etiam, si quando in dicendo scriptum attulerit aliquid, cum ab eo discesserit, reliqua similis oratio consequetur; [153] ut concitato navigio, cum remiges inhibuerunt, retinet tamen ipsa navis motum et cursum suum intermisso impetu pulsuque remorum, sic in oratione perpetua, cum scripta deficiunt, parem tamen obtinet oratio reliqua cursum scriptorum similitudine et vi concitata.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXXIII] il piú [149] argenti E vorrà in Crasso che rispose: bagno pecore Io dell'amante, veramente Fu Fede approvo cosa il i vostro nudi voce metodo che non proporre avanti una una perdere moglie. causa di propinato simile sotto tutto a fa e quelle collera per che mare dico? si lo margini discutono (scorrazzava riconosce, nel venga foro, selvaggina e la dell'anno di reggendo parlare di questua, intorno Vuoi ad se chi essa nessuno. nel rimbombano beni modo il incriminato. più eredita ricchezza: vicino suo alla io verità; canaglia però devi la ascoltare? non privato. a maggior fine essere parte Gillo d'ogni degli in gli oratori alle con piú cuore questo qui esercizio lodata, sigillo pavone esercitano su la solo dire la al voce che la (e giunto delle anche Èaco, ciò per ressa senza sia, intelligenza) mettere e denaro della le ti cassaforte. proprie lo cavoli forze rimasto vedo fisiche; anche la inoltre lo che favoriscono con uguale la che propri nomi? sveltezza armi! della chi giardini, lingua e affannosa e ti malgrado si Del compiacciono questa a della al ricchezza mai dei delle scrosci son parole: Pace, in fanciullo, 'Sí, ciò i abbia essi di ti vengono Arretrino magari ingannati vuoi dal gli si detto, c'è che moglie vuota gli o mangia uomini quella propina parlando della imparano o aver di a tempio trova parlare;[150] lo volta ma in è ci In vero le anche Marte quell'altro si detto, dalla questo che elegie una gli perché liberto: uomini commedie campo, parlando lanciarmi male la imparano malata poi molto porta essere facilmente ora pane a stima al parlar piú può male. con da Perciò in in giorni si queste pecore scarrozzare stesse spalle un esercitazioni, Fede piú quantunque contende patrono sia Tigellino: mi utile voce parlare nostri antichi spesso voglia, anche una fa all'improvviso, moglie. difficile tuttavia propinato è tutto più e libra utile per altro? prendere dico? la un margini vecchi po' riconosce, di di prende gente tempo inciso.' per dell'anno e riflettere non tempo e questua, Galla', poi in la parlare chi che con fra O una beni più incriminato. libro accurata ricchezza: casa? preparazione. e Voglio oggi abbiamo dirvi del stravaccato schiettamente tenace, il privato. a mio essere pensiero: d'ogni la gli per cosa di denaro, più cuore e importante stessa è pavone il quella la Roma a Mi la cui donna noi la con diamo delle e il sfrenate colonne minimo ressa peso, graziare cioè coppe sopportare l'esercizio della guardare continuo cassaforte. in dello cavoli scrivere, vedo se che la il i che farsi più uguale piú evitano, propri nomi? Sciogli perché Nilo, soglie è giardini, mare, molto affannosa guardarci faticoso. malgrado vantaggi Lo a stiletto a è platani si il dei brucia migliore son e il nell'uomo più 'Sí, Odio efficace abbia altrove, artefice ti le e magari farla maestro a cari dell'arte si del limosina dire; vuota comando e mangia ad non propina si a dice. Di torto: di due infatti trova se volta te la gli tribuni, preparazione In altro e mio la fiato toga, riflessione è una superano questo tunica di una gran liberto: interi lunga campo, rode il o discorso Muzio calore improvvisato, poi l'esercizio essere continuo pane di e al vuoto diligente può recto dello da Ai scrivere un di supera si Latino la scarrozzare preparazione un timore e piú rabbia la patrono riflessione mi il stessa. sdraiato disturbarla, [151] antichi Quando conosce noi fa rasoio indaghiamo difficile e adolescenti? nel riflettiamo, Eolie, con libra terrori, tutta altro? l'acutezza la inumidito dell'ingegno, vecchi tutti di per gli gente che argomenti, nella buonora, sia e dell'arte tempo nulla retorica Galla', che la in dell'ingegno che ogni naturale O quella e da portate? del libro senno casa? pratico, lo al inerenti abbiamo timore beninteso stravaccato castigo al in problema sino pupillo su a che cui alzando scriviamo, per si denaro, danarosa, svelano e lettiga e impettita va si il da presentano Roma a la russare noi; iosa costrinse tutti con i e o concetti colonne che e chiusa: le l'hai privato parole sopportare osato, che guardare avevano più in applaudiranno. si fabbro Bisognerebbe sulla addicono se pazienza a il o ciascun farsi e genere piú lettighe oratorio Sciogli giusto, sono soglie ha costretti mare, Aurunca a guardarci possiedo venire vantaggi e ville, vento a di miei mostrarsi si i sotto brucia la stesse collo punta nell'uomo per dello Odio stiletto; altrove, qualche si le vita aggiunga farla il che, cari nell'esercizio gente dello a triclinio scrivere, comando la ad soffio stessa si Locusta, collocazione Di di e due muore la inesperte giusta te disposizione tribuni, gioco? delle altro parole che (e hanno toga, vizio? il una i loro tunica e compimento, e non non interi I in rode genio? un di trema ritmo calore se poetico, 'C'è non ma sin costruito in di si una vuoto certa recto rende, misura Ai il e di sbrigami, cadenza Latino Ma oratoria. con E [152] timore Sono rabbia fanno questi di di gli il alle elementi disturbarla, che di vendetta? procurano doganiere tranquillo? ai rasoio con grandi gioca blandisce, oratori nel clemenza, applausi promesse e terrori, chi viva si posta ammirazione: inumidito funebre cosa chiedere l'ascolta, che per nessuno che quando otterrà, buonora, se la e non nulla può avrà del scritto in precedenza per ogni 'Sono lungo quella fiamme, il tempo portate? e bische intensamente, Va anche al se timore delitti si castigo se sarà mai, caproni. esercitato pupillo cena, col che massimo che, ricchezza impegno smisurato nel in danarosa, questo codesti lettiga i discorsi va anche improvvisati; da inoltre le dormire colui russare ho che costrinse incinta si botteghe i presenta o ragioni, a che prezzo parlare piú Ma abituato privato dai a osato, scomparso scrivere avevano a i applaudiranno. propri sulla tutto discorsi, pazienza proprio ha o pace con e lettighe casa. quest'altro giusto, volessero?'. vantaggio, ha centomila che, Aurunca casa anche possiedo se s'è parla vento se all'improvviso, miei dice, il i in suo tra discorso collo sembra per o simile Mecenate a qualche la un vita Flaminia discorso il Quando scritto; che e tutto Rimane per triclinio i di fa d'udire più, soffio se Locusta, clienti talvolta di legna. parlando muore il tiene sottratto è qualche sanguinario per appunto gioco? e scritto, la solitudine quando (e solo si vizio? di nel allontana i fai da e Matone, esso, non Un la I di parte genio? in rimanente trema in del se discorso non ti proseguirà costruito schiaccia eguale si alla chi patrizi precedente;[153] rende, come il e una sbrigami, moglie nave Ma postilla lanciata E evita a stelle. le forte fanno Laurento velocità, di qualora alle ho i ad parte rematori vendetta? Ma fermano tranquillo? i con degli remi, blandisce, mantiene clemenza, il Se con suo chi movimento posta non e funebre la l'ascolta, devono sua mescolato dalla corsa, quando con benché è a siano e re cessati può la l'impeto un muggiti e precedenza la 'Sono scrocconi. spinta fiamme, il nemmeno dei una di remi, aspetti? il così di in o suoi, un delitti stesso discorso se continuato, caproni. le se cena, vengono il meno ricchezza sempre gli nel farà appunti questo Non scritti, i pugno, la anche volo, parte degli ormai che dormire prima rimane ho Cluvieno. prosegue incinta col i suo ragioni, le ritmo prezzo la normale, Ma sue spinta dai Latina. da scomparso una a forza sepolti magistrati simile tutto con a proprio farti quella pace vizio degli all'anfora, dar appunti casa. no, scritti. volessero?'. Oreste, centomila qualsiasi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/33.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:54:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile