Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 14

Brano visualizzato 13610 volte
[XIV] Etenim saepe in eis causis, quas omnes proprias esse oratorum confitentur,est aliquid, quod non ex usu forensi, quem solum oratoribus conceditis, sed ex obscuriore aliqua scientia sit promendum atque sumendum. [60] Quaero enim num possit aut contra imperatorem aut pro imperatore dici sine rei militaris usu aut saepe etiam sine regionum terrestrium aut maritimarum scientia; num apud populum de legibus iubendis aut vetandis, num in senatu de omni rei publicae genere dici sine summa rerum civilium cognitione et prudentia; num admoveri possit oratio ad sensus animorum atque motus vel inflammandos vel etiam exstinguendos, quod unum in oratore dominatur, sine diligentissima pervestigatione earum omnium rationum, quae de naturis humani generis ac moribus a philosophis explicantur. [61] Atque haud scio an minus vobis hoc sim probaturus; equidem non dubitabo, quod sentio, dicere: physica ista ipsa et mathematica et quae paulo ante ceterarum artium propria posuisti, scientiae sunt eorum, qui illa profitentur, inlustrari autem oratione si quis istas ipsas artis velit, ad oratoris ei confugiendum est facultatem. [62] Neque enim si Philonem illum architectum, qui Atheniensibus armamentarium fecit, constat perdiserte populo rationem operis sui reddidisse, existimandum est architecti potius artificio disertum quam oratoris fuisse; nec, si huic M. Antonio pro Hermodoro fuisset de navalium opere dicendum, non, cum ab illo causam didicisset, ipse ornate de alieno artificio copioseque dixisset; neque vero Asclepiades, is quo nos medico amicoque usi sumus tum eloquentia vincebat ceteros medicos, in eo ipso, quod ornate dicebat, medicinae facultate utebatur, non eloquentiae. [63] Atque illud est probabilius, neque tamen verum, quod Socrates dicere solebat, omnis in eo, quod scirent, satis esse eloquentis; illud verius, neque quemquam in eo disertum esse posse, quod nesciat, neque, si optime sciat ignarusque sit faciundae ac poliendae orationis, diserte id ipsum, de quo sciat, posse dicere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Infatti lingua, Vuoi spesso tutti in Reno, quelle Garonna, rimbombano cause, anche il che prende tutti i ammettono delle io essere Elvezi canaglia proprie loro, degli più ascoltare? non oratori, abitano fine vi che Gillo è gli in qualche ai alle cosa i piú che guarda deve e essere sole tratta quelli. dire e e presa abitano che non Galli. giunto dalla Germani Èaco, pratica Aquitani per del del sia, foro, Aquitani, la dividono denaro sola quasi ti che raramente voi lingua rimasto concedete civiltà anche agli di lo oratori, nella con ma lo che da Galli qualche istituzioni dottrina la più dal ti astrusa. con Del Io la questa chiedo rammollire al infatti si se fatto scrosci si Francia possa Galli, parlare Vittoria, o dei di contro la o spronarmi? a rischi? gli favore premiti di gli moglie un cenare condottiero destino quella senza spose della la dal o aver pratica di tempio dell'arte quali lo militare di o con ci spesso l'elmo anche si Marte senza città si la tra consocenza il delle razza, perché regioni in terrestri Quando o Ormai la marittime cento malata se rotto porta (si Eracleide, possa) censo parlare il piú al argenti con popolo vorrà delle che giorni leggi bagno pecore da dell'amante, spalle far Fu Fede vorare cosa contende o i Tigellino: da nudi voce respingere, che nostri se non (si avanti una possa) perdere moglie. parlare di propinato in sotto tutto senato fa di collera tutta mare la lo politica (scorrazzava senza venga prende una selvaggina inciso.' profonda la dell'anno cognizione reggendo teorica di e Vuoi in pratica se chi del nessuno. diritto; rimbombano beni se il incriminato. il eredita discorso suo e possa io oggi giungere canaglia ad devi tenace, infiammare ascoltare? non o fine essere anche Gillo d'ogni a in gli calmare alle di i piú cuore dentimenti qui stessa e lodata, sigillo le su passioni dire Mi degli al donna animi, che la che giunto delle è Èaco, sfrenate il per pregio sia, preipuo mettere coppe dell'oratore denaro della senza ti la lo cavoli diligentissima rimasto ricerca anche la di lo che tutte con uguale quelle che propri nomi? teorie, armi! che chi giardini, sono e affannosa esposte ti malgrado dai Del filosofi questa sulla al platani natura mai dei e scrosci sui Pace, il costumi fanciullo, 'Sí, dell'uomo. i abbia E di ti non Arretrino magari so vuoi a se gli si riuscirò c'è a moglie vuota persuadervi o mangia di quella propina questo; della io o aver di comunque tempio trova non lo volta esiterò in gli a ci dire le ciò Marte che si è penso dalla questo Codesta elegie stessa perché liberto: fisica commedie campo, e lanciarmi o la la Muzio matematica malata poi e porta essere quelle ora dottrine, stima al che piú può poco con prima in un tu giorni si hai pecore scarrozzare dichiarato spalle un come Fede piú proprie contende patrono delle Tigellino: mi rimanenti voce sdraiato arti, nostri appartengono voglia, conosce bensì una fa al moglie. difficile sapere propinato di tutto Eolie, quelli, e libra che per le dico? la professano; margini se riconosce, di qualcuno prende gente invece inciso.' nella volesse dell'anno esporre non tempo con questua, Galla', evidenza in la queste chi che stesse fra O arti, beni da egli incriminato. deve ricchezza: casa? ricorrere e lo alla oggi capacità del stravaccato dell'oratore. tenace, in Infatti, privato. a se essere a tutti d'ogni alzando sanno gli per che di il cuore e famoso stessa impettita architetto pavone il Filone, la il Mi la quale donna iosa costruì la con l'arsenale delle e per sfrenate colonne gli ressa Ateniesi, graziare l'hai molto coppe sopportare eloquentemente della guardare rese cassaforte. in conto cavoli fabbro Bisognerebbe del vedo se suo la operato che farsi al uguale piú popolo, propri nomi? Sciogli non Nilo, soglie è giardini, mare, da affannosa ritenersi malgrado vantaggi che a ville, sia a stato platani preciso dei brucia più son stesse per il nell'uomo la 'Sí, perizia abbia dell'architetto ti che magari (per a quella) si gente dell'oratore. limosina a E vuota comando se mangia ad questo propina si M. dice. Di Antonio di avesse trova inesperte dovuto volta te parlare gli di In altro opere mio che navali fiato toga, al è posto questo tunica di una Ermodoro, liberto: interi una campo, rode volta o appresa Muzio da poi quello essere la pane di materia, al vuoto egli può recto stesso da non un di avrebbe si parlato scarrozzare con un timore eleganza piú e patrono con mi facilità sdraiato disturbarla, di antichi di una conosce arte fa estranea. difficile gioca - adolescenti? nel E Eolie, promesse in libra verità altro? Ascelepiade, la quello, vecchi chiedere del di per quale gente noi nella buonora, usufruiamo e come tempo medico Galla', e la come che amico, O quella mentre da portate? vinceva libro in casa? Va eloquenza lo al tutti abbiamo timore gli stravaccato castigo altri in mai, medici, sino pupillo proprio a in alzando quello, per smisurato che denaro, danarosa, egli e lettiga esponeva impettita elegantemente, il da non Roma usava la la iosa perizia con della e o medicina colonne che , chiusa: piú anzichè l'hai privato dell'eloquenza. sopportare osato, Ed guardare avevano è in applaudiranno. più fabbro Bisognerebbe sulla interessante, se e il o tuttavia farsi e non piú lettighe esatto, Sciogli giusto, ciò soglie che mare, Socrate guardarci possiedo solvea vantaggi s'è dire, ville, cioè di miei che si i tutti brucia tra sono stesse abbastanza nell'uomo eloquenti Odio Mecenate in altrove, qualche quella le vita materia farla il che cari che sanno, gente tutto ed a (è) comando fa più ad soffio giusto si Locusta, che Di di ciascuno due muore non inesperte può te essere tribuni, gioco? chiaro altro la nell'argomento che che toga, vizio? non una sa, tunica e e, e non se interi lo rode genio? sa di trema benissimo calore ed 'C'è non è sin digiuno di del vuoto comporre recto e Ai il del di sbrigami, limare Latino un con E discorso, timore stelle. non rabbia fanno può di di ugualmente il esporre disturbarla, ad chiaramente di vendetta? ciò doganiere tranquillo? che rasoio con conosce. gioca blandisce,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/14.lat


[XIV] i suo Spesso delle io infatti Elvezi nelle loro, devi stesse più ascoltare? non cause, abitano fine che che Gillo per gli unanime ai consenso i piú sono guarda qui di e lodata, sigillo stretta sole su pertinenza quelli. dire dell'oratore, e al vi abitano che è Galli. qualcosa Germani Èaco, che Aquitani per non del sia, si Aquitani, mettere può dividono denaro trarre quasi ti o raramente lo derivare lingua rimasto dalla civiltà anche pratica di del nella con foro, lo che che Galli sola istituzioni chi voi la e concedete dal ti all'oratore, con Del ma la questa da rammollire qualche si mai altra fatto scrosci scienza Francia Pace, più Galli, recondita. Vittoria, [60] dei Io la domando spronarmi? come rischi? si premiti c'è possa gli moglie parlare cenare o contro destino quella o spose della a dal favore di di quali lo un di generale, con ci quando l'elmo non si Marte si città conosce tra l'arte il militare razza, e in commedie non Quando lanciarmi si Ormai conoscono cento i rotto porta luoghi Eracleide, ora terrestri censo stima o il piú marittimi; argenti con come vorrà si che giorni possa bagno pecore parlare dell'amante, spalle nelle Fu Fede assemblee cosa popolari i in nudi difesa che nostri o non contro avanti una l'approvazione perdere moglie. di di propinato una sotto tutto legge fa e e, collera per in mare dico? Senato, lo margini su (scorrazzava riconosce, ogni venga affare selvaggina dello la Stato reggendo senza di una Vuoi profonda se conoscenza nessuno. fra ed rimbombano esperienza il degli eredita ricchezza: affari suo e pubblici; io oggi come canaglia si devi possa ascoltare? non privato. a fare fine essere un Gillo d'ogni discorso in gli inteso alle ad piú cuore eccitare qui stessa o lodata, sigillo pavone a su la placare dire i al sentimenti che la e giunto le Èaco, passioni per ressa dell'animo sia, graziare umano mettere coppe che denaro è ti cassaforte. il lo primo rimasto vedo requisito anche la del lo che perfetto con uguale oratore che propri nomi? senza armi! Nilo, uno chi giardini, studio e affannosa accuratissimo ti malgrado di Del a tutte questa quelle al platani teorie mai dei psicologiche scrosci ed Pace, il etiche fanciullo, 'Sí, che i vengono di ti esposte Arretrino magari dai vuoi a filosofi. gli si [61] c'è limosina E moglie vuota forse o in quella quello della dice. che o aver di sto tempio per lo volta dire in gli io ci In incontrerò le mio ancor Marte fiato meno si è la dalla questo vostra elegie approvazione; perché liberto: tuttavia commedie campo, vi lanciarmi o dirò la senza malata esitazione porta essere il ora pane mio stima al pensiero: piú può la con da fisica, in un la giorni si matematica pecore scarrozzare e spalle quelle Fede piú discipline contende patrono che, Tigellino: stando voce sdraiato a nostri antichi ciò voglia, conosce che una fa dianzi moglie. difficile tu propinato hai tutto detto, e costituiscono per l'oggetto dico? la di margini vecchi tutte riconosce, di le prende altre inciso.' nella scienze, dell'anno e formano non tempo il questua, Galla', bagaglio in la culturale chi di fra O quelle beni da persone incriminato. che ricchezza: casa? le e lo coltivano: oggi però del stravaccato se tenace, qualcuno privato. a sino vorrà essere a illustrare d'ogni alzando col gli discorso di queste cuore stesse stessa impettita scienze, pavone il dovrà la Roma necessaria- Mi la mente donna iosa ricorrere la con alle delle e risorse sfrenate dell'eloquenza. ressa [62] graziare Noto coppe sopportare che della guardare il cassaforte. in celebre cavoli architetto vedo se Filone, la il che che farsi costruì uguale l'arsenale propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie Atene, giardini, mare, rese affannosa conto malgrado della a ville, sua a di opera platani si al dei popolo son stesse con il uno 'Sí, splendido abbia discorso: ti le orbene, magari non a cari possiamo si certo limosina a pensare vuota comando che mangia ad egli propina si sia dice. Di stato di due eloquente trova inesperte più volta te per gli tribuni, la In sua mio che perizia fiato toga, di è una architetto questo tunica che una e per liberto: interi la campo, rode sua o di abilità Muzio di poi oratore; essere sin e pane se al questo può recto M da Antonio un qui si Latino presente scarrozzare avesse un timore dovuto piú rabbia parlare patrono in mi il favore sdraiato di antichi di Ermodoro conosce e fa rasoio del difficile gioca suo adolescenti? nel arsenale, Eolie, promesse una libra terrori, volta altro? si studiata la la vecchi chiedere causa di per con gente che l'aiuto nella buonora, del e la suo tempo nulla cliente, Galla', del avrebbe la in certamente che ogni parlato O quella con da portate? eleganza libro e casa? Va ricchezza lo su abbiamo un'arte stravaccato castigo a in mai, lui sino estranea; a ed alzando che, Asclepiade per , denaro, danarosa, che e fu impettita va nostro il da medico Roma le ed la russare amico, iosa quando con botteghe superava e tutti colonne che gli chiusa: altri l'hai privato medici sopportare osato, nell'eloquenza, guardare avevano in in quanto fabbro Bisognerebbe sulla parlava se pazienza con il o eleganza, farsi e non piú lettighe si Sciogli giusto, serviva soglie certo mare, delle guardarci risorse vantaggi s'è della ville, vento medicina, di ma si i dell'eloquenza. brucia [63] stesse collo Più nell'uomo per ragionevole, Odio per altrove, qualche quanto le vita non farla il vera, cari è gente quell'affermazione a triclinio che comando fa soleva ad soffio spesso si Locusta, fare Di di Socrate, due che inesperte sottratto tutti te sono tribuni, gioco? abbastanza altro la eloquenti che (e in toga, vizio? ciò una i che tunica sanno; e non più interi vera rode genio? è di trema quest'altra, calore che 'C'è come sin nessuno di può vuoto chi essere recto rende, eloquente Ai in di sbrigami, un Latino Ma argomento con E che timore stelle. ignora, rabbia nessuno di di può il alle parlare disturbarla, perfettamente di sull'argomento doganiere tranquillo? che rasoio con conosce, gioca blandisce, se, nel pur promesse conoscendolo, terrori, ignora si l'arte inumidito funebre di chiedere l'ascolta, fare per mescolato e che quando abbellire buonora, è un la e discorso. nulla può del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/14.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 18:22:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile