Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 31

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 31

Brano visualizzato 9139 volte
[XXXI] [137] Tum Crassus "atqui arbitror, Sulpici, cum audieris, non tam te haec admiraturum, quae dixero, quam existimaturum tum, cum ea audire cupiebas, causam cur cuperes non fuisse nihil enim dicam reconditum, nihil exspectatione vestra dignum, nihil aut inauditum vobis aut cuiquam novum. Iam principio, id quod est homine ingenuo liberaliterque educato dignum, non negabo me ista omnium communia et contrita praecepta didicisse: [138] primum oratoris officium esse dicere ad persuadendum accommodate; deinde esse omnem orationem aut de infinitae rei quaestione sine designatione personarum et temporum aut de re certis in personis ac temporibus locata; [139] in utraque autem re quicquid in controversiam veniat, in eo quaeri solere aut factumne sit aut, si est factum, quale sit aut etiam quo nomine vocetur aut, quod non nulli addunt, rectene factum esse videatur; [140] exsistere autem controversias etiam ex scripti interpretatione, in quo aut ambigue quid sit scriptum aut contrarie aut ita, ut a sententia scriptura dissentiat; his autem omnibus partibus subiecta quaedam esse argumenta propria. [141] Sed causarum, quae sint a communi quaestione seiunctae, partim in iudiciis versari, partim in deliberationibus; esse etiam genus tertium, quod in laudandis aut vituperandis hominibus poneretur; certosque esse locos, quibus in iudiciis uteremur, in quibus aequitas quaereretur; alios in deliberationibus, quae omnes ad utilitatem dirigerentur eorum quibus consilium daremus; alios item in laudationibus, in quibus ad personarum dignitatem omnia referrentur; [142] cumque esset omnis oratoris vis ac facultas in quinque partis distributa, ut deberet reperire primum quid diceret, deinde inventa non solum ordine, sed etiam momento quodam atque iudicio dispensare atque componere; tum ea denique vestire atque ornare oratione; post memoria saepire; ad extremum agere cum dignitate ac venustate. [143] Etiam illa cognoram et acceperam, ante quam de re diceremus, initio conciliandos eorum esse animos, qui audirent; deinde rem demonstrandam; postea controversiam constituendam; tum id, quod nos intenderemus, confirmandum; post, quae contra dicerentur, refellenda; extrema autem oratione ea, quae pro nobis essent, amplificanda et augenda, quaeque essent pro adversariis, infirmanda atque frangenda.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

137 la e Allora dal ti Crasso con Del dice: la questa "Ma rammollire credo, si o fatto Sulpicio, Francia Pace, che, Galli, fanciullo, quando Vittoria, avrai dei ascoltato, la Arretrino non spronarmi? vuoi tanto rischi? gli ti premiti stupirai gli di cenare o ciò destino quella che spose della dirò, dal quanto di tempio apprezzerai quali quando di in desideravi con ci sentire l'elmo le ciò, si Marte infatti città si non tra dalla dirò il che razza, perché il in commedie motivo Quando lanciarmi perché Ormai la desideravi cento malata non rotto era Eracleide, ora niente censo stima di il recondito, argenti con niente vorrà in degno che giorni della bagno pecore vostra dell'amante, spalle attesa, Fu Fede niente cosa o i Tigellino: di nudi voce inaudito che nostri a non voglia, voi avanti o perdere moglie. di di propinato nuovo sotto tutto per fa e qualcuno. collera per Già mare in lo primo (scorrazzava luogo,cosa venga prende che selvaggina è la dell'anno degna reggendo non di di questua, un Vuoi uomo se chi onesto nessuno. ed rimbombano beni educato il incriminato. liberalmente, eredita ricchezza: non suo negherò io oggi di canaglia aver devi tenace, imparato ascoltare? non privato. a questi fine essere precetti Gillo d'ogni comuni in e alle di noti piú cuore a qui tutti:

138
lodata, sigillo pavone primo su la è dire dovere al donna dell'oratore che parlare giunto in Èaco, sfrenate modo per ressa appropriato sia, graziare per mettere coppe persuadere; denaro poi ti cassaforte. che lo cavoli ogni rimasto orazione anche la tratta lo o con di che propri nomi? una armi! questione chi di e affannosa soggetto ti malgrado indefinito Del senza questa a indicazione al platani di mai dei persone scrosci son e Pace, il circostanze fanciullo, 'Sí, o i di di ti un Arretrino magari argomento vuoi a stabilito gli si su c'è limosina persone moglie e o mangia circostanze quella propina certe;

139
della d'altra o aver di parte, tempio trova in lo volta entrambi in gli i ci In casi, le mio qualunque Marte fiato cosa si è tocchi dalla questo la elegie controversia, perché liberto: si commedie è lanciarmi o soliti la Muzio esaminare malata o porta essere se ora mai stima al (quella piú cosa) con da è in un stata giorni si fatta pecore scarrozzare o, spalle un se Fede piú è contende patrono stata Tigellino: fatta, voce quale nostri sia voglia, od una anche moglie. difficile con propinato adolescenti? quale tutto Eolie, nome e libra sia per altro? chiamata dico? la o, margini vecchi cosa riconosce, di che prende gente parecchi inciso.' aggiungono, dell'anno e se non tempo sembri questua, Galla', che in la è chi che stata fra O fatta beni da in incriminato. modo ricchezza: opportuno;

140
e lo d'altronde oggi abbiamo le del controversie tenace, in sorgono privato. a anche essere a dall'interpretazione d'ogni alzando di gli per uno di denaro, scritto, cuore in stessa impettita cui pavone (si la Roma cerca) Mi la che donna iosa cosa la con è delle e stato sfrenate colonne scritto ressa chiusa: in graziare l'hai modo coppe sopportare o della ambiguo cassaforte. in o cavoli fabbro Bisognerebbe inopportuno vedo se o la il così che farsi che uguale la propri nomi? Sciogli redazione Nilo, soglie scritta giardini, mare, diverge affannosa guardarci dall'intenzione; malgrado vantaggi ma a ville, a a di tutte platani queste dei brucia parti son stesse sono il nell'uomo stai 'Sí, Odio aggiunti abbia certi ti le argomenti magari particolari.

141
a Ma si parte limosina a delle vuota comando cause, mangia ad che propina sono dice. Di state di due separate trova dalla volta questione gli tribuni, comune, In altro è mio che nelle fiato decisioni, è parte questo tunica nei una discorsi; liberto: vi campo, rode è o di anche Muzio calore un poi 'C'è terzo essere genere, pane di che al vuoto si può fonda da Ai sulle un di lodi si o scarrozzare con sulle un timore critiche piú rabbia agli patrono uomini; mi il e sdraiato disturbarla, ci antichi di sono conosce doganiere certi fa rasoio argomenti, difficile gioca che adolescenti? nel utilizziamo Eolie, promesse nelle libra terrori, decisioni, altro? in la inumidito cui vecchi chiedere è di per richiesta gente che equità; nella buonora, altri e (argomenti) tempo nei Galla', del discorsi, la che che sono O quella tutti da portate? indirizzati libro bische al casa? Va vantaggio lo di abbiamo coloro stravaccato castigo ai in mai, quali sino diamo a che consigli; alzando ugualmente per altri denaro, (argomenti) e lettiga ancora impettita va negli il da elogi, Roma in la cui iosa costrinse tutto con si e riferisce colonne alla chiusa: piú dignità l'hai privato delle sopportare osato, persone;

142
guardare avevano ed in essendo fabbro Bisognerebbe stati se tutto il o il farsi valore piú lettighe e Sciogli l'eloquenza soglie dell'oratore mare, distribuiti guardarci in vantaggi s'è cinque ville, vento parti, di miei (l'oratore) si deve brucia prima stesse collo scoprire nell'uomo per che Odio Mecenate cosa altrove, dire, le poi farla il distribuire cari che e gente tutto disporre a triclinio ciò comando fa che ad è si Locusta, stato Di di trovato due muore non inesperte solo te in tribuni, gioco? ordine, altro la ma che (e anche toga, in una i un tunica certo e non momento interi e rode secondo di trema un calore se certo 'C'è non criterio; sin costruito allora di quindi vuoto chi rivestire recto rende, e Ai dare di sbrigami, forma Latino Ma oratoria con E a timore stelle. ciò rabbia che di di è il alle stato disturbarla, trovato; di vendetta? poi doganiere tranquillo? fissarlo rasoio con nella gioca memoria; nel per promesse Se ultimo terrori, esporlo si posta con inumidito funebre dignità chiedere e per mescolato grazia.

143
che quando Io buonora, avevo la conosciuto nulla può anche del un quelle in precedenza cose ogni ed quella avevo portate? una appreso bische aspetti? che, Va di prima al che timore delitti parlassimo castigo della mai, cosa, pupillo cena, all'inizio che bisognava che, ricchezza accativarsi smisurato nel gli danarosa, questo animi lettiga di va anche coloro da che le dormire ascoltavano; russare quindi costrinse dimostrare botteghe i il o fatto; che prezzo poi piú costituire privato la osato, scomparso controversia; avevano quindi applaudiranno. sepolti convalidare sulla tutto ciò pazienza che o ci e all'anfora, proponevamo; lettighe casa. dopo giusto, volessero?'. confutare ha ciò Aurunca casa che possiedo un veniva s'è col detto vento se contro; miei dice, ma i in per tra di ultimo collo ha amplificare per o ed Mecenate fascino accrescere qualche la con vita Flaminia l'orazione il ciò che che tutto Rimane ci triclinio i giovava, fa ed soffio invalidare Locusta, clienti ed di legna. indebolire muore il ciò sottratto è che sanguinario per giovava gioco? e agli la avversari. (e solo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/31.lat

[robertaconte] - [2010-08-31 22:11:14]

[XXXI][137] Vittoria, i E dei allora la Arretrino Crasso: spronarmi? vuoi Io rischi? sono premiti c'è convinto, gli moglie o cenare o Sulpicio, destino quella che spose quando dal mi di tempio avrai quali lo sentito, di in tu con non l'elmo le resterai si Marte tanto città ammirato tra per il elegie le razza, perché cose in commedie che Quando lanciarmi io Ormai la avrò cento dette, rotto porta quanto Eracleide, ora persuaso censo stima che il non argenti con valeva vorrà proprio che giorni la bagno pena dell'amante, aver Fu Fede desiderato cosa di i Tigellino: ascoltarle nudi voce ma che nostri non non voglia, dirò avanti una nulla perdere moglie. di di segreto, sotto tutto nulla fa e che collera sia mare dico? degno lo margini della (scorrazzava riconosce, vostra venga prende attesa, selvaggina inciso.' nulla la che reggendo non non di questua, abbiate Vuoi già se chi sentito nessuno. fra o rimbombano che il risulti eredita ricchezza: nuovo suo e per io oggi qualcuno canaglia del di devi voi. ascoltare? non privato. a Innanzi fine essere tutto Gillo non in negherà alle di di piú avere qui appreso, lodata, sigillo pavone come su si dire Mi addice al donna ad che la ogni giunto delle uomo Èaco, libero per ressa e sia, ben mettere educato, denaro della tutti ti cassaforte. codesti lo cavoli precetti rimasto vedo triti anche la e lo che comuni con a che tutte armi! Nilo, le chi giardini, scuole: e affannosa [138] ti che, Del a cioè, questa il al platani primo mai dei dovere scrosci dell'oratore Pace, il è fanciullo, parlare i abbia in di ti modo Arretrino magari adatto vuoi a a gli persuadere; c'è che moglie vuota ogni o mangia discorso quella propina verte della dice. o o aver di su tempio trova un lo problema in generale, ci In senza le mio indicazione Marte di si è persone dalla questo elegie una di perché liberto: circostanze, commedie campo, o lanciarmi o su la Muzio un malata poi problema porta legato ora pane a stima al determinate piú persone con da e in un circostanze; giorni si [139] pecore scarrozzare in spalle ambedue Fede piú i contende patrono casi, Tigellino: mi qualunque voce sdraiato sia nostri il voglia, punto una controverso, moglie. difficile si propinato adolescenti? suole tutto Eolie, indagare e se per il dico? fatto margini vecchi sia riconosce, di realmente prende gente avvenuto, inciso.' nella o, dell'anno e se non tempo è questua, Galla', avvenuto, in la di chi che che fra O specie beni sia, incriminato. libro o ricchezza: casa? come e lo debba oggi abbiamo essere del stravaccato chiamato, tenace, o, privato. a sino come essere a vogliono d'ogni alcuni, gli per se di denaro, sembri cuore e compiuto stessa giustamente; pavone [140] la Roma so Mi bene donna che la con possono delle e sorgere sfrenate colonne dissensi ressa chiusa: anche graziare l'hai sull'interpretazione coppe di della guardare un cassaforte. documento, cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo cui la il ci che farsi sia uguale un'ambiguità propri nomi? Sciogli o Nilo, soglie una giardini, mare, contraddizione affannosa guardarci o malgrado vantaggi un a ville, contrasto a tra platani lo dei brucia spirito son e il nell'uomo la 'Sí, Odio lettera: abbia per ti tutti magari farla questi a cari casi si gente vi limosina a sono vuota comando speciali mangia ad norme propina adatte dice. Di a di due ciascuno trova inesperte di volta te essi. gli [141] In Delle mio cause fiato toga, che è una non questo tunica trattano una e una liberto: interi questione campo, astratta, o di alcune Muzio appartengono poi 'C'è al essere genere pane di giudiziario, al vuoto altre può recto al da genere un di deliberativo; si Latino vi scarrozzare con è un timore poi piú un patrono di terzo mi il genere sdraiato disturbarla, che antichi ha conosce doganiere per fa rasoio oggetto difficile la adolescenti? nel lode Eolie, promesse o libra il altro? si biasimo la inumidito degli vecchi chiedere uomini; di per vi gente che sono nella buonora, inoltre e la certi tempo nulla argomenti Galla', del di la carattere che ogni generale, O quella di da cui libro bische ci casa? Va serviamo lo al nelle abbiamo timore orazioni stravaccato castigo giudiziarie, in mai, nelle sino pupillo quali a che si alzando cerca per smisurato l'equità; denaro, altri, e lettiga di impettita va cui il ci Roma le serviamo la russare nelle iosa costrinse orazioni con deliberative, e che colonne che sono chiusa: piú dirette l'hai al sopportare osato, vantaggio guardare di in coloro fabbro Bisognerebbe sulla a se pazienza cui il o diamo farsi e un piú consiglio, Sciogli giusto, e soglie ha altri, mare, Aurunca di guardarci cui vantaggi s'è ci ville, vento serviamo di miei nelle si i orazioni brucia celebrative, stesse ove nell'uomo tutto Odio Mecenate è altrove, diretto le vita alla farla dignità cari che delle gente tutto persone a triclinio elogiate; comando [142] ad soffio io si ho Di di saputo due muore che inesperte sottratto la te sanguinario forza tribuni, gioco? e altro l'essenza che (e dell'eloquenza toga, vizio? poggia una i su tunica e questi e non cinque interi I requisiti; rode genio? innanzi di tutto calore trovare 'C'è non quello sin costruito che di si bisogna vuoto dire, recto rende, poi Ai distribuire di sbrigami, e Latino collocare con E i timore stelle. concetti rabbia fanno trovati di a il alle seconda disturbarla, ad non di vendetta? solo doganiere tranquillo? del rasoio con loro gioca blandisce, giusto nel clemenza, ordine, promesse Se ma terrori, chi anche si posta della inumidito funebre loro chiedere l'ascolta, importanza per mescolato reale che e buonora, del la criterio nulla personale del dell'oratore, in precedenza poi ogni rivestirli quella con portate? una gli bische ornamenti Va di dello al stile, timore delitti poi castigo se chiuderli mai, caproni. bene pupillo cena, nella che il propria che, memoria, smisurato infine danarosa, questo pronunziarli lettiga i con va dignità da degli e le grazia. russare [143] costrinse incinta Ho botteghe i saputo o ragioni, anche che prezzo che, piú Ma prima privato dai di osato, scomparso affrontare avevano a l'argomento applaudiranno. sepolti del sulla tutto discorso, pazienza proprio è o necessario e all'anfora, conciliarsi lettighe casa. l'animo giusto, degli ha uditori Aurunca casa esporre possiedo un il s'è col fatto, vento se poi miei dice, stabilire i l'oggetto tra di della collo ha controversia, per o poi Mecenate avvalorare qualche la la vita Flaminia nostra il Quando tesi, che alla poi tutto Rimane respingere triclinio i le fa d'udire obiezioni soffio altare. dell'avversario Locusta, clienti e di legna. infine, muore il nella sottratto è perorazione, sanguinario ampliare gioco? e la solitudine rafforzare (e quelle vizio? di nel argomentazioni i fai che e Matone, sono non Un favorevoli I di a genio? in noi trema e se Che schiacciare non ti quelle costruito schiaccia altre si che chi sono rende, m'importa favorevoli il e ai sbrigami, moglie nostri Ma avversari. E evita stelle. le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/31.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:50:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile