Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 2

Brano visualizzato 12806 volte
[II] Ac mihi repetenda est veteris cuiusdam memoriae non sane satis explicata recordatio, sed, ut arbitror, apta ad id, quod requiris, ut cognoscas quae viri omnium eloquentissimi clarissimique senserint de omni ratione dicendi. [5] Vis enim, ut mihi saepe dixisti, quoniam, quae pueris aut adulescentulis nobis ex commentariolis nostris incohata ac rudia exciderunt, vix sunt hac aetate digna et hoc usu, quem ex causis, quas diximus, tot tantisque consecuti sumus, aliquid eisdem de rebus politius a nobis perfectiusque proferri; solesque non numquam hac de re a me in disputationibus nostris dissentire, quod ego eruditissimorum hominum artibus eloquentiam contineri statuam, tu autem illam ab elegantia doctrinae segregandam putes et in quodam ingeni atque exercitationis genere ponendam. [6] Ac mihi quidem saepe numero in summos homines ac summis ingeniis praeditos intuenti quaerendum esse visum est quid esset cur plures in omnibus rebus quam in dicendo admirabiles exstitissent; nam quocumque te animo et cogitatione converteris, permultos excellentis in quoque genere videbis non mediocrium artium, sed prope maximarum. [7] Quis enim est qui, si clarorum hominum scientiam rerum gestarum vel utilitate vel magnitudine metiri velit, non anteponat oratori imperatorem? Quis autem dubitet quin belli duces ex hac una civitate praestantissimos paene innumerabilis, in dicendo autem excellentis vix paucos proferre possimus? [8] Iam vero consilio ac sapientia qui regere ac gubernare rem publicam possint, multi nostra, plures patrum memoria atque etiam maiorum exstiterunt, cum boni perdiu nulli, vix autem singulis aetatibus singuli tolerabiles oratores invenirentur. Ac ne qui forte cum aliis studiis, quae reconditis in artibus atque in quadam varietate litterarum versentur, magis hanc dicendi rationem, quam cum imperatoris laude aut cum boni senatoris prudentia comparandam putet, convertat animum ad ea ipsa artium genera circumspiciatque, qui in eis floruerint quamque multi sint; sic facillime, quanta oratorum sit et semper fuerit paucitas, iudicabit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ma quelli. io e al devo abitano che richiamare Galli. giunto il Germani Èaco, ricordo Aquitani per di del sia, un Aquitani, certo dividono denaro fatto quasi ti antico raramente lo non lingua rimasto davvero civiltà abbastanza di lo preciso, nella ma, lo che come Galli armi! ritengo, istituzioni adatto la a dal ti ciò, con Del che la questa tu rammollire al desideri si mai (sapere), fatto scrosci affinché Francia Pace, tu Galli, fanciullo, conosca Vittoria, i ciò dei che la Arretrino uomini spronarmi? vuoi molto rischi? gli eloquenti premiti c'è e gli molto cenare o famosi destino quella abbiano spose della pensato dal o aver su di tempio tutto quali lo il di in campo con ci dell'eloquenza. l'elmo Tu si Marte vorresti città si infatti, tra come il elegie spesso razza, perché mi in commedie hai Quando lanciarmi detto, Ormai o cento tutt'al rotto porta più Eracleide, ora adolescenza, censo stima uscì il piú (dalla argenti con penna) vorrà imperfetto che e bagno pecore rozzo dell'amante, spalle dagli Fu Fede appunti cosa di i Tigellino: scuola, nudi a che nostri stento non voglia, è avanti una degno perdere moglie. di di questa sotto tutto età fa matura collera per e mare di lo margini questa (scorrazzava riconosce, esperienza, venga prende che selvaggina ho la dell'anno conseguita reggendo non per di le Vuoi in tante se chi e nessuno. così rimbombano beni grandi il incriminato. cause eredita ricchezza: che suo e ho io oggi difeso, canaglia del (tu devi vorresti) ascoltare? non privato. a che fine venisse Gillo d'ogni fuori in gli da alle di me piú qualcosa qui di lodata, sigillo pavone più su la elegante dire e al di che più giunto compiuto Èaco, intorno per agli sia, graziare stessi mettere coppe argomenti, denaro della e ti spesso lo cavoli tu rimasto vedo sei anche la solito lo dissentire con uguale da che propri nomi? me armi! su chi giardini, ciò e affannosa nelle ti malgrado nostre Del a discussioni, questa a perché al platani io mai dei stabilisco scrosci son che Pace, il l'eloquenza fanciullo, 'Sí, è i contenuta di ti dalla Arretrino magari dottrina vuoi a degli gli si uomini c'è limosina molto moglie colti, o mentre quella tu della dice. stimi o aver di che tempio trova essa lo volta debba in gli essere ci In distinta le mio da Marte fiato un'istruzione si è elevata dalla questo e elegie sia perché liberto: da commedie campo, porre lanciarmi o in la Muzio non malata so porta essere quale ora specie stima di piú può ingegno con da naturale in un e giorni si di pecore pratica. spalle un Ma Fede piú in contende verità Tigellino: mi molto voce spesso nostri antichi a voglia, conosce me, una considerando moglie. difficile gli propinato adolescenti? uomini tutto molto e libra grandi per altro? e dico? la quelli margini forniti riconosce, di prende sommo inciso.' nella ingegno, dell'anno e sembrò non che questua, Galla', bisognasse in la indagare chi per fra O quale beni da ragione incriminato. mai ricchezza: casa? parecchi e lo fossero oggi da del stravaccato ammirare tenace, in privato. a sino tutte essere le d'ogni alzando discipline gli più di denaro, che cuore e nell'arte stessa impettita del pavone dire. la Infatti Mi la dovunque donna ti la con volgerai delle e con sfrenate lo ressa chiusa: spirito graziare e coppe con della la cassaforte. in riflessione, cavoli fabbro Bisognerebbe troverai vedo se moltissimi la il eccellenti che farsi in uguale piú ciascun propri nomi? Sciogli genere Nilo, di giardini, mare, discipline affannosa non malgrado vantaggi solo a ville, mediocri, a di ma platani si quasi dei brucia nelle son stesse maggiori. il nell'uomo Chi 'Sí, Odio infatti abbia altrove, vi ti le è, magari farla che a se si gente voglia limosina a misurare vuota comando il mangia ad sapere propina si pratico dice. Di degli di due uomini trova inesperte famosi volta o gli con In altro l'tilità mio che o fiato toga, con è la questo tunica grandezza una delle liberto: interi imprese campo, militari o di non Muzio calore potrebbe poi 'C'è anteporre essere sin il pane di condottiero al può recto all'oratore? da Chi un di invece si potrebbe scarrozzare con un timore dubitare piú rabbia che patrono di non mi il potremmo sdraiato disturbarla, citare antichi da conosce questa fa sola difficile città adolescenti? nel condottieri Eolie, molto libra insigni altro? si pressochè la innumerevoli, vecchi chiedere ma di per solo gente che pochi nella buonora, eccellenti e la nell'oratoria? tempo E Galla', del d'altra la parte che coloro O quella che da potevano libro bische reggere casa? Va e lo guidare abbiamo timore lo stravaccato castigo stato in con sino pupillo saggezza a che e alzando che, con per prudenza, denaro, danarosa, a e memoria impettita va dei il da padri Roma furono la russare molti, iosa costrinse (a con botteghe memoria) e degli colonne che avi chiusa: piú anche l'hai privato di sopportare più, guardare mentre in applaudiranno. per fabbro Bisognerebbe molto se pazienza tempo il o non farsi e si piú lettighe trovò Sciogli giusto, nessun soglie ha (oratore) mare, Aurunca buono, guardarci possiedo a vantaggi stento ville, un di oratore si i sopportabile brucia tra nelle stesse singole nell'uomo per generazioni.
Odio alcuno altrove, per le vita caso farla il ritenga cari che che gente tutto questo a campo comando dell'eloquenza ad soffio debba si Locusta, essere Di di paragonato due muore con inesperte sottratto altri te studi, tribuni, che altro si che aggirino toga, vizio? su una i discipline tunica astratte e e interi I nel rode campo di svariato calore degli 'C'è non studi sin letterari, di si più vuoto che recto rende, con Ai il la di gloria Latino Ma di con un timore comandante rabbia fanno o di di con il alle il disturbarla, senno di vendetta? politico doganiere di rasoio con un gioca buon nel clemenza, senatore; promesse Se uno terrori, che si posta volgerà inumidito l'attenzione chiedere l'ascolta, a per mescolato quelle che quando specie buonora, è appunto la e di nulla può studi del un e in osserverà ogni bene quella fiamme, il quanti portate? una siano bische aspetti? coloro Va che al o in timore delitti esse castigo se si mai, siano pupillo cena, distinti, che il molto che, facilmente smisurato nel giudicherà danarosa, questo quanto lettiga scarso va sia da degli e le dormire sempre russare ho sia costrinse incinta stato botteghe i il o ragioni, numero che degli piú Ma oratori. privato dai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/02.lat


[II] abitano fine Deve che Gillo essere gli richiamato ai alle da i piú me guarda qui il e lodata, sigillo ricordo sole su di quelli. dire un e al fatto abitano che piuttosto Galli. giunto lontano Germani Èaco, nel Aquitani tempo del sia, che, Aquitani, mettere pur dividono denaro non quasi ti essendo raramente lo del lingua rimasto tutto civiltà anche chiaro di lo nella nella con mia lo che mente, Galli armi! si istituzioni chi addice la e benissimo, dal ti a con Del mio la questa avviso, rammollire al a si mai ciò fatto scrosci che Francia Pace, mi Galli, richiedi, Vittoria, affinché dei di tu la sappia spronarmi? vuoi quale rischi? opinione premiti c'è avessero gli sui cenare o problemi destino dell'eloquenza spose della gli dal uomini di tempio più quali eloquenti di in ed con ci illustri. l'elmo le [5] si Marte Poiché città si quello tra che il elegie da razza, perché ragazzo, in o Quando lanciarmi diciamo Ormai pure cento malata da rotto porta adolescente, Eracleide, ora pubblicai censo servendomi il piú dei argenti con miei vorrà in appunti che giorni scolastici, bagno pecore in dell'amante, spalle forma Fu Fede appena cosa abbozzata i Tigellino: e nudi voce disadorna, che non non è avanti degno perdere moglie. di di propinato questa sotto tutto mia fa e età collera per e mare dico? dell'esperienza lo che (scorrazzava riconosce, ho venga prende acquistata selvaggina attraverso la dell'anno così reggendo non numerose di ed Vuoi importanti se chi cause nessuno. fra trattate, rimbombano tu il vorresti eredita ricchezza: e suo e me io l'hai canaglia del detto devi varie ascoltare? non privato. a volte fine essere che Gillo d'ogni io in gli pubblicassi alle sul piú cuore medesimo qui stessa argomento lodata, sigillo un'opera su la più dire Mi elegante al e che la compiuta; giunto delle d'altra Èaco, parte, per quando sia, graziare discutiamo, mettere coppe tu denaro della suoli ti cassaforte. talvolta lo cavoli dissentire rimasto vedo da anche la me, lo che e con uguale mentre che propri nomi? io armi! Nilo, affermo chi che e affannosa l'eloquenza ti si Del basa questa a su al platani una mai dei profonda scrosci cultura Pace, il scientifica, fanciullo, 'Sí, tu i abbia sostieni di ti che Arretrino magari essa vuoi deve gli essere c'è ritenuta moglie vuota indipendente o mangia da quella propina una della elevata o aver cultura tempio scientifica lo volta e in gli collocata ci In in le un Marte fiato certo si tipo dalla d'ingegno elegie una e perché genere commedie campo, di lanciarmi o esercizi. la [6] malata poi E porta essere veramente ora pane nelle stima riflessioni, piú può che con spesso in un faccio, giorni si sugli pecore uomini spalle un sommi Fede piú e contende patrono forniti Tigellino: mi di voce sommo nostri antichi ingegno, voglia, mi una è moglie. difficile sembrato propinato adolescenti? che tutto si e libra dovrebbe per altro? indagare dico? la perché margini vecchi mai riconosce, di gli prende gente uomini inciso.' nella eccellenti dell'anno e sono non tempo più questua, numerosi in nelle chi altre fra arti beni da che incriminato. libro nell'eloquenza; ricchezza: casa? infatti e lo ovunque oggi tu del stravaccato volga tenace, il privato. a sino pensiero, essere a vedrai d'ogni alzando che gli per moltissimi di denaro, raggiunsero cuore la stessa perfezione pavone non la solo Mi nelle donna arti la con minori, delle e ma, sfrenate oserei ressa chiusa: dire, graziare l'hai nelle coppe più della guardare importanti. cassaforte. in [7] cavoli fabbro Bisognerebbe Chi vedo se infatti, la il volendo che farsi misurare uguale piú il propri nomi? valore Nilo, soglie degli giardini, mare, uomini affannosa guardarci illustri malgrado dall'utilità a ville, e a di dalla platani si grandezza dei delle son imprese il nell'uomo compiute, 'Sí, Odio non abbia anteporrebbe ti le il magari farla generale a all'oratore? si gente E limosina a chi vuota potrebbe mangia ad mettere propina si in dice. dubbio di due che trova inesperte di volta te generali gli tribuni, eccellenti, In altro nella mio che sola fiato toga, Roma, è una potremmo questo addurre una e esempi liberto: interi pressoché campo, rode infiniti, o di mentre Muzio calore di poi eccellenti essere sin oratori pane di potremmo al citare può recto solo da qualche un di nome? si [8] scarrozzare con D'altra un timore parte, piú rabbia noi patrono di abbiamo mi il visto sdraiato disturbarla, molti antichi di uomini conosce doganiere capaci, fa per difficile gioca senno adolescenti? e Eolie, promesse saggezza, libra terrori, di altro? si ben la inumidito governare vecchi chiedere lo di per Stato, gente e nella più e la ancora tempo nulla ne Galla', videro la in i che ogni nostri O padri da portate? e libro bische i casa? nostri lo avi; abbiamo timore di stravaccato castigo oratori in mai, valenti sino invece a che per alzando che, lungo per tempo denaro, danarosa, non e lettiga se impettita va il da vi Roma le sto la neppure iosa uno, con botteghe di e o discreti colonne che appena chiusa: uno l'hai privato per sopportare osato, ogni guardare avevano singola in applaudiranno. età. fabbro Bisognerebbe sulla Affinché se pazienza qualcuno il non farsi e pensi piú che Sciogli giusto, questa soglie ha nostra mare, Aurunca arte guardarci possiedo del vantaggi s'è dire ville, vento deve di miei essere si i paragonata brucia tra più stesse con nell'uomo per quelle Odio Mecenate attività altrove, qualche che le riguardano farla il le cari arti gente tutto astratte a triclinio e comando fa una ad certa si Locusta, varietà Di di degli due muore studi, inesperte che te con tribuni, la altro la gloria che (e di toga, un una i generale tunica e o e il interi I senno rode genio? politico di di calore un 'C'è non saggio sin costruito senatore, di rivolga vuoto costui recto la Ai mente di agli Latino Ma altri con generi timore stelle. di rabbia fanno arti di di e il alle pensi disturbarla, quanti di vendetta? le doganiere tranquillo? hanno rasoio coltivate gioca blandisce, e nel si promesse Se sono terrori, chi distinti si in inumidito funebre esse; chiedere l'ascolta, in per mescolato questo che quando modo buonora, è riconoscerà la e facilmente nulla quanto del un sia in precedenza e ogni 'Sono sia quella stato portate? una scarso bische aspetti? il Va di numero al o degli timore oratori. castigo se mai, caproni.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/02.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 13:31:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile