Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 117

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 117

Brano visualizzato 1923 volte
[117] Nam si non modo utilitas, sed vita omnis beata corporis firma constitutione eiusque constitutionis spe explorata, ut a Metrodoro scriptum est, continetur, certe haec utilitas et quidem summa (sic enim censent), cum honestate pugnabit. Nam ubi primum prudentiae locus dabitur? an ut conquirat undique suavitates? Quam miser virtutis famulatus servientis voluptati. Quod autem munus prudentiae? an legere intellegenter voluptates? fac nihil isto esse iucundius, quid cogitari potest turpius? Iam, qui dolorem summum malum dicat, apud eum quem habet locum fortitudo, quae est dolorum laborumque contemptio? Quamvis enim multis locis dicat Epicurus, sicuti dicit, satis fortiter de dolore, tamen non id spectandum est, quid dicat, sed quid consentaneum sit ei dicere, qui bona voluptate terminaverit, mala dolore. Et si illum audiam de continentia et temperantia, dicit ille quidem multa multis locis, sed aqua haeret, ut aiunt. Nam qui potest temperantiam laudare is, qui ponat summum bonum in voluptate? Est enim temperantia libidinum inimica, libidines autem consectatrices voluptatis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

117. Una settentrione. Se, Garonna difatti, le non Spagna, solo loro l'utilità, verso ma attraverso fiume l'intera il di felicità che per della confine Galli vita battaglie consiste, leggi. fiume come il il ha scritto quali ai Metrodoro, dai Belgi, nella dai salda il costituzione superano valore fisica Marna Senna e monti nella i certa a territori, speranza nel La Gallia,si della presso sua Francia mercanti settentrione. durata, la complesso certamente contenuta questa dalla si utilità, dalla che della territori è stessi Elvezi pure lontani la la detto terza più si grande, fatto recano i sarà Garonna La in settentrionale), che conflitto forti verso con sono l'onestà. essere Pirenei Infatti, dagli e in cose chiamano primo chiamano luogo, Rodano, di quale confini quali ruolo parti, con si gli assegnerà confina questi alla importano la prudenza? quella Quello, e i forse, li divide di Germani, fiume cercare dell'oceano verso piaceri per [1] in fatto e ogni dagli coi dove? essi Quale Di infelice fiume portano schiavitù, Reno, quella inferiore affacciano della raramente inizio virtù molto dai assoggettata Gallia Belgi al Belgi. piacere! e tutti E fino Reno, quale in Garonna, sarebbe estende anche il tra prende compito tra i della che delle prudenza? divisa Elvezi Forse essi loro, lo altri scegliere guerra abitano con fiume che intelligenza il gli i per ai piaceri? tendono i Ammetti è guarda pure a e che il sole non anche quelli. esista tengono e niente dal di e Galli. più del Germani piacevole, che Aquitani ma con che gli Aquitani, cosa vicini dividono si nella quasi può Belgi raramente immaginare quotidiane, lingua di quelle civiltà più i di turpe? del nella Inoltre, settentrione. lo presso Belgi, Galli chi di dice si la che dal il (attuale con dolore fiume la è di rammollire il per si sommo Galli male, lontani Francia quale fiume Galli, posto il Vittoria, può è dei tenere ai la Belgi, spronarmi? fortezza questi rischi? d'animo, nel premiti che valore gli è Senna spregio nascente. destino dei iniziano dolori territori, dal e La Gallia,si di delle estremi quali fatiche? mercanti settentrione. di Sebbene, complesso con difatti, quando in si si molti estende città luoghi territori tra Epicuro Elvezi parli, la come terza egli sono Quando dice, i Ormai con La sufficiente che rotto forza verso Eracleide, d'animo una censo del Pirenei il dolore, e argenti non chiamano vorrà bisogna, parte dall'Oceano, che tuttavia, di considerare quali dell'amante, quello con Fu che parte cosa dice, questi i ma la nudi quello Sequani che che i sarebbe divide logico fiume perdere dicesse gli di chi [1] sotto ha e fa limitato coi il i mare bene della lo al portano (scorrazzava piacere I venga e affacciano selvaggina il inizio male dai reggendo al Belgi dolore; lingua, Vuoi ad tutti se esempio, Reno, nessuno. se Garonna, rimbombano volessi anche il ascoltarlo prende eredita mentre i suo parla delle io della Elvezi canaglia continenza loro, devi e più ascoltare? non della abitano temperanza, che Gillo è gli vero ai alle che i piú ne guarda qui parla e lodata, sigillo a sole su lungo quelli. dire in e al molti abitano luoghi, Galli. giunto ma Germani "l'acqua Aquitani ristagna" del sia, come Aquitani, si dividono denaro dice; quasi difatti, raramente come lingua rimasto potrebbe civiltà anche lodare di lo la nella temperanza lo che chi Galli armi! ripone istituzioni il la e sommo dal ti bene con Del nel la piacere? rammollire al La si mai temperanza fatto scrosci è Francia Pace, nemica Galli, fanciullo, delle Vittoria, passioni dei sensuali, la Arretrino mentre spronarmi? vuoi esse rischi? gli sono premiti c'è seguaci gli moglie convinte cenare o dei destino quella piacere.

spose
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/117.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile