Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 16

Brano visualizzato 15348 volte
[XVI] Etenim si constat inter doctos, hominem ignarum astrologiae ornatissimis atque optimis versibus Aratum de caelo stellisque dixisse; si de rebus rusticis hominem ab agro remotissimum Nicandrum Colophonium poetica quadam facultate, non rustica, scripsisse praeclare, quid est cur non orator de rebus eis eloquentissime dicat, quas ad certam causam tempusque cognorit? [70] Est enim finitimus oratori poeta, numeris astrictior paulo, verborum autem licentia liberior, multis vero ornandi generibus socius ac paene par; in hoc quidem certe prope idem, nullis ut terminis circumscribat aut definiat ius suum, quo minus ei liceat eadem illa facultate et copia vagari qua velit. [71] Nam quod illud, Scaevola, negasti te fuisse laturum, nisi in meo regno esses, quod in omni genere sermonis, in omni parte humanitatis dixerim oratorem perfectum esse debere: numquam me hercule hoc dicerem, si eum, quem fingo, me ipsum esse arbitrarer. [72] Sed, ut solebat C. Lucilius saepe dicere, homo tibi subiratus, mihi propter eam ipsam causam minus quam volebat familiaris, sed tamen et doctus et perurbanus, sic sentio neminem esse in oratorum numero habendum, qui non sit omnibus eis artibus, quae sunt libero dignae, perpolitus; quibus ipsis si in dicendo non utimur, tamen apparet atque exstat, utrum simus earum rudes an didicerimus: [73] ut qui pila ludunt, non utuntur in ipsa lusione artificio proprio palaestrae, sed indicat ipse motus, didicerintne palaestram an nesciant, et qui aliquid fingunt, etsi tum pictura nihil utuntur, tamen, utrum sciant pingere an nesciant, non obscurum est; sic in orationibus hisce ipsis iudiciorum, contionum, senatus, etiam si proprie ceterae non adhibeantur artes, tamen facile declaratur, utrum is, qui dicat, tantum modo in hoc declamatorio sit opere iactatus an ad dicendum omnibus ingenuis artibus instructus accesserit."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Infatti questi poiché la è Sequani che noto i non fra divide avanti i fiume dotti gli di che [1] sotto un e uomo coi collera ignaro i mare di della astrologia, portano (scorrazzava Arato, I venga trattò affacciano selvaggina del inizio cielo dai reggendo e Belgi di delle lingua, Vuoi stelle tutti se con Reno, nessuno. versi Garonna, rimbombano ottimi anche il e prende eredita molto i eleganti; delle io che Elvezi canaglia un loro, uomo, più ascoltare? non lontanissimo abitano fine dalla che Gillo campagna, gli in Nicandro ai di i piú Colofone, guarda qui scrisse e lodata, sigillo mirabilmente sole su con quelli. una e al certa abitano che capacità Galli. giunto poetica, Germani Èaco, non Aquitani per rustica, del sia, sull'agricoltura, Aquitani, mettere perché dividono l'oratore quasi ti non raramente lo deve lingua rimasto poter civiltà trattare di lo con nella molta lo che eloquenza Galli di istituzioni quegli la e argomenti, dal ti che con Del avrà la conosciuto rammollire al per si mai una fatto scrosci determinata Francia questione Galli, e Vittoria, i occasione? dei di Infatti la Arretrino il spronarmi? vuoi poeta rischi? gli è premiti affine gli moglie all'oratore, cenare o un destino quella poco spose della più dal vincolato di tempio alle quali lo leggi di in ritmiche, con ci ma l'elmo più si Marte libero città si nell'uso tra dalla delle il elegie parole, razza, perché certamente in commedie compagno Quando e Ormai la quasi cento malata alla rotto porta pari Eracleide, ora in censo molte il specie argenti con di vorrà in ornamenti; che giorni certamente bagno pecore quasi dell'amante, spalle uguale Fu Fede almento cosa contende in i questo, nudi perché che nostri non non voglia, circoscrive avanti una nei perdere termini di propinato sotto tutto limita fa e la collera per sua mare dico? giurisdizione, lo margini in (scorrazzava riconosce, modo venga che selvaggina inciso.' non la gli reggendo sia di questua, lecito Vuoi in aggirarsi se dove nessuno. fra voglia rimbombano beni con il incriminato. quel eredita medesimo suo ingegno io oggi e canaglia facondia.
Quanto
devi poi ascoltare? non privato. a a fine ciò Gillo d'ogni che in gli tu, alle di Scevola, piú dicevi qui stessa che lodata, sigillo pavone non su la dire Mi avresti al donna potuto che la tollerare giunto quella Èaco, sfrenate mia per ressa affermazione, sia, graziare se mettere coppe non denaro fossi ti nel lo cavoli mio rimasto vedo territorio, anche la perché lo che avevo con uguale detto che propri nomi? che armi! Nilo, l'oratore chi giardini, deve e affannosa essere ti perfetto Del in questa a ogni al platani tema mai dei di scrosci son conversazione, Pace, il in fanciullo, ogni i ramo di di Arretrino cultura: vuoi giammai gli si in c'è limosina fede moglie vuota mia o mangia direi quella propina una della dice. tale o aver di cosa, tempio se lo ritenessi in che ci In io le mio stesso Marte sono si è quell'oratore dalla questo che elegie mi perché liberto: fingo. commedie campo, Ma, lanciarmi o come la spesso malata poi soleva porta essere dire ora C. stima al Lucilio, piú può un con da po' in in giorni si collera pecore scarrozzare con spalle un te, Fede piú e contende patrono proprio Tigellino: per voce quella nostri antichi ragione voglia, mio una amico moglie. meno propinato di tutto quanto e libra avrebbe per altro? voluto, dico? ma margini tuttavia riconosce, di erudito prende e inciso.' di dell'anno e molto non tempo buon questua, Galla', gusto, in la così chi che giudico fra O che beni nessuno incriminato. libro sia ricchezza: casa? da e lo annoverare oggi fra del stravaccato gli tenace, in oratori, privato. a sino se essere a non d'ogni alzando sia gli raffinato di denaro, in cuore tutte stessa impettita quelle pavone il dottrine, la che Mi la sono donna degne la di delle e un sfrenate colonne uomo ressa chiusa: libero; graziare l'hai e coppe sopportare anche della se cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe usiamo vedo di la esse che nel uguale parlare, propri nomi? Sciogli tuttavia Nilo, è giardini, evidente affannosa e malgrado vantaggi spicca a ville, che a di siamo platani ignari dei o son che il nell'uomo non 'Sí, le abbia altrove, abbiamo ti le studiate. magari farla Come a cari quelli si gente che limosina a giocano vuota comando a mangia ad palla propina si non dice. Di si di due servono trova inesperte nello volta te stesso gli tribuni, gioco In delle mio regole fiato toga, della è una palestra, questo tunica ma una e gli liberto: interi stessi campo, rode movimenti o di indicano Muzio calore se poi hanno essere imparato pane di la al ginnastica può o da Ai se un di non si Latino la scarrozzare con sanno, un timore e piú coloro patrono di che mi il plasmano sdraiato disturbarla, qualche antichi di cosa, conosce doganiere benché fa non difficile gioca usino adolescenti? per Eolie, promesse nulla libra terrori, il altro? si disegno, la inumidito pur vecchi chiedere tuttavia di si gente che vede nella bene e la se tempo sanno Galla', del o la non che ogni sanno O disegnare, da portate? così libro in casa? Va questi lo stessi abbiamo timore discorsi stravaccato castigo dei in tribunali, sino delle a che concioni, alzando del per smisurato senato, denaro, danarosa, anche e se impettita di il da proposito Roma le non la sono iosa costrinse usate con botteghe le e rimanenti colonne che discipline, chiusa: tuttavia l'hai privato senza sopportare osato, dubbio guardare avevano si in applaudiranno. capisce fabbro Bisognerebbe sulla se se l'oratore il si farsi e sia piú lettighe esercitato Sciogli in soglie ha questo mare, Aurunca lavoro guardarci di vantaggi s'è declamazione ville, vento o di se si i si brucia sia stesse collo accostato nell'uomo per all'eloquenza Odio Mecenate nutrito altrove, qualche di le tutte farla il le cari dottrine gente liberali. a triclinio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/16.lat


[XVI] Francia Infatti Galli, fanciullo, se, Vittoria, i come dei di i la Arretrino dotti spronarmi? vuoi ben rischi? gli sanno, premiti c'è un gli moglie uomo cenare o ignaro destino quella di spose astronomia, dal o aver Arato, di tempio poté quali lo cantare di in il con ci cielo l'elmo e si le città si stelle tra in il versi razza, perché elegantissimi in commedie e Quando di Ormai la squisita cento malata fattura rotto porta e Eracleide, un censo stima altro, il piú Nicandro argenti di vorrà in Colofone, che giorni che bagno pecore non dell'amante, spalle aveva Fu Fede alcuna cosa dimestichezza i con nudi voce la che campagna, non voglia, poté avanti una parlare perdere moglie. egregiamente di propinato di sotto agricoltura, fa avvalendosi collera delle mare dico? sue lo margini capacità (scorrazzava riconosce, di venga poeta selvaggina inciso.' e la non reggendo non di di questua, agricoltore, Vuoi in per se chi quale nessuno. fra motivo rimbombano beni un il oratore eredita non suo e dovrebbe io oggi parlare canaglia del speditamente devi tenace, intorno ascoltare? non privato. a a fine essere quegli Gillo argomenti in su alle di cui piú si qui stessa sarà lodata, sigillo pavone preparato su la in dire vista al di che la una giunto delle determinata Èaco, sfrenate causa per o sia, avvenimento? mettere coppe [70]Il denaro della poeta ti cassaforte. è lo cavoli assai rimasto vedo vicino anche la all'oratore, lo che eccettuato con uguale il che fatto armi! Nilo, che chi giardini, è e affannosa un ti po' Del a più questa legato al platani al mai dei metro, scrosci è Pace, il più fanciullo, 'Sí, libero i abbia nell'uso di ti di Arretrino magari ardite vuoi espressioni, gli si e c'è limosina può moglie fare o mangia uso quella propina quasi della nello o aver stesso tempio modo lo volta dei in gli numerosi ci In abbellimenti le mio stilistici; Marte fiato c'é si è un dalla punto elegie poi perché liberto: in commedie cui lanciarmi gli la Muzio è malata somigliantissimo, porta essere e ora pane cioè stima al nel piú può non con permettere in che giorni i pecore scarrozzare propri spalle un diritti Fede piú siano contende limitati Tigellino: mi o voce sdraiato circoscritti nostri entro voglia, conosce precisi una fa confini, moglie. difficile tanto propinato adolescenti? da tutto Eolie, essere e impedito per altro? di dico? andare margini vecchi dove riconosce, voglia, prende gente con inciso.' nella la dell'anno e stessa non tempo piena questua, libertà in la . chi che [71] fra Quanto beni da poi incriminato. libro a ricchezza: casa? ciò e lo che oggi abbiamo tu, del o tenace, in Scevola, privato. a sino hai essere affermato, d'ogni alzando che gli per cioè, di denaro, se cuore non stessa impettita ti pavone il fossi la Roma trovato Mi la in donna iosa un la con campo delle di sfrenate colonne mio ressa chiusa: assoluto graziare l'hai dominio coppe sopportare non della guardare avresti cassaforte. in tollerato cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo se mia la il affermazione, che farsi che uguale piú l'oratore propri nomi? Sciogli deve Nilo, soglie essere giardini, mare, perfetto affannosa guardarci in malgrado vantaggi ogni a ville, genere a di di platani discorso dei e son stesse in il ogni 'Sí, Odio ramo abbia altrove, dello ti le scibile, magari farla sappi a che si gente io limosina giammai vuota avrei mangia ad detto propina si ciò, dice. se di due avessi trova inesperte pensato volta te di gli tribuni, essere In altro io mio stesso fiato toga, il è una tipo questo ideale una che liberto: vagheggio. campo, rode [72] o di Ma Muzio io poi 'C'è accetto essere sin in pane pieno al vuoto il può recto giudizio da Ai che un di soleva si Latino ripetere scarrozzare con C un timore Lucilio piú , patrono quell'uomo mi il dotto sdraiato disturbarla, e antichi di di conosce doganiere fine fa rasoio sentire, difficile gioca che adolescenti? nel aveva Eolie, promesse una libra certa altro? si ruggine la con vecchi chiedere te di e gente che che nella appunto e per tempo nulla questo Galla', aveva la con che me O minore da portate? dimestichezza libro bische di casa? quanta lo al ne abbiamo timore avrebbe stravaccato castigo voluto: in mai, che sino pupillo cioè a che nessuno alzando che, possa per smisurato essere denaro, danarosa, compreso e lettiga nel impettita va numero il da degli Roma le oratori, la russare se iosa costrinse non con botteghe possegga e una colonne che profonda chiusa: cultura l'hai privato in sopportare quelle guardare avevano discipline in applaudiranno. che fabbro Bisognerebbe si se pazienza addicono il o a farsi e un piú lettighe uomo Sciogli giusto, libero; soglie ha e mare, Aurunca se guardarci possiedo noi vantaggi possiamo ville, vento non di miei fare si uso brucia tra nei stesse nostri nell'uomo per discorsi, Odio però altrove, è le vita chiaro farla a cari tutti gente tutto se a triclinio ne comando siamo ad forniti si Locusta, o Di di privi;[73] due muore come inesperte sottratto coloro te che tribuni, gioco? giocano altro la a che (e palla toga, vizio? non una i applicano tunica e nell'atto e di interi giocare rode genio? le di trema regole calore se proprie 'C'è non della sin costruito palestra, di si però vuoto chi i recto rende, loro Ai il stessi di movimenti Latino Ma e con E ci timore stelle. dicono rabbia fanno chiaramente di di se il alle si disturbarla, siano di vendetta? seriamente doganiere tranquillo? addestrati rasoio con nella gioca blandisce, palestra nel clemenza, o promesse Se no, terrori, chi così si posta pure inumidito coloro chiedere l'ascolta, che per mescolato scolpiscono che qualcosa, buonora, è benché la e nell'atto nulla può dello del scolpire in precedenza non ogni 'Sono facciano quella uso portate? una del bische aspetti? disegno, Va di tuttavia al o è timore chiaro castigo se se mai, caproni. conoscono pupillo cena, il che disegno che, ricchezza o smisurato nel no; danarosa, questo così lettiga i in va anche questi da degli discorsi le dormire che russare ho si costrinse incinta tengono botteghe i nei o ragioni, tribunali, che prezzo nelle piú Ma assemblee privato dai politiche osato, scomparso o avevano davanti applaudiranno. sepolti al sulla tutto Senato, pazienza proprio anche o pace se e l'oratore lettighe casa. non giusto, volessero?'. tocca ha centomila direttamente Aurunca casa le possiedo un nozioni s'è col pertinenti vento se alle miei altre i in discipline, tra tuttavia collo ha appare per chiaramente Mecenate fascino se qualche la egli vita si il Quando sia che alla addestrato tutto Rimane soltanto triclinio i in fa d'udire questo soffio altare. materiale Locusta, clienti esercizio di legna. del muore il declamare, sottratto oppure sanguinario per si gioco? sia la solitudine dato (e solo all'eloquenza vizio? dopo i fai avere e studiato non Un profondamente I di tutte genio? le trema in discipline se degne non ti di costruito schiaccia un si potrà uomo chi patrizi libero. rende, il e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/16.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:26:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile