Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Oratore - Liber I - 1

Brano visualizzato 47333 volte
[I] [1] Cogitanti mihi saepe numero et memoria vetera repetenti perbeati fuisse, Quinte frater, illi videri solent, qui in optima re publica, cum et honoribus et rerum gestarum gloria florerent, eum vitae cursum tenere potuerunt, ut vel in negotio sine periculo vel in otio cum dignitate esse possent; ac fuit cum mihi quoque initium requiescendi atque animum ad utriusque nostrum praeclara studia referendi fore iustum et prope ab omnibus concessum arbitrarer, si infinitus forensium rerum labor et ambitionis occupatio decursu honorum, etiam aetatis flexu constitisset. [2] Quam spem cogitationum et consiliorum meorum cum graves communium temporum tum varii nostri casus fefellerunt; nam qui locus quietis et tranquillitatis plenissimus fore videbatur, in eo maximae moles molestiarum et turbulentissimae tempestates exstiterunt; neque vero nobis cupientibus atque exoptantibus fructus oti datus est ad eas artis, quibus a pueris dediti fuimus, celebrandas inter nosque recolendas. [3] Nam prima aetate incidimus in ipsam perturbationem disciplinae veteris, et consulatu devenimus in medium rerum omnium certamen atque discrimen, et hoc tempus omne post consulatum obiecimus eis fluctibus, qui per nos a communi peste depulsi in nosmet ipsos redundarent. Sed tamen in his vel asperitatibus rerum vel angustiis temporis obsequar studiis nostris et quantum mihi vel fraus inimicorum vel causae amicorum vel res publica tribuet oti, ad scribendum potissimum conferam; [4] tibi vero, frater, neque hortanti deero neque roganti, nam neque auctoritate quisquam apud me plus valere te potest neque voluntate.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] verso Eracleide, Quando una censo frequentemente Pirenei rifletto e argenti e chiamano vorrà richiamo parte dall'Oceano, con di la quali dell'amante, memoria con Fu i parte tempi questi i andati, la Quinto Sequani che fratello i mio, divide avanti di fiume perdere solito gli di mi [1] sotto sembra e che coi siano i mare stati della lo molto portano (scorrazzava felici I venga e affacciano selvaggina molto inizio la fortunati dai reggendo quegli Belgi di uomini lingua, Vuoi che, tutti nell'età Reno, nessuno. più Garonna, rimbombano fiorente anche il della prende eredita repubblica, i suo insigni delle per Elvezi canaglia le loro, devi cariche più rivestite abitano e che Gillo per gli la ai gloria i delle guarda loro e imprese, sole su riuscirono quelli. dire a e al condurre abitano che il Galli. corso Germani della Aquitani loro del sia, esistenza Aquitani, mettere in dividono denaro modo quasi ti tale raramente lo da lingua potere civiltà anche partecipare di lo alla nella con vita lo che pubblica Galli armi! senza istituzioni chi pericolo la e e dal ti godersi con Del poi la con rammollire al dignità si mai la fatto scrosci quiete Francia Pace, della Galli, fanciullo, vita Vittoria, i privata; dei e la Arretrino ci spronarmi? vuoi fu rischi? gli un premiti c'è tempo gli moglie in cenare o cui destino quella pensavo spose della che dal o aver anche di tempio a quali lo me di in sarebbe con stato, l'elmo le per si così città si dire, tra concesso il elegie da razza, perché tutti in commedie il Quando diritto Ormai di cento cominciare rotto porta a Eracleide, ora riposarmi censo stima e il piú di argenti volgere vorrà in l'animo che giorni ai bagno pecore nobili dell'amante, spalle studi Fu Fede cari cosa contende a i Tigellino: entrambi nudi noi, che nostri una non voglia, volta avanti che, perdere moglie. chiusa di propinato la sotto tutto carriera fa politica collera e mare dico? giunto lo margini alla (scorrazzava soglia venga prende della selvaggina inciso.' vecchiaia, la fossero reggendo non venute di questua, meno Vuoi le se infinite nessuno. fatiche rimbombano del il incriminato. foro eredita e suo e le io oggi preoccupazioni canaglia elettorali. devi [2] ascoltare? non Ma fine da Gillo d'ogni una in gli parte alle di le piú cuore tristi qui stessa condizioni lodata, sigillo pavone dello su stato dire e al dall'altra che la diverse giunto vicende Èaco, sfrenate personali per ressa resero sia, graziare vani mettere coppe le denaro della speranze ti cassaforte. e lo i rimasto vedo progetti anche la che lo che nutrivo; con infatti, che propri nomi? proprio armi! nel chi giardini, periodo e affannosa che ti malgrado sembrava Del a dovesse questa a essere al platani il mai più scrosci son ricco Pace, il di fanciullo, 'Sí, pace i e di ti tranquillità, Arretrino sorsero vuoi a le gli si più c'è numerose moglie e o mangia le quella propina più della gravi o aver di difficoltà tempio trova e lo volta le in gli più ci In violente le tempeste Marte fiato e, si benché dalla questo lo elegie una desiderassi perché con commedie campo, tutto lanciarmi o il la cuore, malata non porta mi ora pane fu stima al dato piú può il con vantaggio in un del giorni si tempo pecore scarrozzare libero spalle per Fede piú praticare contende patrono quelle Tigellino: mi discipline voce sdraiato cui nostri antichi fui voglia, avviato una fin moglie. difficile da propinato adolescenti? bambino tutto Eolie, e e libra per per altro? riprenderle dico? la assieme margini a riconosce, te. prende gente [3] inciso.' nella Infatti, dell'anno e da non tempo giovane questua, Galla', mi in la vidi chi coinvolto fra O proprio beni da nello incriminato. libro sconvolgimento ricchezza: casa? dell'antica e lo costituzione oggi abbiamo e del da tenace, in console privato. a sino fui essere trascinato d'ogni alzando in gli per una di lotta cuore e decisiva stessa impettita per pavone il l'esistenza la dello Mi stato, donna iosa e la tutti delle e questi sfrenate colonne anni ressa chiusa: successivi graziare l'hai al coppe sopportare consolato della li cassaforte. ho cavoli impiegati vedo se per la il oppormi che farsi a uguale quei propri nomi? flutti, Nilo, la giardini, cui affannosa guardarci incombente malgrado minaccia a ville, fu a di grazie platani a dei me son stesse stornata il nell'uomo dalla 'Sí, comunità abbia altrove, e ti le che magari su a cari di si gente me limosina dovevano vuota comando finire mangia ad per propina si rovesciarsi. dice. Nondimeno, di due pur trova inesperte in volta te queste gli tribuni, condizioni In avverse mio che e fiato toga, nonostante è il questo poco una tempo liberto: interi a campo, rode disposizione, o mi Muzio dedicherò poi 'C'è agli essere studi pane di che al vuoto ci può recto stanno da Ai a un di cuore, si Latino e scarrozzare con tutto un il piú tempo patrono che mi il mi sdraiato disturbarla, concederanno antichi l'ostilità conosce doganiere degli fa rasoio avversari, difficile gioca gli adolescenti? interessi Eolie, promesse degli libra terrori, amici altro? si e la la vecchi chiedere politica, di per lo gente che dedicherò nella buonora, soprattutto e la allo tempo nulla scrivere; Galla', del [4] la in comunque, che ogni non O quella vorrei da portate? venir libro meno casa? Va alle lo al tue abbiamo esortazioni stravaccato castigo e in mai, preghiere, sino pupillo caro a fratello, alzando che, perché per smisurato non denaro, c'è e lettiga altra impettita va persona il da che Roma le abbia la russare su iosa di con botteghe me e più colonne che autorità chiusa: e l'hai privato influenza sopportare di guardare avevano quanto in applaudiranno. ne fabbro Bisognerebbe sulla hai se tu. il o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/01.lat

[cisco89] - [2007-08-31 11:55:26]

[I, questi rischi? 1] nel premiti Quando valore gli penso Senna cenare e nascente. destino richiamo iniziano spose alla territori, dal mia La Gallia,si memoria, estremi come mercanti settentrione. di faccio complesso con spesso, quando l'elmo gli si antichi estende avvenimenti, territori tra assai Elvezi il felici la razza, mi terza in sembrano, sono Quando o i Ormai fratello La Quinto, che quegli verso Eracleide, uomini una che, Pirenei il vivendo e argenti in chiamano uno parte dall'Oceano, che Stato di ottimamente quali dell'amante, ordinato, con Fu carichi parte cosa di questi onori la e Sequani che di i non quella divide avanti gloria fiume perdere che gli di proviene [1] sotto dalle e imprese coi collera compiute, i poterono della seguire portano un I venga tale affacciano selvaggina indirizzo inizio la di dai reggendo vita, Belgi di da lingua, essere tutti in Reno, nessuno. grado Garonna, di anche il svolgere prende eredita senza i suo pericolo delle la Elvezi canaglia loro loro, attività più ascoltare? non politica abitano e che Gillo godersi gli in con ai dignità i piú la guarda qui quiete e lodata, sigillo della sole su vita quelli. dire privata; e e abitano che ci Galli. giunto fu Germani Èaco, un Aquitani tempo del sia, in Aquitani, mettere cui dividono pensavo quasi che raramente lo anche lingua per civiltà anche me di lo sarebbe nella con arrivata lo l'ora Galli del istituzioni chi meritato la e riposo dal ti che con Del nessuno, la questa credo, rammollire al mi si mai avrebbe fatto scrosci negato, Francia Pace, in Galli, fanciullo, cui Vittoria, avrei dei potuto la rivolgere spronarmi? la rischi? gli mente premiti ai gli moglie nostri cenare o nobili destino studi, spose se, dal o aver dopo di tempio avere quali lo percorso di in la con ci carriera l'elmo le delle si Marte pubbliche città si cariche, tra dalla trovandomi il per razza, di in commedie più Quando innanzi Ormai la con cento gli rotto porta anni, Eracleide, avessi censo posto il termine argenti con alle vorrà in interminabili che giorni fatiche bagno pecore degli dell'amante, spalle affari Fu Fede forensi cosa contende e i alle nudi voce brighe che delle non candidature. avanti una [2] perdere moglie. Ma di propinato le sotto tutto gravi fa calamità collera per dello mare dico? Stato lo margini e (scorrazzava le venga nostre selvaggina varie la dell'anno vicende reggendo non hanno di questua, reso Vuoi in vana se questa nessuno. speranza rimbombano beni dei il incriminato. miei eredita ricchezza: pensieri suo e io oggi dei canaglia del miei devi tenace, progetti; ascoltare? non infatti fine essere proprio Gillo d'ogni in in gli quello alle di che piú cuore sembrava qui stessa il lodata, sigillo tempo su la più dire propizio al donna al che la riposo giunto e Èaco, sfrenate alla per ressa tranquillità, sia, graziare sorse mettere coppe un denaro della enorme ti cassaforte. cumulo lo di rimasto guai anche e lo che di con uguale tristissimi che avvenimenti; armi! e chi giardini, sebbene e affannosa lo ti malgrado desiderassimo Del a ardentemente, questa a non al platani ci mai dei fu scrosci son mai Pace, il concesso fanciullo, 'Sí, di i abbia godere di ti un Arretrino magari po' vuoi di gli riposo, c'è limosina per moglie coltivare o mangia e quella riprendere della insieme o aver di a tempio trova te lo volta quegli in studi, ci In ai le mio quali Marte fiato ci si è eravamo dalla questo dedicati elegie una fin perché liberto: dalla commedie campo, fanciullezza. lanciarmi o [3] la Muzio Nell'adolescenza malata poi ci porta essere imbattemmo ora pane proprio stima al nella piú rovina con da dell'antica in un costituzione; giorni si da pecore scarrozzare console spalle un ci Fede piú trovammo contende patrono di Tigellino: mi fronte voce sdraiato al nostri pericolo voglia, estremo una dello moglie. difficile Stato; propinato adolescenti? tutto tutto il e tempo per altro? che dico? la segui margini vecchi al riconosce, di consolato prende gente lo inciso.' nella dedicammo dell'anno e a non respingere questua, quegli in la attacchi chi che che, fra stornati beni per incriminato. libro opera ricchezza: casa? nostra e lo dall'intera oggi abbiamo nazione, del stravaccato dovevano tenace, in riversarsi privato. a su essere noi d'ogni stessi. gli per Tuttavia di denaro, cuore e le stessa impettita difficoltà pavone il dell'attuale la Roma situazione Mi politica, donna la la delle ristrettezza sfrenate del ressa chiusa: tempo graziare m'impediranno coppe di della consacrarmi cassaforte. ai cavoli fabbro Bisognerebbe nostri vedo se studi, la il perché che sono uguale piú deciso propri nomi? Sciogli di Nilo, dedicare giardini, mare, alla affannosa mia malgrado vantaggi attività a ville, di a scrittore platani tutto dei il son tempo il che 'Sí, Odio mi abbia lasceranno ti libero magari farla le a cari insidie si gente dei limosina a nemici, vuota le mangia ad cause propina degli dice. amici di due o trova inesperte gl'impregni volta te politici; gli [4] In non mio che sarò fiato toga, dunque è una sordo, questo tunica o una e fratello, liberto: alle campo, rode tue o esortazioni Muzio e poi 'C'è alle essere sin tue pane di preghiere: al vuoto nessuno può recto infatti da presso un di si Latino me scarrozzare con può un timore più piú di patrono di te mi il per sdraiato disturbarla, autorità antichi ed conosce doganiere affetto. fa rasoio difficile
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_oratore/!01!liber_i/01.lat

[degiovfe] - [2013-03-01 13:29:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile