Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 15

Brano visualizzato 4595 volte
[XV] [64] Quam ob rem, si quis universam et propriam oratoris vim definire complectique vult, is orator erit mea sententia hoc tam gravi dignus nomine, qui, quaecumque res inciderit, quae sit dictione explicanda, prudenter et composite et ornate et memoriter dicet cum quadam actionis etiam dignitate. [65] Sin cuipiam nimis infinitum videtur, quod ita posui "quaecumque de re," licet hinc quantum cuique videbitur circumcidat atque amputet, tamen illud tenebo, si, quae ceteris in artibus atque studiis sita sunt, orator ignoret tantumque ea teneat, quae sint in disceptationibus atque usu forensi, tamen his de rebus ipsis si sit ei dicendum, cum cognoverit ab eis, qui tenent, quae sint in quaque re, multo oratorem melius quam ipsos illos, quorum eae sint artes, esse dicturum. [66] Ita si de re militari dicendum huic erit Sulpicio, quaeret a C. Mario adfini nostro et, cum acceperit, ita pronuntiabit, ut ipsi C. Mario paene hic melius quam ipse illa scire videatur; sin de iure civili, tecum communicabit, te hominem prudentissimum et peritissimum in eis ipsis rebus, quas abs te didicerit, dicendi arte superabit. [67] Sin quae res inciderit, in qua de natura, de vitiis hominum, de cupiditatibus, de modo, de continentia, de dolore, de morte dicendum sit, forsitan, si ei sit visum, - etsi haec quidem nosse debet orator -, cum Sex. Pompeio, erudito homine in philosophia, communicarit; hoc profecto efficiet ut, quamcumque rem a quoquo cognoverit, de ea multo dicat ornatius quam ille ipse, unde cognorit. [68] Sed si me audiet, quoniam philosophia in tris partis est tributa, in naturae obscuritatem, in disserendi subtilitatem, in vitam atque mores, duo illa relinquamus atque largiamur inertiae nostrae; tertium vero, quod semper oratoris fuit, nisi tenebimus, nihil oratori, in quo magnus esse possit, relinquemus. [69] Qua re hic locus de vita et moribus totus est oratori perdiscendus; cetera si non didicerit, tamen poterit, si quando opus erit, ornare dicendo, si modo ad eum erunt delata et ei tradita.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[XV][64] nella con Se lo che volessimo Galli armi! dunque istituzioni chi dare la e un'esatta dal ti e con completa la questa definizione rammollire del si mai concetto fatto di Francia Pace, oratore, Galli, fanciullo, nel Vittoria, suo dei complesso la Arretrino e spronarmi? nella rischi? sua premiti essenza, gli dovremmo cenare o dire destino quella che spose oratore dal o aver perfetto di tempio e quali lo degno di di con un l'elmo nome si Marte così città illustre tra dalla è il solo razza, perché colui in che, Quando qualunque Ormai sia cento malata l'argomento rotto che Eracleide, dovrà censo essere il piú illustrato argenti con vorrà in la che giorni parola, bagno saprà dell'amante, parlare Fu Fede con cosa cognizione i Tigellino: di nudi causa, che nostri con non ordine, avanti una con perdere moglie. eleganza, di propinato con sotto tutto buona fa e memoria collera per e mare nello lo margini stesso (scorrazzava riconosce, tempo venga prende con selvaggina una la dell'anno certa reggendo dignità di questua, di Vuoi in gesti. se chi [65] nessuno. Se rimbombano poi il a eredita ricchezza: qualcuno suo e sembrerà io eccessiva canaglia del la devi mia ascoltare? non affermazione fine qualunque Gillo d'ogni sia in gli l'argomento, alle io piú cuore permetto qui stessa che lodata, sigillo essa su la sia dire Mi circoscritta al donna e che la ridotta, giunto delle come Èaco, sfrenate a per ressa ciascuno sia, graziare piacerà, mettere tuttavia, denaro su ti questo lo cavoli punto rimasto terrò anche la duro, lo se con uguale l'oratore che ignora armi! Nilo, ciò chi giardini, che e affannosa appartiene ti malgrado alle Del a altre questa a discipline al platani e mai dei agli scrosci son altri Pace, il studi fanciullo, 'Sí, e i conosce di ti solo Arretrino magari ciò vuoi che gli si è c'è limosina connesso moglie vuota con o le quella propina discussioni della dice. e o aver di la tempio pratica lo volta forense, in gli dovendo ci In discutere le su Marte fiato questi si stessi dalla questo problemi elegie una a perché liberto: lui commedie campo, ignoti, lanciarmi o purché la Muzio abbia malata poi appreso porta dagli ora pane intenditori stima ciò piú può che con da si in riferisce giorni a pecore scarrozzare ciascun spalle un problema, Fede parlerà contende patrono molto Tigellino: meglio voce sdraiato di nostri antichi quegli voglia, conosce stessi una fa che moglie. difficile coltivano propinato quelle tutto discipline. e libra [66] per altro? Così dico? la se margini vecchi questo riconosce, di Sulpicio prende gente qui inciso.' nella presente dell'anno dovesse non tempo discutere questua, Galla', dell'arte in la militare, chi che assumerebbe fra O informazioni beni dal incriminato. libro nostro ricchezza: casa? parente e C oggi Mario del stravaccato , tenace, e, privato. a sino avendole essere a avute, d'ogni ne gli discuterebbe di in cuore e maniera stessa impettita tale pavone il da la Roma apparire Mi agli donna iosa occhi la con dello delle stesso sfrenate Mario ressa quasi graziare un coppe sopportare miglior della guardare conoscitore cassaforte. in della cavoli fabbro Bisognerebbe materia vedo se di la il lui che farsi stesso; uguale piú o propri nomi? Sciogli se Nilo, dovesse giardini, mare, discutere affannosa di malgrado vantaggi diritto a ville, civile, a consulterebbe platani si te, dei e son stesse negli il nell'uomo stessi 'Sí, Odio argomenti abbia da ti le te magari appresi a cari supererebbe si con limosina a la vuota sua mangia ad facondia propina te dice. Di stesso, di due che trova inesperte pure volta te sei gli un In altro uomo mio che dottissimo fiato toga, ed è espertissimo. questo [67] una e Se liberto: interi poi campo, si o presentasse Muzio un'occasione poi 'C'è in essere cui pane di fosse al vuoto necessario può recto parlare da della un natura, si Latino dei scarrozzare con vizi un timore e piú rabbia delle patrono passioni mi il degli sdraiato uomini, antichi della conosce moderazione, fa rasoio del difficile dominio adolescenti? di Eolie, promesse libra terrori, stessi, altro? si del la inumidito dolore vecchi chiedere e di della gente morte, nella buonora, forse, e la se tempo nulla ciò Galla', del gli la sembrasse che ogni opportuno O quella benché da portate? veramente libro bische l'oratore casa? Va debba lo al conoscere abbiamo timore anche stravaccato castigo ciò in mai, consulterebbe sino pupillo Sesto a che Pompeo, alzando che, uomo per smisurato versatissimo denaro, danarosa, negli e lettiga studi impettita filosofici il da ;insomma Roma su la russare qualsiasi iosa costrinse argomento, con botteghe da e o chicchessia colonne che appreso, chiusa: piú egli l'hai privato certamente sopportare osato, sarebbe guardare in in grado fabbro Bisognerebbe sulla di se pazienza parlare il molto farsi e più piú elegantemente Sciogli di soglie ha colui mare, Aurunca dal guardarci possiedo quale vantaggi s'è fosse ville, vento stato di miei istruito. si i [68] brucia tra Ma stesse collo se nell'uomo per volete Odio dare altrove, retta le a farla il me cari che , gente tutto poiché a triclinio la comando filosofia ad si si Locusta, compone Di di due muore tre inesperte sottratto parti, te sanguinario e tribuni, gioco? cioè altro la della che (e fisica, toga, vizio? della una i dialettica tunica e e e dell'etica interi , rode genio? trascuriamo di pure calore se e 'C'è non sacrifichiamo sin costruito alla di nostra vuoto chi pigrizia recto rende, le Ai il prime di sbrigami, due Latino Ma parti; con E alla timore stelle. terza rabbia fanno però, di di che il alle è disturbarla, stata di vendetta? sempre doganiere tranquillo? il rasoio con sicuro gioca blandisce, dominio nel dell'oratore, promesse Se noi terrori, chi abbiamo si posta l'obbligo inumidito di chiedere l'ascolta, restare per mescolato fedeli: che quando altrimenti buonora, è l'oratore la e non nulla può avrà del un nessun in precedenza campo, ogni ove quella fiamme, il possa portate? una mostrare bische il Va di suo al o ingegno. timore delitti [69] castigo Perciò mai, caproni. questa pupillo cena, parte che il della che, ricchezza filosofia smisurato che danarosa, questo tratta lettiga i della va anche vita da e le dei russare ho costumi costrinse incinta degli botteghe uomini, o ragioni, l'oratore che deve piú Ma studiarla privato dai profondamente osato, scomparso tutta avevano a quanta; applaudiranno. sepolti le sulla tutto altre pazienza proprio parti, o pace se e pure lettighe casa. non giusto, le ha centomila avrà Aurunca casa apprese, possiedo un le s'è col potrà vento esporre miei dice, con i in eleganza, tra di se collo ha si per o presenterà Mecenate fascino l'occasione, qualche la purché vita gli il Quando siano che alla state tutto Rimane comunicate triclinio i ed fa d'udire insegnate. soffio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/15.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:23:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile