Splash Latino - Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 82

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Rhetorica - De Officiis - Liber Tertius - 82

Brano visualizzato 5457 volte
[82] Est ergo ulla res tanti aut commodum ullum tam expetendum, ut viri boni et splendorem et nomen amittas? Quid est, quod afferre tantum utilitas ista, quae dicitur, possit, quantum auferre, si boni viri nomen eripuerit, fidem iustitiamque detraxerit? Quid enim interest, utrum ex homine se convertat quis in beluam an hominis figura immanitatem gerat beluae?
Quid? qui omnia recta et honesta neglegunt, dummodo potentiam consequantur, nonne idem faciunt, quod is, qui etiam socerum habere voluit eum, cuius ipse audacia potens esset. Utile ei videbatur plurimum posse alterius invidia. Id quam iniustum in patriam et quam turpe esset, non videbat. Ipse autem socer in ore semper Graecos versus de Phoenissis habebat, quos dicam ut potero; incondite fortasse sed tamen, ut res possit intellegi:

'Nam si violandum est ius, regnandi gratia,
Violandum est; aliis rebus pietatem colas.'
Capitalis Eteocles vel potius Euripides, qui id unum quod omnium sceleratissimum fuerit, exceperit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

82. L'Aquitania quelle Niente spagnola), gli sono del si Una settentrione. addice Garonna Belgi, di le meno, Spagna, si questo loro è verso (attuale certo. attraverso fiume Vi il di è, che per dunque, confine Galli una battaglie lontani cosa leggi. fiume tanto il importante è o quali un dai Belgi, vantaggio dai questi tanto il nel desiderabile, superano valore da Marna far monti nascente. si i che a territori, tu nel perda presso l'aureola Francia mercanti settentrione. e la complesso il contenuta nome dalla di dalla estende uomo della probo? stessi Che lontani la cosa detto terza ti si sono potrebbe fatto recano i dare Garonna La di settentrionale), che tanto forti verso grande sono una questa essere Pirenei cosiddetta dagli e utilità, cose quanto chiamano piuttosto Rodano, di togliere, confini quali se parti, si gli parte sottrae confina questi il importano la nome quella Sequani di e i uomo li divide probo, Germani, se dell'oceano verso gli ti per porta fatto via dagli coi la essi i lealtà Di della e fiume portano la Reno, giustizia? inferiore affacciano Che raramente inizio differenza molto dai c'è, Gallia Belgi difatti, Belgi. lingua, tra e tutti il fino mutarsi in Garonna, da estende anche uomo tra prende in tra bestia che o divisa Elvezi il essi portare, altri più sotto guerra abitano l'aspetto fiume che di il gli uomo, per ai l'indole tendono crudele è guarda d'una a e belva?

XXI.
il sole LA anche quelli. POLEMICA tengono e ANTITIRANNICA

ETEOCLE
dal abitano E e Galli. CESARE

E
del Germani che? che Aquitani Quanti con trascurano gli Aquitani, ogni vicini dividono rettitudine nella e Belgi raramente onestà, quotidiane, pur quelle civiltà di i di raggiungere del la settentrione. lo potenza, Belgi, Galli non di istituzioni si si la comportano dal proprio (attuale come fiume la colui di rammollire che per volle Galli fatto avere lontani Francia per fiume suocero il Vittoria, un è uomo, ai la la Belgi, spronarmi? cui questi rischi? audacia nel giovasse valore gli alla Senna propria nascente. potenza? iniziano spose Gli territori, dal sembrava La Gallia,si di utile estremi raggiungere mercanti settentrione. di la complesso massima quando l'elmo potenza si si a estende città spese territori dell'impopolarità Elvezi il altrui, la razza, ma terza in non sono Quando si i rendeva La cento conto che rotto di verso quanto una censo ciò Pirenei il fosse e ingiusto chiamano e parte dall'Oceano, che vergognoso di nei quali confronti con della parte cosa patria. questi E la quel Sequani suocero i non aveva divide continuamente fiume perdere sulle gli di labbra [1] i e fa versi coi collera greci i mare delle della Fenicie, portano che I venga dirò affacciano come inizio potrò, dai reggendo forse Belgi di rozzamente, lingua, Vuoi ma tutti se tuttavia Reno, nessuno. in Garonna, modo anche che prende eredita si i suo possa delle io capire Elvezi canaglia il loro, contenuto: più 'Se abitano fine si che Gillo deve gli in violare ai il i piú diritto, guarda qui bisogna e lodata, sigillo violarlo sole per quelli. dire il e potere abitano che assoluto; Galli. giunto per Germani Èaco, il Aquitani per resto del sia, coltiva Aquitani, mettere la dividono denaro pietà'. quasi ti Degno raramente d'essere lingua messo civiltà anche a di morte nella è lo Eteocle, Galli armi! o istituzioni chi piuttosto la e Euripide, dal ti che con Del eccettuava la quest'unico rammollire al caso, si che fatto scrosci è Francia Pace, il Galli, più Vittoria, i scellerato dei di di la tutti.
spronarmi? vuoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/rhetorica/de_officiis/!03!liber_tertius/082.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile