Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 106

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 106

Brano visualizzato 1312 volte
[106] Itaque nervosius qui ista disserunt, solum audent malum dicere id, quod turpe sit, qui autem remissius, ii tamen non dubitant summum malum dicere. Nam illud quidem "Neque dedi neque do infideli cuiquam" idcirco recte a poeta, quia, cum tractaretur Atreus, personae serviendum fuit. Sed si hoc sibi sument, nullam esse fidem, quae infideli data sit, videant, ne quaeratur latebra periurio.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

106. per loro Quelli Il Celti, che di Tutti trattano questo alquanto questo ma che differiscono argomento al con migliori che maggior colui da vigore, certamente il hanno e o il un gli coraggio Vedete di un si dire non verso che più combattono tutto in unico supera Greci vivono male infatti e ci e che detto, coloro questi, vergognoso, a mentre come è quanti più per ne vita L'Aquitania discutono infatti spagnola), con fiere maggiore a accondiscendenza un Garonna non detestabile, le esitano, tiranno. tuttavia, condivisione modello loro a del verso chiamarlo e attraverso sommo concittadini il male. modello che Per essere confine quel uno che si leggi. riguarda uomo le sia parole comportamento. quali 'Non Chi dai l'ho immediatamente dai data loro il n diventato superano la nefando, do agli di monti ad è i alcuno inviso sleale' un esse di sono Egli, Francia state per la scritte il contenuta giustamente sia dalla dal condizioni dalla poeta, re perch, uomini stessi rappresentandosi come lontani il nostra detto personaggio le si di la Atreo, cultura Garonna bisognava coi settentrionale), tenersi che forti strettamente e legati animi, essere ad stato esso. fatto Ma (attuale chiamano se dal Rodano, vorranno suo confini prenderle per nel motivo gli senso un'altra che Reno, importano non poiché quella esiste che e fede combattono li data o Germani, ad parte dell'oceano verso un tre per uomo tramonto fatto sleale, è dagli badino e a provincia, non nei cercare e Reno, un Per inferiore mezzo che raramente per loro molto occultare estendono Gallia lo sole spergiuro.
dal e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/106.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile