Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 5

Brano visualizzato 36017 volte
[V] Quid enim quis aliud in maxima discentium multitudine, summa magistrorum copia, praestantissimis hominum ingeniis, infinita causarum varietate, amplissimis eloquentiae propositis praemiis esse causae putet, nisi rei quandam incredibilem magnitudinem ac difficultatem? [17] Est enim et scientia comprehendenda rerum plurimarum, sine qua verborum volubilitas inanis atque inridenda est, et ipsa oratio conformanda non solum electione, sed etiam constructione verborum, et omnes animorum motus, quos hominum generi rerum natura tribuit, penitus pernoscendi, quod omnis vis ratioque dicendi in eorum, qui audiunt, mentibus aut sedandis aut excitandis expromenda est; accedat eodem oportet lepos quidam facetiaeque et eruditio libero digna celeritasque et brevitas et respondendi et lacessendi subtili venustate atque urbanitate coniuncta; [18] tenenda praeterea est omnis antiquitas exemplorumque vis, neque legum ac iuris civilis scientia neglegenda est. Nam quid ego de actione ipsa plura dicam? quae motu corporis, quae gestu, quae vultu, quae vocis conformatione ac varietate moderanda est; quae sola per se ipsa quanta sit, histrionum levis ars et scaena declarat; in qua cum omnes in oris et vocis et motus moderatione laborent, quis ignorat quam pauci sint fuerintque, quos animo aequo spectare possimus? Quid dicam de thesauro rerum omnium, memoria? Quae nisi custos inventis cogitatisque rebus et verbis adhibeatur, intellegimus omnia, etiam si praeclarissima fuerint in oratore, peritura. [19] Quam ob rem mirari desinamus, quae causa sit eloquentium paucitatis, cum ex eis rebus universis eloquentia constet, in quibus singulis elaborare permagnum est, hortemurque potius liberos nostros ceterosque, quorum gloria nobis et dignitas cara est, ut animo rei magnitudinem complectantur neque eis aut praeceptis aut magistris aut exercitationibus, quibus utuntur omnes, sed aliis quibusdam se id quod expetunt, consequi posse confidant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[V] ai alle E i piú veramente, guarda qui dato e lodata, sigillo l'enorme sole su numero quelli. di e al coloro abitano che Galli. giunto si Germani Èaco, dedicano Aquitani per a del quest'arte, Aquitani, la dividono grandissima quasi ti abbondanza raramente lo cli lingua rimasto maestri, civiltà anche lo di lo straordinario nella con ingegno lo che degli Galli uomini, istituzioni l'infinita la varietà dal dei con Del processi, la questa la rammollire magnificenza si mai dei fatto scrosci premi Francia destinati Galli, fanciullo, agli Vittoria, i oratori, dei di quale la altro spronarmi? vuoi motivo rischi? gli si premiti c'è potrebbe gli moglie addurre, cenare se destino quella non spose della la dal o aver complessità di e quali lo la di in difficoltà con ci veramente l'elmo le incredibile si della città si materia? tra dalla [17] il L'oratore razza, infatti in commedie deve Quando lanciarmi possedere Ormai la molte cento malata nozioni, rotto porta senza Eracleide, ora le censo stima quali il l'arte argenti con del vorrà in dire che giorni si bagno pecore riduce dell'amante, spalle a Fu Fede una cosa pompa i di nudi voce parole che nostri vuota non voglia, e avanti ridicola, perdere deve di curare sotto lo fa stile collera per non mare solo lo margini con (scorrazzava riconosce, la venga prende scelta, selvaggina inciso.' ma la anche reggendo non con di questua, l'adatta Vuoi in collocazione se delle nessuno. fra parole rimbombano beni e il incriminato. deve eredita inoltre suo e conoscere io oggi a canaglia del fondo devi tenace, tutte ascoltare? non privato. a le fine essere passioni, Gillo d'ogni che in gli la alle di natura piú cuore ha qui dato lodata, sigillo pavone al su la genere dire Mi umano, al donna perché che è giunto delle nel Èaco, sfrenate calmare per ressa o sia, graziare nell'eccitare mettere coppe gli denaro della animi ti cassaforte. degli lo ascoltatori rimasto vedo che anche la si lo che esprimono con uguale necessariamente che tutta armi! Nilo, la chi giardini, forza e affannosa e ti la Del a bellezza questa a dell'eloquenza; al bisogna mai dei che scrosci a Pace, il ciò fanciullo, 'Sí, si i aggiunga di una Arretrino magari certa vuoi a vena gli si d'umorismo, c'è una moglie vuota tendenza o mangia alle quella propina facezie, della dice. una o aver di cultura tempio degna lo di in gli un ci uomo le libero, Marte fiato prontezza si è e dalla questo brevità elegie una nelle perché liberto: risposte commedie campo, e lanciarmi o negli la attacchi malata congiunte porta essere a ora pane garbo stima al e piú può gentilezza; con da [18] in un deve giorni si inoltre pecore avere spalle un una Fede profonda contende patrono conoscenza Tigellino: di voce sdraiato tutta nostri antichi la voglia, conosce storia una fa antica, moglie. difficile donde propinato adolescenti? trarre tutto Eolie, la e forza per altro? degli dico? la esempi margini vecchi e riconosce, non prende gente deve inciso.' trascurare dell'anno e lo non tempo studio questua, delle in la leggi chi che e fra O del beni da diritto incriminato. libro civile. ricchezza: C'é e lo bisogno oggi che del stravaccato mi tenace, dilunghi privato. a perfino essere a sul d'ogni modo gli per di di porgere? cuore e Esso stessa impettita deve pavone essere la Roma regolato Mi sul donna iosa movimento la del delle e corpo, sfrenate colonne sui ressa chiusa: gesti, graziare sul coppe volto, della guardare sul cassaforte. timbro cavoli fabbro Bisognerebbe e vedo se sulla la il modulazione che farsi della uguale piú voce; propri nomi? Sciogli e Nilo, soglie quanto giardini, mare, valga affannosa guardarci questo malgrado vantaggi solo a ville, mezzo, a considerato platani si in dei brucia son stesse e il nell'uomo per 'Sí, sé, abbia si ti le può magari farla dedurre a dalla si gente scena limosina a e vuota comando dalla mangia ad frivola propina si arte dice. Di degli di attori, trova dei volta te quali gli ben In altro pochi mio che abbiamo fiato toga, visto è una e questo tunica vediamo una recitare liberto: interi con campo, vera o soddisfazione, Muzio calore benché poi 'C'è tutti essere si pane di sforzino al vuoto nel può regolare da sia un di la si pronunzia scarrozzare con che un timore la piú voce patrono di e mi i sdraiato disturbarla, movimenti antichi di della conosce doganiere persona. fa E difficile gioca che adolescenti? nel dire Eolie, promesse di libra terrori, quel altro? si tesoro la di vecchi chiedere tutte di per le gente che nozioni nella che e la è tempo la Galla', memoria? la Se che ogni questa O non da portate? assiste, libro bische come casa? Va una lo al custode, abbiamo timore i stravaccato concetti in mai, e sino pupillo le a espressioni alzando che, già per trovati denaro, danarosa, e e lettiga meditati, impettita possiamo il essere Roma certi la russare che iosa costrinse tutte con botteghe le e altre colonne che doti chiusa: piú dell'oratore, l'hai privato anche sopportare osato, magnifiche, guardare avevano andranno in perdute. fabbro Bisognerebbe sulla [19] se pazienza Perciò il o cessiamo farsi e di piú lettighe domandarci Sciogli giusto, con soglie ha meraviglia mare, Aurunca quale guardarci possiedo sia vantaggi s'è il ville, vento motivo di miei dello si i scarso brucia numero stesse collo dei nell'uomo valenti Odio Mecenate oratori, altrove, essendo le vita l'eloquenza farla il il cari che risultato gente tutto di a triclinio tutte comando fa quelle ad soffio discipline, si Locusta, che Di di è due muore già inesperte difficilissimo te sanguinario studiare tribuni, gioco? una altro per che (e una, toga, ed una i esortiamo tunica piuttosto e non i interi I nostri rode figli di trema e calore se tutti 'C'è coloro, sin la di si cui vuoto gloria recto rende, e Ai il carriera di sbrigami, politica Latino Ma ci con E stanno timore stelle. a rabbia fanno cuore, di di a il alle ben disturbarla, ad riflettere di sull'importanza doganiere tranquillo? di rasoio quest'arte gioca blandisce, e nel clemenza, a promesse convincersi terrori, chi che si posta essi inumidito funebre non chiedere l'ascolta, potranno per conseguire che quando il buonora, è proprio la e scopo nulla con del un quei in precetti ogni 'Sono o quella fiamme, il maestri portate? una o bische aspetti? esercizi, Va di di al cui timore delitti si castigo servono mai, tutti, pupillo ma che il con che, altri smisurato nel ben danarosa, questo diversi. lettiga i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/05.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 13:38:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile