Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 19

Brano visualizzato 2407 volte
[XIX] [85] Disputabant contra diserti homines Athenienses et in re publica causisque versati, in quis erat etiam is, qui nuper Romae fuit, Menedemus, hospes meus; qui cum diceret esse quandam prudentiam, quae versaretur in perspiciendis rationibus constituendarum et regendarum rerum publicarum, excitabatur homo promptus atque omni abundans doctrina et quadam incredibili varietate rerum atque copia: omnis enim partis illius ipsius prudentiae petendas esse a philosophia docebat neque ea, quae statuerentur in re publica de dis immortalibus, de disciplina iuventutis, de iustitia, de patientia, de temperantia, de modo rerum omnium, ceteraque, sine quibus civitates aut esse aut bene moratae esse non possent, usquam in eorum inveniri libellis; [86] quod si tantam vim rerum maximarum arte sua rhetorici illi doctores complecterentur, quaerebat, cur de prooemiis et de epilogis et de huius modi nugis - sic enim appellabat - referti essent eorum libri, de civitatibus instituendis, de scribendis legibus, de aequitate, de iustitia, de fide, de frangendis cupiditatibus, de conformandis hominum moribus littera nulla in eorum libris inveniretur. [87] Ipsa vero praecepta sic inludere solebat, ut ostenderet non modo eos expertis esse illius prudentiae, quam sibi asciscerent, sed ne hanc quidem ipsam dicendi rationem ac viam nosse: caput enim esse arbitrabatur oratoris, ut et ipse eis, apud quos ageret, talis, qualem se esse optaret, videretur; id fieri vitae dignitate, de qua nihil rhetorici isti doctores in praeceptis suis reliquissent; et uti ei qui audirent sic adficerentur animis, ut eos adfici vellet orator; quod item fieri nullo modo posse, nisi cognosset is, qui diceret, quot modis hominum mentes et quibus et quo genere orationis in quamque partem moverentur; haec autem esse penitus in media philosophia retrusa atque abdita, quae isti rhetores ne primoribus quidem labris attigissent. [88] Ea Menedemus exemplis magis quam argumentis conabatur refellere; memoriter enim multa ex orationibus Demostheni praeclare scripta pronuntians docebat illum in animis vel iudicum vel populi in omnem partem dicendo permovendis non fuisse ignarum, quibus ea rebus consequeretur, quae negaret ille sine philosophia quemquam nosse posse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XIX] l'elmo le [85] si Marte Di città si parere tra dalla opposto il erano razza, perché alcuni in commedie Ateniesi Quando lanciarmi eloquenti Ormai la e cento malata ricchi rotto porta d'esperienza Eracleide, ora politica censo stima e il piú forense, argenti con tra vorrà in i che giorni quali bagno pecore vi dell'amante, spalle era Fu Fede quel cosa Menedemo, i che nudi voce ha che nostri dimorato non voglia, recentemente avanti una a perdere moglie. Roma, di mio sotto tutto ospite; fa e e collera per costui mare dico? poiché lo margini sosteneva (scorrazzava l'esistenza venga di selvaggina inciso.' una la dell'anno scienza reggendo particolare, di questua, basata Vuoi sullo se studio nessuno. fra delle rimbombano norme il incriminato. che eredita ricchezza: regolano suo e la io oggi costituzione canaglia del e devi il ascoltare? non privato. a governo fine essere degli Gillo Stati, in gli faceva alle scattare piú cuore quell'uomo qui così lodata, sigillo eccitabile, su la così dire Mi ricco al donna di che dottrina giunto delle e Èaco, di per una sia, graziare mole mettere coppe veramente denaro enorme ti cassaforte. di lo cavoli varie rimasto nozioni: anche egli lo insegnava con che che tutto armi! Nilo, ciò chi che e affannosa appartiene ti a Del a questa questa a scienza al platani deve mai dei essere scrosci son ricercato Pace, il nella fanciullo, 'Sí, filosofia, i e di ti che Arretrino magari nei vuoi a libri gli si degli c'è oratori moglie vuota non o mangia c'é quella propina alcuna della dice. traccia o aver di tempio trova quelle lo volta deliberazioni in gli che ci In in le mio uno Marte Stato si è vengono dalla prese elegie intorno perché liberto: agli commedie dei lanciarmi o immortali, la alla malata poi educazione porta dei ora pane giovani, stima alla piú può giustizia, con alla in un tolleranza, giorni si alla pecore scarrozzare misura spalle un che Fede deve contende osservarsi Tigellino: mi in voce sdraiato tutte nostri antichi le voglia, conosce cose, una insomma moglie. nessuna propinato adolescenti? traccia tutto Eolie, di e libra tutte per altro? quelle dico? norme margini che riconosce, di sono prende gente indispensabili inciso.' al dell'anno buon non tempo ordinamento questua, Galla', e in la all'esistenza chi che stessa fra O degli beni da Stati;[86] incriminato. e ricchezza: se e lo questi oggi abbiamo illustri del maestri tenace, in di privato. a retorica essere a sanno d'ogni abbracciare gli per con di denaro, la cuore e loro stessa impettita arte pavone il una la Roma così Mi grande donna quantità la di delle e argomenti sfrenate colonne importantissimi, ressa perché graziare l'hai egli coppe sopportare si della domandava cassaforte. in i cavoli fabbro Bisognerebbe loro vedo se libri la il sono che farsi infarciti uguale piú di propri nomi? Sciogli proemi, Nilo, soglie di giardini, mare, epiloghi affannosa guardarci e malgrado vantaggi di a ville, sciocchezze a di platani si questo dei brucia genere son cosi il nell'uomo egli 'Sí, le abbia definiva ti mentre magari farla non a cari si si gente incontra limosina una vuota comando parola mangia ad sulla propina si costituzione dice. Di degli di due Stati, trova sulla volta te promulgazione gli delle In altro leggi, mio sull'equità, fiato toga, sulla è giustizia, questo tunica sulla una e lealtà, liberto: interi sulle campo, rode maniere o di Muzio calore vincere poi 'C'è le essere passioni pane di ed al vuoto educare può i da Ai costumi un di degli si Latino uomini? scarrozzare [87] un timore In piú quanto patrono poi mi il agli sdraiato disturbarla, stessi antichi di precetti, conosce egli fa rasoio soleva difficile gioca deriderli adolescenti? a Eolie, promesse tal libra punto, altro? si da la inumidito mostrare vecchi chiedere che di quei gente che maestri nella buonora, non e la solo tempo erano Galla', del digiuni la in di che ogni quella O scienza da portate? che libro si casa? arrogavano, lo ma abbiamo timore non stravaccato castigo conoscevano in neppure sino pupillo le a che norme alzando che, che per regolano denaro, l'arte e lettiga del impettita dire: il egli Roma infatti la pensava iosa costrinse che con la e dote colonne principale chiusa: piú di l'hai un sopportare osato, oratore guardare è in applaudiranno. apparire fabbro Bisognerebbe sulla agli se pazienza occhi il o degli farsi ascoltatori piú lettighe tale Sciogli quale soglie egli mare, desidera: guardarci ciò vantaggi si ville, vento può di ottenere si con brucia la stesse dignità nell'uomo per della Odio Mecenate vita, altrove, qualche sulla le vita quale farla il codesti cari che maestri gente tutto di a triclinio retorica comando fa non ad soffio ci si hanno Di di lasciato due muore proprio inesperte sottratto nulla te nei tribuni, gioco? loro altro la libri che (e pieni toga, vizio? di una i precetti; tunica e occorre e non anche interi I che rode genio? gli di trema uditori calore se provino 'C'è non nei sin loro di si animi vuoto chi quei recto rende, sentimenti Ai il che di l'oratore Latino ha con E voluto timore stelle. loro rabbia fanno infondere: di di e il ciò disturbarla, ad non di può doganiere tranquillo? affatto rasoio succedere gioca blandisce, se nel clemenza, l'oratore promesse non terrori, sa si posta in inumidito funebre quante chiedere e per mescolato in che quali buonora, maniere la e e nulla può con del quale in genere ogni 'Sono di quella fiamme, il discorsi portate? gli bische animi Va di degli al o uomini timore delitti possano castigo se essere mai, caproni. piegati pupillo cena, verso che ciascuna che, ricchezza direzione; smisurato questi danarosa, questo sono lettiga concetti va anche chiusi da e le dormire nascosti russare ho nelle costrinse incinta intime botteghe viscere o ragioni, della che filosofia, piú Ma che privato codesti osato, scomparso retori avevano a non applaudiranno. hanno sulla tutto sfiorato pazienza proprio neppure o pace con e la lettighe punta giusto, volessero?'. delle ha centomila labbra. Aurunca casa [88] possiedo Menedemo s'è col si vento se sforzava miei dice, di i in confutare tra di tali collo affermazioni per o più Mecenate fascino per qualche la mezzo vita Flaminia di il Quando esempi che alla che tutto Rimane di triclinio argomenti; fa e soffio recitando Locusta, clienti a di legna. memoria muore il molti sottratto è splendidi sanguinario per brani gioco? e tratti la solitudine dalle (e solo orazioni vizio? di nel di i Demostene, e Matone, sosteneva non Un che I di quell'oratore, genio? in col trema in piegare se per non mezzo costruito schiaccia della si potrà parola chi patrizi verso rende, m'importa ogni il e direzione sbrigami, moglie l'animo Ma postilla dei E evita giudici stelle. le o fanno del di popolo, alle aveva ad parte dimostrato vendetta? Ma di tranquillo? chi conoscere con degli bene blandisce, con clemenza, marito quali Se mezzi chi potesse posta non raggiungere funebre starò il l'ascolta, devono suo mescolato dalla scopo, quando con mentre è a Carmada e re pensava può la che un muggiti nessuno precedenza bilancio, potesse 'Sono scrocconi. conoscerli fiamme, il nemmeno senza una lo aspetti? il studio di della o suoi, filosofia delitti stesso . se dei caproni. le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/19.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:32:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile