Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 27

Brano visualizzato 2439 volte
[XXVII] Tum Antonius "saepe, ut dicis," inquit "animadverti, Crasse, et te et ceteros summos oratores, quamquam tibi par mea sententia nemo umquam fuit, in dicendi exordio permoveri; [123] cuius quidem rei cum causam quaererem, quidnam esset cur, ut in quoque oratore plurimum esset, ita maxime is pertimesceret, has causas inveniebam duas: unam, quod intellegerent ei, quos usus ac natura docuisset, non numquam summis oratoribus non satis ex sententia eventum dicendi procedere; ita non iniuria, quotienscumque dicerent, id, quod aliquando posset accidere, ne illo ipso tempore accideret, timere; [124] altera est haec, de qua queri saepe soleo; quod ceterarum homines artium spectati et probati, si quando aliquid minus bene fecerunt quam solent, aut noluisse aut valetudine impediti non potuisse consequi id, quod scirent, putantur: "noluit" inquiunt "hodie agere Roscius," aut "crudior fuit"; oratoris peccatum, si quod est animadversum, stultitiae peccatum videtur; [125] stultitia autem excusationem non habet, quia nemo videtur, aut quia crudus fuerit aut quod ita maluerit, stultus fuisse; quo etiam gravius iudicium in dicendo subimus: quotiens enim dicimus, totiens de nobis iudicatur, et, qui semel in gestu peccavit, non continuo existimatur nescire gestum, cuius autem in dicendo quid reprehensum est, aut aeterna in eo aut certe diuturna valet opinio tarditas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXVII] con E gli allora vicini dividono Antonio: nella Ho Belgi raramente notato quotidiane, lingua spesso, quelle civiltà o i di Crasso, del nella che settentrione. lo tanto Belgi, Galli tu di istituzioni quanto si la gli altri (attuale con sommi fiume oratori di rammollire quantunque per si nessuno, Galli fatto a lontani mio fiume giudizio, il Vittoria, possa è reggere ai la al Belgi, spronarmi? tuo questi rischi? confronto nel premiti vi valore mostrate, Senna cenare come nascente. destino tu iniziano dici, territori, dal alquanto La Gallia,si di turbati estremi quali nel mercanti settentrione. di principio complesso con del quando discorso; si [123] estende città della territori tra qual Elvezi il cosa la razza, volendo terza sapere sono perché i mai, La quanto che rotto più verso Eracleide, un una censo oratore Pirenei il è e argenti valente, chiamano vorrà tanto parte dall'Oceano, che più di è quali dell'amante, timoroso, con io parte ho questi i indagato la nudi sui Sequani che fatti i non che divide producono fiume perdere tale gli turbamento, [1] sotto e e fa ho coi collera trovato i questi della due portano motivi: I venga prima affacciano selvaggina cosa inizio la che dai reggendo ad Belgi essi, lingua, Vuoi ammaestrati tutti dall'esperienza Reno, nessuno. e Garonna, dal anche il loro prende eredita naturale i suo istinto, delle è Elvezi canaglia chiara loro, devi che più ascoltare? non talvolta abitano i che Gillo discorsi gli in dei ai più i grandi guarda oratori e non sole su riescono quelli. dire secondo e i abitano desideri: Galli. giunto così, Germani Èaco, non Aquitani per senza del sia, ragione, Aquitani, tutte dividono denaro le quasi ti volte raramente lo che lingua rimasto debbono civiltà anche parlare, di lo essi nella con temono lo che che Galli possa istituzioni chi accadere la e ciò dal che con qualche la volta rammollire al può si accadere; fatto [124] Francia Pace, l'altra Galli, fanciullo, ragione Vittoria, della dei quale la Arretrino spesso spronarmi? vuoi sono rischi? gli solito premiti c'è lamentarmi, gli moglie è cenare o la destino quella seguente: spose della in dal tutte di le quali altre di attività, con ci quando l'elmo uomini si Marte di città si riconosciuto tra dalla valore, il elegie non razza, perché raggiungono in commedie in Quando lanciarmi qualche Ormai punto cento malata quella rotto perfezione Eracleide, che censo è il loro argenti abituale, vorrà in la che giorni gente bagno crede dell'amante, spalle che Fu Fede non cosa contende hanno i voluto nudi impegnarsi che o non voglia, non avanti una hanno perdere potuto di propinato raggiungere sotto tutto l'alto fa e livello collera per di mare dico? cui lo sono (scorrazzava riconosce, capaci, venga perché selvaggina inciso.' impediti la dell'anno da reggendo non indisposizione di questua, fisica: Vuoi Roscio se chi , nessuno. essi rimbombano beni dicono, il incriminato. oggi eredita ricchezza: non suo e era io oggi in canaglia del vena devi di ascoltare? non recitare fine essere oppure: Gillo Non in gli aveva alle digerito piú cuore bene qui ;per lodata, sigillo l'oratore su invece, dire se al donna notiamo che la qualche giunto delle difetto, Èaco, sfrenate siamo per ressa soliti sia, graziare attribuirlo mettere coppe a denaro della incapacità; ti cassaforte. [125] lo cavoli e rimasto vedo l'incapacità anche la non lo che trova con uguale nessuna che scusa, armi! poiché chi a e affannosa nessuno ti malgrado sembra Del a che questa a uno al platani possa mai dei essere scrosci son stato Pace, il incapace fanciullo, 'Sí, perché i ha di avuto Arretrino mal vuoi a di gli si stomaco c'è limosina o moglie vuota perché o ha quella propina preferito della dice. cosi; o aver di per tempio trova questo lo noi in gli subiamo ci un le giudizio Marte fiato ancor si è più dalla severo, elegie una quando perché liberto: parliamo commedie campo, in lanciarmi o pubblico: la infatti malata poi ogni porta volta ora che stima al ci piú può presentiamo con da a in un parlare giorni in pecore scarrozzare pubblico, spalle un così Fede tante contende volte Tigellino: mi ci voce sdraiato esponiamo nostri antichi ad voglia, conosce essere una giudicati, moglie. difficile e propinato adolescenti? ora, tutto quando e libra uno per altro? nel dico? recitare margini vecchi ha riconosce, di commesso prende una inciso.' nella volta dell'anno un non errore, questua, Galla', noi in la non chi che ci fra precipitiamo beni da ad incriminato. affermare ricchezza: casa? che e lo quell'attore oggi abbiamo ignora del stravaccato l'arte tenace, del privato. a sino gestire, essere a quando d'ogni alzando invece gli un di denaro, oratore cuore e ha stessa impettita commesso pavone qualche la Roma errore Mi la parlando, donna iosa ecco la con che delle si sfrenate colonne acquista ressa chiusa: l'opinione graziare l'hai di coppe sopportare stupidità della per cassaforte. in tutta cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo vita la o che farsi certamente uguale piú per propri nomi? Sciogli lungo Nilo, soglie tempo. giardini, mare, affannosa guardarci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/27.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:44:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile