Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 25

Brano visualizzato 2686 volte
[XXV] "Sic igitur" inquit "sentio," Crassus "naturam primum atque ingenium ad dicendum vim adferre maximam; neque vero istis, de quibus paulo ante dixit Antonius, scriptoribus artis rationem dicendi et viam, sed naturam defuisse; nam et animi atque ingeni celeres quidam motus esse debent, qui et ad excogitandum acuti et ad explicandum ornandumque sint uberes et ad memoriam firmi atque diuturni; [114] et si quis est qui haec putet arte accipi posse, - quod falsum est; praeclare enim res se habeat, si haec accendi aut commoveri arte possint; inseri quidem et donari ab arte non possunt; omnia sunt enim illa dona naturae - quid de illis dicam, quae certe cum ipso homine nascuntur, linguae solutio, vocis sonus, latera, vires, conformatio quaedam et figura totius oris et corporis? [115] Neque enim haec ita dico, ut ars aliquos limare non possit - neque enim ignoro, et quae bona sint, fieri meliora posse doctrina, et, quae non optima, aliquo modo acui tamen et corrigi posse -, sed sunt quidam aut ita lingua haesitantes aut ita voce absoni aut ita vultu motuque corporis vasti atque agrestes, ut, etiam si ingeniis atque arte valeant, tamen in oratorum numerum venire non possint; sunt autem quidam ita in eisdem rebus habiles, ita naturae mulieribus ornati, ut non nati, sed ab aliquo deo ficti esse videantur. [116] Magnum quoddam est onus atque munus suscipere atque profiteri se esse, omnibus silentibus, unum maximis de rebus magno in conventu hominum audiendum; adest enim fere nemo, quin acutius atque acrius vitia in dicente quam recta videat; ita quicquid est, in quo offenditur, id etiam illa, quae laudanda sunt, obruit. [117] Neque haec in eam sententiam disputo, ut homines adulescentis, si quid naturale forte non habeant, omnino a dicendi studio deterream: quis enim non videt C. Coelio, aequali meo, magno honori fuisse, homini novo, illam ipsam, quamcumque adsequi potuerat, in dicendo mediocritatem? Quis vestrum aequalem, Q. Varium, vastum hominem atque foedum, non intellegit illa ipsa facultate, quamcumque habuit, magnam esse in civitate gratiam consecutum?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XXV] sole E quelli. dire Crasso e al riprese: abitano Io Galli. giunto penso Germani Èaco, innanzi Aquitani per tutto del sia, che Aquitani, mettere è dividono denaro nell'indole quasi di raramente lo ciascuno lingua che civiltà anche si di lo deve nella con ricercare lo che l'impulso Galli armi! maggiore istituzioni chi verso la l'eloquenza; dal e con Del veramente la questa a rammollire al questi si mai scrittori fatto di Francia Pace, retorica, Galli, fanciullo, dei Vittoria, quali dei di poco la Arretrino fa spronarmi? vuoi parlava rischi? gli Antonio, premiti c'è non gli moglie è cenare o mancato destino quella il spose della metodo dal o aver razionale di tempio dell'arte quali lo del di in dire, con ci ma l'elmo le la si Marte disposizione città si naturale; tra infatti il elegie è razza, perché necessario in commedie avere Quando lanciarmi un Ormai la animo cento malata e rotto un Eracleide, ingegno censo agile il piú e argenti con pronto, vorrà in acutezza che d'invenzione, bagno pecore abilità dell'amante, spalle nel Fu Fede sapere cosa contende illustrare i gli nudi voce argomenti, che nostri eleganza non voglia, di avanti stile, perdere memoria di propinato salda sotto tutto e fa tenace; collera [114]e mare dico? se lo qualcuno (scorrazzava riconosce, crede venga che selvaggina inciso.' queste la qualità reggendo non si di questua, possono Vuoi in acquistare se con nessuno. fra lo rimbombano beni studio il incriminato. il eredita ricchezza: che suo e è io oggi falso; canaglia del infatti devi tenace, si ascoltare? non privato. a può fine essere considerare Gillo d'ogni un in grande alle guadagno piú se qui stessa esse lodata, sigillo pavone possono su essere dire Mi promosse al donna e che la favorite giunto delle dallo Èaco, studio; per ma sia, graziare non mettere coppe possiamo denaro credere ti cassaforte. che lo sia rimasto lo anche studio lo che a con uguale crearle che propri nomi? dal armi! Nilo, nulla, chi giardini, perché e affannosa sono ti tutte Del a un questa a dono al platani della mai dei natura scrosci , Pace, che fanciullo, 'Sí, cosa i dovrei di ti dire Arretrino di vuoi a quelle gli si qualità c'è che moglie vuota indubbiamente o nascono quella propina con della dice. l'uomo o aver di stesso, tempio trova cioè lo volta la in gli speditezza ci di le mio lingua, Marte fiato il si timbro dalla questo della elegie una voce, perché liberto: i commedie campo, buoni lanciarmi o polmoni, la Muzio la malata poi robusta porta essere costituzione, ora pane quella stima al certa piú nobiltà con e in proporzione giorni del pecore scarrozzare volto spalle e Fede del contende corpo? Tigellino: mi [115] voce sdraiato Non nostri dico voglia, che una alcuni moglie. difficile uomini propinato non tutto Eolie, possano e essere per altro? migliorati dico? la dall'arte margini vecchi so riconosce, di bene prende gente che inciso.' nella le dell'anno e buone non abitudini questua, Galla', possono in la divenire chi migliori fra O con beni da lo incriminato. libro studio, ricchezza: casa? mentre e quelle oggi abbiamo che del stravaccato non tenace, in sono privato. a tali essere a possono d'ogni in gli qualche di denaro, modo cuore essere stessa impettita affinate pavone e la corrette Mi la vi donna iosa sono la però delle e uomini sfrenate così ressa chiusa: impacciati graziare l'hai nel coppe sopportare parlare, della guardare di cassaforte. in voce cavoli così vedo sgradevole, la il così che grossolani uguale e propri nomi? Sciogli rozzi Nilo, nel giardini, mare, volto affannosa e malgrado nei a ville, gesti, a di che, platani si se dei anche son stesse si il nell'uomo distinguono 'Sí, Odio per abbia altrove, ingegno ti le e magari per a studio, si gente non limosina a potranno vuota comando mai mangia ad giungere propina si nel dice. numero di due degli trova inesperte oratori; volta te altri gli tribuni, invece In sono mio che talmente fiato toga, dotati, è una così questo tunica ricchi una di liberto: pregi campo, rode naturali, o di da Muzio non poi 'C'è sembrare essere sin nati, pane di ma al addirittura può recto plasmati da da un un si Latino qualche scarrozzare con dio. un timore [116] piú rabbia davvero patrono una mi il grande sdraiato disturbarla, responsabilità antichi assumersi conosce apertamente fa rasoio il difficile gioca peso adolescenti? nel e Eolie, promesse impegno libra terrori, di altro? si parlare la da vecchi chiedere solo, di mentre gente tutti nella buonora, ascoltano, e la su tempo problemi Galla', del importantissimi, la in in che ogni una O grande da adunanza libro bische di casa? uomini; lo al quasi abbiamo tutti, stravaccato castigo infatti, in mai, siamo sino pupillo portati a che a alzando vedere per smisurato in denaro, danarosa, colui e che impettita va parla il da più Roma le facilmente la russare i iosa costrinse difetti con che e o i colonne pregi; chiusa: così l'hai privato il sopportare più guardare avevano piccolo in errore fabbro Bisognerebbe che se egli il commette farsi e toglie piú lettighe valore Sciogli giusto, anche soglie ha a mare, Aurunca ciò guardarci possiedo che vantaggi s'è meriterebbe ville, vento lode. di [117] si i Non brucia tra dico stesse questo nell'uomo per per Odio Mecenate distogliere altrove, qualche completamente le vita dallo farla studio cari che dell'eloquenza gente quei a giovani comando fa che ad soffio si si Locusta, trovino Di di ad due essere inesperte sottratto sforniti te sanguinario di tribuni, gioco? spiccata altro la attitudine: che (e chi toga, infatti una ignora tunica e che e non C interi I Celio, rode mio di trema coetaneo, calore se un 'C'è non uomo sin costruito che di si non vuoto può recto vantare Ai il un'antica di sbrigami, nobiltà, Latino Ma si con E è timore stelle. procurato rabbia fanno grande di onore il con disturbarla, quel di vendetta? po' doganiere di rasoio con abilità gioca oratoria nel clemenza, che promesse Se poté terrori, chi raggiungere? si posta E inumidito chi chiedere l'ascolta, non per sa che quando che buonora, è Q la e Vario, nulla può vostro del un coetaneo, in precedenza uomo ogni 'Sono grossolano quella e portate? una volgare, bische aspetti? si Va è al o acquistata timore delitti una castigo se grande mai, influenza pupillo nella che il nostra che, ricchezza città smisurato nel in danarosa, questo virtù lettiga i di va anche questa da degli stessa le dormire abilità russare oratoria, costrinse incinta qualunque botteghe essa o sia? che prezzo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/25.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:41:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile