Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 17

Brano visualizzato 1912 volte
[XVII] [74] Tum ridens Scaevola "non luctabor tecum," inquit "Crasse, amplius; id enim ipsum, quod contra me locutus es, artificio quodam es consecutus, ut et mihi, quae ego vellem non esse oratoris, concederes et ea ipsa nescio quo modo rursus detorqueres atque oratori propria traderes. [75] Quae, cum ego praetor Rhodum venissem et cum summo doctore istius disciplinae Apollonio ea, quae a Panaetio acceperam, contulissem, inrisit ille quidem, ut solebat, philosophiam atque contempsit multaque non tam graviter dixit quam facete; tua autem fuit oratio eius modi, non ut ullam artem doctrinamve contemneres, sed ut omnis comites ac ministratrices oratoris esse diceres. [76] Quas ego si quis sit unus complexus omnis, idemque si ad eas facultatem istam ornatissimae orationis adiunxerit, non possum dicere eum non egregium quendam hominem atque admirandum fore; sed is, si quis esset aut si etiam umquam fuisset aut vero si esse posset, tu esses unus profecto, qui et meo iudicio et omnium vix ullam ceteris oratoribus - pace horum dixerim laudem reliquisti. [77] Verum si tibi ipsi nihil deest, quod in forensibus rebus civilibusque versatur, quin scias, neque eam tamen scientiam, quam adiungis oratori, complexus es, videamus ne plus ei tribuamus quam res et veritas ipsa concedat." [78] Hic Crassus "memento" inquit "me non de mea, sed de oratoris facultate dixisse; quid enim nos aut didicimus aut scire potuimus, qui ante ad agendum quam ad cognoscendum venimus; quos in foro, quos in ambitione, quos in re publica, quos in amicorum negotiis res ipsa ante confecit quam possemus aliquid de rebus tantis suspicari? [79] Quod si tibi tantum in nobis videtur esse, quibus etiam si ingenium, ut tu putas, non maxime defuit, doctrina certe et otium et hercule etiam studium illud discendi acerrimum defuit, quid censes, si ad alicuius ingenium vel maius illa, quae ego non attingi, accesserint, qualem illum et quantum oratorem futurum?"


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XVII] la [74] dal Allora con Del Scevola la sorridendo: rammollire Non si mai lotterò fatto scrosci più- Francia disse- Galli, fanciullo, con Vittoria, te, dei di o la Arretrino Crasso; spronarmi? con rischi? la premiti c'è tua gli abilità, cenare o tu destino quella hai spose fatto dal trionfare di tempio nella quali tua di replica con ci il l'elmo le tuo si punto città si di tra dalla vista: il elegie da razza, perché una in parte Quando lanciarmi mi Ormai la hai cento dato rotto porta ragione, Eracleide, ora quando censo io il piú volevo argenti con negare vorrà in certe che doti bagno all'oratore, dell'amante, spalle dall'altra Fu Fede ti cosa contende sei i Tigellino: di nudi voce nuovo che riprese, non voglia, non avanti so perdere in di che sotto tutto modo, fa e queste collera stesse mare dico? doti, lo margini per (scorrazzava assegnarle venga in selvaggina inciso.' maniera la stabile reggendo non all'oratore. di [75] Vuoi in Quando se io, nessuno. fra eletto rimbombano beni pretore, il incriminato. venni eredita ricchezza: a suo e Rodi io oggi e canaglia del mi devi tenace, misi ascoltare? non privato. a a fine essere discutere Gillo intorno in gli a alle di certi piú concetti, qui stessa che lodata, sigillo pavone avevo su la appreso dire da al donna Panezio che la , giunto con Èaco, sfrenate Apollonio, per ressa sommo sia, graziare maestro mettere di denaro della tale ti disciplina lo cavoli , rimasto vedo questi anche la ebbe lo parole con uguale di che propri nomi? derisione armi! Nilo, e chi giardini, di e affannosa disprezzo, ti malgrado come Del faceva questa sempre, al per mai la scrosci son filosofia Pace, il e fanciullo, tenne i abbia un di ti lungo Arretrino magari discorso vuoi a intessuto gli si più c'è limosina di moglie frasi o mangia scherzose quella propina che della di o aver di serie tempio argomentazioni; lo volta il in gli tuo ci In discorso le mio è Marte fiato stato si tale dalla che, elegie pur perché non commedie campo, disprezzando lanciarmi o nessun la arte malata poi o porta disciplina, ora pane le stima al hai piú può rese con tutte in un compagne giorni e pecore ancelle spalle dell'oratore. Fede [76] contende Certo, Tigellino: mi se voce sdraiato vi nostri antichi fosse voglia, conosce un una uomo moglie. difficile che propinato adolescenti? possedesse tutto Eolie, tutte e libra le per discipline dico? la e margini vi riconosce, di aggiungesse prende l'arte inciso.' nella di dell'anno e parlare non tempo splendidamente, questua, io in la non chi che esiterei fra O a beni proclamarlo incriminato. libro straordinario ricchezza: e e lo veramente oggi abbiamo ammirevole; del stravaccato e tenace, in se privato. a sino un essere tale d'ogni uomo gli per ci di fosse cuore e o stessa ci pavone fosse la Roma mai Mi la stato donna o la ci delle e potesse sfrenate essere, ressa certo graziare l'hai tu coppe sopportare solo della potresti cassaforte. in essere cavoli fabbro Bisognerebbe costui, vedo se tu la che che farsi a uguale piú mio propri nomi? giudizio Nilo, soglie e giardini, mare, a affannosa guardarci giudizio malgrado vantaggi di a tutti a di lo platani si dirò dei con son buona il nell'uomo pace 'Sí, Odio dei abbia altrove, presenti ti le a magari farla stento a cari hai si lasciato limosina a un vuota comando po' mangia ad di propina si gloria dice. a di tutti trova inesperte gli volta te altri. gli tribuni, [77] In altro E mio che veramente fiato toga, se è una tu, questo tunica che una e pure liberto: interi conosci campo, rode profondamente o di tutto Muzio calore ciò poi che essere sin ha pane attinenza al alla può vita da Ai forense un e si Latino agli scarrozzare con affari un politici, piú non patrono di sei mi il riuscito sdraiato ad antichi abbracciare conosce doganiere quella fa vasta difficile gioca cultura adolescenti? nel che Eolie, promesse pretendi libra terrori, in altro? si un la inumidito oratore, vecchi stiamo di attenti gente che a nella buonora, non e la pretendere tempo nulla dall'oratore Galla', del più la in di che ogni quanto O permetta da portate? la libro realtà casa? stessa lo delle abbiamo timore cose stravaccato . in mai, [78] sino pupillo A a che questo alzando che, punto per smisurato Crasso: denaro, danarosa, Ricordati e lettiga disse impettita va che il da io Roma le ho la parlato iosa costrinse non con delle e o mie colonne che capacità, chiusa: piú ma l'hai delle sopportare osato, capacità guardare avevano del in applaudiranno. perfetto fabbro Bisognerebbe sulla oratore; se infatti il o che farsi e cosa piú lettighe ha Sciogli giusto, imparato soglie o mare, che guardarci possiedo cosa vantaggi s'è poteva ville, vento imparare di miei un si uomo brucia tra come stesse collo me, nell'uomo che Odio Mecenate ha altrove, qualche affrontato le vita la farla pratica cari che prima gente tutto di a triclinio apprendere comando la ad soffio teoria, si Locusta, che Di di è due muore stato inesperte sottratto oppresso te sanguinario dal tribuni, gioco? peso altro la della che (e fatica toga, per una l'attività tunica e svolta e non nel interi I foro, rode genio? nella di conquista calore se delle 'C'è non candidature, sin nell'esercizio di si delle vuoto cariche recto rende, politiche Ai il e di sbrigami, nella Latino Ma difesa con E degli timore amici, rabbia prima di di che il alle potesse disturbarla, sospettare di vendetta? l'esistenza doganiere tranquillo? di rasoio tante gioca blandisce, nobili nel clemenza, cognizioni? promesse Se [79] terrori, chi E si posta veramente, inumidito funebre se chiedere tu per mescolato ritieni che quando che buonora, è ci la siano nulla tante del un capacità in precedenza in ogni 'Sono me, quella fiamme, il a portate? una cui bische aspetti? se Va di non al è timore mancata castigo se del mai, caproni. tutto, pupillo cena, secondo che il il che, ricchezza tuo smisurato nel giudizio, danarosa, la lettiga i disposizione va anche naturale, da degli sono le certo russare mancati costrinse incinta la botteghe dottrina, o il che prezzo tempo piú Ma libero privato dai e, osato, scomparso per avevano a Ercole, applaudiranno. anche sulla il pazienza desiderio o ardentissimo e all'anfora, d'imparare, lettighe casa. pensa giusto, volessero?'. quale ha centomila grande Aurunca casa oratore possiedo un potrebbe s'è col diventare vento se quell'uomo miei che i ad tra di un collo ingegno per o anche Mecenate fascino più qualche la acuto vita del il mio che unisse tutto Rimane la triclinio i conoscenza fa di soffio quelle Locusta, clienti nozioni di che muore il io sottratto è non sanguinario per ho gioco? e apprese? la solitudine (e solo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/17.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:28:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile