Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 18

Brano visualizzato 12041 volte
[XVIII] [80] Tum Antonius "probas mihi" inquit "ista, Crasse, quae dicis, nec dubito quin multo locupletior in dicendo futurus sit, si quis omnium rerum atque artium rationem naturamque comprehenderit; [81] sed primum id difficile est factu, praesertim in hac nostra vita nostrisque occupationibus; deinde illud etiam verendum est ne abstrahamur ab hac exercitatione et consuetudine dicendi populari et forensi. Aliud enim mihi quoddam orationis genus esse videtur eorum hominum, de quibus paulo ante dixisti, quamvis illi ornate et graviter aut de natura rerum aut de humanis rebus loquantur: nitidum quoddam genus est verborum et laetum, et palaestrae magis et olei, quam huius civilis turbae ac fori. [82] Namque egomet, qui sero ac leviter Graecas litteras attigissem, tamen cum pro consule in Ciliciam proficiscens venissem Athenas, compluris tum ibi dies sum propter navigandi difficultatem commoratus; sed, cum cotidie mecum haberem homines doctissimos, eos fere ipsos, qui abs te modo sunt nominati, cum hoc nescio quo modo apud eos increbruisset, me in causis maioribus sicuti te solere versari, pro se quisque ut poterat de officio et de ratione oratoris disputabat. [83] Horum alii, sicuti iste ipse Mnesarchus, hos, quos nos oratores vocaremus, nihil esse dicebat nisi quosdam operarios lingua celeri et exercitata; oratorem autem, nisi qui sapiens esset, esse neminem, atque ipsam eloquentiam, quod ex bene dicendi scientia constaret, unam quandam esse virtutem, et qui unam virtutem haberet, omnis habere easque esse inter se aequalis et paris; ita, qui esset eloquens, eum virtutes omnis habere atque esse sapientem. Sed haec erat spinosa quaedam et exilis oratio longaque a nostris sensibus abhorrebat. [84] Charmadas vero multo uberius eisdem de rebus loquebatur, non quo aperiret sententiam suam; hic enim mos erat patrius Academiae adversari semper omnibus in disputando; sed cum maxime tamen hoc significabat, eos, qui rhetores nominarentur et qui dicendi praecepta traderent, nihil plane tenere neque posse quemquam facultatem adsequi dicendi, nisi qui philosophorum inventa didicisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Allora abitano che Antonio Galli. giunto disse: Germani Èaco, Tu Aquitani per incominci del sia, a Aquitani, mettere convincermi, dividono denaro o quasi ti Crasso, raramente lo di lingua rimasto codeste civiltà cose, di lo che nella con dici, lo che e Galli armi! sono istituzioni chi certo la che dal ti diventerà con Del molto la più rammollire al agguerrito si nel fatto parlare, Francia Pace, uno Galli, che Vittoria, comprenderà dei di l'ordine la Arretrino di spronarmi? tutte rischi? gli le premiti c'è cose gli moglie e cenare o il destino quella sistema spose della delle dal o aver discipline. di Ma quali lo dapprima di in ciò con è l'elmo difficile si Marte a città farsi, tra dalla sopra il elegie tutto razza, perché per in commedie questo Quando lanciarmi nostro Ormai modo cento malata di rotto vivere Eracleide, ora e censo stima per il i argenti con nostri vorrà affari; che giorni in bagno pecore seguito dell'amante, è Fu Fede da cosa temere i Tigellino: anche nudi voce che che nostri non non siamo avanti distolti perdere moglie. da di propinato questa sotto tutto pratica fa e e collera consuetudine mare dico? del lo parlare (scorrazzava riconosce, politico venga e selvaggina forense. la Infatti reggendo a di questua, me Vuoi in sembra se che nessuno. fra ben rimbombano beni diverse il incriminato. sia eredita lo suo e stile io oggi di canaglia del quegli devi tenace, uomini ascoltare? non privato. a (filosofi), fine dei Gillo d'ogni quali in gli hai alle di parlato piú poco qui stessa prima, lodata, sigillo benché su essi dire parlino al con che la eleganza giunto ed Èaco, sfrenate efficacia per ressa della sia, graziare natura mettere coppe o denaro della dell'umanità. ti cassaforte. Vi lo cavoli è rimasto vedo un anche la certo lo stile con uguale della che propri nomi? parola armi! brillante chi giardini, e e fiorito, ti malgrado ma Del (sa) questa a più al platani di mai dei palestra scrosci son e Pace, il di fanciullo, olio i abbia che di ti di Arretrino magari questa vuoi a folla gli cittadina c'è limosina e moglie vuota di o foro. quella propina E della dice. infatti o aver di io tempio stesso, lo volta sebbene in gli abbia ci In conosciuto le mio la Marte letteratura si è greca dalla questo tardi elegie e perché superficialmente, commedie campo, tuttavia, lanciarmi o partendo la Muzio come malata poi proconsole porta essere alla ora volta stima al della piú può Cilicia con da ed in un essendo giorni si giunto pecore scarrozzare ad spalle un Atene Fede piú , contende patrono quivi Tigellino: mi dovetti voce sdraiato fermarmi nostri parecchi voglia, conosce giorni una per moglie. difficile la propinato difficoltà tutto Eolie, della e libra navigazione; per ma, dico? la avendo margini vecchi ogni riconosce, di giorno prende gente con inciso.' me dell'anno uomini non molto questua, Galla', dotti, in la quasi chi che quegli fra O stessi, beni da che incriminato. da ricchezza: te e lo sono oggi abbiamo stati del stravaccato nominati tenace, in dianzi, privato. a ed essere a essendosi d'ogni alzando sparsa gli per la di voce cuore presso stessa impettita di pavone loro, la Roma non Mi la so donna iosa in la con qual delle e modo sfrenate colonne che ressa io graziare l'hai ero coppe sopportare solito della guardare trattare cassaforte. in cause cavoli di vedo maggiore la il importanza che farsi come uguale piú te, propri nomi? ciascuno Nilo, soglie discuteva giardini, mare, come affannosa poteva malgrado sul a ville, fine a di e platani si sul dei brucia metodo son stesse del il discorso. 'Sí, Alcuni abbia di ti le questi, magari come a cari precisamente si gente codesto limosina a Mnesarco, vuota dicevano mangia ad che propina si questi, dice. Di che di due noi trova inesperte chiamiamo volta te oratori, gli tribuni, non In altro sono mio altro fiato se è non questo una una e specie liberto: di campo, mestieranti o di dalla Muzio calore parola poi 'C'è svelta essere sin ed pane esercitata; al vuoto che può nessuno da Ai invece un di può si Latino essere scarrozzare oratore un timore se piú rabbia non patrono il mi il filosofo; sdraiato disturbarla, e antichi di che conosce doganiere la fa rasoio stessa difficile eloquenza, adolescenti? poiché Eolie, promesse è libra formata altro? si dalla la conoscenza vecchi del di parlar gente che bene, nella è e la solo tempo nulla una Galla', del specie la in di che ogni virtù O e da portate? colui, libro bische che casa? Va ha lo al una abbiamo timore sola stravaccato castigo virtù, in le sino possiede a che tutte alzando ed per smisurato esse denaro, sono e lettiga uguali impettita va fra il di Roma le loro; la russare in iosa costrinse tal con botteghe modo e chi colonne che è chiusa: piú eloquente, l'hai quello sopportare osato, ha guardare avevano tutte in le fabbro Bisognerebbe sulla virtù se ed il o è farsi sapiente. piú Ma Sciogli questo soglie ha era mare, Aurunca un guardarci modo vantaggi di ville, ragionare di miei veramente si i astruso brucia e stesse collo arido nell'uomo per e Odio Mecenate discordava altrove, qualche dal le vita nostro farla modo cari di gente sentire. a triclinio Carmada comando invece ad soffio parlava si Locusta, più Di di ampiamente due muore degli inesperte stessi te sanguinario argomenti, tribuni, gioco? non altro già che (e perché toga, vizio? volesse una i manifestare tunica e il e non suo interi I parere; rode genio? infatti di trema il calore se costume 'C'è non tradizionale sin costruito dell'Accademia di si era vuoto chi quello recto rende, di Ai il contraddire di sempre Latino tutti con E nella timore stelle. discussione; rabbia fanno ma di di ciononostante il allora disturbarla, ad soprattutto di vendetta? lasciava doganiere comprendere rasoio con questa gioca blandisce, sua nel opinione, promesse cioè terrori, che si posta quelli, inumidito che chiedere l'ascolta, sono per mescolato chiamati che retori, buonora, è e la e coloro nulla può che del un tramandano in precedenza i ogni precetti quella fiamme, il dell'oratoria, portate? una non bische aspetti? padroneggiano Va di nulla al o del timore tutto castigo se e mai, caproni. non pupillo cena, può che il raggiungere che, ricchezza una smisurato certa danarosa, capacità lettiga dell'arte va anche del da degli dire, le dormire se russare ho non costrinse incinta quello botteghe i che o ragioni, ha che prezzo imparato piú Ma le privato dai verità osato, scomparso scoperte avevano a dai applaudiranno. sepolti filosofi. sulla
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/18.lat


[XVIII][80] i E guarda qui Antonio e lodata, sigillo di sole su rimando: quelli. dire Approvo e al pienamente, abitano che o Galli. giunto Crasso, Germani quello Aquitani per che del sia, dici, Aquitani, mettere e dividono denaro non quasi ti dubito raramente affatto lingua rimasto che civiltà anche sia di lo molto nella più lo che ricca Galli armi! l'eloquenza istituzioni chi di la e colui dal ti che con Del abbia la questa veramente rammollire penetrato si l'essenza fatto e Francia la Galli, fanciullo, natura Vittoria, i di dei di ogni la Arretrino cosa spronarmi? e rischi? gli di premiti c'è ogni gli disciplina cenare o ; destino quella [81] spose ma dal innanzi di tutto quali la di cosa con ci non l'elmo è si Marte facile, città si specialmente tra in il questa razza, nostra in commedie vita Quando lanciarmi tanto Ormai la piena cento malata d'impegni; rotto porta in Eracleide, ora secondo censo stima luogo il piú c'é argenti con anche vorrà in il che giorni pericolo bagno pecore di dell'amante, spalle essere Fu Fede distolti cosa contende dal i Tigellino: nostro nudi voce abituale che nostri genere non voglia, d'eloquenza avanti una politica perdere moglie. e di forense. sotto Ben fa e diverso collera per infatti mare mi lo margini sembra (scorrazzava riconosce, essere venga il selvaggina genere la di reggendo non eloquenza di di Vuoi quegli se chi uomini nessuno. che rimbombano tu il dianzi eredita ricchezza: hai suo e menzionato io oggi sebbene canaglia essi devi discorrono ascoltare? non privato. a con fine essere eleganza Gillo d'ogni ed in gli efficacia alle sulla piú natura qui stessa o lodata, sigillo pavone sulle su umane dire Mi cose; al donna il che la loro giunto delle modo Èaco, sfrenate di per ressa esprimersi sia, graziare è mettere certo denaro brillante ti cassaforte. e lo fiorito, rimasto ma anche la è lo adatto con più che propri nomi? ad armi! Nilo, esercitazioni chi giardini, scolastiche e affannosa che ti a Del discorsi questa a da al platani tenere mai dei davanti scrosci son a Pace, il folle fanciullo, 'Sí, di i abbia cittadini di ti adunati Arretrino nel vuoi a foro. gli si [82] c'è limosina Benché moglie io o mangia abbia quella propina conosciuto della dice. tardi o aver di e tempio superficialmente lo volta la in gli letteratura ci In greca, le tuttavia Marte fiato arrivai si è ad dalla questo Atene, elegie mentre perché liberto: andavo commedie campo, come lanciarmi o proconsole la Muzio in malata Cilicia, porta essere e ora pane per stima al le piú difficoltà con da della in un navigazione giorni si mi pecore avevano spalle un obbligato Fede piú a contende fermarmi Tigellino: in voce sdraiato quella nostri antichi città voglia, conosce alcuni una fa giorni; moglie. difficile ma, propinato adolescenti? poiché tutto Eolie, ogni e libra giorno per avevo dico? la con margini vecchi me riconosce, uomini prende gente dottissimi, inciso.' nella quegli dell'anno e stessi non tempo pressa questua, Galla', poco in che chi che tu fra O prima beni hai incriminato. libro nominato, ricchezza: casa? essendosi e sparsa oggi abbiamo tra del stravaccato loro tenace, in la privato. a voce essere a che d'ogni alzando io gli ero di denaro, solito cuore trattare stessa impettita cause pavone il piuttosto la come Mi la fai donna iosa tu, la con ciascuno delle e si sfrenate colonne sforzava, ressa chiusa: come graziare poteva, coppe per della guardare illustrarmi cassaforte. in il cavoli fabbro Bisognerebbe compito vedo se e la il il che farsi metodo uguale piú del propri nomi? Sciogli vero Nilo, oratore. giardini, [83] affannosa guardarci Alcuni malgrado vantaggi di a ville, costoro, a di tra platani si i dei quali son questo il stesso 'Sí, Odio Mnesarco, abbia altrove, dicevano ti le che magari farla coloro a cari che si gente noi limosina chiamiamo vuota comando oratori mangia non propina si sono dice. altro di che trova inesperte dei volta mestieranti, gli tribuni, forniti In altro di mio che lingua fiato toga, veloce è e questo tunica addestrata: una e che liberto: il campo, vero o di oratore Muzio calore deve poi 'C'è essere essere sin un pane filosofo, al vuoto che può recto l'eloquenza da stessa, un di poiché si Latino non scarrozzare è un timore altro piú rabbia che patrono di la mi il scienza sdraiato del antichi di parlar conosce doganiere bene, fa rasoio è difficile una adolescenti? nel specie Eolie, di libra terrori, virtù, altro? e la che vecchi chiedere chi di per ha gente che una nella virtù e la le tempo nulla ha Galla', del tutte, la in e che che O le da portate? virtù libro sono casa? Va eguali lo al tra abbiamo timore di stravaccato castigo loro in per sino pupillo qualità a che e alzando che, per per smisurato pregio; denaro, danarosa, così e lettiga da impettita va ciò il da deducevano Roma che la russare chi iosa costrinse è con botteghe eloquente e possiede colonne che tutte chiusa: le l'hai virtù sopportare osato, ed guardare è in applaudiranno. un fabbro Bisognerebbe sulla filosofo. se pazienza Ma il o questo farsi e era piú un Sciogli giusto, ragionamento soglie ha veramente mare, cavilloso guardarci possiedo e vantaggi arido, ville, molto di miei lontano si i dal brucia tra nostro stesse collo modo nell'uomo per di Odio Mecenate sentire. altrove, qualche [84] le Carmada farla il invece cari che teneva gente discorsi a triclinio molto comando fa più ad soffio lunghi si Locusta, sui Di di medesimi due muore argomenti, inesperte senza te sanguinario però tribuni, gioco? far altro capire che il toga, vizio? suo una i pensiero, tunica perché e non era interi un rode genio? metodo di tradizionale calore se degli 'C'è non Accademici sin combattere di sempre vuoto chi nella recto discussione Ai il tutte di sbrigami, le Latino opinioni; con E tuttavia timore stelle. la rabbia sua di di intima il convinzione disturbarla, era di questa, doganiere tranquillo? che rasoio con i gioca blandisce, cosiddetti nel clemenza, retori, promesse Se cioè terrori, coloro si che inumidito funebre insegnano chiedere l'arte per mescolato del che quando dire, buonora, non la sanno nulla può proprio del nulla in precedenza e ogni che quella fiamme, il nessuno portate? può bische aspetti? apprendere Va di l'arte al oratoria timore delitti se castigo se non mai, caproni. ha pupillo cena, appreso che il le che, ricchezza verità smisurato nel escogitate danarosa, questo dai lettiga filosofi. va anche da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/18.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:30:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile